Le italiane convertite all'islam: "Viviamo libere sotto il niqab"

Indossano il velo integrale, seguono l'insegnamento salafita e non prendono le distanze dalla sharia. "La divisione tra religione e politica non esiste"

"Quando nel 2005 mi sono convertita, l’islam era come il demonio. C’era stato da poco l’attentato alle Torri Gemelle. L’attenzione verso l’islam era forte, soprattutto in una visione negativa. Fu in que l momento che la mia curiosità si accese verso quella religione. Volevo capire cosa c’era davvero di cattivo. Dopo due anni di studi e ricerche abbracciai l'islam, io e anche mio marito". A parlare è Asmaa: ha cinquant'anni e, nonostante sia italiana, si presenta con il suo nome arabo. Quando Karima Moual, giornalista della Stampa, la incontra per intervistarla, indossa il velo integrale. Si intravedono appena gli occhi. Il resto del corpo è interamente coperto da un lungo niqab. È il volto (nascosto) delle italiane convertite e sottomesse all'islam.

"Da sempre - racconta Asmaa alla Stampa - sono stata una cattolica praticante. Poi è arrivato un momento nella mia vita in cui ho sentito che la mia religione non era abbastanza. Fu in quel momento che ho iniziato un percorso di ricerca spirituale. Ho letto di tutto, finanche il buddismo". Poi ha abbracciato la dottrina dei Salaf, quella dell'islam radicale. "È quello che si rifà all'islam tradizionale e letteralista - spiega - quello delle prime tre generazioni di musulmani, ossia quella del profeta e le due successive". Lo praticano in Arabia Saudita e in Qatar, due paesi che per intenderci finanziano metodicamente i tagliagole dello Stato islamico. E Asmssa sogna proprio di andare a vivere in Qatar: "Almeno lì potrò vivere libera l'islam nel mio niqab".

Di italiane che hanno deciso di convertirsi e, quindi, di sottomettersi alle regole dell'islam sono tante. Elena Hayam Murgia, per esempio, ha quarant'anni e abita a Milano. "Quando ero ancora sposata - racconta alla Stampa - mio marito lavorava in un’impresa con molti operai musulmani e qualche volta gli hanno regalato dei libri sull'islam. Fu così che ho iniziato a leggerli e a conoscere l'islam. Da quel momento ho iniziato, di nascosto da mio marito, a cercare sul web risposte a miei quesiti in lingua italiana. Nel 2011 mi sono recata da sola alla moschea di Sarocco per la conversione". Quindi, ha iniziato a portare il velo islamico e a seguire il salafismo, versione dell'islam ritenuta il passo precedente alla radicalizzazione.

Elena Hayam critica pesantemente la Lega Nord. Ce l'ha con il governatore Roberto Maroni e con la sua scelta di limitare l'uso del niqab in Lombardia. "Certo - spiega - non è obbligatorio ma è consigliato soprattutto nei periodi di fitna". Secondo una interpretazione salafita, la fitna indica il periodo di prove a cui viene sottoposto il genere umano. In Occidente, per esempio, i musulmani intendono con fitna la strumentalizzazione del corpo della donna. Anche Silvia Aaminah Ianello, studentessa 28enne di giurisprudenza, non esclude di metterlo. "Il mio incontro con l'islam c’è stato grazie a un ragazzo tunisino - racconta - osno rimasta colpita dalla sua cultura e dal suo credo Islamico, che era tutt’altro rispetto a ciò che si raccontava. Mi colpì moltissimo che il Corano, rispetto alla Bibbia, era un testo che non era mai stato snaturato, modificato dall’uomo. Il mio cammino verso la conversione è avvenuto attraverso lo studio dei libri, internet ma soprattutto la frequentazione della moschea, dove mi sono convertita. Mi ricordo ancora il giorno, quando, nonostante i miei famigliari fossero scettici per questa mia scelta, non mi hanno mai lasciata sola. Sono andata in moschea accompagnata da mia madre, da mia zia e un mio caro amico. Mi portarono persino una torta per festeggiare. Fu un momento di grande commozione. Da quel momento la moschea diventò la mia seconda casa".

Il niqab non è certo l'unico punto controverso dell'islam. Col velo il "solo" problema riguarda le limitazioni delle libertà della donna. il vero problema è la sharia. Perché per i musulmani non esiste divisione tra religione e politica. "Se da Occidente vengono criticate alcune pratiche sharaitiche perché contro i diritti umani - ammette Karima Moual - è difficile sentire qualche voce contro. La Sharia è la legge di Dio, dicono".

