I migranti sbarcano a Malta. Ma la Spagna è costretta a prenderseli

Il peschereccio spagnolo Nuestra Madre de Loreto ha avuto l'ok a far sbarcare i migranti a Malta. Ma i migranti saranno trasferiti in Spagna, dopo una trattativa fra La Valletta e Madrid

Gli 11 migranti a bordo del peschereccio spagnolo Nuestra Madre de Loreto sono sbarcati a Malta, ma saranno immediatamente trasferiti in Spagna. Dopo 10 giorni di blocco in mare, le autorità maltesi hanno dato l'ok allo sbarco sull'isola, mettendo fine all'impasse. Ma il quotidiano Times of Malta ha fatto sapere che le persone sbarcate sull'isola, nove adulti e due minorenni, saranno portate in territorio spagnolo dopo una trattativa fra Madrid e La Valletta.

I migranti erano stati presi a bordo del peschereccio il 22 novembre. La guardia costiera libica aveva intercettato il gommone con a bordo le persone che volevano raggiungere clandestinamente l'Europa e secondo le autorità della Libia, il peschereccio aveva ostacolato le operazioni. Presi i migranti a bordo, il capitano aveva chiesto dove poter sbarcarli: e cioè nel primo porto sicuro. La Spagna aveva dato indicazione di andare o in Italia o a Malta. Ma dal governo italiano e da quello maltese erano arrivate risposte negative.

Dopo 10 giorni, Malta ha acconsentito a farli sbarcare nel porto di Haywharf. E a 13 miglia nautiche dalla costa, è avvenuto il trasbordo su una motovedetta maltese. La vice premier spagnola Carmen Calvo aveva dichiarato questa mattina che "fin dall'inizio il governo ha lavorato per assicurare che l'imbarcazione, navigante in acque internazionali, raggiungesse sana e salva il porto più vicino". E alla fine, i migranti saranno inviati in Spagna. Il governo di Pedro Sanchez cede quindi alle richieste di Malta. E lo fa, tra l'altro, mentre affronta un importante test elettorale in Andalusia, feudo rosso e principale via d'accesso dei migranti. I sondaggio parlano di un possibile ingresso della destra radicale nel parlamento della comunità.

Commenti
Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Dom, 02/12/2018 - 16:45

Pirati delle ONG travestiti da pescatori - schifosi.

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Dom, 02/12/2018 - 17:38

Fino al 1800, i pirati vinivano processati per direttissima ed impiccati; sarebbe opportuno ripristinare questa pratica che porterebbe ad una rapida fine questa nuova forma di pirateria.

Trinky

Dom, 02/12/2018 - 17:47

Tanto la sindaca di Barcellona ha sempre detto che li accoglierebbe a braccia aperte....o ha cambiato idea?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 02/12/2018 - 17:54

Bene,problema risolto,se alla fine se li prendono(mantengono a vita,etc.etc...),gli Spagnoli!Mandate un'altro "peschereccio" a "pescarne degli altri"!....Contenti voi!

dakia

Dom, 02/12/2018 - 18:08

O pescatori che fanno i pirati come i camionisti.

Cheyenne

Dom, 02/12/2018 - 19:04

LA SPAGNA COL GOVERNO COMUNISTA NE VEDRA0' DELLE BELLE. BEN GLI STA

ziobeppe1951

Dom, 02/12/2018 - 20:43

Perché costretti? Hanno sempre detto che sono risorse e non vedono l’ora di accoglierli a braccia aperte

killkoms

Dom, 02/12/2018 - 22:01

prendi e porta a casa!

FRATERRA

Lun, 03/12/2018 - 08:42

....in ANDALUSIA non andranno di certo.....come disse il saggio;...in Spagna, se magna........in Italia si risparmia.........

vince50

Lun, 03/12/2018 - 09:11

Chi commercia e lucra su questo fenomeno devastante per chi lo subisce,va preso e impiccato sul posto.Gli altri capiranno,azzoooo se capiranno.