L'estate a percorso netto di Stefano Parisi

Duelli a distanza, in questo Ferragosto, tra i colonnelli di Forza Italia sul futuro del partito e della coalizione. Come sempre accade, i dibattiti di mezza estate non sono solo intrattenimento per i villeggianti ma l'antipasto di ciò che sarà. Si misurano le parole, si studiano le mosse, osservano le reazioni, costruiscono alleanze. Silvio Berlusconi osserva e ascolta da villa Certosa, apparentemente distaccato ma in realtà assai interessato. Che se la giochino, i suoi, poi a settembre si tireranno le somme, giusto alla vigilia degli scossoni - referendum e conti pubblici - che potrebbero fare traballare Matteo Renzi e il suo governo.

Ma a metà di questa corsa oratoria estiva qualche indicazione già emerge. Chi pensava o sperava che Stefano Parisi, indicato da Berlusconi come riorganizzatore e possibile uomo nuovo del partito, inciampasse in uno dei tanti trabocchetti disseminati sulla strada della politica (ambiente per lui non naturale) deve ricredersi. Il suo, al momento, è stato un percorso netto nonostante stia giocando praticamente solo contro tutti. Sta andando diritto e veloce verso l'appuntamento di metà settembre nel quale metterà tutte le carte in tavola. Per ora dissemina di giorno in giorno indizi su cosa ha in testa ma non prove che lo incastrino a scelte obbligate. Tesse con pazienza la sua tela, soprattutto fuori dall'oligarchia del partito (dove piace assai) senza rispondere alle ormai quotidiane provocazioni di chi mal vede la sua ascesa, primo fra tutti quelle di Giovanni Toti, il governatore della Liguria che non ha mai nascosto le sue ambizioni di leadership e che sta facendo da capofila al variegato mondo del «no Parisi».

Sostiene Parisi, mai smentito, di avere un quotidiano confronto sullo stato di avanzamento dei lavori di rifondazione di Forza Italia con Silvio Berlusconi. Il che aumenta il nervosismo degli avversari interni ma allo stesso tempo aumenta il livello di attenzione e di rispetto dei possibili alleati, che poi sono quelli storici (Lega e Fratelli d'Italia) più i centristi di Alfano delusi (e fregati) dall'abbraccio mortale della sinistra. Chiedersi ora come finirà è presto, ma certo è che se Parisi arriverà in fondo all'estate con questo stato di forma, be', voglio proprio vedere come sarà possibile non confermargli il mandato di essere il nuovo punto di riferimento del centrodestra. Poco importa con che titoli o galloni.

Commenti

levy

Lun, 15/08/2016 - 13:05

Questo "tira e molla" della politica italiana dura da 40 anni, un teatrino inconcludente che ha il solo scopo di intrattenere gli spettatori, chiamati elettori, mentre chi comanda davvero sono i soliti ignoti, che si spartiscono il bottino in riunioni segrete.

conviene

Lun, 15/08/2016 - 14:16

Peccato non averlo mandato alle olimpiadi. Sarebbe stata una medaglia d'oro sicura.

INGVDI

Lun, 15/08/2016 - 15:04

Si scontra questo editoriale endorsement di Parisi con il precedende che parla del "disastro Renzi". Perchè? Semplice perchè il renziano Parisi non può combattere il disastro Renzi primo vero ostacolo verso un cambiamento salvifico. Ciliegina sull'articolo: il figliol prodigo Alfano.

pastello

Lun, 15/08/2016 - 15:50

Il responsabile della sconfitta a milano, nuovo capo di Forza Italia? W la meritocrazia!

Massimo

Lun, 15/08/2016 - 16:15

Egregio Direttore, Parisi non è altro che la carta di riserva delle consorterie affaristico-finanziarie nel caso fallisse Renzi. Personalmente sono stanco di dare voti per una linea e poi, nel nome della realpolitik, vedere che il mio voto viene speso per altre finalità contrarie alle mie idee. Parisi si esponga per l'uscita dall'euro, contro l'unione sovitica europea, contro il matrimonio omosessuale, per il blocco dell'immigrazione e la bonifica verso chi già è da noi, per la riduzione delle tasse e dei dipendenti pubblici. che non dialogherà MAI con la sinistra, per nessuna ragione al mondo e per nessuna alchimia governativa. Se non lo farà con estrema chiarezza e durezza un Centro Destra con lui come leader non avrà il mio voto.

sparviero51

Lun, 15/08/2016 - 16:50

.....MAH !!!

antonmessina

Lun, 15/08/2016 - 17:31

sallusti..lasci perdere.. questo è una copia dell halfano..

