L’orgoglio di avere il lettore come padrone

Dal 25 giugno 1974 le donne e gli uomini de il Giornale non hanno mai smesso di credere nella libertà

Questo giornale nasce nel 1974 da una costola del Corriere della Sera dopo che il quotidiano di via Solferino era diventato l'organo ufficiale della rivoluzione sessantottina. L'aria nuova che inevitabilmente sprigiona qualsiasi ribellione, nelle stanze di via Solferino era diventata aria putrida. L'inconsistenza della proprietà, una famiglia di ereditieri miliardari nullafacenti e annoiati dalla vita, aveva permesso - di più, benedetto - che il giornale finisse nelle mani di un vero e proprio soviet. Un tribunale del popolo, composto da giornalisti, tipografi e sindacalisti invasati della rivoluzione comunista, aveva esautorato di fatto il direttore. La linea editoriale, il contenuto degli articoli e pure i titoli dovevano avere l'approvazione di questo "ufficio censura", pena il blocco delle rotative e quindi l'uscita del quotidiano. Chi si opponeva al pensiero unico veniva emarginato, deriso, bollato come fascista e non di rado minacciato.

In questo clima di terrore e di follia un gruppo di giornalisti non allineati decise che era venuto il momento di fare le valigie per mettersi in proprio. Scendere dal Corriere è un po' come per un pilota lasciare la Ferrari, per un calciatore strappare il contratto con il Real Madrid. Ci vogliono coraggio e incoscienza. Indro Montanelli e una prestigiosa pattuglia di cronisti, inviati e commentatori (nessuno dei quali più ragazzino) fece il grande passo, convinti che una informazione non asservita alla sinistra potesse avere vita. Avevano ragione, ed eccoci qui, quarant'anni dopo, alle prese - in un tempo diverso e con modalità differenti - con la stessa battaglia di libertà. Prova ne è che la prima pagina del primo numero è ancora attuale: la litigiosità improduttiva della politica, l'oppressione fiscale, il problema monetario, le polveriere alle porte di casa. Il titolo principale, quel 25 giugno 1974, era: «Fanfani conta amici e nemici» e nel sommario si sintetizzava la difficoltà del premier con il suo partito, la Dc, e gli alleati di governo. Titolo di commento: «Temporale in vista». Seconda notizia: «Quanto pagheremo con le nuove tasse». Terza: «Il tradimento delle monete». Nel quarto si raccontava del pericolo che arrivava dall'Africa per le guerre civili in Angola e Mozambico.

Bene. Cambiamo «Fanfani» con «Renzi» , «Angola» con «Libia» e quella numero uno potrebbe essere la prima pagina del quotidiano in edicola oggi. Su questi temi, chi si è succeduto in queste stanze, non ha mai cambiato idea né linea: meno politica, meno stato, più libertà fiscale e monetaria. La prova che i Fondatori avevano visto giusto è che i rivali di allora (in primis il partito comunista) ,sia pure con colpevole ritardo e ritrosia, stanno venendo loro sulle nostre posizioni e non viceversa. Il renzismo infatti, almeno nelle parole, è una sconfessione di quarant'anni di politiche di sinistra illiberali e fallimentari.

La coerenza de Il Giornale non è stata scalfita neppure dalla ferita dell'abbandono di Indro Montanelli. Per quello che ne so, quello strappo non fu figlio del pericolo di perdere l'autonomia con la discesa in politica della famiglia dell'editore. Più semplicemente Montanelli non riuscì a reggere la pressione psicologica di una situazione del tutto inedita. Mi immagino che Indro si chiese: se parlerò bene di Berlusconi mi daranno del servo, se ne parlerò male dell'ingrato. Che faccio? Non trovando via d'uscita lasciò. Fu un peccato e uno sbaglio. Il suo successore, Vittorio Feltri, dimostrò senza ombra di dubbio che la via d'uscita c'era ed era semplice: fare il giornalista. Feltri mi ha raccontato che durante la sua direzione - che fu di straordinario successo - non ebbe la minima interferenza da parte dell'editore e che i contatti con Silvio Berlusconi premier furono rari, di grande cortesia e rispetto. Cosa che, vent'anni dopo, posso confermare. La famiglia Berlusconi è fatta da uomini liberali veri e questo è un giornale libero e orgoglioso - non sempre ricambiato - di sostenere un'area politica della quale condivide valori e visione.

Montanelli stava alla larga dalla retorica più del diavolo dall'acqua santa. Era quindi sincero quando scriveva, nell'editoriale del primo numero: «Una sola cosa vogliamo dire al lettore: questo giornale non ha padrone perché nemmeno noi lo siamo. Tu solo lettore puoi esserlo, se lo vuoi. Noi te lo offriamo». Un impegno ancora valido, e sono certo di poterlo dire a nome di tutti colleghi che in questi fantastici quarant'anni hanno avuto l'onore di essere assunti e che hanno lavorato con passione, impegno e straordinaria professionalità. Un grazie a loro, un grazie all'editore che ci ha dato e ci da le risorse per andare avanti e un grazie ai nostri «padroni», cioè a tutti voi che ogni giorno ci comprate e leggete.

Commenti

Acidità

Mer, 25/06/2014 - 11:22

Per quello che ne so, quello strappo non fu figlio del pericolo di perdere l'autonomia con la discesa in politica della famiglia dell'editore. Più semplicemente Montanelli non riuscì a reggere la pressione psicologica di una situazione del tutto inedita. Povero Montanelli, si starà rivoltando nella tomba. Montanelli disse chiaramente che l'entrata di Berlusconi in politica voleva dire fine della libertà per Il Giornale. E per questo se ne andò.

MenteLibera65

Mer, 25/06/2014 - 12:11

"le donne e gli uomini di questo giornale non hanno mai smesso di credere nella libertà". Il problema è che sono 20 anni che credono nella libertà, ma scrivono solo quello che fa comodo al padrone. Vediamo quanto siete liberi..: Pubblicate questo post. Primo invio

gioet

Mer, 25/06/2014 - 12:14

Montanelli,grande,non era e non aveva padrone,era solo un giornalista liberale.sallusti,infimo essere,ha un padrone che gli detta quello che scrive e tutto è fuori che liberale

cicciosenzaluce

Mer, 25/06/2014 - 12:15

Giornalai,continuate a mettere le foto di un MAESTRO,fatela finita,pennivendoli al soldo di un pregiudicato,prossimo alla sua fine politica. Vergognatevi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 25/06/2014 - 12:20

Grazie comunque per l'ospitabilità!!

cicciosenzaluce

Mer, 25/06/2014 - 12:21

Voi tutti insieme non valete il fazzoletto sporco di Montanelli,voi siete solo pennivendoli asserviti.

