L'eroe dimenticato di Nassiriya restituisce le medaglie allo Stato

L'ira di Pietro Sini, abbandonato dalle istituzioni e dall'Arma dei carabinieri

Dimenticato dallo Stato. Pietro Sini, l'eroe di Nassiriya, reduce dalla strage di carabinieri, nel 2003, quando aveva salvato cinque persone ha esternato la sua rabbia nei confronti dello Stato. Lui, che il 12 novembre di tredici anni fa si era infilato dentro la base Maestrale appena attaccata dai terroristi per prestare soccorso ai colleghi feriti, ora si sente abbandonato. E per questo ha deciso di riconsegnare le onorificenze che gli erano state assegnate dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e cioè la nomina di Cavaliere della Repubblica Italiana e la medaglia d’oro - con annessa pergamena - quale vittima del terrorismo. Il tutto per "metter fine a una situazione assurda che dura da anni". In particolare Sini ce l'ha con l'Arma dei carabinieri, rea, a suo dire, di non considerarlo soprattutto in occasione degli appuntamenti istituzionali quali la ricorrenza della Virgo Fidelis (patrona dei carabinieri) o della commemorazione dell’attentato di Nassiriya o di altri attentati costati la vita a militari in missione all’estero.

"In diverse occasioni sono stato contattato informalmente dall’Arma che mi preannunciava un invito a qualche cerimonia – ha raccontato a La Nuova Sardegna – ma poi l’invito vero e proprio non arrivava mai. E ancora, mi hanno invitato a un incontro con tutti i decorati e feriti sardi in missioni di pace che si doveva tenere a Iglesias. Mi hanno detto che ci sarebbe stata un’auto a mia disposizione, ma qualche giorno dopo quell’auto non era più disponibile. Siccome conosco le difficoltà del momento, la cosa non mi ha infastidito ma quando sono arrivato a Iglesias ho scoperto che molti colleghi erano arrivati a bordo delle auto dell’Arma. E, benché amareggiato, sono andato via dal raduno senza dir niente a nessuno. Non mi invitavano neppure alla commemorazione che si tiene ogni anno a Porto Torres e questo ha creato dei problemi non tanto a me quanto a mio figlio: i suoi compagni, infatti, gli chiedevano conto della mia assenza, arrivando a ipotizzare che mi ero inventato tutto".

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Sab, 02/04/2016 - 10:44

Sei un carabiniere, mica un comunista. Che vuoi?

milope.47

Sab, 02/04/2016 - 11:05

.....NON ROMPERE LE SCATOLE !!!!!. Dobbiamo pensare all'islamico.

SAMING

Sab, 02/04/2016 - 11:20

Mi sono sempre domandato ed ho rivolto varie volte questa mia domanda nei messaggi de "il giornale" come mai il comandante la base di Nassirya non è stato deferito a giudizio e condannato per inefficienza grave e per tradimento? La base era sguarnita ed il camion dei terroristi è potuto entrare fino al centro della base prima di esplodere. E'proprio vero. La tradizione dei comandanti militari italiani da Badoglio in poi si è sempre confermata.

cgf

Sab, 02/04/2016 - 11:27

se fossi stato a Nassiriya inviato dal Manifesto, oggi saresti invitato ovunque, non potresti fare a meno di avere una segretaria per preparare convegni, relazioni etc etc... l'auto? non sarebbe un problema, quale colore per la limousine?

bjelka68

Sab, 02/04/2016 - 11:27

il tuo dovere lo hai fatto la, questo altro e mostrarsi e per il tuo ego

giottin

Sab, 02/04/2016 - 11:28

La nomina a cavaliere e la pergamena doveva bruciarla davanti alla telecamera e per quanto riguarda la medaglia d'oro, dopo averla resa irriconoscibile, (presa a martellate per cancellarne le effigi) doveva portarla da un compro oro, il tutto sempre davanti alla telecamera, tanto per recuperare qualche spicciolo, almeno quello!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 02/04/2016 - 11:29

Per tutto questo è bene s'adatta un'imprecazione che Emilio Fede esternava quando si trovava a disagio: Ma che figura di merd........

pippo54

Sab, 02/04/2016 - 11:47

Questo stato premia chi ruba, mica chi fa il proprio dovere. Un pezzo di ferro e un pezzo di carta non danno dignità a un uomo.

