I loro omessi controlli

Volevano condannarlo a sedici mesi per un articolo del 2012: però il direttore non era lui

Uno dei giudici che nel 2012 condannò al carcere Alessandro Sallusti fece poi causa al direttore per «omesso controllo» su un articolo che lo riguardava pubblicato nei giorni seguenti all'arresto. Ieri il processo, incardinato al tribunale di Cagliari, doveva arrivare a sentenza. La pubblica accusa aveva chiesto per il direttore una condanna a 16 mesi di carcere. In aula Sallusti, con la memoria che qui riproduciamo, ha dimostrato che in quei giorni non era il direttore del «Giornale», in quanto si era dimesso. Il pm, cioè lo Stato, chiedeva quindi il carcere per un manifesto innocente. L'udienza è stata sospesa, non senza imbarazzo, e la sentenza rinviata.

Signor presidente, questo processo è, diciamo così, figlio di un precedente procedimento a mio carico, concluso nell'ottobre del 2012 con la mia condanna a 14 mesi di reclusione e il conseguente arresto, cosa che ovviamente è stata per me un'esperienza non facile da affrontare. Le analogie tra allora e oggi sono diverse. Anche in quel caso un magistrato, il giudice Cocilovo, ritenendosi diffamato da un articolo pubblicato sul quotidiano che allora dirigevo, Libero, mi denunciò per omesso controllo e suoi colleghi pm chiesero per me, con alterne vicende nei vari gradi di giudizio, una condanna alla pena detentiva che alla fine ottennero.

Proprio uno di quei magistrati che giudicarono con severità il caso Cocilovo, il dottor Bevere, in quei giorni ormai lontani mi denunciò, sentendosi offeso per un articolo pubblicato dal Giornale all'indomani della mia condanna definitiva. E ora un suo collega pm chiede nuovamente una pesante condanna detentiva, sedici mesi, nei miei confronti.

L'articolo di cui si dibatte oggi ricostruiva, attraverso testimonianze dirette e autorevoli (un'ex parlamentare da sempre in prima linea in battaglie in difesa dei diritti civili) una presunta amicizia tra il dottor Cocilovo e il dottor Bevere (cioè tra il denunciante e uno dei giudicanti della prima vicenda) durante la loro permanenza al tribunale di Milano. Nel merito non vedo dove sia l'offesa grave da meritare una così severa richiesta di condanna. Due magistrati sono, se non necessariamente amici come peraltro spesso capita, sicuramente colleghi e come tali si muovono all'interno di rapporti potenzialmente amicali come succede in qualunque categoria professionale. Ma al di là del merito - una lettera di precisazione sarebbe stata probabilmente sufficiente a rimediare un possibile fraintendimento - mi colpisce che a distanza di quasi cinque anni dal mio arresto nessuno ritenga di dovere tenere conto delle motivazioni con cui, dopo circa un mese che ero ai domiciliari, l'allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, commutò la mia pena da detentiva in pecuniaria.

Come si evince chiaramente dal dispositivo del Quirinale che ha accompagnato la commutazione, quello del presidente non fu un gesto di clemenza né certo di simpatia nei miei confronti. Fu il rimedio - deciso anche nella veste di capo della magistratura - a una pena ritenuta oggettivamente sproporzionata per un reato d'opinione e di omesso controllo. L'appello di Napolitano, sia alla classe politica (per quello che compete alla parte normativa) sia a quella togata (per la parte tecnico-esecutiva), di evitare l'arresto di giornalisti per reati compiuti nell'esercizio della professione se non accompagnati da fatti di comprovata e grave malafede, è rimasto evidentemente inascoltato se è vero, com'è vero, che oggi la pubblica accusa, cioè lo Stato, chiede per me e per un mio bravo collega autore materiale dell'articolo in questione, Luca Fazzo, di nuovo il carcere per diffamazione e omesso controllo.

L'omesso controllo, signor presidente, è un reato normato da una legge degli anni Trenta, solo leggermente rivista nel decennio successivo. Parliamo di anni in cui i giornali avevano poche pagine, a volte solo quattro, le redazioni erano composte da pochi giornalisti e la velocità delle notizie era, rispetto a oggi, quella di una lumaca rispetto a una gazzella. Oggi produciamo ogni giorno fino a cento pagine, tra le varie edizioni, e lavoriamo in tempo reale. Un altro mondo.

Ma c'è ancora, come in questo caso, chi pretende dal direttore di accertare senza ombra di dubbio non solo la correttezza formale degli articoli, ma anche quella sostanziale, nonostante alcune sentenze della Cassazione sostengano che il direttore ha, sì, il dovere di vigilare sul rispetto dei principi etici generali e sui codici professionali, ma non ha potere investigativo sull'operato dei suoi collaboratori. Qui, in quest'aula, si chiede che io vada in carcere perché un'autorevole ex parlamentare - da noi interpellata all'epoca dei fatti - ha sostenuto una cosa assolutamente credibile e possibile (l'amicizia tra due magistrati). Che cosa avrei potuto controllare signor presidente? Quella parlamentare non solo non aveva mai dato segni di squilibrio né era nota per essere una millantatrice. Niente, signor presidente, anche se quel giorno fossi stato il direttore responsabile del Giornale non avrei potuto evitare, pur usando tutta l'attenzione, la pubblicazione di una notizia poi rivelatasi forse non esatta. Uso il condizionale perché in questa vicenda l'omesso controllo non l'ho compiuto io ma il querelante, il giudice Bevere, e il pm. Cioè due magistrati. Come si fa in un caso (Bevere) a denunciare, nell'altro (il pm) a chiedere il carcere per un omesso controllo quando si omette di controllare chi è il presunto colpevole? Il cui nome, per altro, era stampato in evidenza sul corpo del reato, cioè il giornale del giorno in cui è uscito l'articolo incriminato. E quel nome, signor presidente, non era il mio. Perché tre giorni prima di quella pubblicazione avevo rassegnato le dimissioni da direttore e lasciato l'azienda della quale, il giorno del presunto reato, non ero neppure dipendente.

Mi ero dimesso, signor presidente, perché penso che un editore abbia diritto di decidere se tenere a capo del suo giornale un direttore privato della sua libertà. Noi, signor presidente, i nostri omessi controlli li paghiamo duramente e ne traiamo le conseguenze. Mi chiedo se anche i giudici che avviano una causa temeraria e i pm che «omettono controllo» subiscono lo stesso destino, diciamo 14 mesi di arresto e dimissioni, nel caso il loro operato danneggi per negligenza grave un cittadino non solo innocente ma che mai avrebbe potuto essere colpevole e quindi mai indagato, mai rinviato a giudizio, e mai processato con tutte le conseguenze e i costi economici per la comunità.

