I vegani e la donna "arrostita" per denunciare il consumo di carne

Un barbecue gigante per "arrostire" una donna. È questa la manifestazione organizzata dall'associazione "Vegan impact" sotto una pioggia battente a Parigi

Un barbecue gigante per "arrostire" una donna. È questa la manifestazione organizzata dall'associazione "Vegan impact" sotto una pioggia battente a Parigi. La campagna è stata promossa per mettere nel mirino chi d'estate abusa con i barbecue in giardino. E i vegani, durante la manifestazione, hanno scandito alcuni slogan: Gli animali sperimentano anche la paura e il dolore", "Ecco il volto della vostra carne" o "Per gli animali, la differenza tra la vita e la morte c'è". Parole proprio contro chi normalmente ama mangiare una bella bistecca cucinata su una griglia rovente. Ma la messa in scena è andata avanti. Dopo la donna è stato il turno di un uomo. Questa volta il barbecue è stato montato nel centro del 4° arrodissement di Parigi. E anche in questo caso "Vegan impact" ha filmato la griglia gigante mostrando il video su Facebook. Ovviamente la manifestazione è stata del tutto simbolica. Ma per colpire l'interesse dei passanti e soprattutto dei social i vegani hanno scelto un modo del tutto curioso di "esporre" le loro ragioni.

Commenti

manfredog

Sab, 01/07/2017 - 21:47

..vogliono un po' di potere (e soldi..) anche loro. mg.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Sab, 01/07/2017 - 21:55

Gente malata.

cgf

Sab, 01/07/2017 - 22:13

Donna venga a, naturalmente.... Una di meno, altro albero salvato.

cgf

Sab, 01/07/2017 - 22:14

Donna vegana, naturalmente.... Una di meno, altro albero salvato.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 01/07/2017 - 22:47

le ossessioni e le fobie alimentari sono un chiaro sintomo di disturbo mentale. ricordano gli appartenenti a sette religiose strampalate. però anche le piante sono esseri viventi, perciò diventino autotrofi, facciano la fotosintesi e smettano di scassare le scatole

Prameri

Dom, 02/07/2017 - 01:14

Il problema del dolore animale va affrontato e non sottovalutato. Miliardi di animali vengono 'allevati' si fa per dire in situazioni penose, ignobili, degradanti e assurde per poi essere uccisi con spavento e dolore. Il negazionismo è complicità. Il macellaio è l'esecutore di chi mangia la carne. Gli uomini sono animali razionali in contrapposizione a 'irrazionali', ma tutti animali siamo. Le piante sono esseri viventi che tagliate non soffrono come i capelli sono strutture viventi che tagliati non soffrono.

justic2015

Dom, 02/07/2017 - 03:46

Poveri vegani che orrende fine che faranno questi cervelli malati non anno altro da fare altrimenti non andrebbero a rompere le palle nessuno li obbliga di mangiare carne pesce formaggio gelati panettone possono vivere di erba ma pure l'erba soffre.

Martinico

Dom, 02/07/2017 - 07:13

Hanno il diritto di manifestare e di essere quello che sono nella stessa misura di coloro che non la pensano come loro.

Giorgio Rubiu

Dom, 02/07/2017 - 07:34

I Vegani hanno il diritto essere tali e la cosa non si discute. La differenza è che loro fanno proselitismo mentre noi, onnivori (e non solo carnivori) non lo facciamo. E' chiaro, quindi, che essi sono dei maniaci come tutti quelli che fanno proselitismo religioso o politico che esso sia. Alla larga dal fanatismo di ogni genere, è il mio motto. Da onnivoro sono arrivato all'età di 83 anni in ottima salute ed in pieno possesso delle mie facoltà mentali. Posso accettare i vegetariani senza discutere; ma i Vegani somigliano più ad una "setta" che ad una faccenda dietetico-salutare.

Oreste1968

Dom, 02/07/2017 - 15:28

Paragonare le piante ai capelli è davvero comico. I capelli sono fatti di cheratina (per cui cellule morte) come le unghie. Le piante sono organismi cellulari vivi, producono fiori, frutti...Studi hanno dimostrato che le piante quando percepiscono il pericolo di un incendio: la loro carica elettrica aumenta, similmente al battito cardiaco degli esseri viventi. Insomma provano paura. Altro che capelli.