Italiani senza casa: il Comune gli propone di trasferirsi in un campo rom

L'assurda vicenda di tre famiglie romane in attesa di una casa popolare. Lo stabile occupato dove vivono sta per essere sgomberato e la Sala Operativa Sociale del Comune di Roma gli propone di trasferirsi in un campo rom

Emanuela, Enrico ed il piccolo Damiano, di cinque anni, sono arrivati nel palazzo occupato di via Raffaele Costi nel giugno del 2014, grazie all’aiuto di un’associazione Onlus. Qui, senza luce, acqua e riscaldamento, e circondati da una discarica abusiva allestita intorno allo stabile dagli altri condomini, una trentina di famiglie nomadi, hanno vissuto per tre anni. Qualche settimana fa il Comune di Roma decide di procedere allo sgombero dello stabile. Così la Sala Operativa Sociale contatta Emanuela ed Enrico per avvisarli dello sgombero imminente e per fargli l’assurda proposta: scegliere se trasferirsi in un container nel campo nomadi di via di Salone oppure separarsi, trasferendo Emanuela ed il piccolo in una casa famiglia ed Enrico in un dormitorio.

"Un container nel campo rom"

"Hanno fatto un censimento di tutte le famiglie con minori”, spiega Emanuela raccontando la sua storia con un filo di voce, “e anche quando hanno scoperto che eravamo italiani ci hanno proposto di trasferirci in un container nel campo rom di via di Salone o in quello di Prima Porta”. Emanuela e suo marito sono entrambi disoccupati. Enrico faceva la guardia giurata, ma ha perso il lavoro nel febbraio del 2015. Emanuela lavorava in Autogrill con un contratto a tempo determinato. Poi il contratto è scaduto e a febbraio è arrivato l’ultimo assegno della disoccupazione. Ora si arrangiano con lavoretti saltuari, pagati con i voucher, per mantenere il loro bimbo, che nonostante tutto riesce ad andare a scuola e a fare una vita normale.

Nel luglio del 2014 hanno inoltrato la richiesta per la casa popolare e per i residence comunali. “Nei residence non c’era posto e per la casa popolare sembra addirittura che la nostra domanda non sia mai arrivata agli uffici competenti”, spiega Enrico. La sua famiglia, inoltre, non risulta essere in emergenza abitativa, perché non è in possesso del V.I.P., ovvero il verbale di perdita di possesso dell’alloggio di residenza. “Da tre anni viviamo abbandonati da tutto e da tutti”, spiega Enrico, che ci racconta di essere stato minacciato dai vicini rom, per aver protestato quando i nomadi hanno iniziato a scaricare di notte divani, elettrodomestici, masserizie e altri rifiuti, trasformando il cortile del palazzo in una discarica illegale.

Sua moglie Emanuela ci racconta, quindi, di essere stata contattata da un assessore del V municipio, del quale preferisce non fare il nome: “Quando ci siamo sentiti al telefono lui mi ha detto: in un campo nomadi già ci sei, cosa ti cambia se vai in un altro campo nomadi?”. “Sono rimasta un po’ stupita di questa risposta perché in quel momento io stavo parlando con lo Stato, e lo Stato dovrebbe tutelare prima le famiglie italiane visto che siamo in Italia”, spiega la donna, amareggiata. Emanuela ed Enrico ora sono in attesa dello sgombero. “Non ci hanno dato nessuna soluzione anzi, dalla Sala Operativa Sociale ci hanno consigliato di andare a occupare”, spiega Enrico, “ma noi non vogliamo occupare, vorremmo essere in regola”.

Anche ad Antonio, che abita nell’appartamento al piano di sopra, il Comune ha chiesto di trasferirsi assieme a sua moglie Maria Grazia e a sua figlia Michela, di 13 anni, nel campo nomadi di via di Salone dopo lo sgombero del palazzo di via Raffaele Costi. “Sì, mi hanno proposto di andare a vivere in un container in mezzo ai nomadi ma io lì in mezzo a pistole e coltellate la mia famiglia non ce la porterò né vivo né morto”, ci racconta Antonio che è sardo e che dal 1991 è in attesa di una casa popolare.

