Ischia, il bus degli studenti pubblicizza la cannabis: è polemica

A Ischia è polemica, per la pubblicità di un negozio che vende prodotti a base di Cannabis, su un bus che porta gli studenti a scuola

Su un bus dell'Eav, che a Ischia portano gli studenti a scuola, è spuntata una pubblicità, subito oggetto di polemiche. Le fiancate dell'autobus, infatti, si sono colorate di nero sul quale spicca una foglia verde a sette punte, con la scritta "Cannabis store Amsterdam", con tanto di marchio di originalità del prodotto.

Nonostante negli ultimi mesi, in Italia, ci sia stato un boom nella vendita di alcuni prodotti commestibili a base di canapa, il suo uso non è diventato legale. Infatti, semplicemente, i produttori hanno trovato il modo di commerciare la pianta stando nel limite previsto, che fissa la presenza del principio attivo Thc allo 0,6%. Ma la preoccupazione dei genitori e degli eductori, in merito all'uso di tale sostanza, non è diminuita.

E ora, la pubblicità che, senza riserve, inneggia all'acquisto di tisane, infusi o olii a base di cannabis scatena le polemiche dei social e dell'Amministrazione comunale di Casamicciola, in provincia di Ischia. Infatti, il consigliere comunale, con delega alla Pubblica Istruzione, Nunzia Piro parla della pubblicità come di un atto "altamente disdicevole e diseducativo", perché si trova su un bus che va a prendere gli alunni della scuola media statale Scotti. L'attacco è rivolto all'azienda che pubblicizza "prodotti che impoveriscono le capacità intellettuali, favoriscono i disturbi psichici, causano dipendenza", nonostante gli stessi dipendenti siano genitori e quindi educatori. La richiesta, rivolta ai vertici dell'Eav bus, la società che gestisce il trasporto pubblico su gomma, responsabile anche del bus incriminato, è quella di "sostituire immediatamente il bus che dovrà trasportare gli studenti casamicciolesi fino alla fine dell'anno scolastico e di non utilizzare mai più questo bus con le scritte cannabis", perché "è una vergogna".

La tratta su cui opera il bus è Casamicciola-Ischia, frequentata dagli studenti che devono recarsi a Ischia, a causa dell'inagibilità della scuola del proprio Comune, dovuta al terremoto del 21 agosto 2017.