Immigrati, gli scafisti: "Ricchi con un viaggio"

Gli immigrati partono dalla Libia stipati nella stiva: le imbarcazioni sono insicure e il "biglietto" costa 1.500 euro a persona

"Sapevo che in Libia cercavano scafisti. Sono andato lì e mi sono arruolato con loro per guadagnare soldi. Faccio il pescatore ma quello che prendo in un solo viaggio per portare persone è lo stesso che guadagno in due anni col mio lavoro". Con gli investigatori della squadra mobile di Ragusa Saber Helal, 27enne tunisino fermato perché ritenuto di essere lo scafista dei 251 immigrati sbarcati ieri mattina a Pozzallo, vuota il sacco. E le sue dichiarazioni sono come un pugno nello stomaco. Perché, mentre l'ennesima strage di clandesini parla di almeno sessanta morti, Helal racconta di aver fatto pagare 1.500 dollari a ciascun africano che volesse sfidare il mare per raggiungere l'Italia. "Questi non sono scafisti - sbotta il questore di Genova Vincenzo Montemagno - ma schiavisti".

Secondo l’accusa il tunisino Saber Helal era al servizio di trafficanti libici ancora da identificare. "Ho atteso il mio turno ed anche io ho preso posto su uno dei due gommoni per poi salire sull’imbarcazione di legno - racconta uno dei clandestini sbarcati a Pozzallo - una volta sopra il natante, fu un libico ad indicarmi il posto che era stato a me assegnato, ovvero in coperta nella parte centrale". Secondo la ricostruzione degli inquirenti, i gommoni facevano altri tre o quattro viaggi tra la terraferma e la barca. "Gli stessi libici - ha riferito il tunisino - erano particolarmente duri con le persone di colore che stavano imbarcando e usavano i lunghi coltelli di cui erano in possesso, proprio per picchiare queste persone". Il sovraffollamento sulla barca era tale che veniva difficoltoso anche sedersi e, quando qualcuno lo faceva, doveva necessariamente sopportare il peso di altre persone che, per mancanza di spazio, ci si sedevano di sopra. Secondo i testimoni, agli immigrati non veniva assolutamente permesso di salire in coperta, nemmeno per prendere una boccata d’aria. Gli scafisti temevano, infatti, che il sovraffollamento in coperta avrebbe pregiudicato la stabilità dell’imbarcazione causandone il ribaltamento.

A distanza di poche ore dall'arresto di Saber Helal, la polizia i Ragusa ha fermato anche un altro tunisino, Naser Maa con l'accusa di aver pilotato il barcone di 229 immigrati, cittadini di Bangladesh, Mali, Ghana, Gambia, Costa D’Avorio e Senegal, giunti a Pozzallo ieri sera con la nave "Oreste Corsi" della Capitaneria di Porto che li aveva soccorsi. L’indagato, che ha ricevuto un compenso di 4.500 dollari per portare gli immigrati in Italia, è stato incastrato da un video da lui stesso realizzato durante la traversata. "Ho girato il video per ricordo - ha raccontato - volevo tenere con me queste immagini perchè sapevo che avrei rischiato sia di morire che la galera una volta giunto in Italia". Tra i 229 clandestini partiti dalla Libia un giovane del Bangladesh ha raccontato agli inquirenti di aver lavorato gli ultimi diciotto mesi per poter raggiungere l'Italia. Traversata che gli è costata 1.200 dollari. "Sono stato sistemato nella stiva, esattamente a poppa, vicino al motore - ha raccontato - l'imbarcazione sulla quale sono salito non era in buone condizioni ed era piccola per trasportare tutte le persone presenti tanto che ho temuto per la mia incolumità". Per questo motivo ha anche pensato di rinunciare al viaggio: "Nnon l’ho fatto perché avevo fatto tanti sacrifici per procurami i soldi per la traversata ed ero sicuro che i libici non me li avrebbero restituiti in caso di rinuncia". Appena la stiva si è riempita, un libico ha chiuso il boccaporto. "Molti di noi, me compreso, abbiamo cominciato a piangere dalla disperazione a causa della mancanza d’aria e dell’alta temperatura - ha concluso - non ci è mai stato somministrato cibo ed io ho bevuto l’acqua che avevo già portato con me all’interno di una bottiglia".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 20/07/2014 - 14:42