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 15/08/2016 - 17:38

Si sfoghi, il Sig. Carneade, a "tessere la sua tela" estiva. Stagion lieta, per lui, è codesta. Dopo il referendum nessuno sentirà più parlare di lui. Come già avvenuto per tutti gli "unti" del Cav.

conviene

Lun, 15/08/2016 - 17:46

oggi sallusti e il giornale niente Papa. Non ha parlato di migranti. Quindi non può scatenare gli insulti irripetibili. IL fatto che abbia parlato con estrema durezza delle guerre dimenticate, delle violenze psicologiche e fisiche su milioni di donne non è argomento da trattare. Allora si divaga sui percorsi netti. Grazie per la disinformazione ancor auna volta palesata da queasto giormale

hornblower

Lun, 15/08/2016 - 18:20

Sallusti, non è il caso che si presti ad incensare la "caccia al tesoro" di un Parisi intento a disseminare indizi per non inciampare in quella che è molto più di una prova, è la certezza a tutti nota, dell'incontenibile desiderio di Berlusconi, figlio della sua genetica inclinazione a volere andare d'accordo con tutti, di riabbracciare il figlio prodigo Alfano. Abbiamo già dato, così è la solita minestra riscaldata che produrrà un buco nell'acqua. Se poi ci aggiunge che vuole restare nel PPE nella pretesa di cambiare i trattati dell'UE, allora vuol dire che la lezione del complotto con cui proprio il PPE l'ha fatto fuori, non riesce proprio ad impararla. Sallusti, siamo al game over, mi dispiace, ma purtroppo lui è irrimediabilmente rimasto con la testa girata indietro.

conviene

Lun, 15/08/2016 - 19:23

censaura censura tremeda censura dai falsati

conviene

Lun, 15/08/2016 - 19:26

censaura censura tremeda censura dai falsari

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Lun, 15/08/2016 - 19:32

Povero Parisi, situazione complicata! Con chi schierarsi? Il Capo è famoso per sbagliare la scelta del delfino. Follini, Casini, Fini, Alfano e altri. E poi tutti quelli che sono spariti nell'ombra o han cambiato bandiera. Adesso (per semplificare) da un lato Toti, politicamente sconosciuto elevato quasi al soglio del delfino e poi relegato in Liguria. Dall'altro lato l'altrettanto (politicamente) sconosciuto Parisi che forse, chissà, potrebbe diventare l'ennesimo delfino. Ma forse no. E Sallusti in mezzo, che non sa che pesci prendere...

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 15/08/2016 - 19:42

Sta a vedere cosa ne pensano gli elettori di tutto questo teatrino senza costrutto. Almeno finora...

Ritratto di marystip

marystip

Lun, 15/08/2016 - 19:50

Ma lo volete capire o no che le primarie sono una fesseria? Il leader si vede, si riconosce, crea, s'impone. le primarie le fanno i mediocri. Se uno è bravo è bravo; ve lo immaginate uno come Tremonti che partecipa alle primarie? Non scherziamo. Guardate il M5S Grillo ha fatto le primarie, o il figlio del co- fondatore come c.... si chiama? Tra i grillini è in voga la democrazia diretta (caxxxta) votano 1000 assatanati del web e credono di aver espresso una maggioranza corposa;i grillini votarono, sul Web, la casalinga candidata sindaco di Milano che, donna intelligente, si ritirò.

