Ha la leucemia e la classe si vaccina per poterla riavere a scuola

Da maggio la bambina può vedere i suoi compagni solo tramite un computer, ma grazie al gesto d'amore dei suoi amici forse potrà tornare presto a scuola

Lisa, 9 anni, ha la leucemia e a causa delle sue difese immunitarie particolarmente basse non può frequentare la scuola. Troppo alto il rischio che la bambina possa contrarre un virus, potrebbe esserle fatale. Quasi tutta la sua classe, una quarta elementare di Faenza, comune in provincia di Ravenna, ha scelto di fare il vaccino antinfluenzale, in modo da poterle permettere di tornare sui banchi di scuola. Lisa è in cura nel reparto di oncoematologia dell’Ospedale di Rimini. A raccontare questa commovente storia di amore e amicizia è stato il quotidiano “Il resto del Carlino”. A maggio la bimba ha scoperto di essere affetta da leucemia linfoblastica acuta di tipo B. E da allora ha iniziato le cure, la chemioterapia, e di conseguenza l’isolamento obbligatorio. I farmaci che deve assumere per far fronte alla patologia abbassano le difese immunitarie e il rischio di contrarre virus anche mortali aumenta.

Da maggio Lisa riesce a parlare con i suoi compagni grazie a un computer donatole dalla scuola. Ancora vietato però tornare tra loro fisicamente e poterli riabbracciare. Forse se ne potrà riparlare a febbraio o marzo. I medici che hanno in cura Lisa hanno spiegato alla mamma che se almeno la metà dei suoi compagni avesse fatto il vaccino antinfluenzale, i rischi per sua figlia si sarebbero notevolmente abbassati e avrebbe potuto fare ritorno in classe. La madre ha subito informato gli altri genitori e ben 18 bambini su 26 hanno deciso di vaccinarsi. La Regione ha offerto le vaccinazioni gratuitamente agli alunni. Certo, nonostante questo atto di amore, dovranno essere prese alcune precauzioni, come per esempio lavarsi bene le mani ed evitare di starnutire accanto alla bambina.

Commenti
Ritratto di venividi

venividi

Lun, 14/01/2019 - 01:53

Otto su 26, cioè un terzo, non si sono vaccinati, chissà perché