Ilva, recuperato il corpo dell'operaio disperso

Trovato il corpo di Francesco Zaccaria, disperso in seguito alla tromba d’aria che ha colpito lo stabilimento. Dal Cdm via al dl, ma per il gip la nuova autorizzazione non basta

Al termine di un Consiglio dei ministri fiume, durato oltre sei ore, il governo ha dato il via libera al decreto "salva Ilva". Il premier Mario Monti ha espresso la necessità di "conciliare la tutela della occupazione e dell'ambiente col rispetto della magistratura per evitare un impatto negativo sull'economia di 8 miliardi l'anno". "Abbiamo una creatura blindata dal punto di vista della sua effettiva applicazione", ha spiegato il presidente del Consiglio. "Abbiamo introdotto interventi possibili sulla proprietà stessa che potrebbero togliere enorme valore a quella proprietà - il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera - se non fa quello che la legge prevede, vede il suo valore fino al punto di perderne il controllo di fronte a comportamenti non coerenti".

"Non possiamo ammettere che ci siano contrapposizioni drammatiche tra salute e lavoro, tra ambiente e lavoro e non è neppure ammissibile che l’Italia possa dare di sè un’immagine, in un sito produttivo così importante, di incoerenza". Al termine del Consiglio dei ministri che ha varato il decreto Ilva, Monti ha spiegato che l’intervento del governo è stato necessario perché Taranto è un asset strategico regionale e nazionale: "Qualcuno l’ha chiamato «decreto salva Ilva, ma io parlerei di decreto salva ambiente, salute e lavoro". Secondo il comunicato diffuso al termine del Cdm, il decreto legge stabilisce che "la società Ilva abbia la gestione e la responsabilità della conduzione degli impianti e che sia autorizzata a proseguire la produzione e la vendita per tutto il periodo di validità dell’Aia". "Qualora non venga rispettato il piano di investimenti necessari alle operazioni di risanamento - continua - il decreto introduce un meccanismo sanzionatorio che si aggiunge al sistema di controllo già previsto dall’Aia".

"In caso di inadempienze per l’Ilva restano tutte le sanzioni già previste e in più introdotta la possibilità di una sanzione sino al 10% del fatturato annuo dello stabilimento". "È una condizione di garanzia", ha spiegato il ministro dell’Ambiente Corrado Clini illustrando il decreto Ilva e spiegando che "sulla sanzione, qualora l’azienda non rispettasse le prescrizioni - e le prescrizioni sono misure puntuali sugli impianti delle aree a caldo e da novembre di quest’anno fino a 2014 cambieranno strutturalmente le produzione dell’area a caldo - nel caso in cui venisse accertato che il piano di interventi dell’impresa non venisse attuato, potranno intervenire oltre alle sanzioni amministrative ordinarie, anche sanzioni aggiuntive fino al 10% del fatturato annuo".

Per il gip, però, non è abbastanza perché la nuova Aia non è fondata su "specifici studi o accertamenti di tipo tecnico-scientifico" in grado di "confutare le evidenze probatorie" che denunciano "l’esistenza, nella zona del Tarantino, di una grave ed attualissima situazione di emergenza ambientale e sanitaria" imputabile alle emissioni dell’Ilva. Insomma, la nuova autorizzazione messa a punto dal Ministero dell'Ambiente "non si preoccupa affatto della attualità del pericolo e della attualità delle gravi conseguenze dannose per la salute e l’ambiente".

Il corpo di Francesco Zaccari, 29 anni, operaio dell’Ilva disperso in seguito alla tromba d’aria che ha colpito lo stabilimento mercoledì scorso, è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Il cadavere si trovava all’interno della cabina della gru che era stata sbalzata in mare dalla forza del vento, a circa 30 metri di profondità. In mattinata Il gip del tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, ha respinto una ulteriore istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva presentata dall’azienda. Gli impianti sono sotto sequestro dal 26 luglio scorso. Continunano le proteste all'Ilva di Genova: questa mattina un migliaio di persone hanno protestato contro le istituzioni.

