Bologna, l'accusa delle studentesse: "Sesso per un buon voto all'esame"

Le ragazze passate da Ingegneria parlano di molestie sessuali. Ora indaga la procura

C'erano due modi per passare quell'esame alla facoltà di Ingegnera: impegnarsi e studiare, o accettare i favori sessuali richiesti dal docente. È questa la pesantissima accusa portata avanti da due ex studentesse della facoltà a Bologna, che sostengono di avere subito molestie sessuali da parte di uno dei professori.

Alcuni giorni fa hanno scritto una letter, che è arrivata alle forze dell'ordine e alla Procura, ma anche al sindaco della città emiliana e al ministero dell'Istruzione, per denunciare una situazione a cui in molte si sarebbero trovate di fronte, con il professore - il cui nome non è al momento noto - che durante incontri nella sua abitazione chiedeva una serie di "favori" in cambio di un bel voto.

Nella missiva la confessione delle ragazze, che avrebbero accettato di praticare una masturbazione al professore in cambio di un 26, rifiutando invece ulteriori avances, che gli avrebbero consentito di ottenere il massimo dei voti. Al momento la procura bolognese ha aperto un'inchiesta come atto dovuto, dopo avere ricevuto dall'ateneo la lettera.

Nonostante il nome del docente non sia stato reso pubblico, perché le indagini sono appena iniziate, il Resto del Carlino è riuscito a intervistarlo. Nega tutto e aggiunge: "Il corso di cui si parla nella lettera si è svolto dal 2006 al 2010 e non erano tanti i partecipanti. Parliamo di 20-25 ragazze in tutto. Non sarà difficile fare le dovute verifiche".

Commenti

ziobeppe1951

Mer, 16/03/2016 - 16:29

A Bologna?...sporcaccioni kkkomunisti

titina

Mer, 16/03/2016 - 16:35

non hanno mai pensato a registrare le avances e denunciare con una prova in mano?

RawPower75

Mer, 16/03/2016 - 16:48

Incredibile! I Prof che ci provano con le studentesse (e viceversa)! Ma che notizia! Non si erano MAI sentiti episodi del genere...Suvvia!!!

Clericus

Mer, 16/03/2016 - 17:15

"C'erano due modi per passare quell'esame alla facoltà di Ingegnera: impegnarsi e studiare, o accettare i favori sessuali richiesti dal docente." e non sarebbe stato più dignitoso, anche se più difficile, studiare?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/03/2016 - 17:44

Probabilmente per un lavoro di mano, si aspettavano un 110 e lode.

franco-a-trier-D

Mer, 16/03/2016 - 17:53

Belin altro che Germania....ziobeppe1951 devi dire sporcaccioni italiani mi solo i comunisti fanno queste porcate.Le fanno anche in Veneto e non sono comunisti

agosvac

Mer, 16/03/2016 - 17:54

Egregio clericus, è quello che ho subito pensato anch'io!!!

roberto.morici

Mer, 16/03/2016 - 20:53

Lo studio presuppone applicazione, fatica e tempo che si preferisce spendere in attività più piacevoli. Una sveltna eseguita con...mano lesta risulta una cosetta più sbrigativa. Con tutto il disprezzo per il presunto provolone, naturalmente.

Leo Vadala

Gio, 17/03/2016 - 00:53

Niente nomi e cognomi? Notizia inventata di sana pianta!

eras

Gio, 17/03/2016 - 01:20

Non era nuova... già sentita no surprise

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 17/03/2016 - 07:16

Chi supera l'esame facendo una seta e chi studia. Questione di quanto ascolti in aula.

vince50

Gio, 17/03/2016 - 07:27

Si tratta semplicemente di metodo,chi non riesce in un modo risolve diversamente.Libertà di scelta,questa è la vita da che mondo e mondo.

Duka

Gio, 17/03/2016 - 08:26

3/4 dei "dottori" italiani si sono laureati così oppure con la borsa gonfia di moneta dei padri. Il risultato che abbiamo una infinità di laureati che, in sanità per esempio, uccidono le persone, o nei lavori pubblici fanno crollare ponti. E'così dagli anni 70, NON è una novità; sta sotto gli occhi di tutti.

cicero08

Gio, 17/03/2016 - 09:41

tutto il mondo è paese. Anche Bologna è Italia...

cicero08

Gio, 17/03/2016 - 09:43

ma quanti commenti da taverna!