I 4 atteggiamenti che fanno finire una relazione secondo la scienza

I risultati della ricerca dimostrano che in presenza degli indicatori individuati la storia finisce nel 93 per cento dei casi

Se in una relazione si verificano questi quattro atteggiamenti allora la storia è al capolinea. E a dirlo adesso è la scienza.

Il Dottor John Gottman e i suoi colleghi dell'Università di Washington hanno scoperto quali sono gli indicatori del fallimento di una relazione. La presenza di questi quattro indicatori, riassunti dall'Huffington Post, porta alla fine di un fidanzamento nel 93 per cento dei casi. I "quattro cavalieri dell'Apocalisse", così li hanno soprannominati i ricercatori, sono la critica, il disprezzo, stare sulla difensiva e l'ostruzionismo.

La critica

La critica deve essere costruttiva. Se invece si tratta di un'aggressione al partner per qualcosa che non è in grado di cambiare allora nella relazione ci sono dei problemi. Per salvare la storia bisogna quindi imparare a non criticare in modo geralizzato. Se quindi ci si rende conto di non riuscire a esprimere il proprio parere senza generalizzare sulla personalità dell'altro, è meglio non dire nulla.

Il disprezzo

Il disprezzo è un chiaro segnale di mancanza di rispetto verso gli altri. Spesso include commenti tesi a far "abbassare la cresta" all'interlocutore, e anche insulti espliciti. Inoltre, il disprezzo si rivela anche in forme indirette e sottili, come alzare gli occhi al cielo e camuffare gli insulti con l'umorismo.

Stare sulla difensiva

L'atteggiamento della difensiva è un chiaro segnale che il rapporto sta naufragando. Si tratta nella pratica di negare le proprie responsabilità, trovare scuse, rispondere a una lamentela con un'altra lamentela, e altre forme di "difesa" sono comportamenti problematici, perché impediscono al conflitto di arrivare ad una soluzione. Questo atteggiamento di diffidenza contribuisce solo ad aumentare l'ansia e la tensione di entrambe le parti. Per evitare il disastro bisogna imparare ad ascolare il partner.

L'ostruzionismo

Si tratta dell'atteggimento di chi si gira dall'altra parte e non ha più intenzione di continuare una discussione. L'unica soluzione è quella di provare a partecipare alla discussione.

Commenti

Silvio B Parodi

Dom, 18/06/2017 - 03:56

e proprio tutto quello che succede a me e mia moglie, quasi tutti i giorno.... da 26 anni. ahahahahah a me me pare na strunzata!!!!

Ritratto di Enrico1949

Enrico1949

Lun, 19/06/2017 - 10:36

A conferma di quanto dice il Sig. Parodi voglio significare che non c'è giorno in cui per un momento in cui io e la mia signora tranquillamente pensiamo all'uxoricidio, e siamo insieme dal 1970.

Ritratto di bergat

bergat

Mar, 20/06/2017 - 16:18

La relazione è certo finita, ma si continua il matrimonio