La "gola profonda" delle Ong: "Salvataggi? Vi svelo i traffici"

Dopo le inchieste della procura di Trapani e il sequestro della nave Iuventa, emergono nuovi retroscena sul rapporto tra Ong e trafficanti

Dopo le inchieste della procura di Trapani e il sequestro della nave Iuventa, emergono nuovi retroscena sul rapporto tra gli operatori delle Ong, i trafficanti di uomini e i migranti. A far luce su questa situazione è una "gola profonda", ovvero un addetto alla sicurezza che ha lavorato su una nave di una organizzazione non governativa. Restando nell'anonimato, a IlGiorno, l'addetto che ha lavorato a bordo di Vos Hestia, nave di Save the Children, racconta cosa ha visto: "Diciamoci la verità: pochi sono in pericolo di vita. Una volta abbiamo preso un battello con gente in buone condizioni. A dieci minuti dalla costa libica, non in alto mare. Quell’operazione l’ha voluta Save the Children direttamente da Londra, mentre tutti gli altri uffici europei erano contrari". Poi rivela: "Ricordo che avevamo una mediatrice culturale inglese brava, parlava arabo. A un certo punto sbarca e al suo posto arriva un ragazzo italo-eritreo. Guarda caso... due giorni dopo che si fa? Si becca un barcone di eritrei. E fu il team leader di Stc a dare al comandante l’esatta posizione del barcone". Poi parla di una strana competizione tra Ong: "Sembrava una gara ad arrivare primi. Per me aveva un atteggiamento strano Iuventa, troppo piccola. Si capiva che faceva da appoggio. Una volta eravamo in Libia con altre Ong, ma non si vedevano gommoni. Poi un giorno chiama Iuventa e dice ‘abbiamo 400 persone a bordo’. Ma noi in cinque giorni non avevamo visto nessuno! E poi, se carichi tutte quella gente, mi dici dove stanno i battelli che hanno usato? Allora vuol dire che glieli hanno portati gli scafisti". A questo punto parla dei rapporti tra scafisto e Ong: "Sono evidenti. Spesso è lo scafista che dà la posizione con il telefono satellitare, non sono certo i migranti. Quando si trova un gommone con decine di persone a bordo sembra quasi che si siano dati appuntamento...".

Infine fa luce anche su chi materialmente, grazie al salvataggio dell ong, è poi entrato in Italia: "Su migliaia di persone soccorse forse solo il 20-25% era meritevole di aiuto. Abbiamo caricato giovani magrebini che erano stati espulsi dall’Italia, per loro quello era l’unico modo per provare a rientrare. Ma dico io, chi c... abbiamo portato in Italia?? Non abbiamo portato i siriani disperati o quelli del Mali che scappano dalla fame. Per me è stato personalmente anche un problema di coscienza".

Commenti

ceppo

Sab, 12/08/2017 - 10:42

eh già, la coscienza brutta bestia! infatti ha portato l'italietta al baratro dei cittadini onesti e all'arricchimento legale dei rossi delinquenti

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 12/08/2017 - 11:21

Sai la novità. Come se tutti non lo sapessero da tempo. Solo che i benpensanti erano zittiti dalla violenta e falsa grancassa mediatica dei buonisti che conoscono un'unica forma di democrazia, la loro. E gli altri zitti ed a cuccia. Ma ora che il bubbone è scoppiato, cosa si aspetta ad incriminare coloro che per interessi personali hanno causato tutto questo sfacelo ?

Ritratto di Turzo

Turzo

Sab, 12/08/2017 - 11:40

Nulla di nuovo sotto questo sole.... solo i Sinistroti sboldriniani ed il califfo di san pietro non se ne erano accorti (per mala fede)!

Marcello.508

Sab, 12/08/2017 - 12:08

"Diciamoci la verità: pochi sono in pericolo di vita. Una volta abbiamo preso un battello con gente in buone condizioni. A dieci minuti dalla costa libica, non in alto mare. Quell’operazione l’ha voluta Save the Children direttamente da Londra, mentre tutti gli altri uffici europei erano contrari". Questo vuol fare uscire dai gangheri donna Prassede!!!

Ritratto di bergat

bergat

Sab, 12/08/2017 - 12:08

Business tra i cosidetti scafisti e ONG per spartirsi il costo del biglietto dei migranti. Poi il soggiorno in italia di questi nxxxi, non lo pagano certo le ONG, ma i fessi degli italiani. Peccato che al governo ci siano una miriade di buonisti deficienti....o forse anche loro collusi?

blackwater

Sab, 12/08/2017 - 14:09

è molto semplice.Vi sono dei siti pubblici e gratuiti di tracciamento navi (con coordinate,nome,tipologia vascello e posizione)consultabili da chiunque SCAFISTI compresi;anche senza telefonate o colloqui radio (che potrebbero anche essere criptati peraltro) è sufficiente per lo scafista di turno monitorare via PC la posizione dei vari taxi galleggianti,per poi inviarvi i gommoni.

Malacappa

Sab, 12/08/2017 - 14:40

Marcello 508 pero' non li portano a Londra li scaricano da noi quindi mandare save yhe children a fa.......

Marcello.508

Sab, 12/08/2017 - 15:09

Malacappa- Certo, però non basterà a risolvere questa "situazionedi" ..

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 12/08/2017 - 15:12

A sentire quello che effettivamente succede....

petra

Sab, 12/08/2017 - 15:16

Nonostante la momentanea frenata, dubito fortemente che alla fine, a parte una lieve diminuzione degli sbarchi, questi cessino. Perchè ci sia una volontà a livello europeo di trovare una soluzione valida, bisogna fare in modo che l'approdo non sia più l'Italia, ma quello dello stato di appartenenza delle navi. Quindi dirottare, dirottare dirottare. Non è negli accordi? Embè? E quelli che avevano aderito alle quote e ora si sono tirati indietro? Mica sono stati mandati al rogo no. Facciamo per una volta una disobbedienza che sia a nostro favore, e non solo e sempre la zappa sui piedi, i nostri.

killkoms

Sab, 12/08/2017 - 15:43

i salvataggi veri e propri sono stati pochissimi.la maggior parte sono trasbordi!

Silvio B Parodi

Sab, 12/08/2017 - 17:51

killkoms esatto trasbordi !!!!

19gig50

Sab, 12/08/2017 - 18:29

Ditelo alla presidenta che sparla.

enzolitti

Sab, 12/08/2017 - 19:00

L'avevo sempre previsto! Un giorno verrà, e forse quasi ci siamo, in cui una gola profonda svelerà tutti i traffici di queste sedicenti ONG. E ne leggeremo delle belle, ve lo assicuro!

ggt

Sab, 12/08/2017 - 22:41

Lo sapevamp tutti, ma il governo aveva ontetessr a devaztare l'Italia do immigrati per poi aprovare la follia dello ius soli

Celcap

Dom, 13/08/2017 - 00:04

Ma che vergogna e continuano a chiamarli salvataggi in mare, Mi viene persino il dubbio che quando qualcosa poteva non andare per il verso giusto erano gli scafisti insieme alle ong a buttare in mare la gente così il vocio che di creava, parlando della morte dei clandestini, serviva per continuare indisturbati fino e meno male che un giudice siciliano ha messo tutti davanti alle proprie responsabilitá e, solo per non perdere ulteriori voti, anche la sinistra, pur tappandosi il naso ha dovuto arrendersi all'evidenza dei fatti.

sibieski

Dom, 13/08/2017 - 07:41

Come faremo ora per le pensioni ?

Magicoilgiornale

Lun, 14/08/2017 - 13:58

Cosa SVELI?