Isis decapita 15enne: sul cellulare aveva canzoni e foto "oscene"

L'esecuzioni degli uomini dello Stato Islamico continuano. La vittima di oggi è un 15enne accusato di avere sul cellulare materiale "osceno". Il ragazzo è stato decapitato

La ferocia degli uomini del Califfo non ha fine. Neanche i bambini hanno scampo alla loro crudeltà e alle loro logiche malate.

A Mosul, città nel Nord dell'Iraq, gli uomini dell'Isis avrebbero decapitato un ragazzino di 15 anni. A riportare la notizia è il profilo Facebook della "Rete di giornalisti di Ninive" (NRN). Secondo quanti denunciato dai giornalisti, il ragazzino sarebbe stato decapitato perché nel suo cellulare sarebbe stato trovato materiale "osceno". Per gli uomini del Califfo il termine osceno sta ad indicare la parola "pornografia".

I jihadisti avrebbero prima sgozzato il ragazzo con un coltello e poi avrebbero consegnato il corpo alla famiglia. Gli attivisti della "Rete di giornalisti di Ninive" hanno anche riferito che "la polizia dell'Isis aveva arrestato il bambino 20 giorni fa nel mercato di Nabi Yunis (a ovest del fiume Tigri) per aver trovato nel suo cellulare canzoni e fotografie oscene". Secondo parenti della vittima citati da NRN, al momento della sepoltura, i genitori si sarebbero accorti che il corpo era completamente privo di sangue. "Gli aguzzini - secondo quanto detto dai famigliari agli attivisti di NRN - lo hanno lasciato per terra fino a quando il corpo non ha perso ogni goccia di sangue".

Commenti

venco

Mar, 16/02/2016 - 17:06

Per quelli dell'isis le regole islamiche valgono per gli altri, non per loro

Holmert

Mar, 16/02/2016 - 17:11

Altro che unioni gay, in Italia ci vorrebbe almeno un lustro di ISIS e non solo in Italia ma in occidente,per raddrizzare un po' la barra di tutto questo marciume e pxttanismx. Pensate che abbiamo innalzato agli onori pornodivi e pornodive,quelle che lo prendono attraverso tutti i pertugi. Qualche hanno di inferno per purificarsi l'anima non ci starebbe male. altro che amore, misericordia, le guance,i vitelli ,le prime pietre e quant'altro.

Raoul Pontalti

Mar, 16/02/2016 - 17:15

Con ogni probabilità una bufala, l'ennesima.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 16/02/2016 - 17:23

tradizioni sboldriniane da importare in europa

27Adriano

Mar, 16/02/2016 - 17:46

bestie criminali, tanto care alla sinistra italiana

Fossil

Mar, 16/02/2016 - 18:04

Perchè dovrebbe essere una bufala? Per poter dire che i culi al vento sono tutti bravi, buoni e belli? Queste bestie sono capaci di tutto...comunque date un'occhiate al sito UNAVOX che ho scoperto per caso ed è ricco di foto e video, poi ne riparliamo...

Ritratto di bandog

Anonimo (non verificato)

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 16/02/2016 - 18:45

certo se parlano bene dei comunisti tu sei il primo ad essere dáccordo Mr. PONTALDI, mai dire quualcosa contro ehehehe

euge50

Mar, 16/02/2016 - 19:09

Sono dei veri criminali. Pero', pensandoci bene se facessimo anche noi la stessa cosa a coloro che rubano negli ospedali o trattano male gli anziani nelle case di riposo o maestre che prendono a schiaffi, calci strattoni dei bambini, chissà, non è umano. Sarebbe meglio metterli in un carcere vero per un decennio a meditare sul loro comportamento. Ma forse forse ...... be' se gli tagliamo la testa gli facciamo ancora un favore ... non marcirebbero in carcere ed eviteremmo di doverli anche mantenere.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 17/02/2016 - 12:38

eppure I pagliacci mussulmani sostengono “Nell'Islam non esistono costrizioni. Nessuno ha il diritto di obbligarvi a dire preghiere, né Dio né vostro padre. Quindi siete liberi, pensateci; la cosa fondamentale è non rubare, non mentire, non picchiare chi è debole e chi è malato, non tradire, non calunniare chi non ha fatto nulla, non maltrattare i propri genitori e soprattutto non commettere ingiustizie.”