La domanda è capziosa, perché è ovvio che non è così e non sarà così neppure questa volta. Come sostiene il loro capo Piercamillo Davigo, i magistrati non sbagliano mai, per definizione. A questo punto lei, signor presidente, potrà rimproverarmi: perché tutto questo non l'ha detto prima? Giusto. Se le dicessi: volevo vedere fino a dove potesse arrivare la sciatteria giudiziaria le mentirei, e quindi non lo faccio. Potrei dirle che sono frastornato dalle decine di atti giudiziari che invadono le redazioni. Ma la verità è che ho peccato di eccesso di fiducia nella serietà e nell'efficienza della magistratura, dando per scontato ciò che era contenuto nelle carte della procura invece di soffermarmi, cinque anni dopo i fatti - e questo già la dice lunga su tante cose - a riflettere sulla verità dei fatti. Una cambiale di fiducia evidentemente, ancora una volta, mal riposta. Spero che qualcuno, nel sistema giudiziario, mai come in questo caso autoreferenziale, avrà almeno la bontà di riconoscere l'errore, scusarsi e risarcire danni e spese - tanto paghiamo noi - che abbiamo dovuto sostenere per questa ingiusta imputazione. Ho già dato mandato ai miei legali di attivarsi in tal senso. La ringrazio per l'attenzione.

Commenti

Iacobellig

Mer, 15/03/2017 - 08:05

GIUDICI IN ITALIA: È SOLO UNO SCHIFO ANDREBBERO MOLTI DI LORO PRESI A CALCI E LICENZIATI. MOLTI DANNI ALLE TASCHE DEI CITTADINI DA QUESTA GENTE!

Martinico

Mer, 15/03/2017 - 08:16

Questo è niente caro direttore. Lei lo sa benissimo. Dentro i palazzi di giustizia si compiono i più efferati abusi sulla popolazione e spesso anche su tutta quella marea di persone che dentro ci lavorano. Basta osservare come un magistrato tratta con superbia i suoi assistenti, segretari e forze dell'ordine. Non dico tutti ma....

ammazzalupi

Mer, 15/03/2017 - 08:17

I magistrati che rubano e bruciano ingiustamente la serenità e vita alle persone andrebbero essi stessi bruciati.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 15/03/2017 - 08:18

vicenda che dimostra quanto sono malati i magistrati! su di loro non c'è alcun sistema di controllo, di premi e punizioni, sono totalmente liberi, possono pure condannare un innocente, tanto a loro non gliene frega niente! allora ha ragione Berlusconi, quando parla di riformare la giustizia!!

marco.olt

Mer, 15/03/2017 - 08:26

Democrazia? E' censura delle toghe rosse!! Il braccio "armato" della politica antidemocratica (del PD e soci). In Italia è quasi tutto da rivedere, tra le prime cose da fare c'è la revisione dell'intero pacchetto legislativo (ciclopico ma necessario) e collegare la carriera delle toghe ad una responsabilità oggettiva su come utilizzano risorse e sui processi inconcludenti che avviano.

Yossi0

Mer, 15/03/2017 - 08:28

Che peccato, anche la giustizia sta a pezzi ..... cosa resta più di serio in questo paese ? Questo processo da l'impressione di un accanimento personale verso l'imputato per solidarietà collegiale e purtroppo anche da una figuraccia che se in malafede conferma l'accanimento e se in buona fede la disinvoltura con la quale si accusa o peggio si condanna senza le dovute verifiche; che tristezza.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 15/03/2017 - 08:31

Bellissima! Si può definire un TIR di letame rovesciato su magistrati faziosi ed incapaci!

gneo58

Mer, 15/03/2017 - 08:31

e' da un po' che ripeto che in Italia non c'e' liberta' di parola (almeno per una grossa fetta di popolazione)

soldellavvenire

Mer, 15/03/2017 - 08:44

ma dai qualche giorno di galera e diventi immortale, di più non potresti

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 15/03/2017 - 08:47

codice penale e pernod

DemyM

Mer, 15/03/2017 - 08:50

Chi paga per gli errori/orrori dei magistrati? A quando la responsabilita civile e penale "anche" per i togati?

Supervisor

Mer, 15/03/2017 - 08:51

Eccellente memoria, Direttore. Tuttavia consideri che essa serve solo ai suoi affezionati lettori e non di certo ai magistrati, sordi ad ogni richiamo al buon senso e pervicacemente afflitti da un ego smisurato. Debbo ricordare che "a lavar la testa all'asino si perde il ranno e il sapone".

antonmessina

Mer, 15/03/2017 - 08:52

al di la del fatto che le è capitato, è una vergogna che i magistrati chiudano la bocca a chi non la pensa come loro con condanne che nemmeno a kabobo han dato e lascino impuniti e liberi chi commette crimini.

matteo844

Mer, 15/03/2017 - 09:05

Io sono sconcertato. Ma come e' possibile in un paese come il nostro,che si definisce una democrazia avanzata,rischiare il carcere per una parola in piu'.Una multa ci puo' anche stare perche no, ma addirittura il carcere,o affrontare un processo,maddai. Non puo' una persona scrivere un pensiero,un commento o un articolo con il terrore di incorrere in queste cose qui. La liberta' di pensiero e di parola e' la cosa piu' bella del mondo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 15/03/2017 - 09:08

Consiglieri ai due distratti magistrati di cambiare mestiere, la politica li attende a braccia aperte e come dimostra Emiliano, non si dovranno neppure dimettere.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 15/03/2017 - 09:11

La memoria difensiva è fantastica,ironica e piacevolmente sarcastica. Evidenzia l'atteggiamento ostile ,preconcetto , a prescindere dai fatti, verso chi non è allineato con la sinistra storica. Una cosa triste ,che anche spaventa : una persona non colpevole , può essere perseguitato e tenuto in ballo anni ,tortura non da poco, senza che nessuno paghi.C'è da domandarsi se siamo veramente in Democrazia o se stiamo scivolando in un sistema tipo DDR .

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 15/03/2017 - 09:13

Tra etilismo e demenza senile in magistratura siamo messi bene...l' importante è condannare Sallustri .......mentre Boschi padre che ha truffato un sacco di povera gente NOOOOOOOOOOO!!!!!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 15/03/2017 - 09:16

Eppure Un grande cantautore scomparso li ha ben avvertiti questi magistrati " ATTENTI AL GORILLA "

Boxster65

Mer, 15/03/2017 - 09:19

La devono finire di selezionare i PM al Piccolo Cottolengo. Che venga fatta una seria legge per la responsabilità civile e penale per chi spreca denaro pubblico e rovina la vita della gente non essendo palesemente in grado di fare quel mestiere. Smettetela di nominare minus habens a fare i PM!!

OrsoOrso

Mer, 15/03/2017 - 09:21

Buongiorno a tutti. Questo fatto è semplicemente pazzesco ( anche se non scopriamo niente di nuovo ) ma Lei Direttore è stato semplicemente GRANDE,GRANDE,GRANDISSIMO, sotto tutti gli aspetti non solo nel contenuto del testo. Grazie DIRETTORE. Buona giornata a tutti.