Annunci

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 12/01/2016 - 10:37

Fanatica prima,fanatica ora,fanatica sempre!!!.....Il "suicidio dell'intelletto"!!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 12/01/2016 - 10:41

ve lo dissi che le musulmane VOGLIONO essere sottomesse ai loro uomini

GuglielmoRinaldini

Mar, 12/01/2016 - 10:43

L'annullamento della identità oltre a configurare reati di pubblica sicurezza può configurare la violenza privata (c.d.violenza psicologica) e la riduzione in schiavitù. A nulla rilevano affermazioni quali "ho scelto liberamente il niqab" in quanto stiamo parlando di società e organizzazioni che del brainwashing e della violenza socialmente impartita fanno un cardine del loro credo che ricordiamolo è dogma da seguire nella vita non esistendo la separazione che esiste nei paesi laici. Prima di diffondere allegramente queste parole una attenzione va posta al contesto sociale e poi anche a disturbi psichiatrici che trovano qui in luogo di una terapia al contrario un brodo di coltura favorito da internet senza che vi sia alcun operatore medico o di intelligence che spieghi che cosa in realtà stia avvenendo (quindi ISIS come sociopatia psichiatrica massiva che aggrega persone con gli stessi disturbi psichiatrici).

Alessio2012

Mar, 12/01/2016 - 10:43

Questa è la mentalità delle donne italiane, una specie di mentalità omertosa, molto più diffusa al nord, che quando si sposano difendono sempre a spada tratta il marito, qualsiasi cosa faccia.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 12/01/2016 - 10:44

Sono contento che hanno scelto"liberamente! con il proprio c..ervello, però devono completare il percorso abiurando la cittadinanza Italiana e andando a vivere nel daesh,luogo più congeniale alla loro c..onversione!CIAPARATT!!

VittorioMar

Mar, 12/01/2016 - 10:45

...e le battaglie FEMMINISTE anni '70??

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 12/01/2016 - 10:45

I cervelli deboli non si smentiscono mai. Non contenta dei dogmi evangelici, costei s'è rifugiata in quelli coranici. Eppoi ci si meraviglia se la civiltà è sull'orlo della regressione totale. Con la sostituzione, nelle scuole, della teologia islamica all'insegnamento della matematica e della filosofia nei territori occupati dall'ISIS. Diffidare, sempre, di quelli che viaggiano con Dio in tasca. Ovvero: i bigotti.

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Mar, 12/01/2016 - 10:47

E triste vedere persone avere bisogno di un credo, una religione per poter o avere un motivo per vivere. Molto triste. Menti deboli e pericolosi. Si parla di corano, di bibbia libri scritti da uomini.Vedo tutti questi solo come delle menti deboli che senza religione sarebbero smariti al punto di non voler piu vivere.Altro che 72 vergini o porggiamo l'altra guancia per aprirci le porte del paradiso!!!! Vergogne umane tutte!!!

veraen

Mar, 12/01/2016 - 10:56

una volta c'erano i centri di salute mentale dove curavano le persone affette da patologie psichiatriche....

HappyFuture

Mar, 12/01/2016 - 10:59

.....E come facciamo con queste donne che NON vogliono essere "librate"?

Ritratto di gammasan

gammasan

Mar, 12/01/2016 - 11:03

E' giusto e legittimo avere delle convinzioni. Io, per esempio, credo che la terra sia piatta e che i bambini li porti la cicogna...

VESPA50

Mar, 12/01/2016 - 11:04

E perchè stanno ancora a casa nostra queste dementi? Perchè non vanno a pascolare pecore e cammelli in quesi posti che definiscono paradisi? Che pazzia avere abolito i manicomi

Ritratto di Zaakli

Zaakli

Mar, 12/01/2016 - 11:05

Care signore, scusate! Ma che un fatto così intimo, personalissimo e, sopratutto, trascendentale quale non può non essere un credo religioso, appunto, e che quindi non può ,per natura, non tendere alla liberazione dalle pulsioni e quindi all'emancipazione dall'immanente, e dai di questo condizionamenti, all'opposto vi incateni allo stesso condizionando così pesantemente la "povera" dimensione umana e terrena dopo che, appunto, credete di avere inteso già qui e in questo momento il vostro significato-senso-ultimo, non stride??? Non è, per fare un esempio, come se scalassi l'Everest per avere una visione d'insieme del mondo dall'alto e poi però si scopre che sono cieco completamente! Probabilmente se già vi prenderete la briga di leggere quanto ne intendere poco è qui già si capisce l'importanza di quanto la scuola, non, ha fatto!!!

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Mar, 12/01/2016 - 11:06

follia pura da dementi traditrici.....non sono degne di chiamarsi italiane...........

il_viaggiatore

Mar, 12/01/2016 - 11:06

Se uno legge Bibbia e corano la differenza la trova e pure tanta. Il corano è ripetitivo in maniera ossessiva, e non ripete altro che "sottomissione-sottomissione". Per il resto vale zero perché è fatto di pezzetti di Bibbia rattoppati e storpiati. Anche non considerando la Bibbia un testo sacro, da un punto di vista squisitamente letterario c'è un abisso. Ma è il caso di fare un piccolo confronto tra Vangelo (parte della Bibbia) e corano: Gesù dice "lasciate che i bambini vengano a me" e si scaglia contro chi fa del male ai bambini; invece al-Khidr uccide un ragazzino di passaggio perché Allah gli ha detto che non era credente. Fate voi le differenze.