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 15/08/2016 - 19:56

conviene Lun, 15/08/2016 - 14:16.....Se non hai nulla da dire...lascia in pace la tastiera...è innocente...Tu invece sei...quella che sei, e lo sai...Non hai scampo ne, tantomeno, speranze...E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 15/08/2016 - 19:59

pastello Lun, 15/08/2016 - 15:50.....Pastello fa rima con co@@@oncello.....Chiedi ai leghisti e ai fratellini d'Italia per chi hanno votato a Milano e capirai...Capirai..parola grossa per un co@@@oncello...peró la speranza è l'ultima a morire...E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 15/08/2016 - 20:01

conviene Lun, 15/08/2016 - 17:46......Ripeto l'invito di prima....Se non hai nulla dire...torna in cucina e lascia in pace la tastiera....E.A.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 15/08/2016 - 20:17

PERCORSO NETTO! Solo i grandi lo fanno, i campioni! E Parisi dimostra di esserlo: capace, prudente, dialogante ma fermo nelle sue convinzioni, procede con passo sicuro per sua strada. La caduta di renzi avverrà entro fine anno, referendum e crisi economica non gli lasciano scampo. Parisi alla guida del Centro Destra e vivificato dallo spirito di BERLUSCONI, potrà guidare l'Italia fuori dalla crisi e far tornare i tempi del governo BERLUSCONI quando l'Italia era ammirata e temuta in Europa e nel mondo.

peter46

Lun, 15/08/2016 - 20:19

Direttore Sallusti...comprendo che tra 'sondaggisti' e 'opinionisti' deve esserci,anche solo per il 'liberismo' dell'impiego',una 'distinzione' ben precisa di 'competenze,ma...è alla sua portata,mi creda,auto-sondaggiare,a-gratis,la 'discesa in campo di Parisi' e per come vorrebbe 'appiopparcela'.Tolta la prof conviene,che da non cdxtra non conta un bel niente nel computo,:8a0 i restanti commenti.Diamine neanche il 2% minimo dell'Italicum per sedersi in parlamento viene riservato ai Parisiani...che dispiacere non avere più in parlamento i Brunetta(che presto passerà alla nuova formazione fra una parte di lega+fdi),Gasparri(che presto sarà disoccupato come Matteoli)e fortuna per la Mussolini,che da dritta non ha mollato l'europa per killerare la Meloni,e Razzi e Scilipoti e Gelmini e purtroppo anche la Mara...ma non i soli.NB:che fortuna per 'Lui' non poter essere 'candidabile',altrimenti...li seguirebbe.

robytopy

Lun, 15/08/2016 - 20:34

parisi= sala, stessa minestra riscaldata. parisi di destra, sala di sinistra ovviamente a Sallusti non andava bene Sala ma va benissimo Parisi. Giornalismo strano.

robytopy

Lun, 15/08/2016 - 20:38

ci spieghi Sallusti quello che farebbe Parisi al posto di Renzi, immagino stesse cose di destra.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 15/08/2016 - 20:43

Un leader creato con gli alambichhi non s'era mai visto prima. Un leader imposto poi da un altro c.d. leader fallimentare su tutta la linea non esiste. Non può esistere. I leader non vengono creati con colpi di bacchette 'magiche' (sic!). Si formano da soli strada facendo se Hanno la stoffa. Tutti i 'delfini' scelti da Berlusconi poi fin dal 1994, si sono dimostrati tutti delle anguille e dei piragna. Parisi farebbe meglio ad arrotalare le sue bandierine e ad accucciarsi fuori dell'uscio e riprendere la sua tipica posizione di 'can da pagliaio'. E finiamola li.

mifra77

Lun, 15/08/2016 - 20:51

@Massimo,allora saremo in due; Parisi non è ne carne e ne pesce e non credo proprio che avrà il consenso di chi in questo neo impasto che ha il fetore dell'impasto del trogolo, si rivede propinare gli alfanisti capitanati da Alfano e Schifani. Quei cinquanta circa voltagabana a convenienza, ci hanno già fregati e male farebbe il cavaliere stanco a riproporceli. Un no secco a Renzi ed ai cinque stelle ma anche un no altrettanto secco a chi da quarantanni ci propina tradimenti e fregate.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 15/08/2016 - 20:53

E basta con questo fallito, è inutile cercare di tenerlo a galla, questo è un masso che va a fondo inevitabilmente. E' in incapace, un perdente. Non si permetta di presentarsi come il leader di centrodestra. Non centra nulla, se vuole con il suo capo affondi F.I. tanto è gia passata in forza a Renzi. Peggio di quei vigliacchi traditori di alfano e verdini.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Lun, 15/08/2016 - 22:21