@ollel63

Mer, 15/03/2017 - 09:27

magistrati ignoranti e irrespnsabili, incapaci e pure sinistrati: cosa si vuole di più in questa derelitta Italia patumiera di teste marce unte di becero comunismo incivile antidemocratico

carpa1

Mer, 15/03/2017 - 09:30

Come si fa a non capire, eppure sono ancora moltissimi i somari in tal senso, che trattasi solo di odio politico per cui certi magistrati, e sono purtroppo sempre più numerosi perchè da quella parte conviene stare, possono commettere gravissimi errori senza che per essi vi sia alcuna conseguenza. Vediamo se si riesce anche oggi ad avere qualche avvocato del diavolo a commentare positivamente, per loro, questa vicenda. E lei, caro direttore, stia ben attento, perchè certa gente è abilissima a girare la frittata; non mi meraviglierei che possano riuscire, anche in questo frangente, a dimostrare l'impossibile perchè, a corollario di quanto sostenevo prima, l'odio politico può portare a situazioni inimmaginabili per una persona intellettualmente onesta.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 15/03/2017 - 09:30

La legittima difesa? Dove sta? Di fatto non sta nel secondo comma dell'art. 52 c.p., almeno nell'interpretazione data costantemente dalla magistratura imperante.

VittorioMar

Mer, 15/03/2017 - 09:32

...EGREGIO DIRETTORE : COMPLIMENTI !...ma non esulterei troppo; è una categoria alquanto..."PERMALOSA" e come dice qualcuno,non sbagliano mai,NEMMENO DI FRONTE ALL'EVIDENZA DEI FATTI!!

routier

Mer, 15/03/2017 - 09:44

Caro Sallusti, spero che lo svarione dei magistrati nei Suoi confronti Le fruttino un sostanzioso risarcimento danni, che ovviamente non sarà a carico dei magistrati stessi, (i quali, manco fossero i Mandarini della Cina imperiale, per definizione non sbagliano mai), ma dello Stato e cioè noi. SIC TRANSIT GLORIA MUNDI!

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 15/03/2017 - 09:44

La legittima difesa? Dove sta? Di fatto non sta nel secondo comma dell'art. 52 c.p., almeno nell'interpretazione data costantemente dalla magistratura imperante.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 15/03/2017 - 09:48

LASCIATE STARE SALLUSTI!! La libertà di espressione è sancita dalla Costituzione Italiana. Forza Direttore!

onurb

Mer, 15/03/2017 - 09:52

L'unico commento possibile è quello di Emilio Fede, che Striscia la notizia ci ha fatto vedere e ascoltare almeno mille volte. Se i magistrati coinvolti in questa vicenda avessero un sussulto di dignità, dovrebbero aprire il portafoglio e pagare di tasca propria tutti i costi, che invece saranno addebitati alla collettività. Piccola riflessione, ma non secondaria: questo è un errore di dimensioni, tutto sommato, limitate. Pensiamo a quanti stanno in carcere in attesa di giudizio e saranno giudicati innocenti.

buri

Mer, 15/03/2017 - 09:57

semplicemente incredibile, purtroppo vero, non giove

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 15/03/2017 - 10:08

Ma come si è potuto arrivare a tutto questo? A non essere più liberi di scrivere un articolo o di esprimere un'opinione, per quanto spiacevoli possano essere per qualcuno? Ma si può ancora chiamare "democrazia" questo sistema politico o "democratico" e "di dirittto" lo Stato in cui viviamo? Che fine hanno fatto nella Costituzione gli articoli relativi a tutto quanto lamentiamo? Dov'eravate voi giornalisti quando qualcuno modificava questi nostri diritti costituzionali di libertà di parola e di opinione? E poi, è possibile che ancora non si noti questa giustizia a senso unico, che esiste a quanto sembra solo nei confronti e contro gli uomini di centrodestra e quelli di giornali che si ritenga facciano capo o sono relazionabili al centrodestra, appunto come Sallusti? Ma che si aspetta a muoversi? Silenzio sì, ma quando è troppo, è troppo.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 15/03/2017 - 10:12

lapsus freudiano ?

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Mer, 15/03/2017 - 10:12

grande Sallustri!! Finchè capita a Sallustri, persona alla quale non mancano né mezzi né risonanza si può arrivare a risultato favorevole. Immaginate le miglia e migliaia di poveri cristi che, non essendo dei SALLUSTRI, sono costretti a subire le conseguenze di questi sciatti individui!! E FINIAMOLA DI DIRE "ABBIAMO FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA" Questi sono sempre di più una "ASSOCIAZIONE A DELINQUERE" E POLITICAMENTE PROTETTA!!!

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 15/03/2017 - 10:14

giudici italiani??? in gran parte penosi ed è poco!guadagnano una montagna di soldi e si considerano al di sopra di qualsiasi legge logica!purtroppo non sanno nemmeno vergognarsi!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 15/03/2017 - 10:18

ARRESTATE il giudice! Non si può lavorare in questa maniera.

Cheyenne

Mer, 15/03/2017 - 10:18

abbiamo una magistratura degna dei peggiori borboni

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 15/03/2017 - 10:20

E' ignobile che i magistrati non possano essere licenziati! questi stanno rubando lo stipendio!

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Mer, 15/03/2017 - 10:20

mentre migliaia di politici nullafacenti e mantenuti come i papponi, i MAGISTRATI, sono la vera forza di governo di questo ormai derelitto paese. Inutile fare leggi!!! questi le gestiscono a loro piacimento gettando la democrazia sostituendola con una dittatura sottile quanto spietata!!!! basta vedere il riconoscimento dei figli ottenuti da utero in affitto. VIETATO ESPRESSAMENTE DALLE LEGGI DELLO STATO ITALIANO!!!!

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 15/03/2017 - 10:23

questi MIRACOLATI STATALI da vincitori di un "concorso" che si sa come "funziona"...si credono unti dal signore, quando un SERVITORE!!! e sottolineo SERVITORE o ex come il presidente di un'organizzazione da mettere FUORI LEGGE come l'anm parla che i giudici non sbagliano mai, siamo al delirio di onnipotenza, al fuori controllo, all'anticamera del colpo di stato, nessun servitore DELLO STATO E DEL POPOLO può sentirsi intoccabile, non punibile, fuori dal controllo della giusta punizione (se sbaglia) allora sarebbero fuori dalla "loro" tanto sbandierata "la legge è uguale per tutti" meno per chi la applica? la loro serietà, e autorevolezza dovrebbe essere tanto più elevata quanto più puntuale e severa è la loro espiazione se sbagliano colpevolmente, invece la loro serietà, rispetto e autorevolezza viene meno ni confronti del popolo e dello sttao nella misura in cui loro stessi disprezzano e si fanno beffe di quel "la legge è uguale per tutti" VERGOGNA

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 15/03/2017 - 10:30

Grande Sallusti ! Nemmeno Pirandello avrebbe potuto far meglio.

AndyFay

Mer, 15/03/2017 - 10:32

Chi ha conosciuto avvocati e magistrati sa benissimo quello che tanti di loro possono arrivare a fare.

JosefSezzinger

Mer, 15/03/2017 - 10:44

L'orgoglio, figlio dell'ego, è un sentimento che il Giudice non dovrebbe avere nell'esercizio delle Sue Funzioni.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mer, 15/03/2017 - 10:48

Proporrei una legge semplicissima: "LA REGOLA DELLA RECIPROCITA'". Ovvero: quando un giudice sbaglia in modo evidentemente palese e negligente, gli venga attribuita la pena dallo stesso erroneamente richiesta. Forse sembrerà eccessivo ma assicuro sul fatto che è altrettanto eccessivo fare simili errori sulla pelle di esseri umani.

