L'America si difende dal terrore: più controlli sul personale aereo

Saranno più di 900 mila i dipendenti degli aereoporti statunitensi controllati dopo l'attentato al volo russo caduto in Egitto

Anche negli Stati Uniti dilaga il timore di possibili infiltrazioni terrostiche tra i dipendendti degli aereoporti statunitensi dopo l'attentato in Egitto sul volo A321 della compagnia di linea russa.

L'ammistrazione americana ha lanciato un'allarme sulla sicurezza dei proprio aereporti. Vieni chiesto di rafforzare i controlli sul personale degli scali. In particolare, sui dipendenti che hanno accesso libero su zone senza sorveglianza. Si tratta di più di 900 mila dipendenti sparsi in 450 aereoporti nel paese a stelle e strisce. Una mossa che pare sottolineare la paura americana di aver terroristi sul proprio suolo e conferma anche l'ipotesi presentata da molti esperti che la bomba esplosa sul volo caduto nel Sinai sia stata imbarcata da qualcuno affiliato al terrorismo delle bandiere nere dell'Isis

Commenti

paolonardi

Mar, 10/11/2015 - 19:00

C'e' una soluzione facile, meno dispendiosa del rafforzare i controlli gia' abbasranza asfissianti, e auspicata dai normopensanti, esclusi quindi i sinistri di ogni ordine e grado, che sarebbe quella di desertificare tutte le zone, anche solo sospette, di accogliere gli integralisti islamici.