Tuthankamon

Mar, 12/01/2016 - 11:08

Magari queste erano quelle che criticavano il cristianesimo e la Chiesa cattolica. L'apoteosi del relativismo conformista e politicamente corretto! La madre degli imbecilli è sempre più prolifica!

fedeverità

Mar, 12/01/2016 - 11:10

Ma che razza di suonata ci sono in giro!!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 12/01/2016 - 11:17

Ciò che le spinge è la ricerca dei cinque minuti di notorietà, per dirla alla Andy Warhol. Da occidentali sono una nullità, da convertite all'islam fanno notizia. In pratica la differenza sta nel sudario nero che indossano. Anzi, loro sono solo il sudario nero e null'altro.

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 12/01/2016 - 11:19

ANDATE A E BUTTATEVI ......... SIETE PROPRIO SENZA CRITERIO. ALLORA BUTTATE LA VOSTRA DIGNITA' NEL CESSO

il_viaggiatore

Mar, 12/01/2016 - 11:22

Libere di farsi crescere i baffi.

marcomasiero

Mar, 12/01/2016 - 11:27

hahahahahahahaha ... libere ... !

giza48

Mar, 12/01/2016 - 11:35

Cosa dire ? Sono delle poveracce meschine, senza capacità di analisi interiore e tanto meno culturale. Come si fa ad abbandonare il Credo dell'Amore, del Perdono, della Misericordia di Dio che ci lascia liberi arbitri con la nostra coscienza sul bene e il male; per abbracciare la religione della violenza sul non credente, della sottomissione ai cosidetti precetti, sopratutto riguardo alle donne, dell'annullamento dell'individuo e dei sui diritti umani faticosamente conquistati grazie alla azione del Credo Cristiano, dell'oscurantismo dei pastori trogloditi dell'Arabia anche se viaggiano con le più lussuose auto, delle quali niente la loro civiltà ha apportato. Complimenti signore, andata pure a nascondervi dietro il vostro straccio, la pena sia con voi.

vince50_19

Mar, 12/01/2016 - 11:46

GuglielmoRinaldini - Daccordo.

Aegnor

Mar, 12/01/2016 - 11:55

Il Sboldrinismo fa presa sulle menti deboli,al punto da desiderare di essere dominate fino ad auto annullarsi come essere umano e come donne,trasformandosi in sacchi vaganti senza identità

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Mar, 12/01/2016 - 11:55

Esulta il piddì, che vede arricchirsi ulteriormente il suo bacino elettorale.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mar, 12/01/2016 - 11:57

Quando manca un qualsiasi punto di riferimento il primo che si trova va sempre bene. Questa è la conseguenza di decenni di degrado, di un’istruzione che istruzione non è stata e di uno sbandamento generazionale che non è riuscito a tenere il passo con il cambiamento dei tempi e delle idee. E’ un passo indietro che paradossalmente si giustifica come una “rivoluzione” contro una società - senza valori da proteggere e seguire - alla quale non sentono più d’appartenere.

Requiem sharmutta

Mar, 12/01/2016 - 11:59

Che problema c'è?....si trasferiscano nel Paese del loro marito mussulmano....e se la godano! Forse non è chiaro che in Italia si vive, e si vivrà, come noi italiani abbiamo deciso di vivere, ossia con le donne libere di vivere come vogliono e senza condizionamenti degli uomini.

Requiem sharmutta

Mar, 12/01/2016 - 12:01

Mi rattrista vedere che su Repubblica oggi non c'è più alcun riferimento ai fatti di Colonia. Comunisti, marci!

clamajo

Mar, 12/01/2016 - 12:06

Cervelli all' ammasso...

eolo121

Mar, 12/01/2016 - 12:08

il medioevooo che tornaa .. donne del medioevooo sonooo

giovanni PERINCIOLO

Mar, 12/01/2016 - 12:10

Come no, anche i galeotti vivono "liberi" in cella!

Ritratto di marapontello

marapontello

Mar, 12/01/2016 - 12:21

Leggendo i commenti di certi quaquaraquá, debbo dire che le comprendo. Nella societá occidentale ormai atea, non c' è alcun rispetto per il 'femminino sacro',ciò che invece viene messo in risalto dalla religione cristiana cattolica. Le donne occidentali non sono affatto libere; solo perchè possono permettersi di essere disinibite o perchè a 50 anni possono divorziare e fare le milf con il toy-boy o raggiungere posizioni di potere non significa che siano libere. Molto spesso diventano la peggior brutta copia del maschile.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 12/01/2016 - 12:22

Qualsiasi MENTE DEBOLE può essere catturata da qualsiasi cosa,vera o falsa che sia, ma, più spesso, da quella falsa.

