Lecce, cane provoca incidente. Asl condannata a pagare

Diecimila euro per un’auto ribaltatasi dopo aver evitato l’animale che vagava sulla strada nei pressi di Casarano

Dovrà pagare oltre diecimila euro di danni per un incidente causato da un cane. Parliamo dell'Asl di Casarano, un Comune in provincia di Lecce. Condannata a risarcire una donna coinvolta in un incidente stradale. A darne notizia è il quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno".
Era il 7 marzo del 2013 e la donna, alla guida della sua auto, una Lancia Y, all'improvviso, per scansare un cane si schiantò contro il muro di un'abitazione e si ribaltò più volte con il mezzo.
Ora, tutto il processo si è incentrato sul cane: vagava, sfuggito al controllo del padrone o randagio? Nel secondo caso, alla sbarra ci sarebbe stato anche il Comune che in caso di randagismo è responsabile, insieme alla Asl, di eventuali danni ai cittadini, perché competente nella zona in cui avviene il sinistro.
Secondo quanto si legge sul quotidiano regionale, la responsabilità è dell'Asl se c'è la presenza di un canile, ma, in presenza di cani randagi, l’Azienda sanitaria non interviene. Il Comune è chiamato in causa se non ha provveduto ad istituire un canile comunale. Nel caso di Casarano il canile c'è, pertanto il municipio non è stato chiamato a pagare i danni.
In questo caso, come detto, non si trattava di un cane randagio, ma vagante e l'onere di cattura spetta alla Asl "che deve porre in essere tutti i rimedi necessari per la salvaguardia di questi animali, i quali possono essere un pericolo per se stessi e per gli altri".
Qual è la differenza tra un cane randagio e uno vagante? Il secondo è un animale con un padrone, ma viene lasciato libero di girare. A definire le linee guida, una legge sul randagismo del 1991.

Commenti

cgf

Mer, 06/02/2019 - 22:36

Alla donna è andata bene, altrove chi si fa male e/o muore, deve anche pagare le spese processuali perché non ha prestato abbastanza attenzione alle buche.