L'autopsia sul corpo di Domenico: "Alcol nello stomaco, aveva bevuto poco prima di morire"

Il 19enne avrebbe ingerito poco alcol prima di morire, precipitando da una finestra al quinto piano dell'albergo in cui alloggiava con i compagni di scuola durante una gita a Expo

Nello stomaco di Domenico Maurantonio è stato trovato dell'alcol, che doveva ancora essere assorbito dal sangue. Alcol che il 19enne avrebbe di conseguenza ingerito poco prima di morire, precipitando da una finestra al quinto piano dell'albergo in cui alloggiava con i compagni di scuola durante una gita a Expo lo scorso 10 maggio, tra le 5.30 e le 7 del mattino. È quanto emerge dall'autopsia svolta sul corpo dello studente padovano, i cui esiti, va sottolineato, sono ancora parziali.

Nei giorni scorsi era uscita l'indiscrezione che il tasso alcolemico rilevato nel sangue del giovane era di un grammo per litro. Una quantità definita moderata, ma comunque sufficiente a portare alla sospensione della patente, fa notare un investigatore. Nel corpo del ragazzo non sarebbero state riscontrate, invece, tracce di droga che potrebbero averne alterato le percezioni. Si attendono in ogni caso gli esiti complessivi degli accertamenti tossicologici, medico legali e genetici disposti dal pubblico ministero Claudio Gittardi, sul cui tavolo non è nemmeno arrivata la relazione parziale prevista in questi giorni, ma solo alcune note con alcuni dati che vengono sottolineati dai consulenti.

Riguardo il dna, ancora da analizzare, prelevato sotto del giovane 19enne non si sa ancora nulla. Ma, secondo indiscrezioni, sulla nota inviata dai consulenti incaricati degli accertamenti in procura, si tratterebbe di una quantità di dna definita "scarsa".

Commenti
Ritratto di hardcock

hardcock

Gio, 04/06/2015 - 20:58

Dai resti biologici lasciati sulla parete dell'albergo mi sembra un caso di stupidaggine unito a maleducazione. Che bisogno aveva di defecare fuori dalla finestra se non una stupida bravata piena di maleducazione?