Ritratto di Dentes72

Dentes72

Mar, 12/01/2016 - 12:29

Persone che chiaramente hanno seri problemi psicologici.

@ollel63

Mar, 12/01/2016 - 12:30

il comunismo del cervello sinistrato mostra un encefalogramma piatto. Motivo? Manca del tutto.

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 12/01/2016 - 12:30

SECONDO ME. L'uomo VERAMENTE libero e schivo d'ogni forma di violenza, materiale e psicologica (se non per imprescindibile difesa), non può abbracciare nessuna forma di religione, poichè si troverebbe immediatamenta in contrasto con la predicata ed imposta ENTITA' DIO. L'uomo deve imparare ad accettarsi così come NATURA l'ha fatto, praticando il MASSIMO RISPETTO verso tutti gli altri esseri, per i quali non deve cercare sottomissione, ma LIBERA COLLABORAZIONE.

HappyFuture

Mar, 12/01/2016 - 12:34

@Willy Wonker, TRISTE sei TU e gli atei che non hanno il CONFORTO DELLA FEDE. La fede in Dio, nello stesso Dio dei Cristiani, dei Mussulmani e degli Ebrei è una FEDE di "Misericordia". E' una fede di SPERANZA. Essere atei è..... disperazione!

Giancarlo MATTA

Mar, 12/01/2016 - 12:40

Tanto per cominciare: l'islam è contro il nostro ordinamento giuridico,e non può essere praticato in Italia. Dove, tra l'altro, è vietato e punito il circolare col volto mascherato. La convertita corra pure a trasferirsi in qualche paese islamico. e ci rimanga per sempre. Lo zotico ama l'esotico.

vince50_19

Mar, 12/01/2016 - 12:43

marapontello - A parte che le donne occidentali non sono quello che lei dice: ha qualche statistica da far vedere? Dall'altra parte, ad es. quella musulmana, possono permettersi cosa e in più rispetto alle donne cosi dette occidentali? Qui ognuno sceglie il proprio modus vivendi e cosa fare nella propria vita, altroché! Che poi l'ateismo faccia proseliti questo è altro: è una scelta che nel mondo occidentale è possibile "abbracciare" e che può non piacere.

altanam48

Mar, 12/01/2016 - 12:46

Per quanto mi riguarda possono anche sposare Belzebù in persona, andare a letto con Maometto e affogarsi invocando Allah.....l'essenziale è che osservino le leggi secolari dello Stato, comprese quelle che riguardano lo stare in pubblico senza maschere

Ritratto di inserraglio

inserraglio

Mar, 12/01/2016 - 12:52

Viviamo libere perché abbiamo portato il cervello e cervelletto a riposare.

alberto_his

Mar, 12/01/2016 - 12:56

Vogliamo lasciare a queste signore il diritto di determinare la propria vita?!? Non vedo dal basso di quale pulpito le si possa giudicare.

Chattanooga

Mar, 12/01/2016 - 12:58

"Viviamo libere sotto il niqab." Qualsiasi carcerato è libero di girare dove vuole all'interno della sua cella.

Maver

Mar, 12/01/2016 - 13:09

Condivido solo in parte @marapontello, ossia: quando denuncia l'imitazione del potere maschile da parte delle donne, mentre il "femminino sacro" me lo lasci dire è solo una fisima femminista che tenta di sacralizzarsi (per l'appunto). Credo (senza la pretesa di avere ragione), che in realtà il problema ruoti intorno ad un dato di fatto: la libertà che conosciamo non è una conquista, ma una regalia. Si nasce liberi e si commette l'errore di credere questa una condizione talmente naturale da rasentare la banalità, così si approda al suo disprezzo. Errore imperdonabile, il medesimo di quanti oggi vorrebbero regalare la cittadinanza a chiunque. Otterranno il medesimo risultato.

Franco Ruggieri

Mar, 12/01/2016 - 13:16

Ma quale corano (con la minuscola) hanno letto? Lo sto leggendo e ci trovo, oltre a contraddizioni sesquipedali che si concretizzano anche in 225 abrogazioni (cosa in contrasto con l'eternità del corano), assurdità che una intelligenza media non può che deridere. La limitata dimensione del commento mi impedisce di dilungarmi. Dico solo che al versetto 7, 26 si legge: "l'abito del timor di Allah è il migliore" (versione UCOII), cioè: il miglior vestito è il timor di Dio". Che cavolo c'entra il niqab!