Atlantico

Mer, 25/06/2014 - 12:22

Che crediate nella libertà non lo metto in dubbio. La libertà di scrivere quello che vuole il padrone. Per questo Indro Montanelli se ne andò ( con la morte nel cuore ): non voleva vendere la sua libertà.

moichiodi

Mer, 25/06/2014 - 12:22

se il padrone del giornale è il lettore, significherebbe che il proprietario è uno stolto. e berlusconi non lo è.

superpunk

Mer, 25/06/2014 - 12:24

VOI AVETE UN PREGIUDICATO PER PADRONE E QUESTA E' LA VOSTRA ATTUALE LINEA EDITORIALE

denteavvelenato

Mer, 25/06/2014 - 12:26

Il titolo poteva andare bene per i primi 20 anni, adesso sarebbe meglio cambiarlo, è chiaro chi è il padrone, ed palese il fatto che vada compiaciuto ogni giorno.

Pazz84

Mer, 25/06/2014 - 12:27

Per piacere non usate la foto e il nome di Montanelli. Si sta rivoltando nella tomba per come è ridotto questo giornale

scipione

Mer, 25/06/2014 - 12:27

Acidita',Montanelli e'stato il piu' grande giornalista italiano,come lo ha definito Berlusconi,ma mi dispiace, secondo me,la sua affermazione secondo cui " l'entrata in politica di Berlusconi voleva dire fine della liberta' per il Giornale" fu ERRATA e non dimostrata mai,anzi fu smentita clamorosamente dai fatti negli anni successivi fino ai giorni nostri.Montanelli,da spirito libero e libertario TEMEVA per la liberta' del Giornale ,ma era un timore INFONDATO e per questo SBAGLIO' ad andare via e diventare un pretesto di polemica strumentale dei sinistronzi.

agosvac

Mer, 25/06/2014 - 12:30

Egregio mentelibera65, anche lei è tra i deficienti che pensano che questo GIornale è come il fatterello quotidiano oppure repubblichetta o il corrierino dei piccoli scemi che pubblicano solo i commenti loro favorevoli, o, meglio,favorevoli alla parte politica cui fanno riferimento! Questo Giornale pubblica TUTTI i post perchè non ha paura delle idiozie di chi gli è avversario però continua a leggerlo. Però se lei, da mente libera, scegliesse di non intervenire più su queste pagine, molti altri lettori sarebbero felici di non leggere più le sue castronerie!!!

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 25/06/2014 - 12:30

Montanelli era una persona seria. Poi, all'improvviso, si è rincoglionito. Basta speculare sul suo periodo d'oro. I tempi cambiano e lui è sotto terra da un pezzo.

benny.manocchia

Mer, 25/06/2014 - 12:32

La solita sfuriata iniziale dei comunisti,che si alzano prestissimo per essere tra i primi a scrivere le solite cazz...Che vuoi farci. Ridiamoci un po' su...e poi mandiamoli a quel paese. im italiano in usa

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 25/06/2014 - 12:46

Vi sono persone che vanno in ACIDITA' quando vedono che il loro nemico assoluto,silvio Berlusconi,colui che nel 1996 si è frapposto fra il PDS (ex PCI) ed il potere politico per il quale la MAGISTRATURA DEMOCRATICA tanto bene,e per loro, aveva lavorotato.Per inciso il Corriere della Sera e Repubblica (anch'esso nato nello stesso periodo de IlGiornale, e manifesto politico della sinistra radical chic,producono solo debiti per i loro padroni, che dopo Alitalia vogliono lasciare quel pozzo di saggezza tanto caro ad ai sinistroidi con il portafoglio gonfio. Acidità uno spirito libero come il grande indro mal sopportava un'altra prima donna,qual'è Berlusconi,in bottega. Per l'entrata in politica secondo me il cavaliere ha sbagliato: spostare la cassaforte societaria in un qualche paradiso fiscale,o comunque meno rapace, e godersi la vita: un pò come tessera n.1 del PD De Benedetti Carlo:italiano quando c'è da prendere soldi e svizzero quando c'è da pagare le tasse.

antes1

Mer, 25/06/2014 - 12:48

x agosvac - Questo Giornale pubblica TUTTI i post? Pubblicherà i suoi non certo i miei che, pur non contenendo mai offese a chicchessia o volgarità, vengono pubblicati - quando va bene - al ritmo di uno su cinque.

Ritratto di cristianomorelli

cristianomorelli

Mer, 25/06/2014 - 12:48

@benny.manocchia: ma quanto é patetico? Stia attento perché i comunisti stanno arrivando. Anche in USA. E allora saranno solo morte e povertà. Per tutti, ma soprattutto per chi crede nelle panzane che scrive Sallusti e lo difende. Trovo vergognosa questa campagna per appropriarsi della memoria di Montanelli, un grandissimo giornalista che lei dagli USA non ha mai capito. Uno veramente di destra, che quindi questa banda di mascalzoni non ha mai potuto sopportarla. Ma negli USA i comunisti hanno impedito che lei potesse capire quello che scriveva e diceva Montanelli.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mer, 25/06/2014 - 12:49

Potrei sbagliare, ovviamente, ma credo che un aspetto che contraddistingue il Giornale e lo toglie dal coro gregale sia la presenza di un consistente numero di lettori che, poi, commentano sempre e soltanto in termini negativi, ripetendo l' assioma che “tira”: dando, cioè, del servo di Berlusconi a chiunque non lo sia di De Benedetti, di Scalfari e giù di lì. Col corollario che i loro interventi vengono puntualmente pubblicati. E' un fiore all' occhiello, il distintivo di un giornalismo diverso, trasparente nel bene e nel male. Commenti perfettamente sovrapponibili, anche in merito all' abusato ventennio che, secondo i calcoli della serva di una volta, raggiunge, invece, a mala pena la metà. Teniamoci stretto questo orgoglio; il pregiudizio glielo lasciamo tutto.