Charles buk

Sab, 02/04/2016 - 12:14

È la nostra memoria corta. Se non vuoi essere dimenticato apriti una banca o chiedi qualche concessione petrolifera. Magari ti fidanzi con qualche pezzo grosso oppure tiadottano come papà.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 02/04/2016 - 12:15

milope.47 11:05 - Infatti, un carabiniere ha subito la disciplinare per aver espresso le sue idee sugli islamici.

salvatore40

Sab, 02/04/2016 - 12:15

Restituire allo Stato ! Pienamente d'accordo. Lo sfacelo statale, sotto gli occhi di tutti, non merita eroi, ma solo burocrati,cinici,corrotti,profittatori,vessatori ecc. ecc. " vil razza dannata" !

doris39

Sab, 02/04/2016 - 12:28

Purtroppo in questa Italia esistono gli eroi di serie A e gli eroi di serie B. Esistono i morti di serie A, fiumi di articoli su loro, e morti di serie B che passano subito nel dimenticatoio. Ciò che è più importante è la stima delle persone comuni.

vince50_19

Sab, 02/04/2016 - 12:40

Da quanto letto e se corrisponde al vero, le suggerirei di lasciar perdere: certa gente non merita neanche il disprezzo. Son convinto che lei ha l'Arma nel cuore e questo le fa sol che onore. Restituire le medaglie è il meno che abbia potuto fare. Lo stato (scritto volutamente in minuscolo) ha solo memoria quando deve succhiar sangue, per lo più ai deboli e alla povera gente. "Nihil sub sole novi": stato debole con i forti e implacabile, forte con i deboli. Vive cordialità a lei.

BiBi39

Sab, 02/04/2016 - 12:48

Ma, ha avuto le sue onorificenze (che non voglio discutere se proporzionate a quanto fatto).Ora fa pure i capricci! Forse si sente un novello Garibaldi. Di fatto mi sembra che abbia aiutato dei feriti come accade quotidianamente a molti in circostanze le piu' svariate.

Trifus

Sab, 02/04/2016 - 12:52

In Italia ci sono due tipi di eroi. Quelli veri, quelli che agiscono, quelli che prendono dei rischi, quelli che mettono in pericolo la propria vita per salvarne altre. Poi ci sono quelli che presenziano ai dibattiti si prendono i meriti. Sono ovunque, ci erudiscono su come sono risaliti al colpevole, sulle indagini svolte, sui pericoli corsi, insomma quelli che il culo lo sollevano dalla sedia solo quando c'è da prendersi i meriti delle operazioni svolte dagli altri. Pietro Sini ha sbagliato categoria. Speravo che l'Arma fosse fuori da questi "giochetti", ma quanto sembra così non è. E lo affermo con profonda tristezza. Un carabiniere (di leva) in congedo.

tofani.graziano

Sab, 02/04/2016 - 13:26

Sig.PIETRO SINI, non se la prenda piu' di tanto,Lei e'semplicemente un povero eroe che, nel politicamente corretto, nel pietismo, e nell'accoglienza pelosa e INTERESSATA, non ha nulla ha che vedere.Se ne faccia una ragione, ma sappia che da parte mia, come credo da tanti ITALIANI VERI, Le giunga una parola di affetto e soprattutto di GRANDE STIMA.Sempre viva l'ITALIA-Graziano Tofani

macchiapam

Sab, 02/04/2016 - 13:57

Ma certo: ormai, se non sei Belen o la Boldrini non conti niente. Eroi? aah! puzzano di patria, di nazione, in fondo sono tutti fascisti. Via, via! Calipari è stato dimenticato e l'indecente Sgrena resta sugli scudi. L'eroico Quattrocchi è stabilmente censurato. Ed eroine restano le due ragazzacce, Greta e Vanessa, per la cui liberazione è stato pagato un sacco di soldi. Così è la vita...

quapropter

Sab, 02/04/2016 - 14:02

Signor Sini ha fatto stra-bene a restituire onorificenza e medaglia. Uno stato (sic!) come quello italiano non merita cittadini di valore come lei; uno stato che non ha vergogna ma del quale vergognarsi.