Povero Parisi, situazione complicata! Con chi schierarsi? Il Capo è famoso per sbagliare la scelta del delfino. Follini, Casini, Fini, Alfano e altri. E poi tutti quelli che sono spariti nell'ombra o han cambiato bandiera. Adesso (per semplificare) da un lato Toti, politicamente sconosciuto elevato quasi al soglio del delfino e poi relegato in Liguria. Dall'altro lato l'altrettanto (politicamente) sconosciuto Parisi che forse, chissà, potrebbe anche diventare l'ennesimo delfino. Ma forse no. E Sallusti in mezzo, che non sa che pesci prendere...

uomomare

Lun, 15/08/2016 - 23:39

Chi non condivide la linea del Giornale perché non spende il suo tempo a leggere altro per correttamente informarsi? Ossessione forse?

Ritratto di Tuula

Tuula

Mar, 16/08/2016 - 07:22

D'accordissimo con Massimo

robytopy

Mar, 16/08/2016 - 08:13

uomomare: sono proprio quelli che non condividono la linea del Giornale che devono scrivere quì, quelli che la condividono devono andare a postare su altri giornali contestandone i contenuti. Altrimenti che democrazia è ? E poi quale è il valore aggiunto scrivendo: io la penso come lei sig. Sallusti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 16/08/2016 - 08:57

Nonostante i vostri disperati tentativi di promuovere il povero Parisi, con articoli su di lui pubblicati a giorni alterni, il nuovo progetto dell'ex Cav non decolla. Troppo "per bene", troppo poco sanguigno, nessuna battuta di cattivo gusto sui komunisti ne' sui rom o sugli immigrati. Insomma... una persona troppo ragionevole per i vostri gusti. Immagino quanta fatica possa costare al buon Sallusti l'obbligo di appoggiarlo per ragion di Stato.

tilet

Mar, 16/08/2016 - 09:04

Direttore, Parisi non può essere il nuovo punto di riferimento del centrodestra perchè al popolo di centrodestra serve ben altro! E basta parlare con una decina di persone di centro destra per rendersi conto che 9 diranno che non gli piace e 1 che una brava persona ma non lo voterebbe. Mi chiedo, ma la frequentate la gente di destra o vi siete completamente estraneati?

carlolandi

Mar, 16/08/2016 - 09:05

Ho notato che in quasi tutti i commenti, nessuno ci mette la faccia propria. Bene, si vede che c'è l'uso dell'anonimato per i commentatori. E allora la domanda " sorge spontanea ": non sarà che tutti questi nascosti anonimi, non siano i soliti che segreto dell'urna, fanno esattamente il contrario di quello che professano e siano loro i Renziani più affezionati al regime ?.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 16/08/2016 - 09:14

@uomomare: spiacente ma rigetto il gentile appunto. Come ogni organo di stampa che si rispetti, il Giornale deve riflettere le idee dei propri lettori e viceversa, altrimenti il tutto sarebbe inutile. Leggo questo quotidiano dalla sua nascita con Indro,ritengo doveroso criticare una linea che sta prendendo ultimamente per mettere in luce un perdente nato come Parisi solo perché lo indica Berlusconi, che tra l'altro ultimamente non ne azzecca una. Ritengo inoltre che una pluralità di idee mi risulta sia sempre stata un valore aggiunto.

Paolo17

Mar, 16/08/2016 - 09:35

Il centrodestra è tutto da rifare in versione Liberale pura al 100%. Invece siamo ancora qui ad assistere a guerra tra bande di ex socialisti, democristiani, fascisti, donzelle raccomandate e donzelli raccomandati dal Cav. che si fanno spallate per prendere la sedia di Berlusconi. E se la rifondazione deve partire da uno come Parisi che ha iniziato la carriera in CGIL e proseguita tra le poltrone del Ministero del Lavoro, delle segreterie di De Mita (sic!) e De MIchelis (sic!), della Direzione di Confindustria e che non ha un briciolo di carisma allora siamo proprio alla frutta. Sono stufo, sono stanco. Siamo al canto del cigno. Si rassegni Sallusti, è finita.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mar, 16/08/2016 - 09:53

Chiedo scusa per il refuso: Povero SALLUSTI, situazione complicata! Con chi schierarsi? Il Capo è famoso per sbagliare la scelta del delfino. Follini, Casini, Fini, Alfano e altri. E poi tutti quelli che sono spariti nell'ombra o han cambiato bandiera. Adesso (per semplificare) da un lato Toti, politicamente sconosciuto elevato quasi al soglio del delfino e poi relegato in Liguria. Dall'altro lato l'altrettanto (politicamente) sconosciuto Parisi che forse, chissà, potrebbe anche diventare l'ennesimo delfino. Ma forse no. E Sallusti in mezzo, che non sa che pesci prendere...