Commenti

Accademico

Ven, 30/11/2012 - 10:28

Un pensiero commosso alla Famiglia del giovane Lavoratore che ha perso la vita durante il cataclisma dell'altro giorno. Sempre in tema di sorella Morte, i responsabili delle decine di migliaia di decessi verificatisi in mezzo secolo a Taranto - coperti vergognosamente in varia maniera da TUTTI i governi che si sono succeduti nel tempo - prendano debita nota che “un giorno verrà il Giudizio di Dio”....e non sono parole mie...

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Ven, 30/11/2012 - 10:59

Ma smettiamola con questa solfa dei morti per causa degli impianti,ve ne sono a decine disseminati nel mondo dove le mortalità sono paragonabili a queste.Ma perbacco,mai nessono di voi accusatori è mai stat a Dosseldorf,oBochum,o Essenn negli anni settanta dove a mezzogiorno lo smog di cokeria oscurava il sole? Certo,si poteva nel corso degli anni apportare le migliorie necessarie,ma con il senno del poi non si fanno le rivoluzioni.

vince50

Ven, 30/11/2012 - 12:14

Sarà banale dirlo,ma sono sempre i migliori e poveracci che se ne vanno.Avrei brindato all'infinito se all'interno ci fossero stati tutti gli onorevoli parlamentari e ministri.Ma per queste sottospecie di esseri viventi,non c'è cataclisma ne epidemia che possa farli estinguere.Sono immuni e inattaccabili,per il momento.......

laura.canu

Ven, 30/11/2012 - 14:45

riposa in pace caro amico...spero esista davvero qualcos'altro oltre la morte...così permetterai a noi tutti di riscattarci da quel senso di impotenza per la tua giovane morte...riposa in pace caro amico....

Ritratto di mark 61

mark 61

Ven, 30/11/2012 - 16:54

Morire di lavoro, e penso ai Lusi e ai Fioriti e a tutti quelli che continuano a essere mantenuti con i nostri soldi e non fanno il loro dovere Oggi siamo tutti FRANCESCO. - R.I.P.

mariolino50

Ven, 30/11/2012 - 17:38

Anche mio padre ha lavorato tutta la vita in un impianto simile, ma non è morto di malattia, ma di incidente pure lui, so come stanno quelli che restano, una preghiera.

Ritratto di Roger.de.Valmont

Roger.de.Valmont

Ven, 30/11/2012 - 19:54

Se nel Pantheon della Sinistra ( e della Destra....) ci fossero personaggi come Francesco Zaccaria e Guido Rossa sicuramente l'Italia non sarebbe arrivata così in basso.......

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Ven, 30/11/2012 - 21:04

Speriamo che il DDL "Salva Ilva" non sia come il "Salva Italia".

Prameri

Ven, 30/11/2012 - 22:38

L'amianto, le polveri sottili, lo smog, il fumo, le radiazioni, indeboliscono pericolosamente ma non sono la causa dei tumori. Fate scegliere a maggioranza i tarantini. Se preferiscono rischiare di morire di fame o di morire di tumore in maggior percentuale che in altre città mentre si continua a lavorare facendo il possibile per tutelare salute e ambiente.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 01/12/2012 - 01:17

La vera vergogna è che certa magistratura non si è mai attivata negli anni passati quando era lo Stato Italiano proprietario dell'ILVA. ORA VOGLIONO RIFARSI LA VERGINITA'?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 01/12/2012 - 12:19

#paola29yes. Cara concittadina,a pensar male si fa peccato. Ma spesso ci si azzecca. E' ipotizzabile che i nostri "cervelloni" abbiano preparato, ad arte, un decreto già tarato. Così sarà più facile per la magistratura mandarlo in vacca. Bisogna pur continuare sulla linea di svendita dell'azienda Italia, che diamine! Bilderberg Group così ha comandato ai sui scherani.