Lecce, trasloco temporaneo per la statua di Sant’Oronzo

Lavori di restauro alla colonna su cui poggia il simulacro del protettore

La statua di Sant'Oronzo, collocata su una colonna alta circa ventinove metri, nell’omonima piazza a Lecce, fra una settimana sarà spostata nell’androne della sede del Comune per permettere il restauro sia della colonna che del simulacro del santo patrono. A darne notizia l'Ansa. A deciderlo la giunta comunale. La colonna venne eretta in segno di gratitudine a sant'Oronzo, a cui la città attribuì l’immunità dalla peste diffusasi nel 1656 nel Regno di Napoli. Un monumento particolare, come si legge, realizzato utilizzando i rocchi crollati dello stelo marmoreo di una delle due colonne romane che erano poste alla fine della Via Appia a Brindisi. I lavori inziarono nel 1666, ma furono subito sospesi per mancanza di fondi per poi ricominciare alla fine del 1600.

L'interno della statua ha una struttura lignea che deve essere ristrutturata per garantire la solidità della statua stessa. Per questo deve essere spostata dalla sommità della colonna che la regge. Lo scorso 23 novembre è stato deciso dalla Sovrintendenza che la atatua di Sant'Oronzo, uno dei tre protettori della città (insieme a San Fortunato e San Giusto), verrà spostata a Palazzo di Città. " Questo permetterà un coinvolgimento dei cittadini che potranno ammirarla e seguire da vicino le operazioni di restauro" ha dichiarato all'Ansa il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Alessandro Delli Noci.