Reziario

Mer, 15/03/2017 - 10:48

Mai rispettata la sentenza della Corte di giustizia europea del novembre 2011, secondo la quale l'Italia protegge i magistrati in modo eccessivo dalle conseguenze del loro operato. La recente riforma targata PD non risolve il problema, perchè il Magistrato risponde solo per "dolo o colpa grave", con disparità di trattamento in confronto a tutti gli altri professionisti. Poi mi chiedo come sia possibile che sia il CSM che giudica i magistrati. Giudici che giudicano se stessi.

flip

Mer, 15/03/2017 - 10:49

mi piacerebbe vedere le loro "lauree" la tesi ed i libretti.

polonio210

Mer, 15/03/2017 - 10:50

Vedrete che inventeranno un nuovo capo d'imputazione:complotto anticipato con concorso esterno di altri soggetti.Sallusti, sapendo che lo avrebbero inquisito e ben conoscendo il tenore assolutamente diffamatorio dell'articolo in oggetto,si è dimesso alcuni giorni prima per evitare una eventuale condanna.I solerti magistrati appureranno che Sallusti sarà stato imbeccato da Berlusconi e Salvini,quindi li chiameranno a risponderne,in qualità complici,del reato.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 15/03/2017 - 10:56

Non serve commentare. Il tutto si commenta da solo. Attendiamo solo ansiosamente il prossimo "urlo di dolore" del signor Davigo che chiede maggior rispetto per i magistrati infallibili per sua propria definizione. Se c'é una cosa in Italia che andrebbe con priorità assoluta rivoltata come un calzino questa é la magistratura, ma per arrivare a tanto servirebbe una classe politica fornita di quegli attributi che da anni e anni manca nelle aule parlamentari!

zadina

Mer, 15/03/2017 - 10:57

Il pensiero di un umile cittadino, la magistratura a volte per varie ragioni intavolano processi di scarsa importanza, sarebbe molto meglio se si interessassero a non fare andare in prescrizione processi molto importanti per il fisco e per malavita mafiosa, pre che a volte succede.

Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 15/03/2017 - 10:58

Solidarietà totale al Direttore !!!!!!

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 15/03/2017 - 10:59

si è scoperto che le vittorie legali di giudici(come privati cittadini) sono enormemente superiori alle sconfitte...chissà perchè, se un cittadino ha la sventura di entrare in contenzioso legale con un giudice(per questioni private) è praticamente spacciato...è SERIETA'? del LORO istituto questa?? inoltre il CSM è solo in grado di dare "buffetti" ai "biricchini" che combinano guai, al massimo li "trasferiscono" sono loro stessi che con questa arroganza, superficialità sanzionatoria nei loro riguardi gettano discredito alla loro appartenenza!

routier

Mer, 15/03/2017 - 11:00

X AndyFay 10,32- Per quanto possibile, è bene tenersi lontano da avvocati e giudici. I latini dicevano: "Qui tetigerit picem inquinabitur ab ea" (chi maneggia la pece finirà per imbrattarsi con essa)

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Mer, 15/03/2017 - 11:01

E' praticamente impossibile commentare il fatto descritto, senza correre il rischio di una denuncia. Mi limiterò dire: PAZZESCO!!!

ALBERTO FEBRARO

Mer, 15/03/2017 - 11:13

C.V. Alberto Febraro. Fui processato per "Rivelazione di notizie riservate a mezzo stampa" su Sommergibili costruiti a carissimo prezzo, pericolosi e difettosi, in base all'art. 41 del CODICE MILITARE DI GUERRA ! Pazzesco! Si trattava piuttosto di "voluta omerta'". Condanna a 1 anno e 9 mesi, nonostante che il P.M. Michele Scagliola avesse escluso categoricamente che avessi commesso un reato, essendo stato spinto a tale mia iniziativa dal "totale disinteresse" delle numerose autorità a cui mi ero precedentemente rivolto in ordine alla tutela della vita degli equipaggi e alla salvaguardia dei beni patrimoniali dello Stato. Viva l'Italia! Totale e piena solidarietà a Lei per il coraggio

Boxster65

Mer, 15/03/2017 - 11:16

I Magistrati che abbiamo secondo me... stringi stringi... hanno il curriculum della Ministra Fedeli.... Siamo sudditi del Paese delle Banane. Abbiamo minorati mentali che portano a processo uno che non lavora più in quella società. Licenziati in tronco e costretti a risarcire milioni di euro di danni. Invece finiranno a fare anche loro le Primarie nel PD. E' una vergogna siamo in mano ad acefali!!

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Mer, 15/03/2017 - 11:17

La magistratura va sciolta e sostituita con magistrati eletti dal popolo che rispondono dei loro errori con i loro beni e con il carcere. Contestualmente vanno messe fuori legge associazioni komuniste come l'anm.

unosolo

Mer, 15/03/2017 - 11:18

a volte , è dimostrato dai fatti , l'accanimento verso un personaggio scomodo da solo energia positiva da una parte ma negativa nella legalità a secondo del personaggio sotto bagno , sappiamo bene che le due testate simpaticamente di destra sono le uniche a raccontare cose che altri nascondono , discussioni in questi spazi le evidenziano , i continui attacchi ad articoli in questi spazi fanno capire che si da noia a chi si approfitta del potere , potere rubato senza elezione alcuna , le poltrone occupate da dieci anni possono cambiare l'andamento giuridico secondo il personaggio se rosso o bianco prendono indirizzi diversi , il capo precedente ne è stata la testimonianza , mi fermo è meglio ,,

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 15/03/2017 - 11:29

^°@°^ Eccheccavolo ! CI VOLEVA, GRANDE Sallusti

Blueray

Mer, 15/03/2017 - 11:42

Una situazione paradossale, una memoria splendida, Direttore, da farne una targa, da scolpire a imperitura memoria delle nefandezze magistratuali delle quali troppi cittadini sono a rischio senza colpevolezza alcuna. Un monito anche per le future generazioni se la malapolitica non consentirà alla nostra (generazione) di correggere le storture, le caste e l'autoreferenzialità degli organi dello Stato deputati all'amministrazione della giustizia.

ALBERTO FEBRARO

Mer, 15/03/2017 - 11:43

Totale e piena solidarietà dal sottoscritto, Capitano di Vascello del Genio Navale, condannato negli anni 80 a 1 anno e 9 mesi, colpevole, in base all'art.41 del Codice Militare di Guerra, di aver detto la "verità" a mezzo stampa, dopo inutili segnalazioni alle autorità gerarchiche, su inefficienze e sprechi miliardari a bordo di sommergibili di nuova costruzione, dotati peraltro di accumulatori analoghi a quelli impiegati sul sommergibile Cappellini , esploso nell'Arsenale di Taranto provocando la morte di 4 persone. Nonostante che fossi l'unico vero testimone del grave incidente e avessi categoricamente accertato le responsabilità evidenti sull'accaduto, non fui ascoltato dai magistrati e successivamente trasferito. VIVA L'ITALIA!