La protesta in Campidoglio

Per questo stamattina le famiglie italiane che occupano lo stabile hanno protestato in Campidoglio assieme a Fabio Sabbatani Schiuma, capogruppo di Noi con Salvini nel V municipio. "La verità è che il Campidoglio ha iniziato a informarsi ora sul caso, poiché non sapeva che ci fossero anche delle famiglie italiane, cosa che invece sapevano bene nel V municipio, sempre governato dal M5S", attacca Schiuma in una nota, "ora il sindaco Raggi, tra un finanziamento di oltre 10 milioni per i rom e le ristrutturazioni di hotel per stranieri, trovi il modo per rendere giustizia a queste famiglie, oramai vittime del razzismo contro gli italiani”. Dopo essersi incatenati davanti a Palazzo Senatorio, Emanuela ed Enrico e la famiglia di Antonio sono stati ricevuti, assieme agli altri inquilini in difficoltà, dall'assessore al Bilancio e Patrimonio, Andrea Mazzillo. “All’inizio la Sala Operativa Sociale ci ha proposto di nuovo di andare in casa famiglia”, spiega Emanuela, che a ilGiornale.it racconta come è andato l'incontro, “ma noi ci siamo opposti, e alla fine ci hanno ascoltato”. “Per scaramanzia non dico niente, lo sgombero è stato confermato per il 15 marzo, ma sembra che abbiamo iniziato un percorso”, spiega la donna, “ora speriamo solo di poter tornare a vivere”.

Commenti

Fjr

Ven, 10/03/2017 - 10:19

Però i milioni per i campi rom quelli si trovano sempre,la Raggi più a sinistra della sinistra stessa o di ciò che ne rimane

Orangotango

Ven, 10/03/2017 - 10:22

300000 neri in Hotel

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 10/03/2017 - 10:34

Ma certo! Ai rom, invece, le case. Per la serie il mondo alla rovescia che piace tanto ai sinistri ed ai grilli.

Lissa

Ven, 10/03/2017 - 11:44

RIBELLARCI, RIBELLARCI, E ANCORA RIBELLARCI, A QUESTI CIALTRONI CHE CI governano.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 10/03/2017 - 11:45

Come fece Giggino dei partenopei, anche la Raggi considera il popolo romano alla stregua di zingari, beduini e negri. Prendano atto gli aventi diritto al voto.

VittorioMar

Ven, 10/03/2017 - 11:45

....che burlone !!..si conosce il nome di questo operatore ?...lo si dovrebbe trasferire, con la sua famiglia, in questo caseggiato e...!!!

ziobeppe1951

Ven, 10/03/2017 - 12:51

Il trasferimento, ha avuto il permesso dagli zingari?

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 10/03/2017 - 12:52

Ecco lo schifo sinistro:clandestini negli hotel 5* a spese nostre,italiani nei campi rom. Ma non vi vergognate?

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 10/03/2017 - 13:00

Votate pd, votate. Ora devono stare zitti e basta.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 10/03/2017 - 13:44

Anche questa e l'Italia che sono felice di aver lasciato. Alle istituzioni e allo stato (volutamente minuscoli) degli Italiani non glie ne frega niente ,non rendono piu della droga come le risorse!!! CHE SCHIFOOO!!!

baronemanfredri...

Ven, 10/03/2017 - 14:48

QUELLO CHE E' SUCCESSO IERI LO AVEVO DETTO GIA' NEL 2011

chebruttaroba

Ven, 10/03/2017 - 15:24

Il M5S è ovviamente di sinistra e come tutti i nuovi sinistri, sono disturbati dai poveri italiani, che sono difesi ormai solo da chi non è di sinistra. La sinistra è ormai composta solo da gente sinistra.

il corsaro nero

Ven, 10/03/2017 - 15:30

@stenos: purtroppo non sono del PD, ma del Movimento 5 Stelle!

Cheyenne

Ven, 10/03/2017 - 16:12

C'è DA RIMPIANGERE MARINO

Libertà75

Ven, 10/03/2017 - 16:14

ennesimo atto di razzismo targato PD, mi si dica che non è vero e si neghi la verità, avanti!

Giorgio Rubiu

Ven, 10/03/2017 - 16:50

Ci vuole una rivoluzione. Prima di liberarci di zingari, clandestini, e delinquenti vari, dobbiamo liberarci di questo stato inetto che protegge gli illegali e prende a calci nel sedere i poveri italiani. Erigere le ghigliottine davanti ai palazzi del potere. Non ci sarà bisogno di usarle perché il messaggio sarà chiarissimo e sufficiente per suggerire ai nostri governanti di cambiare mestiere.

Keplero17

Sab, 11/03/2017 - 06:01

Perfetto i loro figli assimileranno la cultura rom, una specie di integrazione al contrario.

lento

Sab, 11/03/2017 - 09:01

La risposta ! Ci vado se ci vieni anche tu a vivere nel campo degli zingari !