46gianni

Sab, 02/04/2016 - 14:08

mi dispiace per te ma la repubblica nata dalla resistenza non poteva fare altrimenti non sei un partigiano

giunchi catia

Sab, 02/04/2016 - 14:36

fa bene ha restituirla, questa patria non merita nessuna considerazione con questa gentaglia che la sta governando ,questo è un governo fatto solo di faccendieri con parenti intrallazzatori e bancarottieri.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 02/04/2016 - 15:31

Pietro Sini, un eroe di Nassiriya, reduce dalla strage di carabinieri del 2011. Un servitore dello Stato dimenticato da uno Stato governato da ipocriti burocrati capaci di intestare un aula del senato a un contestatore delinquente tale Carlo Giuliani, che osò sfidare un'altro servitore dello Stato mentre adempiva al suo dovere, e mettere in secondo piano, anzi dimenticare, chi a questo Stato serve fedelmente per vocazione, per rispetto e per far rispettare le istituzioni. Bisogna reinserire nelle scuole l'educazione civica e togliere dall'insegnamento tutto ciò che inneggia al comunismo, a partire dal licenziamento di docenti troppo catechizzati.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 02/04/2016 - 16:03

Non per niente uno diceva NEMO PROPHETA IN PATRIA. Caro Sini non pensarci piu, pensa alla tua bella Sardegna e di ai tuoi compaesani Sardi di smetterla di VOTARE I ROSSI. Saludos da uno che ha deciso di lasciare l'Italia gia nel 1999.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Sab, 02/04/2016 - 16:14

Per ora ,l'Italia e l'Europa sono guidati da quelle persone e dai loro sodali, che avrebbero voluto che il Paese diventasse come l'Ucraina , la Bielorussia, o la Bulgaria,cioè tutta la sinistra. Coloro che si sono opposti a che ciò avvenisse , i veri Resistenti, oggi contano poco ma ancora per poco tempo, abbia ancora pazienza sig . Eroe Pietro Sini! Il comunismo è la causa delle migrazioni dei popoli dai paesi in cui c'era, verso i paesi in cui è stato combattuto, anche i paesi africani sono passati attraverso il comunismo ed i socialismo, ma questi progressisti del piffero,italiani ed europei, fanno finta di nulla,vero furbetti? E' proprio difficile ammettere i propri errori? E' difficile ammettere che non si può progredire senza avere una cultura non socialista ? Purtroppo la vostra cultura è ancora di basso livello, senza fare corsi particolari, basterebbe imparare da Pietro Sini, l'Eroe di Nassiriya.........

Corrado_64

Sab, 02/04/2016 - 16:23

Jiusmel sono d'accordo con te su quasi tutto, tranne che sull'anno... era il 2003

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 02/04/2016 - 17:18

EROE SIAMO TUTTI ACCANTO A TE. PURTROPPO L'ARMA NON E' PIU' L'ARMA DI UNA VOLTA. NEANCHE I CITTADINI SENTONO L'ARMA AL LORO FIANCO DI FIDUCIA ENORME. L'ARMA HA PERSO CIO' CHE AVEVA CONQUISTATO NEGLI ULTIMI 100 ANNI. RIPETO E RIPETERO' FINO A STANCARMI, L'ULTIMA VERA ARMA E' STATO SOTTO IL COMANDO DEL GENERALE FEDERICI. MORTADELLA HA ROVINATO TUTTO TUTTO TUTTO

xrandom

Sab, 02/04/2016 - 17:21

Disse una volta - ma erano altri tempi... - un famoso generale che aveva strappato di persona la bandiera dalle mani del nemico, a chi gli veniva a riportare che un soldato si vantava invece falsamente di averlo fatto lui: "Lasciategli pure questa gloria: io ne ho dell'altra che a me basta". Ma, come dicevo all'inizio, erano altri tempi.

guardiano

Sab, 02/04/2016 - 17:31

Pietro Sini, hai la mia solidarietà, detto questo se permetti ti dico anche come la penso, se fossi stato al tuo posto avrei rifiutato l'onorificenza ancora allora, non per l'alto valore morale che questa rappresenta ma per il valore morale della persona che me la concedeva.

nippy

Sab, 02/04/2016 - 17:40

Onestamente leggendo il titolo pensavo peggio considerando come lo Stato si comporta di solito (marò un esempio a caso), leggendo l'articolo si riduce tutto a quattro inviti e un paio di auto a disposizione, il carabiniere ha fatto un gesto di grande valore, il presenziare a cerimonie con inviti in pompa magna e auto è secondario, offendersi per questo forse un po' vanitoso fermo restando che fa bene a restituire tutto se non altro per come lo Stato si comporta nei confronti dei suoi cittadini soprattutto i più deboli.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 02/04/2016 - 17:51

Se le cose stanno così ha fatto benissimo.

