Gli italiani scommettono di più

Nonostante la crisi, gli italiani giocano e scommettono di più. Nel 2013 le imprese specializzate nel settore sono quasi 9.300, con una crescita annua del 32,1%. Le slot passano da 705 a 1.348 in un anno (+91,2%)

Scommesse sulla crisi. Nonostante il periodo economico negativo, gli italiani giocano e scommettono di più. Infatti, nel 2013 le imprese specializzate nel settore sono quasi 9.300, con una crescita annua del 32,1%. Gli apparecchi che consentono la vincita in denaro passano da 705 a 1.348 in un anno (+91,2%) e le attività legate alle slot machines sono quasi raddoppiate. Oggi sono 4.344 i luoghi adibiti al gioco del Lotto, Superenalotto e Totocalcio contro 2.669 dello scorso anno.

Il tutto emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al primo trimestre 2012 e 2013, relativi alle sedi di impresa e alle localizzazioni attive specializzate nel gioco.  Tra le crescite più significative del settore, l’Emilia Romagna con +80% e le Marche (+45,5%). La Lombardia guida la classifica nazionale con 1.342 attività dedicate al gioco, il 14,5% del totale italiano, +43,4% in un anno. A seguire, Campania (1.278, 13,8%) e Lazio (1.046, 11,3%). Tra le province prima è Roma con 798 attività (8,6% nazionale), seguita da Napoli (793, 8,5%), Milano (521, 5,6%) e Bari (321, 3,5%).

Commenti

Rooster69

Mer, 21/08/2013 - 15:16

2004: Berlusconi decide di fare emergere questo enorme settore sommerso e affida ai dieci concessionari il compito di collegare le slot in rete con il computer della Sogei e di controllare il rispetto delle regole.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 21/08/2013 - 15:35

Bene.Questa è la cosidetta "crescita",di cui andare orgogliosi in Italia.Macchinette mangia-soldi,gente(stupida) che si rovina,intervento(spese) dello Stato per "guarire",i "malati" di turno,mafia,camorra,etc., che riciclano soldi a go-go,però il tutto "legalizzato",da uno Stato ladrone,che ci mangia sopra....Pazzesco!!Queste sono le "nuove attività commerciali",di cui andare orgogliosi?Bella roba!!

Ritratto di komkill

komkill

Mer, 21/08/2013 - 15:38

Mi par di ricordare che la nostra efficientissima GdF aveva contestato quasi 100 miliardi di euro di multe per mancato collegamento delle slot. Qualche giudice amico li aveva ridotti a due miliardi poco più di un anno fa. Questi almento li hanno pagati?

RSK

Mer, 21/08/2013 - 15:51

Al di là di un intervento normativo è necessario adoperarsi "culturalmente" ed iniziare a fare il nostro compitino. Vi consiglio questo sito: http://www.senzaslot.it/. Cominciamo a frequentare solo i locali privi di macchinette.

Nadia Vouch

Mer, 21/08/2013 - 15:54

Ho sentito un giorno un'addetto alla manutenzione di queste "macchinette" che spiegava che, mettere su una sala giochi, costa qualche centinaio di migliaia di euro ma che, l'investimento, tempo un mese o poco più, viene già recuperato. Rendiamoci conto.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 21/08/2013 - 16:43

regalate gli ultimi soldini allo Stato ecco perchè gli italiani sono un popolo di scimmie equestri che si esibiscono alla Corte Europea eseguendo tutto ciò che gli si impone senza poter pensare e riflettere in quanto incapaci di farlo.

thepaul

Mer, 21/08/2013 - 16:49

"Scommesse sulla crisi. Nonostante il periodo economico negativo, gli italiani giocano e scommettono di più." C'è un errore in questa frase. Bisogna sostituire "nonostante" con "a causa di". Infatti è notorio che, proprio in periodo di crisi, di disoccupazione, di difficoltà la gente tenta il tutto per tutto nel gioco, sia come speranza (fallace) di un futuro migliore, sia come oblio verso una società che si avvita su se stessa...

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 21/08/2013 - 17:25

Questa si chiama disperazione....

Nadia Vouch

Mer, 21/08/2013 - 19:23

Vi racconto un fatto realmente accaduto più di venti anni fa, in Nord Italia, in una "sala corse", dove si scommetteva ai cavalli. Ad un uomo là presente venne un infarto, cadde a terra: ebbene, per più istanti nessuno tra la folla di presenti distrasse lo sguardo dagli schermi, perché l'ennesima corsa stava per concludersi. Era fondamentale vedere quale dei cavalli avesse tagliato per primo il traguardo. Il gioco era ed è una droga. In Italia è una droga legalizzata. Se stai male,o ti aiuti, o non ti aiuta nessuno. Meglio non iniziare.

swiller

Mer, 21/08/2013 - 23:20

Questi sono gli eccellenti risultati del governo del fare.....si ma schifo.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 22/08/2013 - 00:22

Molti pensano di prendere la scorciatoia del gioco illudendosi di risolvere i propri problemi. NON FANNO CHE CADERE ANCORA DI PIU' NELLA DISPERAZIONE.

Ritratto di spectrum

spectrum

Gio, 22/08/2013 - 01:14

come qua sotto casa mia, tutti a rompere le palle che c'e' crisi e si giocano la pensione alle macchinette. Il fatto che i soldi sono tuoi non significa che hai il diritto di spenderli male, di non averne rispetto. Non c'e' rispetto per il denaro, guardacaso da quei pensionati che l'hanno avuta facile, che il lavoro a quel tempo di certo non mancava. E poi, tutti a sparlare contro i politici.

AG485151

Gio, 22/08/2013 - 13:35

E' LA NEW ECONOMY GENTE Le industrie vanno via e il loro posto viene preso dai COMPRAORO , CINEMA MULTISALA , SUPERMERCATI , CENTRI LOGISTICI , SALE GIOCO . Di produzioni nemmeno l'ombra. E i ministri vedono la fine della crisi e l'inizio della ripresa senza tagliare un euro di spesa pubblica . Che razza di deficienti .