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mar, 16/08/2016 - 10:03

@uomomare: io che spesso non condivido la linea de ilGiornale, leggo anche altre testate, ma non commento mai articoli che condivido. A che serve? A darsi pacche sulle spalle per dire "sono d'accordo"? E' abbastanza comprensibile commentare articoli sui quali non si è d'accordo. Si chiama confronto delle idee. E' per questo che leggo spesso ilGiornale, per avere una informazione più bilanciata. Le magagne di una parte non le trovi sui media di quella parte, devi leggere la parte avversa. Sa, Uomomare, la differenza è che molta gente NON VUOLE CONOSCERE le magagne della parte che sente sua. Preferisce non sapere. "Credere, obbedire, combattere", senza esitazioni. In effetti mi pare che più che fra destra e sinistra la differenza corra fra chi aderisce acriticamente ad una fede e chi invece mette sempre tutto in dubbio

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mar, 16/08/2016 - 10:14

@marystip, lei in pratica ci dice che la democrazia non serve a niente. Perché vede, le primarie non sono altro che la replica del meccanismo delle elezioni politiche all'interno di un partito o di una coalizione. Così come le elezioni politiche permettono di scegliere fra destra e sinistra (beh, più o meno), allo stesso modo le primarie permettono ai sostenitori di un partito (o di una coalizione) di scegliere il candidato migliore. Se non abbiamo fiducia nella capacità di scelta degli elettori, primarie o politiche, non abbiamo fiducia nella democrazia.

carlolandi

Mar, 16/08/2016 - 10:36

Personalmente non mi piacciono i commenti fatti da illustri anonimi poiché su tutto bisognerebbe mettere la faccia e allora mi viene da pensare che colui che scrive certe cose magari ne pensa altre e proprio per dirla tutta trovo verosimile che si tratti di Renziani a tutti gli effetti che aiutano i bempensanti in questo giochino delle parti.

uomomare

Mar, 16/08/2016 - 10:51

@robytopy, sono d'accordo con lei sul discorso democrazia, mi riferisco nello specifico a qualcuno che ossessivamente ci regala commenti provocatori e di cattivo gusto indirizzati a Sallusti ed alla linea della testata. Forse è la noia, forse le alte temperature estive...chissà

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mar, 16/08/2016 - 11:05

@Carlolandi, condivido parte del suo pensiero. Dovremmo tutti firmarci con nome e cognome. Ma internet è fatta così. Per il resto non capisco molto del suo pensiero. Qui ognuno scrive quel che pensa, e solitamente si capisce da che parte sta. Non credo che serva nascondersi. E poi, mi dica, cosa intende per "benpensanti"?

Ritratto di NEVERLAND

NEVERLAND

Mar, 16/08/2016 - 13:27

sfugge a chi chiamato a 'ri-edificare' il cdx, che ogni forza politica è la rappresentanza di una parte di elettori. Il cdx rappresenta gli elettori di dx? No, non lo credo più. L'esempio è stato dato con le elezioni comunali di Roma. Inutile discutere di come sarà fatta la 'scatola' quando poi al 'netto' mancano i contenuti. Preciso che al 'netto' dal '94 ad oggi il risultato è stato uguale a zero. quando si gioca a calcio, si può giocare bene, subbire ingiustizie arbitrali, ma al 'netto' è sempre il risultato che conta. Mio parere personale, la destra (se ancora esiste) deve andare per la sua strada, altrimenti tra venti anni ci 'ri-troveremo' ancora a discutere della 'scatola' cosa che come cittadino non credo utile.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 16/08/2016 - 13:55

uomomare: sei d'accordo con robytopy... probabilmente perchè non hai capito le sue parole.

DoctorMR

Mar, 16/08/2016 - 16:00

"Sta andando diritto e veloce verso....". Gielo dico io, verso la definitiva scomparsa di Forza Italia e di un centrodestra affidabile capace di proporre a fare qualcosa per il Paese. E poi, vuoi mettere il carisma di Parisi, prossimo a quello di un ghiro in inverno.