Marcello.508

Mer, 15/03/2017 - 11:44

Un chiaro riflesso pavloviano, senza .. dubbio.

Ritratto di Rames

Rames

Mer, 15/03/2017 - 11:58

I giudici di questo paese andrebbero presi tutti e arrestati chiusi per almeno due anni su un isola.La razza peggiore.

Ritratto di Valance

Valance

Mer, 15/03/2017 - 12:00

Di solito leggo soltanto i titoli, se non sono troppo lunghi. Questo, però, l’ho letto fino all’ultima riga. Poso dire soltanto: niente male 'sto Sallusti.

scalette

Mer, 15/03/2017 - 12:10

il CSM eletto dal popolo. questa è la riforma della giustizia che si deve fare.

rossini

Mer, 15/03/2017 - 12:10

Dunque, questo PM era talmente preso dalla sua foga accusatoria nei confronti di Sallusti da non essersi neanche preso la pena di leggere sul giornale, che pubblicava il presunto articolo diffamatorio, chi fosse il direttore. Se questa non è sciatteria, superficialità, mancanza di professionalità, ditemi voi cos'è. E il bello è che neanche questa volta ci sarà una sanzione per aver fatto spendere alla collettività soldi pubblici inutili, oltre che per aver sicuramente menomato il prestigio della giustizia.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mer, 15/03/2017 - 12:12

Anche questi "magistrati" sono colleghi del dr. Pier Camillo Davigo? Adesso si capiscono tante cose.

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 15/03/2017 - 12:15

Chapeau direttore! Lei si che ha le palle!

rossini

Mer, 15/03/2017 - 12:15

Ma la ciliegina sulla torta, la sapete qual è? Sta nel fatto che il tribunale non si è riunito immediatamente in camera di consiglio per pronunciare una sentenza di assoluzione accompagnata, magari, da qualche parola di scuse. No, i giudici hanno rinviato, come al solito. È perché? E per come? Perché non sanno che pesci prendere?

MOSTARDELLIS

Mer, 15/03/2017 - 12:23

Con la massima serenità (altrimenti Sallusti rischia di essere incriminato per induzione all'odio) direi che la magistratura è una categoria di persone fuori controllo, anzi senza nessun controllo. Tutti ne sono consapevoli, ma nessuno ha il coraggio (in Parlamento) di porre rimedio a questa aberrazione per paura di esser immediatamente incriminato (perché questo succederebbe). Per cui caro Direttore soltanto i giornali come questopotrebbero fare una sana battaglia per una sana riforma della magistratura.

Giorgio5819

Mer, 15/03/2017 - 12:28

Pagliacci ? No, sarebbe un insulto ai pagliacci.

mzee3

Mer, 15/03/2017 - 12:33

Egregio Direttore, lei ha qualche anni meno di me, mi permetta di raccontarle un aneddoto. Era il 1966 e l'azienda presso cui lavoravo, una nota ditta di trasporti, stava chiudendo x dissenti commessi dal titolare. Mi sono permesso di fare una domanda ad un collega(la domanda era: ma è vero che il curatore prende 15000 Lire al giorno?). Si, una semplice domanda, eppure fui richiamato a mezzo di raccomandata RR dallo stesso curatore che mi intimava di smentire, chiedere scusa altrimenti mi avrebbe querelato! Cosa che ho dovuto fare. Come vede una semplice domanda ingenua fatta da un giovane ingenuo ignorante di diritto. Lei, al contrario, aveva una posizione di Direttore e tale posizione la obbliga(OBBLIGA!!!!!)PER LO STIPENDIO CHE PRENDE, a vigilare. Poco importa se stampate 4 pagine o cinquemila... lei ha il dovere di vigilare. Troppo comodo pretendere di essere Direttore e lasciare che poi siano altri a vigilare.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mer, 15/03/2017 - 12:33

Ed ora quale cavillo troveranno per discolparsi ed incolpare?

idleproc

Mer, 15/03/2017 - 12:42

Tranne che per la tutela dei minori, i reati di opinione, di interpretazione della realtà e di espressione del pensiero, dovrebbero essere del tutto aboliti. Se uno si offende, se la mette via perché se ne frega o risponde. Di solito è questo che si fa tra adulti.

squalotigre

Mer, 15/03/2017 - 12:45

Caro Sallusti, lei è un bel tipo davvero. Non si rende conto che è sicuramente colpevole e che se la farà franca è solamente perché i suoi difensori hanno tratto in inganno i giudici? Lo afferma Davigo e Davigo è un uomo d'onore. Al Senato si sta approvando una legge che aumenta fino a 30 anni la prescrizione. Ed anche questo è giusto. Mica possiamo pretendere che dopo soli 24 anni venga emessa una sentenza definitiva. I magistrati hanno i loro tempi, perbacco. Non vogliamo concedere loro un congruo periodo di ferie (3 mesi)? Non vogliamo dare loro il tempo di comparire in tv ogni giorno? E poi vogliamo anche pretendere che paghino per i loro errori penalmente e civilmente come qualsiasi professionista? Ma non lo sa che non commettono mai errori al contrario del famoso ispettore Rock che un errore l'aveva commesso non avendo adoperato la brillantina Linetti?

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 15/03/2017 - 12:50

^°@°^ Una vera goduria leggere quest'articolo. RIRIPETO grande Sallusti.

Libertà75

Mer, 15/03/2017 - 12:51

@mzee3, ma infatti, lo stesso principio però lo vorremmo per papà Boschi, ma chissà perché là si poteva non sapere... ma ancora, la legge dice che non si possono assumere "collaboratori diplomati" ed inquadrarli come laureati... eppure Renzuccio suo lo ha fatto e la corte dei conti ha affermato che non era abbastanza intelligente per sapere, e chissà come quel giudice la settimana dopo è stato promosso... ora se lei è onesto, scriverà qualche giudizio morale su Matteo... attendo e cordialmente saluto

Edmond Dantes

Mer, 15/03/2017 - 12:53

@soldellavvenire. Pensa che invece uno come te non se lo filerebbe nessuno anche se gli dessero l'ergastolo per il reato di omesso controllo cerebrale sulle min.chiate prodotte a getto continuo con altra parte anatomica.

Libero 38

Mer, 15/03/2017 - 12:55

Che la giustizia italiana fosse peggio di quella di un paese di terzo mondo non lo scopriamo con il caso Sallusti.Immaginate quante persone innocenti sono in carcere perche' non sono della loro stessa fede politica,o per la loro incompetenza,(vedi caso della povera Yara)che dopo aver speso milioni di euro delle tasse pagate dagli italiani e inventato il girotondo del camion del Bossetti.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 15/03/2017 - 12:57

Gli Italiani, devono insorgere contro quella massa di ARROGANTI MALFATTORI, che si nasconde tra i datori della giustizia Italiana!!!

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 15/03/2017 - 12:57

^°@°^ Dott. Sallusti ricevere questi "schiaffi" da questi individui è un' ulteriore conferma della bontà e qualità del Suo lavoro.

