Bimbo con la "schiscetta" cacciato da scuola e costretto a mangiare per strada

A Milano, nella scuola media Ada Negri di San Siro, un ragazzino sarebbe stato costretto a uscire dalla scuola e mandato in strada per consumare il pranzo portato da casa

Non si ferma la battaglia contro la "schiscetta" (il prnazo al sacco) consumata in classe. A Milano, nella scuola media Ada Negri di San Siro, un ragazzino di undici anni, pochi giorni fa, sarebbe stato costretto a uscire dall'istituto e mandato in strada per consumare il pranzo che si era portato da casa.

Una decisione, spiega Milanotoday, presa senza avvertire i genitori che hanno protestato con la scuola che non ha garantito la sorveglianza del minore."La dinamica di quanto accaduto non mi è ancora del tutto chiara", ha spiegato la vice sindaco di Milano e assessore all'Educazione, Anna Scavuzzo "però - ha aggiunto - pare non riguardi tanto la questione della 'schiscetta', quanto il fatto di far mangiare un alunno minorenne fuori da scuola e senza avvisare la famiglia". Il Comune di Milano ha ingaggiato una vera e propria lotta contro chi vuole far consumare ai propri figli la "schiscetta" portata da casa ed è in causa con quattro di loro e pretende che paghino le spese legali. Al momento Comune e Regione escludono che i bambini possano mangiare in altre aule, separati dai loro coetanei che mangiano il cibo della mensa scolastica.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 30/01/2017 - 13:44

arrestare qualcuno no ? mi piacerebbe sapere cos'è la schiscetta .

cianciano

Lun, 30/01/2017 - 14:26

......è meglio così rispetto alla mensa per tutti com'era prima ???? genitori senza cervello....

Trinky

Lun, 30/01/2017 - 14:56

la schiscetta è quel contenitore di metallo un po' più grande della gavetta militare che una volta serviva agli operai per portarsi il mangiare da casa:una parte serviva per il secondo, la parte sopra per il primo o la verdura. Si poteva anche riscaldare

mariolosi

Lun, 30/01/2017 - 16:14

A me sembra un metodo per far pagare tasse occulte ai cittadini milanesi

paco51

Lun, 30/01/2017 - 16:51

c'è chi non può o non vuol pagare la mensa e mangia la roba sua non vedo il problema! Chi ha messo il bimbo fuori senza controllo è un PD , se succede qualcosa impara quanto costa il gesto idiota! Se era il figlio di un potere dello stato era gia ai ferri!

Trinky

Lun, 30/01/2017 - 17:24

Comunque che andassero a guardare cosa mettono nei piatti dei bambini delle mense per poter risparmiare e cosa fanno pagare ai genitori per la mensa......

mariod6

Lun, 30/01/2017 - 17:29

L'insegnante e il direttore scolastico vanno bastonati fisicamente, non metaforicamente. E' una stagione infausta per la temperatura esterna e questi minchioni mettono fuori dalla porta un ragazzino a mangiare ??? Se poi il padre vi prende a legnate non lamentatevi. Questa è la Milano di Sala ereditata da Pisapia.

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 30/01/2017 - 19:22

Perché devono mangiare in altre aule ? Potrebbero benissimo mangiare con gli altri come facevo io, non è mica una vergogna. Portavo la schiscetta da casa perché mia madre controllava strettamente la mia alimentazione. In questo modo è riuscita a rimandare di quasi settantanni l'insorgere del diabete ereditario. Me la riscaldavano pure, solo che tanto in tanto non si accorgevano che una delle pentole conteneva l'insalata che finivo per mangiare calda. La scuola è da punire, perché così facendo sembrano avere l'interesse di avvantaggiare le ditte che preparano i pasti.

glucatnt73

Lun, 30/01/2017 - 22:09

Bravi ciuccianebbia, votate PD. PDioti!

Popi46

Mar, 31/01/2017 - 06:11

Hanno fatto bene,altrimenti le mazzette pagate per vincere le gare di appalto delle mense scolastiche sarebbero soldi buttati...