gigi0000

Mer, 25/06/2014 - 12:54

Montanelli sarà certamente stato un grandissimo giornalista, ma mi era antipatico, così come lo è stato Biagi e, talvolta, lo vuole essere Feltri. Probabilmente l'età ed i traguardi raggiunti permettono, o comunque agevolano, esternazioni sempre meno diplomatiche e giudizi vergati come verità assolute. Anch'io sto imboccando quella strada. Sarà davvero l'età. Ciò premesso, mi sia concesso un insulto ai commentatori prezzolati ed inutili - anzi dannosi, anche a sé stessi ed alla propria parte politica - che riempiono di fesserie stereotipate queste pagine. Il loro comportamento è talmente idiota da non richiedere alcun commento. La libertà de Il Giornale e dei suoi redattori è talmente lampante da accecare quei poveri mentecatti che non ne conoscono il significato. Che il suo editore non metta becco nella linea editoriale è altrettanto noto, come lo è sempre stato per i telegiornali di Mediaset. Poi ci sono gli Emilio Fede che si esprimono in una certa maniera, ma per scelta propria, senza mai alcuna pressione: basterebbe chiederlo a Mentana, che dovrebbe confermare il suo astio nei confronti di Berlusconi, la sua opposta - e talvolta faziosa - diversa opinione politica, ma anche l'assoluta libertà, con amplio potere di critica di cui ha sempre goduto nella propria linea editoriale. Poverelli i miscredenti: per loro è inconcepibile non sottostare alle regole del Soviet, quindi non comprendono la libertà di pensiero.

joc3ki83

Mer, 25/06/2014 - 12:58

Non so quanti dei tanti che ai giorni nostri commentano su questo giornale, abbiano comperato in edicola allora il primo numero. Io si, " nel fratempo son deventà vecio " ma a parte le rimembranze di gioventù ricordo che tra me e me pensai : " Finalmente un giornale con un editoriale che si completa in prima pagina senza, come facevanno tutti gli altri giornali, rimandare la coda nelle pagine interne" Da allora non ho più smesso di comperarlo. Saluti cordiali ed un RIP a Indro Montanelli. Aldo

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Mer, 25/06/2014 - 13:08

STAFF DE IL GIORNALE SIETE I MIGLIORI, per quanto provino a screditarvi avete avuto ed avrete sempre il lettori dalla vostra parte, mi raccomando continuate così. Un pensiero a chi è contro la libertà di pensiero e di chi vuole incatenarci ad ideologie postcomuniste ed illiberali a chi vuole uno stato invasivo e "controllore" andate a ... per il finale piena libertà di pensiero

pilsen

Mer, 25/06/2014 - 13:08

VERGOGNATEVI !!!! INFAMI AD ACCOSTARVI AL GRANDE MONTANELLI PENNIVENDOLI ASSERVITI AL PADRONE E AL DENARO

wall333

Mer, 25/06/2014 - 13:09

Sallusti, sei solo bravo servo a raccontare balle. Chi ormai non ti conosce?

ludovik

Mer, 25/06/2014 - 13:12

agosvac pubblica tutti i post?? ma fammi il piacere, sei il solito servo sciocco

benny.manocchia

Mer, 25/06/2014 - 13:12

CRISTIANO MORELLI = GUARDI CHE IL COMUNISMO E' GIA ARRIVATO IN USA,GRAZIE AL VOSTRO COMPAGNO BARACK OBAMA.POI:OGNI GIORNALE HA IL SUO DIRETTORE.lEI CONOSCE QUELLI DI REPUBBLICA,ILFfATTO,L'UNITA',IL CORRIERE DELLA SERA E TANTI ALTRI FOGLIETTI "ROSSI"?SE SI',ALLORA SI OCCUPI DI LORO. UN ITALIANO IN USA

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 25/06/2014 - 13:26

Auguroni a tutta la Redazione de Il Giornale. Complimenti soprattutto per il senso di democrazia che qui si respira nel sito, ove ognuno può esprimere con le dovute maniere tutto il proprio pensiero su fatti e persone riportati nei vari articoli qui riportati, senza alcuna censura. Sempre così!

Ritratto di tempus_fugit_888

Anonimo (non verificato)

denteavvelenato

Mer, 25/06/2014 - 13:40

@benny.manocchia Sarei intenzionato a trasferirmi in USA, ma dopo quello che ha scritto sono titubante, mi può dire per caso se hanno già abolito la proprietà privata?

filder

Mer, 25/06/2014 - 13:52

Un grazie di cuore e buon compleanno al il Giornale.it

Ritratto di danutaki

danutaki

Mer, 25/06/2014 - 13:53

Grazie per la libertà di espressione che riuscite a garantire !!

Cosean

Mer, 25/06/2014 - 14:08

L'orgoglio di veicolare i lettori verso il padrone! HaHaHa!

simone_ve

Mer, 25/06/2014 - 14:12

ipocriti... fin tanto che il vostro padrone sarà in politica e finchè riceverete soldi dalla politica il vostro padrone non sarà il popolo. Vivete di quello che i vostri lettori vi "concedono", come ad esempio fa "il fatto quotidiano", e poi ne riparliamo.

bastadestrasinistra

Mer, 25/06/2014 - 14:15

In questa giornata di festa, siamo tutti lieti ed esultanti per l anniversario di questo grande Faro di libertà che è il Giornale. L Italia ed il Mondo intero hanno come riferimento di stampa equilibrata, oggettiva e, soprattutto, priva di condizionamenti, questa oasi di menti e di pensieri, questo connubio di imparzialità e visione. Quali grandi nomi hanno scritto su queste testate... E quanti ancora contribuiscono, grazie al baluardo di libertà ed Amore rappresentato da Silvio Berlusconi, a rendere lustro a questo Paese... Si potrebbero citare nomi illustri, quali Sallusti, Sciarra, etc... Ma anche commentatori acuti e, soprattutto, raffinati nelle loro manifestazioni di opinione, quali Mortimermouse, Amorosi, Raddrizzolebanane... Inviati ineffabili dall estero, del calibro di TER De e BennyMannocchia... L elenco sarebbe troppo lungo... E tutto questo, sempre e solo grazie all opera di un uomo: Silvio.

Joe Larius

Mer, 25/06/2014 - 14:34

Sig. Cosean Si vede che lei viene veicolato dai giornali che legge. Noi leggiamo i giornali per essere informati e poi veicoliamo i nostri giudizi. Esempio:la vostra stampa non è cambiata per nulla da quando mi capitava di leggere l'Unità in bacheca alla fermata della 92 di via Ferrante Aporti MI anni 45/50.

angelomaria

Mer, 25/06/2014 - 14:34

GRAZIE CARO MONTANELLI RIPOSA IN PACE LA TRADIZIONE CONTINUA GRAZIE A TUTTI IGIORNALISTI CHE IN QUESTO GIORNALE VIVONO PER DARE UNA GIUSTA INFORMAZIONE E GRAZIE A VOI REDAZIONE!!!