Silvio B Parodi

Mer, 15/03/2017 - 13:02

il cocilovo vada a cuocere le ova, e il bevere vada al a bever a al bar, invece di fare I giudici questi due dovrebbero ZAPPARE LE CONCIMAIE,, CRIMINALI!!!!!non pagate mai per I vostri crimini????

xgerico

Mer, 15/03/2017 - 13:04

Ma stiamo parlando di un ex detenuto?!

Ritratto di llull

llull

Mer, 15/03/2017 - 13:06

GRANDE Sallusti !!!!! Articolo piacevolissimo che fa purtroppo incazzare le persone perbene.

Ritratto di ateius

ateius

Mer, 15/03/2017 - 13:19

anzitutto ringrazio il Direttore perche mi permette di esprimere opinioni nel suo giornale senza censurare. sia che i miei pensieri siano in linea col Giornale..sia che non lo siano, sia che spesso scrivo strafalcioni..ho sempre potuto esprimere la mia, nella massima Serenità e pure col piacere di farlo..- e per questo lo ringrazio.

silvano45

Mer, 15/03/2017 - 13:27

i migliori magistrati del mondo per capacità lavoro e sono solo falsità che fanno politica e che hanno privilegi ineguagliabili nel mondo e se l'europa ci condanna per milioni di euro per la giustizia è solo invidia..........................

cicocichetti

Mer, 15/03/2017 - 13:41

serve al più presto una riforma della giustizia. se un magistrato sbaglia in maniera così clamorosa è giusto che paghi. non è possibile che siano al di sopra della legge, soprattutto quando si evincono legami così forti con una qualche classe politica.

Giorgio Colomba

Mer, 15/03/2017 - 13:42

Crucciarsi fa male alla salute e serve zero. Almeno finchè non verrà allestita una riforma della Giustizia SERIA che cancelli definitivamente la totale autoreferenza dei nostri giudici - unicum forse mondiale - inducendoli anche a moderare la "chimica" storicamente presente tra magistratura e sinistra.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 13:52

------io la colpa del giudice non la vedo---il giudice giudica---e da che cosa trae il suo giudizio?----dalla mole di carte e materiale che gli arriva dall'accusa e difesa--stop---le carte che arrivano al giudice rappresentano la verità processuale---al giudice non interessa se la verità processuale corrisponda o meno al reale --non è il suo compito verificare---la verità processuale è data dalla collaborazione tra pm e difesa --se il pm trova degli elementi a favore dell'imputato deve avvertire la difesa e viceversa--la situazione paradossale di questo caso specifico è dovuta da un lato all'imperizia del pm ma soprattutto dalla difesa che si è palesemente astenuta dal fare il proprio mestiere(secondo me volutamente su input di sallusti)--il giudice non c'entra un tubo --come dice davigo il giudice non sbaglia mai perchè si attiene alle verità processuali ---hasta

routier

Mer, 15/03/2017 - 13:57

Abbiamo i migliori magistrati del mondo! ( un vero peccato che io sia un bugiardo patologico)

Ritratto di filatelico

filatelico

Mer, 15/03/2017 - 14:01

Il PRESIDENTE CAVALIERE DEL LAVORO (TITOLO NON REVOCATO ) BERLUSCONI propose che ai magistrati fosse prevista una visita psichiatrica e non aveva torto !!! MAGISTRATI PAZZI !!! Forza Alessandro !!!

il sorpasso

Mer, 15/03/2017 - 14:15

Credo che stiamo toccando il fondo...è come sempre c'entra la politica. Genitori di politici non vanno però in carcere anzi....

roliboni258

Mer, 15/03/2017 - 14:16

con queste teste sono pronti ad entrare in politica

claudioarmc

Mer, 15/03/2017 - 14:26

In magistratura si entra con concorso o si è passati al sorteggio? Elkid, trovati un uomo, o un donna se preferisci, che ti allenta la tensione.

RAGE4EVER

Mer, 15/03/2017 - 14:39

@elkidpirl...Vorrei renderti intelligente per un minuto per farti capire quanto sei idiota. La magistratura it. interpreta le leggi per gli amici di sx e applica le leggi(con ampia discrezionalità ) ai nemici

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 15/03/2017 - 14:44

Nella tigna di volere a tutti i costi perseguire il direttore del giornale che lavora per il ''male assoluto'' ovvero la famiglia Berlusconi, si sono dimenticati di controllare un semplice dato ed hanno portato alla sbarra Sallusti. Incolpevole. Ma quanto é costata all'erario questa svista??? Direttori (omenicchi) di altre testate appecoronate, in adorazione perpetua della somma casta, non corrono questo pericolo perché non hanno le @@ per dire le cose chiare e tonde come le dice Sallusti. Grande Sallusti.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 14:49

---claudioarmc---il mio era un semplice ragionamento---dal tenore del tuo intervento credo che sia lei quello che abbia bisogno di sciogliere la tensione---sarò pure un bulletto ma le giuro che non sono il responsabile della sua sfiga atavica con le tipe---hasta

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 14:52

2tempo--caro sallusti--io al suo posto avrei preso a calci il suo avvocato difensore----

RAGE4EVER

Mer, 15/03/2017 - 14:55

@moscazeezee...Hai il cervello mummificato dall'età e si vede...." CHIUDENDO PER DISSENTI COMMESSI"...Chiudi il computer e prima impara a leggere,così in seguito imparerai a scrivere...P.S. Non era lui il direttore che doveva controllare perché si era dimesso ...

Libertà75

Mer, 15/03/2017 - 14:56

@elganjakid, capisco che sia difficile capire un testo se si è sotto effetto, ma guardi che la denuncia è stata fatta da un giudice e tramite i PM è stata portata avanti. Essendo tutti laureati in diritto, si presume che facciano un minimo di controlli prima di avviare un procedimento. O lei afferma il diritto all'ignoranza di un PM e di chi fa denunce? Quindi io posso denunciarla per quello che mi pare e poi deve essere lei a difendersi? L'onere della prova spetta all'accusa, se lo metta in testa e non faccia la solita partigianeria

PAOLOTASS

Mer, 15/03/2017 - 15:01

Caro dr. SALLUSTI CHE DIRE? la politicizzazione della magistratura porta a colpire i rappresentanti della destra . I nostri rappresentanti politici , debbono combattere una battaglia a viso aperto contro queste aberrazioni , in modo che l'elettorato sia pienamente consapevole dello stato penoso in cui ci troviamo. Grazie a Lei per la sua forza e la sua capacità di risposta e per l'intelligenza mostrata. DOBBIAMO FARE SQUADRA DI PIU' Molto cordialmente

Boxster65

Mer, 15/03/2017 - 15:06

elkid..ore 13.52.. ma perché non ti taci? Potresti benissimo fare il PM (hai lo stessi QI negativo)... Sallusti è arrivato a depositare la memoria al Giudice (che evidentemente non ha colpa, né Sallusti gliene ha data) per evidenziare il fatto che né il PM che ha istruito il fascicolo, né il GIP che ne ha promosso il lavoro, né il GUP che ha deciso sugli elementi a sue mani di rinviare a giudizio Sallusti, si sono accorti di un piccolissimo fatto che tanto piccolissimo non è... che colui a cui vengono addebitati i crimini NON poteva esserne l'esecutore in quanto non più Direttore di quel giornale. Lo capisci? Sallusti li ha presi per il sedere lo sapeva ma ha taciuto per capire l'idiozia di un sistema che non funziona... La Magistratura.

moshe

Mer, 15/03/2017 - 15:09

... giocano a fare i "magistrati" ! il guaio è che le persone oneste ci rimettono, i delinquenti ci guadagnano !