Tutte cose già ampliamente conosciute. Sarà bene, pertanto, capire sino a quando dovremo reggere questa farsa cattocomunista dei "salvataggi" effettuati a ridosso della battigia libica. "The business must go on". Ci sono fette di torta per tutti: scafisti, marina militare, associazioni Onlus (o sedicenti tali), caritas medici e "mediatori culturali". Viva l'accoglienza e l'integrazione! L'Europa tutta, intanto, guarda, ride e si tiene ben alla larga da queste nefandezze travestite da carità. Limitandosi ad esprimere il suo no più reciso a qualsiasi nostro tentativo di coinvolgimento. Solo i nostri governanti non si fanno scrupolo di tradire i loro cittadinie di consegnare il paese alla feccia afro-islamica.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 20/07/2014 - 15:22

"vuota il sacco"....Che grande novità!!Troppa,tanta gente che guadagna da questa "accoglienza",troppi voti di scambio,in favore dei "partiti" di governo,e anche della maggior parte dell'opposizione,da parte di tutti i coinvolti in questo "business",alla faccia della maggioranza degli Italiani,che pagano,che assistono inermi(per ora), a questa invasione!!

epesce098

Dom, 20/07/2014 - 15:46

QUESTO CON LA COMPLICITA' DEL NOSTRO GOVERNO!

Ritratto di giordano

giordano

Dom, 20/07/2014 - 16:08

ce' uno scafista che di fianco a casa mia si e' costruito la villa con piscina

NON RASSEGNATO

Dom, 20/07/2014 - 16:16

Con l'attivazione del sevizio traghetto della marina italiana il costo del biglietto è diminuito in quanto il tratto da percorrere a pagamento è più breve. Il resto del percorso è a nostro carico

killkoms

Dom, 20/07/2014 - 16:32

e i fessi italiani pagano..!

Mario Marcenaro

Dom, 20/07/2014 - 16:39

Ed ora la solita domanda, alla quale mai hanno risposto politici ed associati: ma perché mai questi disgraziati continuano ad impegnare cifre esorbitanti per "viaggi turistici " del genere, quando basterebbe l'acquisto di un biglietto aereo il costo del quale, non necessariamente anche con ritorno, è decisamente inferiore ed inferiore è il rischio di lasciarci la pelle? Qualcuno di buona volontà e un poco meno ipocrita si sarà mai domandato per quali motivi si comportano così? Che siano proprio tutti avversari politici dei loro governi? Anche i bambini o le donne incinte? Per favore, invece di lamentarsi per i comportamenti "peccaminosi" degli avversari politici e continuare a dissipare denaro che non abbiamo più, questi politici ed associati la smettano di fare i loro comodi disonesti e si impegnino a risolvere veramente i problemi, non utilizzarli a loro solo vantaggio. Basta, non ne possiamo più di soccorsi pelosi e del tutto inutili. Cercassero piuttosto di guadagnarvi onestamente lo stipendio, se ne sono capaci. In caso contrario...beh, meglio non dirlo, ma pensarlo possiamo ben farlo...

lamwolf

Dom, 20/07/2014 - 16:57

Nessuno scrive che fine fanno gli scafisti, se la magistratura li sbatte in galera oppure li rimanda indietro al fine di fargli fare qualche altro viaggio. Insomma vista la giustizia nel nostro paese c'è da preoccuparsi.

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Dom, 20/07/2014 - 17:19

Quanti scafisti stanno scontando una condanna in Italia? Secondo me nessuno. Mai letto sui giornali siciliani di un processo e condanna ad uno scafista. Dopo qualche giorno gli arrestati sono rilasciati per mancanza di prove atte a portarli in giudizio. Chi li accuserebbe il signor X, sparito nel nulla, per un reato commesso in acque libiche, maltesi o internazionali? Che pagliacciata e presa per il c...

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Dom, 20/07/2014 - 17:24

Mai sentito di uno scafista condannato nei media siciliani.... Ergo sono tutti rilasciati dopo qualche giorno.

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Dom, 20/07/2014 - 17:24

Mai sentito di uno scafista condannato nei media siciliani.... Ergo sono tutti rilasciati dopo qualche giorno.