Lino1234

Mer, 25/06/2014 - 14:38

I cosiddetti “democratici”, figli ed eredi del comunismo, che ha sterminato cento milioni di esseri umani per imporre loro la bestiale dottrina “marxista Leninista”, hanno la spudoratezza di sparare volgarità, bugie e stupidaggini nei confronti del Direttore e di tutti i componenti la redazione del Giornale, accusandoli di essere servi e di scrivere ciò che impone il loro padrone, Berlusconi. Voglio chiedere a costoro : quanti milioni di morti sterminati ha fatto Berlusconi ed il suo liberalismo ? Il vostro vero Padrone, il comunismo, ne ha sterminati più di CENTO MILIONI, CENTO MILIONI, CENTO MILIONI. Non vi bastano ????? Vergogna !!!!!! Lino. W Silvio

rozanu

Mer, 25/06/2014 - 14:39

Grazie per questi 40 anni.L'abito non fa il monaco, così la parola democratico non fa un democratico.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 25/06/2014 - 14:40

Che, la Libertá di Stampa é di Opinioni é una Cosa certa in questo Giornale, si puo vedere quanto tu vuoi commentare su la "repubblica" é "il corrierone",(il minuscolo é voluto) é che anche gli altri giornali allineati alla cagnara dei komunistronzi non Hanno la stessa Libertá di questo Giornale si puo vedere dal fatto che certi elementi come luigitipiscio, birocco lo sciocco, cicciosenzaluce, totonno53, xgerico,cosean,denteavvelenato,ludovik,pilsen,cristiano morelli,pazz84,gioet, possono vomitare su questo Blog tutto il loro odio verso Berlusconi é chi ama la Libertá,ed io sono andato solo una volta su "repubblica" a commentare un articolo é alla 10a volta che non venivo pubblicato ho rinunciato a commentare su questo "giornale" che non ammette critiche verso il suo editore, ma io ai komunistronzi che criticano ogni Giorno Sallusti oppure Berlusconi, voglio invitarli ad andare via da questo Blog se a loro non piace Sallusti oppure qualsiasi Giornalista di questo Giornale,é io mi comporto cosi!, se io da da una parte dove non sono ben visto, io da quella parte non ci vado piu! É ALLORA MALEAMATI KOMUNISTRONZI PERCHE NON ANDATE A ROMPERE I COGLIONI DA UN;ALTRA PARTE?; INVECE DI SCASSARE LE PALLE SU QUESTO BLOG???!.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 25/06/2014 - 14:41

Che, la Libertá di Stampa é di Opinioni é una Cosa certa in questo Giornale, si puo vedere quanto tu vuoi commentare su la "repubblica" é "il corrierone",(il minuscolo é voluto) é che anche gli altri giornali allineati alla cagnara dei komunistronzi non Hanno la stessa Libertá di questo Giornale si puo vedere dal fatto che certi elementi come luigitipiscio, birocco lo sciocco, cicciosenzaluce, totonno53, xgerico,cosean,denteavvelenato,ludovik,pilsen,cristiano morelli,pazz84,gioet, possono vomitare su questo Blog tutto il loro odio verso Berlusconi é chi ama la Libertá,ed io sono andato solo una volta su "repubblica" a commentare un articolo é alla 10a volta che non venivo pubblicato ho rinunciato a commentare su questo "giornale" che non ammette critiche verso il suo editore, ma io ai komunistronzi che criticano ogni Giorno Sallusti oppure Berlusconi, voglio invitarli ad andare via da questo Blog se a loro non piace Sallusti oppure qualsiasi Giornalista di questo Giornale,é io mi comporto cosi!, se io da da una parte dove non sono ben visto, io da quella parte non ci vado piu! É ALLORA MALEAMATI KOMUNISTRONZI PERCHE NON ANDATE A ROMPERE I COGLIONI DA UN;ALTRA PARTE?; INVECE DI SCASSARE LE PALLE SU QUESTO BLOG???!.

Guido_

Mer, 25/06/2014 - 14:42

Montanelli non si sta rivoltando nella tomba ma sta battendo i pugni e urlando: "Fatemi uscire che voglio mettere le mani addosso a chi ha scritto quest'articolo!"

Ritratto di pediculus

pediculus

Mer, 25/06/2014 - 14:57

Perfetto, caro Sallusti, io c'ero quel 25 giugno e ci sarò finché campo ! Però ancora ci sono degli sciocchi che si sentono realizzati solo nel dire, scrivere e fare stupidate. ....E che si credono liberi solo perché possono inveire contro Berlusconi.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Mer, 25/06/2014 - 15:03

io ho potuto notare che pubblicate le peggiori critiche a Berlusconi, ma spesso non i commenti a Renzi e neanche avete pubblicato articoli su di lui, mi sono fatta l'opinione che da Berlusconi non temete ritorsioni, invece Renzi preferite non farvelo nemico

ilfatto

Mer, 25/06/2014 - 15:05

ahahah un titolo degno del vernacoliere!! ma più comici sono quei 4 sfigati che sono rimasti a credervi...grazie per la risata, me la sono fatta di cuore

baldo1

Mer, 25/06/2014 - 15:06

non c'è niente da festeggiare...

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Mer, 25/06/2014 - 15:07

@bastadestrasinistra, provando a seguire il tuo ragionamento si percepisce che nel tuo ideale di libertà le persone sopracitate non avrebbero libertà di espressione (praticamente te la canti e te la suoni) ... che dire per fortuna che c'è IL GIORNALE

gedeone@libero.it

Mer, 25/06/2014 - 15:13

Orgoglioso di essere vs lettore fin dal 1° numero, invio alla redazione tutta i più fervidi auguri. W Il Giornale, W la Libertà (parola sconosciuta ai forcaioli sinistri)!!!

Ritratto di Hurin

Hurin

Mer, 25/06/2014 - 15:14

Infatti credo che Berlusconi legga il vostro giornale...

