Con l'auto nel dehor del negozio travolge padre e figlio

Ha perso il controllo della guida finendo, come un proiettile, contro il dehor di un negozio di giardinaggio, dove ha travolto padre e figlio, di 44 anni e 15 anni, che si sono salvati per un miracolo

Ha perso il controllo della guida finendo, come un proiettile, contro il dehor di un negozio di giardinaggio, dove ha travolto padre e figlio, di 44 anni e 15 anni, che si sono salvati per un miracolo. Si è dunque sfiorata la tragedia, stamani, sulla Statale 20 della val Roya, l’arteria che collega le località sciistiche della provincia di Cuneo e la costa ligure di Ponente della Liguria, in provincia di Imperia. Una strada assai trafficata da auto e moto, in ogni periodo dell'anno.

Alla guida della vettura, un fuoristrada Suzuki Jimny, c’era una donna di 62 anni, abitante a Entracque, un piccolo centro del Cuneese. Per motivi ancora in fase di accertamento, da parte dei carabinieri, la donna ha perso il controllo del volante finendo prima contro il negozio; poi contro alcuni pilastri in cemento che ha distrutto cappottandosi.

Le operazioni di soccorso hanno visto impegnati il personale sanitario del 118, con i vigili del fuoco. Il ragazzo è rimasto parzialmente incastrato sotto le lamiere dell’auto. Non è ancora possibile stabilire se la donna sia uscita di strada per un colpo di sonno, una distrazione o altro ancora.

E’ stata, comunque, sottoposta a test medici per verificare l’eventuale assunzione di alcol o droghe. Dopo essere stati stabilizzati, i tre feriti sono stati portati in “codice rosso”, in ospedale. Per il ragazzo, in particolare, vista la dinamica dell’incidente, è stato disposto il trasferimento in elicottero all’ospedale Gaslini di Genova. Il velivolo è atterrato nelle vicinanze del luogo dell’incidente.