Iacobellig

Mar, 12/01/2016 - 13:27

CON I MANICOMI CHIUSI QUESTI SONO I RISULTATI DI CHI È LIBERO!!!

soldellavvenire

Mar, 12/01/2016 - 13:30

Io sono agnostico e le faccende dei credenti mi toccano. Tuttavia faccio cortesemente notare che le religioni monoteiste richiedono una forma più o meno rigida di sottomissione alle loro regole. Il fatto che voi cristiani vi sentiate liberi di infrangere le vostre regole a vostro piacimento non significa che tutti debbano essere come voi: anzi molti desiderano essere diversi proprio per questo motivo

Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 12/01/2016 - 13:35

Prima di essere islamiche, e seguire le sue stupide leggi, queste fanatiche residenti in Italia dovrebbero rispettare le leggi italiane. E' dal 1975 che in Italia esiste una legge in cui si vieta di coprirsi il volto nei luoghi pubblici, legge resa ancor più restrittiva con la legge n.155 del 2005... quindi che non facciano troppo le spiritose e si attengano ai regolamenti del Paese in cui risiedono.

Rainulfo

Mar, 12/01/2016 - 13:35

In Italia è stata abolita la religione di stato. Se queste signore vogliono abbracciare un fede che si fa stato che è la negazione di quanto disposto dalla nostra costituzione allora sarebbe il caso, oltre ad abbracciare islam e niqab, di rinunciare alla cittadinanza italiana. Accompagnatele in Siria o in Arabia Saudita, è la loro passione no?

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 12/01/2016 - 13:38

IO; DA PERSONA INTELLIGENTE MI RIFIUTO DI SCRIVERE UN COMMENTO;SU QUESTE IDIOTE AL QUADRATO!!!.

Dako

Mar, 12/01/2016 - 13:39

Aspettiamo il commento del Prof. Raul Pontalti!!

Malacappa

Mar, 12/01/2016 - 13:49

Si vivono libere,stupide oche,senza offesa per le oche,prima lottano per i diritti delle donne poi tornano all'eta' della pietra questo si chiamo demenza.

Maver

Mar, 12/01/2016 - 13:54

@soldellavvenire, quando mai i cristiani si sono sentiti liberi d'infrangere le loro regole? Accetti un consiglio, non creda a tutto quello che le dicono.

Ritratto di marapontello

marapontello

Mar, 12/01/2016 - 13:58

Ma vi rendete conto che la libertá e la democrazia sono una farsa vero? Se vi credete più liberi di queste con il burqa, allora siete ciechi. Leggetevi il mito della caverna di platone. Siamo schiavi imprigionati, con catene invisibili e condizionati da bisogni indotti. Solo la Verità cristiana rende liberi e dovrebbe essere universale. Ma è troppo scomoda. Sinceramente trovo molta più libertà nell' essere nessuno, in una cella silenziosa davanti a Dio, anziché dover sopportare la stupiditá, la volgarità e lo squallore di un mondo ateo.

marco.olt

Mar, 12/01/2016 - 13:58

Milioni di donne nel mondo hanno lottato decenni per ottenere giusti diritte e libertà ora ci sono le masochiste che fanno un tuffo nel passato di 1500 anni, proprio delle poverette a livello cerebrale.

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Mar, 12/01/2016 - 14:00

Happy future, mi fai veramente pena!! Sei un malato/a romanticismo celestiale "Fede" (cosa astrata) che e una forma di lavaggio al cervello amesso che esista!! Si definisce ateo o atea chi non crede in alcuna divinità o ne nega l'esistenza. Quetso non l'ho detto a differenza di te che hai certezza basato sul "sentito dire" o "letto scritto". Credo nel uomo, nel bene e male e nel buon senso. Credo insomma innanzitutto nell'uomo creato ad immagine di dio. Fino a prova contraria esiste il libero arbitrio, libertà di scelta. Per quanto riguarda Dio/Allah non posso dire che esistono veramente come dice la chiesa o gli imam ma sicuramente non credo in queste entita umane. Sono felice e vivo in pace sopratutto con me stesso. Lasciami questa libertà. Tineniti le tue frustazioni.

Ritratto di SellaDelDiavolo

SellaDelDiavolo

Mar, 12/01/2016 - 14:06

Il problema non è metterlo, il niqab, ma toglierlo, se si dovesse decidere in futuro che ci si sentiva più liberi in jeans e magliettina ...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 12/01/2016 - 14:11

A giudicare dal commento h 12.21 sembrerebbe che tutte le donne occidentali siano donne di potere o disinibite o milf che giocano coi toy-boy. Una immagine molto RIDUTTIVA. Ci sono migliaia di donne che,per l'attività che svolgono, sono tutt'altro che donne di potere,si pensi alle infermiere alle volontarie alle baby sitter etc.Non tutte divorziano e non tutte sono tr....Ma tutte sono realizzate e,soprattutto, libere.NON mi risulta che queste conquiste esistano nei paesi musulmani, dove la donna è considerata un oggetto da stuprare e basta e deve andare in giro come un sacco della spazzatura vagante, senza alcuna identità ne dignità. Aggiungo che,come noto, il lavoro nobilita l'uomo qualunque esso sia.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 12/01/2016 - 14:22

#alberto_his- 12:56 Dal pulpito della psichiatria.

il nazionalista

Mar, 12/01/2016 - 14:27

Bene liberate anche noi dalla vostra presenza!! Levatevi dalle pal.le!! Andate nel maomettanistan!!!