Ritratto di caribou

caribou

Mer, 25/06/2014 - 15:16

pasquale.esposito: Noi veniamo qui per te!! Ma tu pensi che possa passare un giorno senza che io legga i tuoi post!? Ma scherziamo!? Pasquà o vo capì o no che se vanno via tutti i komunisti rimanete in circa quattro!! Ma secondo te che democrazia sarebbe? Una partita briscola!? E con chi te la pigli poi?! Ma stai sereno che almeno qualcuno venga qui a riempiere il vuoto!

apostata

Mer, 25/06/2014 - 15:20

Non prenderei montanelli come esempio né sul piano giornalistico, né su quello morale. La sua vita è stata zeppa di errori, voltafaccia, contraddizioni. Era stato buttato fuori dal corriere diventato comunista e fu miracolato. Come direttore non fu capace di portarsi dietro il potenziale bacino di lettori. Fu utile ai comunisti che lo riabilitarono dopo averlo disprezzato per l'intera vita. Era una prima donna vanitosa, tronfia, aveva fiutato, come molti tra i più osannati della sua generazione con trascorsi fascisti, le nuove convenienze. Era capace di tradire e seppe voltare le spalle, nel momento cruciale dell’impegno per il bene dal paese, anche chi l’aveva salvato.

Sonia51

Mer, 25/06/2014 - 15:22

Sembra che solo al Giornale si scriva quello che fa comodo al padrone, invece Repubblica e altri no? RAI 3 si comporta meglio? Ma fateci il piacere, non sembra proprio che il Giornale sia acritico anche nei confronti del padrone. Comunque, se non vi garba, leggete altro e tanti saluti - ce ne faremo una ragione.

mzee3

Mer, 25/06/2014 - 15:38

BELLISSIMO IL TITOLO! BELLISSIMA LA FOTOGRAFIA ! Ma quella fotografia ritrae un SIGNORE che risposnde al cognome di MONTANELLI... non certo né berlusconi, né tantomeno sallusti che non hanno i titoli per essere orgogliosi, l'uno perchè un delinquente evasore, il secondo un condannato per calunnia entrambi non danno certo lustro al giornale.

gian paolo cardelli

Mer, 25/06/2014 - 15:40

Ehi dementi "di sinistra": ci fate qualche esempio di quotidiano "indipendente", e perchè lo considerate tale? così, per sapere...

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mer, 25/06/2014 - 15:40

Articolo ben impostato e veritiero. A quei tempi anche io avevo stima per Montanelli, grande girnalita. SI' , grande Giornalista ma NON ASTROLOGO o MAGO. Infatti non ho mai ben compreso perchè il Montanelli vedesse (Nel futuro) il personaggio Berlusconi, totalmente negativo per la Politica Italiana. Tutte le sue "Negatività per Berlusconi" al giorno d'oggi si sono dimostrate ampiamente non verificabili. E' legittimo domandarsi :"FORSE GIA IMMAGINAVA O SAPEVA DELLA GRANDE OFFENSIVA kgbkOMUNISTA che il Part. P. Italiano di questa dottrina, nonchè il Capo del colle di quel tempo e qualche Capo della Magistratura, AVREBBERO SUBITO SFERRATO ?? Infatti nel 94, Berlusconi, appena eletto. si vede arrivare a Napoli la storica citazione in Giudizio da Milano . Sapeva questo Montanelli ? Credo di NO. Se avesse profetizzato questo fatto, AVREBBE INDOVINATO. In conclusione voglio dire che Montanelli nel vedere la faccenda Berlusconi si è sbagliato di "Sana Pianta" in fatto di Politica Italiana in quanto , malgrado tutto, il Berlusconi è stato l'unico Politico Italiano a PORTARE A COMPIMENTO UNA INTERA LEGISLATURA . (Fatto mai avveratosi negli annali della Repubblica Italiana).Il fatto poi che dopo due decenni e più, il GIORNALE - tramite i suoi altrettanto Grandi Giornalisti (Veltri e Sallusti)- ha fatto notevoli passi in avanti, il Montanelli, può riposare in Pace sia per il progresso del suo "IL GIORNALE" e sia anche per il personaggio Berlusconi che dopo tante "LOTTE VELENOSE" del PD e di altri POTENTI si dimostra ancora molto valido e da considerare abbastanza per il futuro e benessere del Popolo Italiano. In defiitiva, Montanelli,penso in buona fede o forse per salvaguardia di Berlusconi, sbagliò molto nel prevedere l'avvenire Politico di Berlusconi. Comunque tutti noi siamo soggetti a sbagliare.

michetta

Mer, 25/06/2014 - 15:41

Sicuramente verro' cestinato, ma voglio sappiate le mie considerazioni, ai vostri decantati pregi. Se fosse vero cio' che predicate, non permettereste mai ad alcuno, di porre museruole, per i vostri lettori, tanto meno quelli che vi seguono da anni, apoliticamente. E' da un po' di tempo, che volevo si sapesse cio', anche in giro da queste parti! Non siete piu' il GIORNALE di una volta! Affatto! Meschini ed anche pusillanimi, siete votati alla piu' rivoltante cancellazione di chi, come me, esprime sempre e comunque la propria opinione. Sissignori, siete divenuti come quegli altri, dell'altra parte. Siete uguali. Insomma, siete di parte ed avete, probabilmente a giusta ragione, paura! Di parte, di chi vi paga ed avete paura dei magistrati, che, nascosti tra i sottoscala dei loro tribunali nullafacendo, si rivoltino contro questo foglio al solo scopo di evitare che gente come me, parli. Ma io, continuero' a farlo anche su altri siti e quando le cose non andranno, le denuncero', come i circa venti anni di attesa per cause inevase, o il posto vinto con esami regolari da mio figlio rubato da parente di un politico ed avallato nepotisticamente dalle toghe, non certo come fate voi, nascondendo la mano, in quanto, io, posso dire di essere stato uno degli artefici, anche se infinitesimali, della prospera vita Italiana, facendola SOLAMENTE crescere. Percio', per favore, piantatela e fate in modo che anche il vostro editore la pianti. Perche' non avete preso cappello sugli ultimissimi favoritismi, effettuati nei confronti dei Generali/Colonnelli e Magistrati, da parte dei mammasantissima messi lì da gente come voi? Il Paese, non vive delle vostre furbesche facezie, in quaranta anni avreste veramente potuto fare qualcosa di piu', molto di piu'. Ne avevate gli uomini capaci. E non lo avete fatto, quasi mai. E quel "quasi", e' troppo poco, pochissimo! Forza Italiani, sveglia!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 25/06/2014 - 16:08