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 15:12

---RAGE4EVER--le insegno io una cosa così la finiamo con la leggenda metropolitana che tutti i giudici siano di sinistra----le correnti in magistratura sono sostanzialmente 3---Magistratura democratica (sinistra)--Unità per la Costituzione (centro)---Magistratura indipendente (destra)----queste tre correnti si avvalgono di un comitato direttivo centrale--in pratica una unità decisionale che è formata da 36 membri scelti col metodo proporzionale --guarda caso sono 12 per ciascuna corrente--il che significa -per chi fa i conti ancora con pallottoliere---che il numero dei magistrati rossi in italia è uguale al numero dei magistrati neri ed uguale al numero dei magistrati di centro---ci vuole una sfiga pazzesca ogni volta a lamentarsi del giudice di sinistra visto che sta rogna sovverte le più elementari regole della statistica---swag facciamo le corna

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 15/03/2017 - 15:18

Ridicolo al massimo del minimo.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 15/03/2017 - 15:19

Ridicolo. Il massimo del minimo.

mzee3

Mer, 15/03/2017 - 15:21

CONCORDO CON QUANTO DESCRITTO DA elkid. La sua analisi è più corretta...sono idifensori dei Sallusti dei veri pirla.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 15:21

----Libertà75---il fatto che sia stato un giudice a denunciare è irrilevante--in quel momento il giudice era un semplice cittadino e non aveva l'onere di certo del controllo---ripeto per l'ennesima volta --la negligenza è da ripartirsi tra il pm che sicuramente ha omesso il controllo--ma soprattutto è da imputarsi all'avvocato difensore di sallusti che evidentemente dormiva a sette guanciali o peggio ancora ha taciuto di proposito---il giudice invece non ha colpa alcuna--il giudice giudica sul materiale che gli forniscono le parti---hasta

Pinozzo

Mer, 15/03/2017 - 15:31

Penoso sallusti, si arrampica sugli specchi e cerca scuse.. "mi ero dimesso tre giorni prima".. "un direttore oggi non puo' verificare tutto quello che scrivono i propri giornalisti".. Ma smettila, piangina.

blackbird

Mer, 15/03/2017 - 15:40

Caro Sallustri, non gongoli troppo. Potrebbero ancora accusarla di essere l'ispiratore occulto dell'articolo e di avere, con la sua personalità, ancorché non più diretore del Giornale, fuorviato il giornalista e il direttore pro-forma di quei giorni. Inoltre, non avendo presentato memorie difensive al PM in fase istruttoria, potrebbero accusarla di ostacolo alla giustizia. La lunga mano della vendetta è tremenda!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 15/03/2017 - 16:20

@Elkid: continui per favore, che il suono di chi si arrampica sugli specchi è gradevole assai. La migliore che ha scritto è: "il querelante non aveva l'obbligo del controllo" AHAHAHAHAHAH!!!! E tra l'altro, sa cos'è una "causa temeraria" e cosa comporta per chi la promuove? Lasciamo perdere, va...

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 15/03/2017 - 16:22

@Panozzo: l'analfabetismo funzionale scorre a fiumi, nevvero?

giovanni PERINCIOLO

Mer, 15/03/2017 - 16:29

Mzee3. In lingua swahili il suo nick name sta per "vecchio saggio", nel suo caso direi che invece sta per "vecchio .... rincoglionito"!

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 16:40

-----Andrea B.------e secondo te un giudice che in questo caso è il querelante --dato il suo tenore di vita dovrebbe temere di imbattersi in una probabile causa temeraria che non va al di là una sanzione pecuniaria ?---credi che egli non abbia messo in conto una probabilità del genere?------ma taci va tu ed il tuo cavallo di battaglia del coso funzionale---swag studente scapestrato

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 15/03/2017 - 16:58

--Boxster65---hai citato tutti --ma non hai citato la difesa---qua se il processo è andato così è perche la difesa si è astenuta dal farlo---se sallusti voleva dimostrare che senza difesa si perdono le cause anche da innocenti --ha scoperto l'acqua calda--

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 15/03/2017 - 17:55

@Elkid - le correnti saranno pure tre, ma sei sicuro che siano così, perchè a tutta Italia non sembra. O probabilmente volevi intendere che sono si tre, ma pesantemente squilibrate nei numeri (rappporti).

Joe Larius

Mer, 15/03/2017 - 18:11

"Le LEGGI, la morale, la religione sono per lui (il comunista ndt) altrettanti pregiudizi borghesi dietro i quali si nascondono altrettanti interessi borghesi" Dal "Manifesto del partito comunista", elaborato da un vate di nome Charly Marx, partito che, sia pure travestito e a ranghi sparsi, la maggioranza dell'italico popolo sopporta al potere ottenuto senza libere elezioni.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mer, 15/03/2017 - 18:17

A parte questo mi risulta che Sallusti sia un pregiudicato, al pari del suo padrone. Viva gli italiani onesti !!!!!!!!!!!!

killkoms

Mer, 15/03/2017 - 18:27

che bella giustizia!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 15/03/2017 - 18:32

Già nel loro nome c'è una grande illogicità. Come si fa a "Bevere" un uovo se prima "Cocilovo"! P.s.: Al di là delle battute, questi hanno fatto una gran figura di mxxxa e purtroppo gli ITALIANI, quelli diversamente rossi, ormai sono abituati ad avere magistrati di siffatta levatura!!!

giovanni951

Mer, 15/03/2017 - 18:46

magistratura penosa e inconcludente....c'é solo da vergognarsi.

sparviero51

Mer, 15/03/2017 - 19:29

ESAMI PSICHIATRICI E TEST DI INTELLIGENZA COME PER I PILOTI MILITARI . VEDIAMO QUANTI LI SUPERANO !!!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 15/03/2017 - 19:45

Che dire... ha persino usato l'arma dell'ironia in maniera ineccepibile. Per una volta "chapeau" Dott. Sallusti. Una sola domanda: ma la ex parlamentare "da sempre in prima linea in battaglie in difesa dei diritti civili" era forse la sua ex fiamma Daniela Santanchè???

fisis

Mer, 15/03/2017 - 19:55

Sono veramente allibito. Un'altra perla da aggiungere alla giustizia italiana. Dopo il famoso teorema del "Non poteva non sapere", ovviamente valido solo per i nemici politici, ecco il nuovo teorema altrettanto bislacco e del - come definirlo? - "Indagato e colpevole pur se logicamente impossibile che abbia commesso il fatto", come nel caso del direttore. Cos'altro dire? La più fervida fantasia di un Samuel Beckett e del suo teatro dell'assurdo non avrebbe potuto mai partorire una amenità del genere.

giza48

Mer, 15/03/2017 - 23:11

continua Sono un Italiano indignato contro questo governo, maggioranza, parlamento tutto di inetti. Nessuno vede le vere emergenze che distruggono il nostro paese. La prima abbiamo detto è la giustizia medioevale e autoreferenziale! perchè al Pd-PCI piace così tanto questa schifezza di ordine dello stato e si oppone con tutte le sue forze alla naturale riforma di un corpo dello stato antimoderno, farraginoso, anchilosato, deresponsabilizzato,con deliri di onnipotenza e quindi pericoloso per i cittadini? Su questo tema si poteva fare la riforma della Costituzione, altro che sul Senato, ma non c'era interesse a toccare gli amici e il rischi era elevato!!! Renzi = coniglio. Poi abbiamo immigraione, tasse, scuola, lavoro giovanile, etc continua...