unz

Mar, 12/01/2016 - 14:28

ponti d'oro. invece dei 30 euro al giorno a chi viene, si diano 30 giorni a chi va nei paradisi islamici.

roberto.morici

Mar, 12/01/2016 - 14:28

Sono un buon ateo. Da molti decenni. Da occidentale , educato alla convivenza civile, nutro il massimo rispetto per le opinioni di ogni individuo. Mi sono letto, molto diligentemente il Vangelo, e sono impegnato, con uguale diligenza e molto più tempo a disposizione, a tentare di leggere il Corano (edizione curata da Hanza R. Picardo). Sono al quarto o quinto tentativo. Una noia indicibile, dello stesso livello di quella che mi costrinse a smettere la lettura di alcune opere di Proust. Con il Corano provo ad andare avanti ma non riesco a liberarmi dalla fastidiosa sensazione di star solo consultando un noiosissimo manuale tecnico per Geometri o Periti. Non c'è niente lasciato alla iniziativa individuale: tutto è miuziosamente e molto pedestramente codificato ed in maniera fastidosa e pesante. La cosa che mi urta particolarmente è la massima scrtta sul frontespizio del Volume: "Questo è il libro su cui non ci sono dubbi".

Luigi Fassone

Mar, 12/01/2016 - 14:29

Strana religione che promette 72 vergini a chi,maschio,si sacrifica in nome dell'Islam,e alle donne non promette neppure un masculo anche se non fustacchione...

Ritratto di chiri

chiri

Mar, 12/01/2016 - 14:41

Libere? sono prigionieri dell'odio del disprezzo e della violenza altro che libere

al40

Mar, 12/01/2016 - 14:52

L'aspetto strano di queste "conversioni" è che tutte sembrano ambire,come massima aspirazione, a coprirsi integralmente......che abbiano qualcosa da nascondere?In ogni caso sarebbe interessante sottoporle ad una seduta psicoanalitica per comprenderne le vere ragioni:ognuno ( da noi! ) è libero di credere a quello che vuole però mi sembra di poter affermare che obiettivamente Vangelo batte Corano 10 a 0.

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Mar, 12/01/2016 - 15:04

Non è affatto improbabile che a qualcuna di loro il piddì offra una candidatura, per premiare il loro esemplare impegno nel dialogo interculturale.

Ritratto di echowindy

echowindy

Mar, 12/01/2016 - 15:07

IL DIVORZIO DAL CULTO RELIGIOSO CRISTIANO PER ABBRACCIARE LA VARIETÀ STORICA DELL’ISLAM, VUOL DIRE PERDITA DI OGNI RISPETTO DEI VALORI UMANI E SPIRITUALI DELLA PROPRIA CULTURA, DOVUTO A PROBLEMI CHE RIGUARDANO LE “STRUTTURE PSICHICHE DELLA PERSONA.”

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 12/01/2016 - 15:32

Non bisogna mai contraddire una donna. Basta aspettare: lo farà da sola. (Humphrey Bogart)

onurb

Mar, 12/01/2016 - 15:59

Nel leggere le affermazioni di queste signore mi è venuto alla mente il film la Maschera di Ferro, con Leonardo Di Caprio. Nel film la maschera è vissuta, ovviamente, come una forma di carcerazione, ulteriore e peggiore rispetto alla semplice detenzione in una cella. Qui il niqab, che nasconde l'intero corpo, sembra essere un obiettivo ricercato, una meta agognata. Sono certo che le teste non siano completamente a posto.

timoty martin

Mar, 12/01/2016 - 16:07

si..... pero' solo sotto il niqab. Capre!

santecaserio55

Mar, 12/01/2016 - 16:13

Happy Future cosa ne sai degli atei che non hanno fede? Sicuramente non abbiamo fede in idoli di terracotta colorata, ne in libri che raccontavano favolette agli idolatri/analfabeti del passato. Certo abbiamo fede nell'uomo e nella scienza La disperazione se mai è nel vedere gli esseri umani che da migliaia di anni di sgozzano per fedi che qualche POTERE TERRENO si è inventato

venco

Mar, 12/01/2016 - 16:14

C'è voglia di spiritualità in tanta gente, il male è che la fede cristiana si individua nel clero della Chiesa cattolica, e questo clero di cristiano non ha più niente.

Paolobbb

Mar, 12/01/2016 - 16:30

Sono queste individue fino a ieri kompagne & femministe oggi insoddisfatte (parole loro),quelle che le nonne avrebbe combattuto il nazifascismo e liberato l'Italia (in sogno),la rovina di questo paese!!!