#caribou. Meglio, soli che mali accompagnati!, Perche chi vi conosce "caro" mio vi evita come la peste,é voi komunisti non siete altro che un anacronismo storico da gettare ai posteri, perche voi non valete niente é non date niente di positivo al nostro paese,perche voi siete i servi di tutto il Mondo, é avete ridotto il nostro Paese ad essere lo sberleffo di tutto il Mondo!, é in 20 anni non avete fatto altro che rendere il nostro Paese un Paese da ridicolizzare in tutto il Mondo!, é voi non valete neppure lo sporco sotto le unghie di Berlusconi, é questo perche lui é un Patriota che ama il nostro Paese, mentre voi komunistronzi non amate niente é nessuno e neppure i vostri Figli volete difendere!,é io non posso fare altro che disprezzarvi, perche chi odia il proprio Popolo! le proprie radici! é il proprio Paese non merita altro! É SE TU ANDRAI VIA DA QUESTO BLOG; NON MI MANCHERAI MAI!.

paolonardi

Mer, 25/06/2014 - 16:12

Leggendo i commenti viene da piangere; coloro che hanno portato il cevello, o quel poco che rimane, all'ammasso non riescono a capire che ci possono essere alcune persone che, in maniera autonoma, la pensano culturalmente in maniera simile e difforme dalla loro senza, per questo avere un rapporto padrone-servo. A costoro fa piu' comodo il pensiero unico farcito di slogan che dono il patrimonio degli stolti; facili da imparare senza la necessita' di capirne il significato.

giordaano

Mer, 25/06/2014 - 16:13

ilGiornale non ha il lettore come padrone è proprietà, corpo ed anima della famoiglia Berlusconi. E si vede, caspita se si vede.

denteavvelenato

Mer, 25/06/2014 - 16:31

pasquale.esposito Ma i commenti inviati agli altri giornali erano dello stesso tenore di quelli che pubblica qui? Mi basta un si o un no.

Ritratto di caribou

caribou

Mer, 25/06/2014 - 17:20

pasquale.esposito: Pasqua, brutte notizie per te! Ho deciso di restare su questo blog!! Pasquà rassegnati, avrai da scrivere qualche insulto in più tra un turno e l`altro, secondo me sarai pure contento di sfogare la tua maleducazione visto che su questo blog te lo lasciano fare!

Ritratto di caribou

caribou

Mer, 25/06/2014 - 17:27

paolonardi: Parole sante! Sono convinto anch`io di una possibile esistenza dell`individuo autonomo senza padroni, anzi continuo a crederci, appena ne trovo uno su questo giornale le faccio sapere!!

Pinozzo

Mer, 25/06/2014 - 17:41

Montanelli se fosse vivo oggi a un servo come Sallusti non gli farebbe nemmeno pulire i servizi igienici della sede del Giornale. E definiva il preg come un virus, uno che ha l'allergia alla verita'. Giusto per ricordarvelo, bananas. E attenzione a chi va negli states, dice benito pannocchia che sono diventati gli unites soviets of america, e se lo dice lui che e' intelligente quanto pasca' e' erudito c'e' da fidarsi.

Ritratto di Giandorico

Anonimo (non verificato)

nonna.mi

Mer, 25/06/2014 - 18:18

Ho letto con molta pazienza(opportuna per poterlo fare) tutte le considerazioni fatte dai miei "colleghi collaboratori" di questo blog: queste persone così entusiaste di Montanelli lo hanno veramente conosciuto e seguito nella sua lunga carriera,senza dubbio alcuno di riconoscerlo fra i migliori giornalisti della sua epoca? Io l'ho conosciuto di riflesso, avendo nella mia famiglia un suo collega non così noto come Indro,ma a Lui molto vicino e vi garantisco che il suo merito come scrittore-giornalista non era uguale al suo carattere difficilissimo e anche se era libero da legami altrui, si dimostrava molto, molto soggettivo e non accettava critiche che alle volte potevano anche essere giuste. RicordiamoLo dunque come Grande nello scrivere,ma temo che moltissime lodi di oggi siano incrementate da proprie idee politiche che sono fuorvianti perché non vere coll'accreditargli linee di pensiero oggi imperanti, che non aveva !Myriam

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mer, 25/06/2014 - 18:24

Montanelli era orgoglioso di avere il lettore come padrone. I giornalisti di oggi non si vergognano di avere i partiti come padroni.

nonmi2011

Mer, 25/06/2014 - 18:42

Il grande Indro aveva un solo padrone, il lettore. Dopo di lui, i direttori ed i giornalisti di questo giornale di padroni ne hanno avuti tre: paolo berlusconi, silvio berlusconi e marcello del'utri. Povero Indro, povero Indro.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Mer, 25/06/2014 - 18:57

Lo spot vale anche oggi ma al contrario: l'orgoglio di avere il padrone come lettore

Cristina Ulcigrai

Mer, 25/06/2014 - 19:04

AUGURI AL "GIORNALE " PER I PRIMI 40 ANNI !CENTO ANNI ANCORA !Cristina Ulcigrai.

fox2766

Mer, 25/06/2014 - 19:14

Io sono pagato da una ditta, loro sono il mio padrone. Questa ditta ha dei clienti, lavoro per la loro soddisfazione, pero se la mia ditta mi da ordini differenti dai desideri dei clienti io seguo gli ordini della ditta. Il Giornale é pagato dalla Famiglia Berlusconi, riceve finanziamenti dallo Stato ed ha i lettori come clienti. Il suo padrone é la Famiglia Berlusconi non i lettori. Evitiamo di prenderci in giro, oggi in Italia l'unico giornale che si avvicina un po' ma non totalmente alla formula de lettore padrone é il Fatto Quotidiano. Tutti gli altri devono seguire le indicazioni editoriale del propio padrone si chiami Berlusconi o De Benedetti o Agnelli.

Paul Vara

Mer, 25/06/2014 - 19:17

Ma una coscienza non ce l'ha lei signor Sallusti ? Quanto è retribuito per scrivere simili cose ?

Cosean

Mer, 25/06/2014 - 19:18

@ Joe Larius Lo vedi che hai indicato la "vostra" stampa? Vostra di chi? Non è che diventa nostra se so che Berlusconi è il padrone de "Il Giornale"!

ghorio

Mer, 25/06/2014 - 19:39

Naturalmente il mio augurio al Giornale per sempre grandi successi. Sono legato a questa testata, come lettore, sin dalla fondazione. Sicuramente l'impostazione editoriale de " Il Giornale" diretto da Montanelli è da considerare come linea guida per qualsiasi quotidiano controcorrente. A fare grande i quotidiano sono le grandi firme e i giornalisti controcorrente e "Il Giornale " di Montanelli poteva contare su queste due componenti. Sinceramente oggi ,i aspettavo almeno un supplemento di 100 pagine, anche se le prime pagine migliori sono state pubblicate nei mesi scorsi. Spero che ci possano essere altre iniziative per questi 40 anni, magari dei libretti con gli articoli migliori delle grandi firme.