Ritratto di sachiel333

sachiel333

Gio, 16/03/2017 - 05:30

I GIUDICI NON RAPPRESENTANO AFFATTO IL POPOLO ITALIANO, MA IL COMPLOTTO MUSSULMANO, MASSONE, COMUNISTA CHE CI STA ROVINANDO!!

curatola

Gio, 16/03/2017 - 06:49

egr dott Sallustri il nostro sistema giudiziario agisce tardi e senza mezzi adeguati e basandosi sull'individualismo di un pm . Non può che funzionaremale. Lo si vede bene nel penale quando l'indagine si muove lentamente con un apparato poliziesco da terzo mondo e subordiato alle direttive del pm. Non può funzionzre.Lei è vittima di questo malfunzionamento strutturale. Non credo che la magistatura benchè consapevole lasci che la politica intervenga. Bisogna rassegnarsi ed aspettare di uscire dal giustizalismo oggi imperante.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Gio, 16/03/2017 - 07:39

giudici che stiano fuori dalla politica e che paghino se sbagliano (come ha già detto un referendum, altro che trasferimenti con annessi "indenizzi economici" vari). Il primo degli SBAGLI è un processo che duri più di un anno

MassimoR

Gio, 16/03/2017 - 07:57

personalmente per non ficcarmi nei guai sto sottoterra nascosto. Ho avuto esperienze dove la magistratura ne ha combinate da non crederci e pure documentate idem per gli avvocati. Fare politica? Impossibile.

rossini

Gio, 16/03/2017 - 08:17

Insomma elkid sostiene che gli unici colpevoli sono gli avvocati di Sallusti. Ma il PM, che ha promosso l'azione penale e chiesto il rinvio a giudizio senza leggersi le carte, che cos'è? Non è forse un magistrato che, attesa la mancata separazione delle carriere, appartiene alla stessa categoria dei giudici? E, quanto a questi ultimi, perché non hanno emesso una sentenza immediata ma hanno voluto rinviare e perder tempo? Già questo solo fatto la dice lunga sulla loro professionalità e imparzialità.

hectorre

Gio, 16/03/2017 - 08:57

leggendo i pochi commenti dei soliti quattro sinistrati, ci si rende conto di quanto sia limitata la loro attività cerebrale, nemmeno davanti all'evidenza dei fatti riescono a mettere da parte l'ideologia farlocca che li pervade......daltronde cosa si può pretendere da simili individui, felici di essere rappresentati da personaggi del calibro di occhetto, veltroni, d'alema, prodi, bersani, renzi.....tutti leader!!...non passacarte!!!!!....purtroppo a sinistra chi impugna e sventola la bandiera, diventa immediatamente il loro messia!!!...che pena....

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 16/03/2017 - 12:22

Non mi stupisce la cosa in sé. Mi stupisce che nessun togato abbia aperto un fascicolo su pm e querelante per omesso controllo sul merito della vicenda. Se ne deve dedurre che l'intera magistratura trova naturale che due dei loro campioni gettino patente discredito sull'intera categoria con un comportamento a dir poco medievale. Bisognerebbe però dire "mafioso" ed amicale. Accusa a prescindere, condanna a prescindere, galera a prescindere. E domenica pranziamo insieme, con le famiglie. La magistratura non è corrotta, è morta.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 16/03/2017 - 13:47

Indipendentemente dal merito delle accuse, vere o false che siano state, finire per qualche giorno o settimana in galera è una bella e proficua esperienza che ogni cittadino dovrebbe fare a prescindere che sia onesto, disonesto o proprio criminale irrecuperabile. E, per questi ultimi, c’è una sola, infallibile soluzione all’entrare e uscire di galera senza alcun costrutto: inutile specificare quale sia questa soluzione definitiva. Invece, per un cittadino probo e diligente come Sallusti, finire in galera per poco tempo avrebbe costituito un’esperienza indimenticabile. Avrebbe potuto scrivere anche un libro che probabilmente sarebbe andato a ruba. Sallusti ha perso un’occasione unica per farsi una bella esperienza che gli avrebbe insegnato parecchie cose. Senza false o vere remore psicologiche: è bene che anche i giornalisti scontino e paghino per le inesattezze o scemenze che scrivono. Specie quelli di sinistra che, di scemenze astratte, ne scrivono a iosa.

timba

Gio, 16/03/2017 - 15:19

Elkid. ho una semplice domanda. Se, come dici tu (e Davigo) il giudice non è mai colpevole perchè si limita a leggere le carte che gli portano, allora perchè in moltissimi casi chi è giudicato colpevole e condannato in primo grado viene poi assolto in appello perchè "il fatto non sussiste"? Possibile che per un giudice sia Bianco e per l'altro Nero a parità di prove? O è incapace il primo o il secondo. Quindi uno dei due a spazzare le strade. In un paese dove poi il presidente dell'associazione più potente ossia MD, possa dire che un giudicato innocente è solo un colpevole che l'ha fatta franca...penso si definisca da solo. Dovrebbe essere immediatamente radiato con ignominia e precluso a ogni pubblico ufficio.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 16/03/2017 - 17:46

---timba---non è così---se un difensore va in appello con le stesse carte del primo grado--ottiene tranquillamente lo stesso giudizio del primo grado---ma se il difensore riesce a trovare elementi nuovi inerenti la ricostruzione storica degli accadimenti oggetto dell’accertamento processuale o elementi nuovi non ancora considerati --tutte cose che possono far differire la verità reale delle cose dalla verità processualmente accertata--allora si hanno delle chances--quello che voleva dire davigo è che se un pm non è all'altezza mentre un difensore è un principe del foro -può capitare che una verità processuale sia nettamente a vantaggio di un imputato--

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 16/03/2017 - 19:49

Abbiamo vinto il Referendum sui Giudici e la loro responsabilità e dispiace che Berlusconi, che ha tanto gridato contro certa Magistratura, non abbia mai messo mano all'aratro; allora si, diciamolo con forza, allora si che un Referendum avrebbe senso e non come quello del 4 dicembre 2016. Forza Italia Shalòm.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 17/03/2017 - 13:14

Le verità è che in Italia siamo (tutti non solo i direttori dei giornali) vittime di una giustizia che di giusto non ha nulla e di una magistratura che inefficiente, autoreferenziale, supponente, spregiudicata ed impunita più di così è impossibile.

Mizar00

Ven, 17/03/2017 - 14:52

Ahah, che figura di m! Tanto, una più una meno..