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Dom, 20/07/2014 - 17:24

Mai sentito di uno scafista condannato nei media siciliani.... Ergo sono tutti rilasciati dopo qualche giorno.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di laghee100

laghee100

Dom, 20/07/2014 - 18:31

appena riconosciuti come "scafisti", vanno annegati !!senza nessun processo !!!

Anonimo (non verificato)

francesco57

Dom, 20/07/2014 - 19:35

X GiovanniBagheria Concordo pienamente con te. E i barconi che fine fanno? La Sicilia dovrebbe esserne piena oppure c'è il vuoto a rendere? Complimenti per la tua stupenda regione.

laura

Dom, 20/07/2014 - 19:40

Visto che una signora italiana, residente a Malta, inizierà' a caricare i clandestini sulla sua nave, dall'inizio di agosto, si può' sapere dove intende portarli? A Malta forse? Oppure il fanfarone toscano si e' offerto per il soggiorno a terra? La samaritana scafista ha anche pensato dove metterli, una volta sbarcati da qualche parte? Oppure li va a prendere e li mette sul groppone di qualcun altro? Visto che si e' ispirata al Papa, potrebbe portarli tutti o in Vaticano (oops non si può' :la clandestinità' e' reato) o in Argentina. P.S. Da quando in qua, ci si può' improvvisare scafisti, tanto poi ci pensa qualcun altro?

chiara 2

Dom, 20/07/2014 - 20:35

è tutto un delirio...

dondomenico

Dom, 20/07/2014 - 20:38

Sarebbe ora di chiudere definitivamente questa missione Mare Nostrum, è un fallimento ed è un incentivo alle partenze di questi sciagurati abilmente usati da una banda di criminali. Ma possibile che noi, Stato Italia, dobbiamo per forza usare le nostre Unità della M.M., C.P., G.di F., per andare in acque internazionali a fare da taxi? Ma ce lo ha forse ordinato il dottore? Possibile che non siamo capaci di fare come Malta, Grecia, Spagna...loro si fanno i c.... loro e nessuno li rimprovera. Finché questa missione sarà in essere,il flusso di clandestini non si fermerà, anzi, aumenterà

laura

Dom, 20/07/2014 - 20:39

Anch'io vorrei sapere che fine fanno gli scafisti fermati e dei barconi? Nessuno dice mai niente. Cosa ne pensate di una bella multa e di una pena minim di 10 anni? Abbiamo diritto di sapere, visto che paghiamo.

Ritratto di gabriele martini

gabriele martini

Dom, 20/07/2014 - 21:33

il bello che non rischiano nemmeno i punti patente, eppoi zero tutor, autovelox, restrizioni areee, parcheggi impossibili, arcigni tutori del traffico( ahahahaha, mi scappa da ridere, sorry)sempre inflessibili con gli italiani perbene, un po' meno con albanesi rumeni zingari, magrebini..beh, certo , si sa' , la paura fa' 90....insomma, vuoi mettere la spensierata e redditizia vita dello scafista, sempre abbronzato e con il centone che sbuca da tutti i taschini...

Linucs

Dom, 20/07/2014 - 23:55

Peché tu non manda di migranti in Israele, così noi amazza insieme di altri?

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 21/07/2014 - 07:54

C'è qualche Partito che ha le palle per portare il problema "migranti"in Parlamento. Oppure attendiamo l'arrivo dei prossimi 500.000 migranti per scoprire che non sapremo gestirli ? La situazione è drammatica , giorno dopo giorno peggiora , lo vedono I cittadini sulla loro pelle. La discussion in Parlamento è dovuta al Popolo Italiano per capire ,al momento dell'ineluttabile disastro , chi si è preso la responsabilità di fare invadere l'Italia. La legge ? semplicissima :chi non ha un visto non entra e torna a casa;vedi Cina,Russia,US e molti paesi Africani.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Lun, 21/07/2014 - 08:25

Mandiamo un traghetto. Biglietto 500 euro. Loro risparmiamo 1.000 euro e da noi, in ogni caso e magari a nuoto, ci arriverebbero ugualmente. Oltre al resto non ci copriremmo di ridicolo con l'operazione Mare Nostrum, una idiozia che solo menti malate e corrotte possono concepire.

