Inghilterra, al party delle matricole distribuiti migliaia di profilattici bucati

Le matricole dovevano salutare il nuovo anno con una festa tradizionale, ma gli organizzatori hanno pensato di fare loro un brutto scherzo. Ora, tantissime studentesse sono a rischio gravidanza

Doveva essere la festa delle matricole universitarie, una festa per inaugurare il nuovo anno accedemico, ma un scherzo di cattivo gusto ha messo nei guai centinaia di ragazzi.

Gli studenti più giovani dell'università di Coventry (Inghilterra) sono stati invitati al party per inaugurare il nuovo anno. Al loro ingresso hanno trovato alcuni organizzatori che distribuivano profilattici colorati. Il senso di questa trovata era molto chiaro: "Visto che prenderai una bella sbronza, tieni questi condom e quando dovrai fare sesso usali".

Se state pensando, "oh che bravi organizzatori", è presto detto. Infatti, dietro a questa opera di bene, si nasconde un brutto scherzo: i profilattici erano bucati, le matricole non lo sapevano, gli organizzatori sì. Come riporta ilMessaggero, questa operazione potrebbe aver provocato diverse gravidanze indesiderate di giovani studenti che, presi dal contesto della festa e pensando di avere le spalle coperte con i condom, hanno consumato un rapporto.

Gli organizzatori, rendendosi conto di quello che hanno combinato, hanno subito dato la loro versione dei fatti spiegando che il loro intento era quello di "giocare educando alla prevenzione". "Quei condom, in realtà, erano solo dimostrativi e non dovevano essere usati come contraccettivi o per evitare mallatie sessuali perché si possono lacerare facilmente - spiega uno degli organizzatori -. Noi abbiamo avvisato le matricole di non usarli perché erano da intendersi come oggetti per scherzare".

Ma questa loro giustificazione arriva all'indomani di tutto il casino, e lo scherzo, come lo hanno chiamato loro, potrebbe costare, o meglio, essere già costato molto caro a centinaia di studenti. Gli organizzatori, poi, si discolpano ulteriormente dicendo che le matricole avrebbero dovuto accorgersi che quei profilattici non erano sicuri perché sulla confezione non c'erano né marchi né scritte.

Ma è evidente che questa giustificazione ha poco conto, a fine serata, quando gli studenti hanno ingerito litri di alcol e spesso non ricordano neanche il loro nome, è impossibile che facciano caso ai marchi dei preservativi. Ora, gli studenti più grandi stanno cercando diversi escamotage per non finire nei guai, in città è scoppiato il caos generale e gli inquirenti hanno dovuto aprire un'indagine per capire come gestire le possibili gravidanze indesiderate.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Gio, 29/09/2016 - 15:15

Preservativi bucati? Che scherzi del cxxxo!

Cianna

Gio, 29/09/2016 - 18:13

invece dei messaggi alla Lorenzin gli inglesi passano ai fatti

telepaco

Gio, 29/09/2016 - 19:35

Inglesi, il popolo più insulso e insipido d'Europa, solo loro possono divertirsi con questi scherzi idioti