Ritratto di nonmollare

nonmollare

Sab, 02/04/2016 - 17:52

ONORE a te.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 02/04/2016 - 17:53

Corrado_64, hai ragione, il 2001 (erroneamente scritto 2011) era l'anno dei fatti di Genova e della morte di Giuliani. Saluti

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 02/04/2016 - 17:53

scassa domenica 2 aprile 2016 Mio caro Signore ,quelli che allora gridavano ""10 100 1000 Nassiria "" ,oggi governano . Cosa pretende da gentaglia così ??? /scassa.

kallen1

Sab, 02/04/2016 - 18:05

Caro Eroe Pietro Sini finchè l'arma permette alla Rai di mandare in onda la fiction don Matteo, dove i Carabinieri fanno una figura a dir poco penosa, e mi fermo quì, non vorrà mica che abbia il tempo di pensare a Lei e al suo atto di eroismo: Lei è un Eroe troppo ingombrante per quelli di loro che stanno dietro ad una scrivania......

gabryvi

Sab, 02/04/2016 - 18:10

Se non si trova uno sponsor di sinistra, sarà sempre un eroe di serie B!

Cheyenne

Sab, 02/04/2016 - 18:23

ma quale stato??

Cheyenne

Sab, 02/04/2016 - 18:24

diamo medaglie alle due ...cadute in mano all'isis e liberate a suon di milioni dei nostri soldi rubati da uno stato tanto inutile quanto feroce (con le persone per bene)

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Sab, 02/04/2016 - 19:04

Con tutto il RISPETTO, non credo che sia una mossa giusta riconsegnare le Onorificenze MERITATE e NON COMPRATE. Sa.......a volte......ignorare chi si sente o si crede "grande".....è la miglior risposta. Dispiace, invece, che le Autorità Locali (Compagnia-Stazione-Sindaco ecc ecc) ignorano la Sua presenza. Questo, a mio vedere, è MOLTO più GRAVE!! ONORI A TE REDUCE!!!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 02/04/2016 - 19:53

Ci riprovo.... Caro Corrado_64 hai ragione. La data del 2001 (erroneamente scritto 2011) è l'anno dei fatti di Genova e della morte di Giuliani. La saluto.....

Una-mattina-mi-...

Sab, 02/04/2016 - 20:04

NON E' DIMENTICATO, e lo dice il fatto che lo contattano per poi tirargli il bidone. Forse, invece di EROE, fosse stato profugo di Nassiriya, un qualche Movimento ne avrebbe preso le difese.

fabiod

Sab, 02/04/2016 - 20:26

Peggio per te che non sei una risorsa

emilio ceriani

Sab, 02/04/2016 - 21:02

Qualche autorità coinvolta può spiegare cosa succede e perché? Se un militare decorato restituisce le onorificenze, cosa che a mio avviso ha un profondo amaro significato, qualcuno si degna di verificare le ragioni di tale comportamento ?

Jimisong007

Dom, 03/04/2016 - 01:30

I veri Eroi danno fastidio ai buonisti a pagamento

seccatissimo

Dom, 03/04/2016 - 04:36

E' molto difficile, addirittura da stolti e da sciocchi, fare il proprio dovere verso o per questo nostro ex belpaese il cui stato con le sue istituzioni risulta essere ogni giorno di più una associazione per delinquere finalizzata a fregare, a torchiare e a schiavizzare il cittadino!

Ritratto di Caprimulgo

Caprimulgo

Dom, 03/04/2016 - 06:25

Stucchevole. Un narciso in cerca di premure. Già, se aveva voglia di lavorare non andava a fare il carabiniere.

routier

Dom, 03/04/2016 - 08:42

Ho fatto di meglio. Non mi sono limitato a restituire l'onorificenza. Pur avendo quanto necessario per ottenere il titolo di Cavaliere, mi sono rifiutato di avviarne le pratiche!

Ritratto di Caprimulgo

Caprimulgo

Dom, 03/04/2016 - 09:44

L'istituzione "carabinieri", con commistione di polizia interna, e, arma dell'esercito è di per sé stessa, un'aberrazione degna dei peggiori paesi latinoamericani.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 03/04/2016 - 10:42

-----sempre più bannato io in questo forum---tranquilli voi del giornale---me ne andrò con la stessa velocità con la quale sono comparso---il caramba prenda esempio dal soldato russo di palmira---che sarà ricordato in privato senza fanfare --hasta siempre

luna serra

Dom, 03/04/2016 - 11:28

mi chiedo cosa voglia, è in pensione giovanissimo, la medaglia d'oro sono soldi in più alla pensione era Carabinieri e quello che ha fatto rientrava nei suoi doveri o no ? forse ha chiesto qualcosa e gli hanno risposto di NO ? si goda la pensione