La guardia costiera libica salva il doppio dei migranti rispetto alle ong

Calano sbarchi e morti in mare rispetto al 2017. E diminuisce anche il numero di migranti detenuti nei centri in Libia

Foto d'archivio

Nel graduale calo degli sbarchi di migranti che si è lentamente registrato a partire da questa estate arriva una notizia importante: per la prima volta i migranti recuperati in mare dalla Guardia Costiera libica sono quasi il doppio rispetto a quelli salvati dalle ong le cui navi incrociano nel Mediterraneo.

Come riporta AnsaMed, dall'inizio dell'anno i libici hanno effettuato 4100 salvataggi mentre le organizzazioni non governative ne hanno raggiunti e tratti in salvo 2500.

Nei primi due mesi e mezzo del 2018 in Italia sono arrivati dal mare 6131 immigrati, il 63% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017, quando ne sbarcarono invece 16238. Calano del 28% anche le morti in mare: 358 nell'anno in corso, 498 nel 2017.

Inoltre i rappresentanti in Libia dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni segnalano come nello Stato nordafricano sia in calo anche il numero di persone detenute nei centri di raccolta governativi sparsi in tutto il Paese.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 04/04/2018 - 16:45

Mi sa che le navi ong debbano spingersi nell'Atlantico per continuare a raccattare a peso d'oro i clandest...risorse da rifilare all'itaglia

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 04/04/2018 - 17:09

E ci voleva tanto a mettere in funzione queste ELEMENTARI misure prese SOLO ORA!!! E S/governanti ROSSI!!! AMEN.

giangar

Mer, 04/04/2018 - 19:08

Caro Hernando, a prscindere che le misure sono in atto dal luglio 2017, hai presente cos'era la Libia prima di quella data, alle prese con le milizie dell'Isis? pensi che si sarebbe potuto fare accordi con un paes in quelle condizioni? Appena la situazione si è un po' stabilizzata, il Governo ha proceduto a fare quegli accordi che oggi consentono questi risultati. Particolarmente importante anche aver consentito, sempre grazie al Governo italiano, l'ingresso in Libia di OIM e UNHCR, che stano migliorando di molto le condizioni nei campi libici e stanno favorendo i rimpatri direttamente dalla Libia.