Ritratto di massiga

massiga

Mer, 25/06/2014 - 20:19

benny manocchia, sei cosi' ignorante che non sai nemmeno che tra USA e Italia ci sono 6 ore di differenza. Qui nessuno si e' alzato presto eccetto tu. Il primo commento era delle 11:20 ora italiana. Il tuo delle 12:32, ossia 6:32 ora USA orientale. Sembra che la prima cosa che fai tu appena alzato e' rilasciare commenti insulsi.

Ggerardo

Mer, 25/06/2014 - 20:53

Questo titolo e' da morire dal ridere, uno dei migliori di tutta la storiadel Giornale. Lo sappiamo tutti chi e' il padrone di Sallusti !

Ritratto di perigo

perigo

Mer, 25/06/2014 - 22:49

Complimenti e tanti auguri per una vita editoriale lunga e fruttuosa, in nome della libertà. Tanti commenti qui sotto palesano che ci sono molti italiani che non sono abituati a leggere la verità in quanto tale. Da qui nasce il grande equivoco che porta taluni schiavi dell'ideologia a credere di essere nel "giusto".

Mobius

Mer, 25/06/2014 - 22:52

Ma cari sinistroidi, che scrivete tante cazzate, come mai siete così numerosi a seguire questo giornale? Forse le vostre veline, pardon, i vostri giornali di sinistra non vi interessano proprio? Come vi capisco...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 25/06/2014 - 23:59

Ciò che fa più pena nelle esternazioni dei trinariciuti è che hanno trascorso una vita a disprezzare Montanelli. Il loro braccio armato le BR (per chi fingesse di non sapere come è la sinistra) sono arrivati a gambizzarlo. POI MIRACOLOSAMENTE UN GIORNO MONTANELLI LITIGA CON BERLUSCONI E SUBITO I COMMENTI SU DI LUI SONO DIVENTATI UNA VERGOGNOSA PIAGGERIA. CHE DIRE DI QUESTI ROSSI? FANNO SOLO SCHIFO.

piserik

Gio, 26/06/2014 - 02:09

Ma lasciate perdere Montanelli che si sta dimenando nella tomba vedendo come avete ridotto il Giornale... Ma per favore...! Sallusti! Sallusti!

chicolatino

Gio, 26/06/2014 - 06:56

pinozzo...analisi sottilissima, molto analitica e oggettiva.....wow...congratulations...sempre dagli usa...p.s. mi ricoda l'etimologia di bananas please??? sa, non sono un assiduo frequentatore di questo blog...

macchiapam

Gio, 26/06/2014 - 07:37

Bravo, Sallusti: avanti così. Manca tuttavia uno strumento fondamentale: la rubrica di "lettere al direttore", la cui mancanza non è rimediata dalla possibilità di commentare i vari articoli. Si torni al metodo del Times di una volta: "Dear Sir:".

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 26/06/2014 - 08:24

Pinozzo ma a te cosa farebbe fare Montaneli?

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Gio, 26/06/2014 - 08:58

Sei proprio un Lacche' ballista e sottomesso privo di morale non porti nemmeno il rispetto dovuto ad un uomo come Indro Montanelli tutti sanno perche ha lasciato il Giornale per il resto Sallustri non ti preoccupare verrai ricordato per quello che sei stato un Lacche che segue alla lettera gli ordini e' la linea del padrone piu' comunista di te !!!!!! Parlate tanto dei comunisti ma usate gli stessi metodi

Mobius

Gio, 26/06/2014 - 10:59

Pinozzo, a parte le sue trascurabili opinioni, vuole spiegarci cosa significa "bananas"? Comunque, tanto per ricambiare il complimento, visto che voi sinistroidi/destroidi seguite sempre tutti insieme un pensiero unico, sempe uguale, noi vi potremmo chiamare "macacos". Perchè no? mi pare che suoni anche bene: macacos. Caro macacos, ci faccia sapere cosa glie ne sembra.

benny.manocchia

Gio, 26/06/2014 - 12:13

dENTE AVVELENATO. pRENDA PERMESSO DI INGRESSO E PERMANENZA PER 3 MESI DA UN CONSOLATO usa IN iTALIA.pOI VENGA QUI A "CONQUISTARE" IL MONDO YANKEE.lA PROPRIETA' PRIVAYA EISTE E COME,LO CHIEDA ALLA FAMIGLIA OBAMA...mA VUOLE VENIRE QUI PERCHE' IN iTALIA LE RIDONO TUTTI IN FACCIA? UN ITALIANO IN USA

Ritratto di mirosky

mirosky

Gio, 26/06/2014 - 12:32

danutaki,come si vive sulla luna?

Howl

Gio, 26/06/2014 - 12:34

A Lei Sallusti piace prendere in giro i suoi lettori ( gli unici che la leggono pensando che NON stia scherzando ). Lei è indipendente e libero tanto quanto Kunta Kinte, con la differenza che Lei è ,giustamente, grato al suo padrone ( per la remunerazione che altrimenti non le riconoscerebbe nessuno ) Lei è il più schiavo, prono e venale giornalista della storia d'Italia. Ha reso uno dei più grandi giornali d'informazione una rivista di gossip politico asservito al padrone per spu****re gli avversari politici ( gli esempi si sprecano ). E' stato graziato dall'amico Napolitano ( che per convenienze elettorali attaccate uno giorno si e l'altro pure..........dimostrando un'ingratitudine che spero le si ritorca contro ) Le è stato concesso di scrivere falsità e garantita l'impunità Lei sta a Montanelli come un mulo ad un puledro di razza. Lei non scrive nulla che il suo padrone non voglia e anche quando millanta critiche a FI lo fa perchè parte di una fiction, teatro , scena , finzione. Lei e i suoi collaboratori, siete al soldo di Berlusconi e scrivete solo quello che lui vi detta , le critiche che fate sono solo fumo negli occhi per i vostri ingenui ( e ignoranti ) lettori.