Ritratto di sitten

sitten

Mar, 12/01/2016 - 16:32

Questi sono i danni che ha causato la chiusura dei manicomi.

smoker

Mar, 12/01/2016 - 16:39

Sarebbero felici di vivere in Qatar. Anche noi se ci andassero , liberandoci da donnette isteriche.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 12/01/2016 - 16:42

C'è gente cui la responsabilità di essere liberi fa paura. Il poter decidere, l'essere in condizione di scegliere e poi assumersi il peso delle conseguenze delle loro azioni, li terrorizza. Allora preferiscono avere il "libretto di istruzioni" che dice loro cosa fare, cosa pensare, come comportarsi, a chi sottomettersi, senza essere responsabili di ciò che fanno, perché lo hanno fatto per seguire ciò che gli hanno imposto di fare. E se questo può essere vero per un'idea politica (c.d. cervello all'ammasso), figuriamoci per una religione, dove chi impone i comportamenti dichiara di farlo su emanazione di Dio e promette loro che, quanto più si assoggettano, si umiliano, si annullano, tanto più saranno compensati.

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 12/01/2016 - 16:42

Caro Roberto Morici, mi sento meno solo. Da giovane anch'io mi documentai su varie religioni e rimasi ateo. Ma TRISTEMENTE notai che, ovviamente senza merito, io e i miei colleghi di pensiero ci comportavamo QUASI sempre meglio di chi riteneva di aver la verità in tasca. Più possibilisti, più ragionevoli, senza mai odiare nè invidiare. Quando non potevamo amare, ignoravamo. Purtroppo talora dovemmo difendere o difenderci, e ce ne confidiamo ancor oggi il rimorso... Adesso è tardi. Dove andrò non so e neppure me lo chiedo: un NULLA, come assenza di negatività, sarebbe già il massimo. Unica preoccupazione... per chi lascerò qui. Così, si vive da atei: SERENAMENTE.

KAVA

Mar, 12/01/2016 - 16:47

... ci sono e ci sono sempre state le donne che si cercano le grane, dal noto drogato, al ben noto criminale, dal "picchiatore", al nullafacente. Ma l'amore, si sa, è cieco. Pertanto ci sono anche donne a cui piace fare un balzo involutivo di qualche secolo... Poi però quando non ne possono più chiedono (le più fortunate) aiuto all'ambasciata Italiana per farle tornare a casa... Ricorderò sempre il parere di una Suora missionaria che un giorno mi disse che secondo lei, i matrimoni "intraculturali" tra donne cristiane e uomini musulmani sono semplicemente "impossibili".

Chattanooga

Mar, 12/01/2016 - 17:12

Perché si convertono all'islam? Voglia di qualcosa di nuovo. C'è chi sceglie lo yoga, chi la new age, chi scientology e chi i fiori di bach. Tutto ciò mi ricorda un vecchio sketch di Oreste Lionello che si presentava sul palco vestito da improbabile rockettaro dicendo: "Ho provato tutto: jazz, punk, blues, ska, soul, e adesso il rock. TUTTO, pur di non tornare a fare l'idraulico!..."

Chattanooga

Mar, 12/01/2016 - 17:17

@KAVA: il musulmano è inizialmente affascinato dall'aura di libertà e di autonomia che le ragazze europee possiedono ai suoi occhi. Ma quando il rapporto si fa continuo, alla fine anche lui "torna da mamma", e non riesce a rinunciare alla figura della donna islamica casta, nascosta, ed obbediente alla sottomissione, ed inizia ad odiare esattamente quello che un attimo prima lo attraeva irresistibilmente. E cominciano i guai.

mariolino50

Mar, 12/01/2016 - 17:30

Queste per credere a quella roba si sono bevute il cervello, e non hanno capito nulla di quello che leggevano. Una si era anche avvicinata al buddismo, come è possibile passare al corano, quanto di più contrario ci sia alla parola di Budda, roba da tso.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 12/01/2016 - 17:37

...Dopo due anni di studi e ricerche...sul libercolo che chiamano corano? Ma quali studi! Ignorante!

mariolino50

Mar, 12/01/2016 - 17:38

Happy future Fede vuol dire credere a qualcosa di indimostrabile, io non sono totalmente ateo, ma neanche credente al di là di ogni dubbio, se dovessi scegliere preferei il buddismo, che non prevede fede cieca come le religioni del libro, che poi sono quelle che si sono sempre ammazzate dalla nascita, perchè non ammettono i miscredenti. Se cè qualcosa lo saprò dopo la morte, oppure avrà ragione la Montalcini, diceva che quando muore il cervello non esistiamo più, e non era una cretina, ma non ho nessuna disperazione, su questa paura tutte le religioni hanno smepre fatto affidamento anche per fregare le menti deboli, anche nell'aldiquà.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 12/01/2016 - 17:43

x HappyFuture: Essere atei, come lo sono io, NON è una disperazione. Anzi, non mi sono mai sentito così libero,senza crearmi problemi per ogni cazzata che i credenti si creano.

luposiculo

Mar, 12/01/2016 - 17:49

Convertita? Bene. Al macero libertà fisica e mentale? Bene. Cazzate su Corano e Bibbia? Strabene . Fuori dalla palle no?

