"Ti faccio il muso a sangue". La maestra pesta i bambini

La denuncia dei genitori ha spinto il preside a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine. L'insegnante, incastrata dai filmati registrati dalle videocamere installate dai carabinieri, è finita in manette

Arriva da Lamezia Terme (Catanzaro) la notizia dell'ennesimo caso di maltrattamenti su minori avvenuti fra le mura di un edificio scolastico.

A finire indagata una maestra delle elementari, che in più di un'occasione non avrebbe esitato ad insultare ed a percuotere i suoi giovani alunni. I piccoli, dai 5 ai 7 anni di età, avrebbero a lungo subito le violenze commesse nei loro confronti dall'insegnante, fino a quando qualcuno non si è deciso a raccontare.

Confidandosi con i genitori, i bambini hanno parlato delle botte, delle minacce e degli insulti dei quali venivano fatti oggetto durante le ore di lezione, ed è così scattato l'allarme. I papà e le mamme si sono confrontanti fra loro, anche per accertarsi della veridicità dei racconti ricevuti, scoprendo che altri bimbi avevano riferito gli stessi episodi alle rispettive famiglie.

È stato quindi allertato il preside della scuola primaria in questione, che ha immediatamente provveduto a contattare le forze dell'ordine.

Ad occuparsi del caso i carabinieri della compagnia di Lamezia Terme, che hanno installato delle microcamere all'interno dell'istituto per tenere sotto controllo il comportamento tenuto dalla maestra. Il tutto coordinato dalla procura della Repubblica.

I filmati delle videocamere di sorveglianza hanno infine confermato i racconti delle piccole vittime. Nei video si vede la docente prendere a schiaffi i bambini ed apostrofarli in malo modo. "Porco" e "maiale" sarebbero solo alcuni degli epiteti rivolti dalla donna ai suoi allievi. "Smettila di urlare che ti faccio il muso a sangue" è una delle terribili minacce rivolte ad uno dei bambini, come riportato da "Il Secolo d'Italia". "Sono stanca, dovete stare divisi, ognuno nel suo recinto".

Accusata di maltrattamenti su minori, questa mattina la donna è stata dichiarata in arresto ed ora si trova ai domiciliari, come disposto dal tribunale su richiesta della procura.

Commenti

Giorgio5819

Sab, 25/05/2019 - 18:43

Prima di tutto una bella scarica di ceffoni alla demente in questione, poi licenziamento e qualche anno di galera. Certe culture vanno modificate, questi odiosi reati devono avere una punizione VERA. E pensare che la sinistra NON VUOLE LE TELECAMERE NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE ! Infami.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Sab, 25/05/2019 - 19:10

SE QUESTA PROSTITUTA AVESSE TOCCATO MIO FIGLIO LE AVREI SPACCATO IMMEDIATAMENTE IL GRUGNO E SOLTANTO DOPO L'AVREI DENUNCIATA. QUESTE PERIPATETICHE DEVONO STARE MOLTO ATTENTE PERCHE' OLTRE AI FANTOZZI E AI FILINI IN ITALIA CI SONO MOLTI SOGGETTI CHE IN QUESTI CASI PRIMA TI SPACCANO IL CxxO E SOLO DOPO TI DENUNCIANO !!!

pastello

Sab, 25/05/2019 - 19:28

Perché ai domiciliari?

Ritratto di Gius1

Gius1

Sab, 25/05/2019 - 20:04

robocop2000 @ ammeso che queste insegnant(i)e devono essere puniti per la loro debolezza di nervi . Non si agisce cosi con i minori. pero il tuo dialetto e inammissibile. Non si aggiunge benzina sul fuoco. Detto questo dobbiamo amettere che molti bambini sono anche maleducati anche perche´dietro hanno genitori come te, e inveiscono senza nessun rispetto contro chi cerca di fare il proprio lavoro. Percio´cerca anche tu di moderare i termini e non esagerare ad aizzare.

Ritratto di Gius1

Gius1

Sab, 25/05/2019 - 20:06

robocop2000 @ ammeso che queste insegnant(i)e devono essere puniti per la loro debolezza di nervi . Non si agisce cosi con i minori. pero il tuo dialetto e inammissibile. Non si aggiunge benzina sul fuoco. Detto questo dobbiamo amettere che molti bambini sono anche maleducati anche perche´dietro hanno genitori come te, e inveiscono senza nessun rispetto contro chi cerca di fare il proprio lavoro. Percio´cerca anche tu di moderare i termini e non esagerare

paperamarisa

Sab, 25/05/2019 - 21:48

Solo il fatto che un'insegnante di una scuola italiana si esprima con una frase come 'Ti faccio il muso a sangue', dovrebbe essere sufficiente a richiederne l'espulsione. Analfabeti totali e vogliono insegnare... Dovrebbero andare in miniera con le catene alle caviglie, altro che pretendere di insegnare.

Ritratto di mailaico

mailaico

Sab, 25/05/2019 - 22:28

avessi avuto io un figlio affidato ad un elemento simile, questo "coso" non sarebbe vissuto un'ora di piu'.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 30/05/2019 - 21:02

@ robocop2000 CONFERMO PIENAMENTE QUANTO SOPRA. SE UNO TOCCA MIA FIGLIA LO MASSACRO E DOPO SOLO DOPO LO DENUNCIO !!! PRETE, INFERMIERE O MAESTRO KE SIA !!!