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 21/07/2014 - 08:35

Certo che per essere dei fuggitivi non sono vestiti tanto male! sapete come fanno ad avere i soldi? semplice si fermano a lavorare in Libia un paio di mesi raccimolano il denaro e partono per l'eldorado Italia. Ve lo dico semplicemente perche'io mi trovo sul posto. Altro che bufale e tiritera dei soliti beoti buonisti.

paci.augusto

Lun, 21/07/2014 - 09:24

Anche questa criminale categoria di speculatori sulla pelle dei clandestini deve ringraziare tutto il sinistrume disonesto e bugiardo e gli ottusi falsi buonisti che hanno vergognosamente incoraggiato e promosso l'assalto alle nostre frontiere, CASO UNICO AL MONDO, anche senza documenti e permesso di lavoro!!! Stiamo subendo una vera e propria invasione di cialtroni, con forti presenze di delinquenti e criminali, stimolati dall'offerta italiana di assistenza sanitaria e mantenimento gratuito. Questi ' poveretti ' che tali non sono se possono pagare 3000 dollari a persona ai criminali scafisti, costano all'Italia MILIARDI DI EURO, sottratti all'aiuto che andrebbe dato alle tante famiglie in difficoltà ed ai milioni di giovani senza lavoro!! Ma è prevalsa la lurida ideologia di sinistra che punta ad ottonere il futuro voto di questi stranieri. Si domandino questi cialtroni COME MAI SIAMO L'UNICO PAESE AL MONDO ad avere ' mare nostrum ' e questa colpevole acquiescenza all'immigrazione clandestina, considerata REATO in TUTTO IL MONDO!!!

mbotawy'

Lun, 21/07/2014 - 10:55

Questo sta'a dimostrare che questi clandestini africani sono dei delinquenti,per permettersi di pagare 1500Euro a testa,quando dicono di essere disperati,a casa loro dove vivono con 100 Euro mensili a famiglia.Al loro arrivo all'"Unico Paese al Mondo di Bengodi",il nostro momentaneo governicchio,dona a questa marea di sconosciuti, assistena-pure soldi e alloggio.Lavoro? questo si chiama fai da te, prostituzione per le donne-vendita di bambini-e per gli uomini,assalto agli anziani-permesso di contrabando,dalle borse griffate alla droga.La chiamano i nostri leaders politici "La Crescita",a cambio di un voto al PD "integrato". Puo' continuare cosi' questo sfacelo dell'Italia?

ILPASSERO

Lun, 21/07/2014 - 14:26

andiamo con le ns, navi a prendere gli immigranti, saranno piu' tutelati cosi' tagliamo le tasche agli scafisti che non potranno piu' approfittare di poveracci e bambini, visti che per legge la clandestinita e' abolitae e gli emigrati possono sbarcare facciamo loro pagare magare una cifra ragionevole in modo da rientrare un poco dalle spese e tutelarli

ILPASSERO

Lun, 21/07/2014 - 15:24

gli scafisti guadagnano sulla pelle degli immigrati. la legge sulla emigrazione clandestina e' stata abolita, sarebbe logico allora andare a prendere gli immigrati in loco direttamente e farli pagare un giusto prezzo in tal modo verranno tutelati e lo stato potrebbe rientrare in parte delle spese che sostiene e soprattutto gli scafisti se lo prendereranno nel c... comunque la legge che ha abolito l'emigrazione clandestina e' quella che direttamente ha prodtto i maggiori danni sia per gli immigranti che per chi li accoglie

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 22/07/2014 - 11:34

Questa operazione esprime il peggio dell'inettitudine italiana e spiega bene come mai siamo arrivati al collasso. Si è apprestato un servizio taxi per gli scafisti, anziché attivare, se proprio lo si voleva, un regolare servizio di traghetti per consentire il transito agli aventi diritto in condizioni dignitose, magari recuperando parte del costo, visto che i profughi pagano somme enormi per il passaggio. Ovviamente, prima dell'imbarco si sarebbero dovute fare le indispensabili verifiche sanitarie e legali sull'esistenza delle condizioni per la partenza, ma in Italia, coi politici e i dirigenti che ci troviamo, funziona tutto al contrario e, per di più, dobbiamo sentire dei cialtroni di politicanti appellarsi in tv al nostro senso di umanità, che è ormai morto, visto che ci hanno portato all'indigenza e alla pena quotidiana.