Ilva, Berlusconi contro Renzi: "Molto abile nel promettere"

Un Berlusconi "inedito" sull'Ilva fa le pulci a Renzi e lo definisce: "professionista della politica". In realtà il leader di Forza Italia scopre il grande inganno del governo sul siderurgico e il suo futuro

Berlusconi incalza il premier Renzi sull'Ilva, terreno inedito per il leader di Forza Italia. E tuttavia, rompendo il silenzio su un argomento per troppo tempo tabù nel centrodestra, il leader di Forza Italia mostra la consueta, lucida, sintesi, affondando le velleità del governo, quel girare intorno ai problemi del più grande stabilimento siderurgico d'Europa, senza trovare soluzioni vere che non siano la vendita senza risanamento. Riferendosi a Renzi, il Cavaliere va giù subito duro: “Non affronta i problemi e così mi pare stia facendo per l’Ilva, senza arrivare ad una soluzione definitiva”.
L'Ilva è nodo irrisolto, Berlusconi lo sa, e dire (e mostrare) il “re nudo” diventa operazione di verità: “Molto abile nel promettere” dichiara Berlusconi riferendosi al presidente del Consiglio, “ma quando si tratta di passare ai fatti concreti evidenzia le lacune di tutti i professionisti della politica come lui”. Basterebbe solo un po' di buonsenso, quello che la politica, appunto, in una vicenda come l'Ilva (e non solo) non ha saputo e voluto sviluppare: “La grande industria – spiega infatti Berlusconi - può e deve svilupparsi nel dovuto rispetto dell'ambiente e quindi in maniera del tutto compatibile con le esigenze dell'occupazione, del turismo e della salute dei cittadini. Questa regola, coniugare cioè ambiente e lavoro, deve valere non soltanto per l'Ilva ma per tutte le aziende". "Come abbiamo proposto durante le ultime elezioni regionali in Puglia - ricorda Berlusconi - occorre vigilare sulla puntuale attuazione del Piano di ambientalizzazione dell'Ilva e fare di Taranto, per legge, una zona franca. Inoltre occorre incentivare un sistema che premi chi produce meno rifiuti e ricicla di più, ed omogeneizzare le politiche per la riduzione delle immissioni nocive in atmosfera per la produzione di energia da idrocarburi con quelle per la diffusione delle tecnologie di produzione da fonti rinnovabili".
Berlusconi lancia, infine, un allarme: "Se la tassazione per le imprese in Italia dovesse continuare a rimanere a livelli troppo elevati d essere un ostacolo o addirittura un impedimento insostenibile per chi vuole fare impresa, si corre il rischio che in Puglia, così come nel Sud e in tutta l’Italia, prosegua senza sosta il processo di delocalizzazione industriale verso altri Paesi, anche europei”. E il cavaliere conclude il suo intervento con un’equazione, trovando, quindi la soluzione “matematica” per l'Ilva: “più ambiente, più lavoro, meno tasse e meno burocrazia”.
Sintesi perfetta anche di un governo incapace di scendere dalla giostra degli slogan per concepire e realizzare una vera politica industriale.

Commenti

Giorgio5819

Dom, 06/03/2016 - 16:45

Niente di nuovo, il comunismo e' sempre stato solo ed esclusivamente slogan e incapacità . Il tutto a beneficio del progetto universalmente conosciuto della storia comunista : truffare gli ignoranti.

linoalo1

Dom, 06/03/2016 - 17:38

A prescindere dal succedersi dei Governi,ma,la Magistratura,non ne era a conoscenza?? Possibile che,in tutti questi anni,nessuno abbia mai denunciato il Problema???Quindi,come la mettiamo??Chi ha più colpa???

Anonimo (non verificato)

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 06/03/2016 - 18:05

Il comunismo ama talmente i poveri, che si da da fare per farli aumentare.(copyright il GRANDE Indro Montanelli)

Dolcevita1960

Dom, 06/03/2016 - 18:14

Coraggio Sig. Berlusconi e Sig. Salvini prendete in mano l'Italia e salvateci ! Siamo sull'orlo del baratro e islamizzati al massimo....Fate rinascere l'Italia come la ricordo.....gli italiani vi seguiranno! se no' siamo fritti.... la nostra civilizzazione finirà ben presto...pensiamo ai nostri figli e nitpoti...lasceremo loro un paese in rovina e sottomesso

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 07/03/2016 - 00:17

Strano paese il nostro dove Berlusconi, che si occupa dei veri problemi, non viene ascoltato mentre il ciarlatano MESSO AL GOVERNO ABUSIVAMENTE DA UN COMUNISTA continua a fare il banditore di chiacchiere.

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Lun, 07/03/2016 - 08:37

coraggio sig. Berlusconi statevene al nord con l'altro tizio, che voi, come tutti i nordisti dx o sx che siano, di danni al Sud (sempre a vostro favore) ne avete già fatto tantissimo! anzi, se veramemte volete fare qualcosa di buono per Taranto, la Puglia ed il Meridione in generale... LASCIATE IL SUD!!! JATEVENN!!!

Atlantico

Lun, 07/03/2016 - 16:51

Renzi dovrebbe, se ci riuscisse, imparare da Berlusconi: zero promesse, tanti fatti.