Altaj

Mar, 12/01/2016 - 17:50

Al mondo il numero degli scemi (soprattutto di quelli che fatto lunghi studi) e dei masochisti, é piuttosto elevato, percui non mi stupiscono certo queste notizie.

joecivitanova

Mar, 12/01/2016 - 18:01

La medicina psichiatrica è nata e si evolve continuamente per curare, cercare di prevenire o cercare di riabilitare anche persone affette da queste gravissime patologie; difficilmente ci riesce, ma la scienza in questi ultimi anni sta facendo passi da gigante, quindi cerchiamo sempre di non disperare; so che non è facile, ma almeno proviamoci. Un saluto. Giuseppe.

Mobius

Mar, 12/01/2016 - 18:11

@Roberto Morici (14:28), quella scritta sul frontespizio non dovrebbe urtarla, perchè dice la verità: su quel libro non c'è alcun dubbio che sia una grande ca..ta.

cabass

Mar, 12/01/2016 - 18:17

Se il PD prende il 40%, ci sarà pur qualcuno che lo vota... Come queste disperate qua!

giuliana

Mar, 12/01/2016 - 18:30

qui la risposta al perchè della conversione: Syrian Christian Watch † 4 giugno alle ore 23.56 · Muslim Cleric explaining the Islamic faith by saying don't use your brain, using your brain is against Islam شيخ مسلم يدعو الى تعطيل العقل عند التفكر بالعقيدة، استعمال العقل مخالف للاسلام Chierico musulmano che spiega la fede islamica dicendo: non usare il cervello, usando il vostro cervello è contro l'Islam Sceicco musulmano chiama disabiliti la mente meditando sul credo, l'uso della ragione è in contrasto con l'Islam Tradotto da Bing

Mobius

Mar, 12/01/2016 - 18:31

Ci vorrà qualche secolo perchè si capisca tutti quanti che la cosa essenziale non è essere cristiani, o musulmani, o buddisti; l'essenziale è credere che esista Dio, o no. Quale possa poi essere la natura di Dio, ciascuno se la deve interpretare a modo suo; tocca a te, credente, cercare di capire, anzi, di "sentire" con la tua anima "chi" Dio sia e cosa voglia da te. Poi, volendo, fra credenti ci si può trovare per parlarne, discutere, confrontarsi e, un po' azzardosamente, tentare di raggiungere insieme la Verità Eterna (impresa sovrumana, direi, tanto per restare in tema...). Il guaio è che in tal modo possono nascere le sette religiose, come quelle islamiche, con tutte le conseguenze del caso. In ultima analisi, credo sarebbe preferibile che la religione fosse un fatto individuale.

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 12/01/2016 - 18:39

Immagino la puzza sotto quello scafandro.

Maver

Mar, 12/01/2016 - 19:01

La libertà è oltraggiata come valore da chi non la merita, da quanti danno per scontati i diritti umani e la libertà di espressione: una conquista duramente sofferta dalla Civiltà Occidentale. Ebbene occorre introdurre regole nuove: chi rifiuta la libertà con spregio e in piena coscienza ( sovente ostentando arroganza e disprezzo verso quel mondo che li aveva cresciuti come esseri liberi), ebbene costoro devono sapere che la perderanno definitivamente e senza possibilità di appello. Rimangano nella schiavitù che hanno scelto per se, sottomessi ai loro aguzzini.

steorru

Mar, 12/01/2016 - 19:14

Quando si vive in uno stato e si pofessa una fede religiosa non ci devono essere contraposizioni, ossia libere di credere ciò che vogliono a casa loro, ma fuori casa si deve rispettare la legge e il niqab é vietato dalla leggein quanto ognuno di noi deve essere poter identificato, escluso questo libere di festeggiare carnevale il resto dell'anno

Royfree

Mar, 12/01/2016 - 19:24

Terra bruciata e nessuna solidarietà per i musulmani. Chi non ottempera è responsabile e artefice del proprio destino e dei suoi figli.

il nazionalista

Mar, 12/01/2016 - 22:38

Il loro profeta maometto vieta l' alcol, ma evidentemente non alle donne!! Se quelle non fossero in coma etilico come farebbero a convertirsi ad una religione che le riduce a degli automi, a dei ' sepolti viventi ' sotto il burqa o l' altro scafandro detto niqab e soprattutto a ' cancellarsi il cervello '!! Ma quest' ultimo se lo sono già bevuto prima della conversione!!!

vince50_19

Mer, 13/01/2016 - 09:47

Parafrasando un vecchio film di Vanzina, del 1985, interpretato dalla bella Renée Simonsen .. "Sotto il niqab niente". Ma proprio niente di niente e in tutti i sensi, a partire da quello che ci dovrebbe essere sotto la "pia madre" di certe persone come uqeste, ma che non c'è..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 13/01/2016 - 10:39

QUESTO PER ME è UN FALLIMENTO DEL CATTOLICESIMO.