Ritratto di Mike0

Mike0

Gio, 26/06/2014 - 12:37

x scipione: concordo totalmente! La linea del Giornale e la dichiarata libertà di chi ne fa parte non sono mai cambiate. Montanelli aveva erroneamente ritenuto che potesse cambiare lasciando il Giornale da lui fondato, ma dopo ebbe a dire parole di consenso nei confronti di SB, come da parte di SB non sono mai mancate parole di rispetto ed elogio. Probabilmente la cosa non è concepita in questo modo dai sinistri che sono abituati a ben altro, in stile soviet, e quindi si affannano a dire il contrario di tutto.

ludovik

Gio, 26/06/2014 - 13:27

pasquale.esposito io scrivo e non vomito, al limite posso avere dei singulti quando penso ad un decelebrato come lei che parla di berlusconi e dell'amore per la libertà....vigilata...

Masci gina

Gio, 26/06/2014 - 14:11

Ho visto le foto della Vostra Redazione, complimenti per l'aria di freschezza della Vostra compagine. Ma quando andate in pensione per lasciare un po' di spazione a giovani leve??

vilo55

Gio, 26/06/2014 - 16:42

Forse state esagerando un pò ... " avete i lettori come padroni"? Dott Sallusti non ci crede nessuno , se ne rende conto vero? Mi scusi il sig. B chi è per voi? un semplice lettore simpatizzante. Questo titolo non è da lei , cerchi di correggerlo

GIPICHE

Gio, 26/06/2014 - 18:56

Auguri per il traguardo raggiunto ma soprattutto COMPLIMENTI per lo spazio concesso a tutti in questa sezione di commenti. Purtroppo a volte capita che alcuni partecipanti fanno un pessimo uso di questa piccola libertà. Ancora auguri per un futuro di prosperità del GIORNALE e dei suoi tanti lettori. utile al

Ritratto di 1959andrea

1959andrea

Gio, 26/06/2014 - 22:39

mi è bastato leggere il titolo dell'articolo per andare a vomitare...

Ritratto di 1959andrea

1959andrea

Gio, 26/06/2014 - 22:44

@ agosvac: "il fatto quotidiano" non percepisce sovvenzioni pubbliche "il giornale" sì, questo mi basta a capire quale tra i due è quello indipendente e quale no.

thelonesomewolf97

Gio, 26/06/2014 - 23:06

Dott. Sallusti, mi congratulo con Lei. Il Suo è l'unico giornale che si possa leggere senza sentire puzza di "rosso" o di festival dell'unità. Per lo meno è in opposizione a tutta quella marea maleodorante che ogni tanto s'infrange contro gli scogli, senza mai però poterli coprire. La verità rimane sempre più in alto delle bugie di cui si alimentano quelli di sinistra (cosa nota da molti decenni). Vada avanti col lavoro e non si curi troppo di quelli che nel "poppolo" bue vorrebbero travolgere tutto a testa bassa, per appiattire conoscenze, educazione, storia, cultura e religione in un ammasso informe in cui tutti sono schiavi e sottoposti.

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Ven, 27/06/2014 - 08:15

Io non pretendo che Sallusti dica le cose come stanno ma bisogna considerare che Berlusconi e di conseguenza il direttore negano da anni l'evidenza dei fatti raccontano balle da tanto tempo che si sono convinti di questo, il servizio andato in onda su canale 5 metteva i brividi. Due di questi li reputavo distaccati ma mi sono sbagliato lavorare per B significa smettere di avere iun libero pensiero tutto questo ovviamente e' rafforzato dai Bananas e' brutto questo nomignolo ma dopo 20 anni di che avete bisogno per svegliarvi, non vi sentite piu' rappresentati e' allora non dovete mica diventare comunisti se B e' la destra allora io sono Babbo Natale

soldellavvenire

Ven, 27/06/2014 - 08:53

bananas: sudditi del dittatore dello stato libero di bananas, ma forse dovreste essere chiamati capre, secondo lo stesso sgarbi

pesciazzone

Ven, 27/06/2014 - 09:13

MA dàiiii!!!!!il vostro padrone è UNO e UNO SOLO, ed è lo stesso che dopo aver costretto il fondatore a lasciare la sua creatura ha via via affidato il suo organo di propaganda a uomini servizievoli dall'enorme statura professionale come Belpietro (quello che si faceva gli attentati da solo...), l'insipido Mario Giordano ed ora lo smidollato Sallusti. Padroni i lettori???? Ma per favore!!!!!!!

Mobius

Ven, 27/06/2014 - 10:27

Ma certo, per favore! Piantatela, sinistroidi, di insegnarci cosa sono la libertà e l'indipendenza, delle quali voi non sapete un tubo. Credete di saperlo, voi elettori corti di cervello, e per questo l'Italia sta andando in malora.

benny.manocchia

Ven, 27/06/2014 - 11:51

PESCIAZZONE...COGLIONE. i MIEI COMMENTI NON PASSANO MAY SU rEPUBBLICA,IL FATTO,L'uNITA' E COMPAGMIA...BELLA.c HI E' IL VOSTRO PADRONE? UN ITALIANO IN USA

lorenzo464

Ven, 27/06/2014 - 12:00

Sallusti, un po' di decenza se non di onestà non guasterebbe; senza soldi dei padrone (e fin qui, va be..) e senza soldi del contribuente questo come quasi tutti i giornali avrebbe chiuso i battanti da decenni...è di oggi la notizia dell'ennesimo regalo di 120 milioni che lo stato fa all'editoria...per leggere poi, a spese nostre, l'elogio del libero mercato..

Pinozzo

Ven, 27/06/2014 - 18:22

bevvy pannocchia, forse su repubblica.it non la pubblicano perche' hanno dei requisiti piu' stringenti sulla grammatica. Qui e' normale che siano piu' tolleranti, essendo i bananas per definizione degli ignoranti.

Ritratto di donzebaB

donzebaB

Ven, 27/06/2014 - 18:41

Alcuni anni fa insegnavo nelle scuole elementari di un paese sel FriuliVeneziaGiulia. Ho ritenuto molto utile far leggere e commentare alcuni quotidiani in classe.Ricordo che i ragazzi di quarta e quinta classe elementare leggevano e commentavano con piacere "Il Giornale" e hanno continuato a leggerlo dopo la scuola elementare. Son passati tanti anni, e alcuni miei ex alunni lo comprano ancora e mi parlano bene di Sallusti e ne ammirano il coraggio e gli articoli. Come Montanelli è una stecca nel coro.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 27/06/2014 - 19:29

Sallusti, lo sai benissimo che come padrone tu hai un pregiudicato. Vedi di non prendere in giro i lettori ......

pesciazzone

Ven, 27/06/2014 - 23:32

BENNY.....non serve neanche risponderti, basta uno specchio e se non sei del tutto rimbambito capisci da solo