DoctorMR

Mar, 16/08/2016 - 16:02

"nel nome della realpolitik". No caro Massimo, come me elettore deluso del centrodestra e costretto a subire il governo del PD ANCHE E SOPRATTUTTO per colpa del suddetto centrodestra e del suo appannato capo. Non si chiama realpolitik, si chiama conflitto di interessi.

peter46

Mar, 16/08/2016 - 18:09

uomomare...i provocatori normalmente sono i 'mordi e fuggi',quelli che s'intrufolano una volta,senza neanche bussare,e scompaiono...e gli unici intrufolatori,scorrendo i nick,sono...uomomare e carlolandi...che non sappiamo da che 'cavolo' siano usciti fuori. ...Tutti gli altri sono/siamo 'conoscenti' da qualche anno e da anni e da anni ed anni,che 'contribuiscono' all'importanza di questo giornale con qualsiasi nick postano...e magari consigli al carlolandi di 'certificare',magari inserendo la sua carta d'identità come avatar,altrimenti per tutti non può che essere un rossi o bianchi chi.NB:vedo che c'è un altro ultimo provocatore(mai commentatore da queste parti)...DoctorMR,che almeno esprime 'idee'.Comunque...fuori i nick dei provocatori,diamine...che alle idee pensiamo noi,i 'soliti'.

Ritratto di lucavelasco

lucavelasco

Mer, 17/08/2016 - 12:06

Parisi punta al 6%. Come il PLI di Zanone. La destra ha bisogno d'una ideologia:non quella statalista di FdI né quella dello scamiciato Salvini. Guardare ai repubblicani degli States in questo momento è rischioso. Altro non saprei. Se non votare ancora FI. E sperare in un B. miracoloso.

uomomare

Mer, 17/08/2016 - 14:07

Peter46, io non mi intrufolo, intervengo come te, e senza bisogno di bussare, non è una festa a inviti questa...e certo non sei tu a stabilire chi porta le "idee", non mi sembri certo Montanelli

Ricky70

Gio, 18/08/2016 - 07:37

PARTE 1. Egr. Dr Sallusti, i mille caratteri mi costringono a non poter esprimere e motivare compiutamente il mio pensiero per cui tento di sintetizzarlo e suddividerlo in due invii, se il sistema lo permette. Come ex dirigente d’azienda ho sempre votato FI, fino alle ultime elezioni quando sono passato alla Lega a causa del disinteresse di FI verso il problema dell’invasione africana. In questo suo fondo rilevo un sostegno per Parisi che non posso condividere, apprezzando maggiormente, da genovese, la politica del Governatore Toti, che cerca di aggregare la coalizione a differenza del fastidio che dimostra Parisi verso Lega e Meloni. Parisi, su input di Berlusconi, sta cercando di sostituire/integrare i moderati con un non ben identificato elettorato della società civile, dimenticando che i moderati sono ormai quasi estinti a causa dell’euro e UE che ci ha impoveriti tutti.

Ricky70

Gio, 18/08/2016 - 07:39

Parte 2 Dr Sallusti. I moderati appartengo ormai alla preistoria post industriale del boom economico della lira, assieme ai capannoni industriali vuoti, aziende chiuse e le serrande abbassate dei negozi con scritto affittasi, e sono passati nella categoria dei moltissimi incaxxati per qualunque ragione che votano M5S. Ignorando che se arrivassero al governo sarebbe una catastrofe ben maggiore del loro pensiero del “ …peggio di così….” che li ha indotti a votarli. Parisi, nonostante il suo eccellente currucula di manager di alto livello, devo dire che manca di quel physique du role per diventare un leader carismatico che spinge la gente a votarlo, come ad esempio avevano i Tony Blair, Aznar, Almirante per la sua dialettica, Berlusconi e altri. In breve Parisi non buca il video e la sua figura assomiglia più a quella di un freddo manager da Laboratorio d’analisi o a un DG dell’Istituto Italiano di Tecnologia che studia e sviluppa esoscheletri robotici.

Ritratto di NEVERLAND

NEVERLAND

Gio, 18/08/2016 - 09:06

(x Dreamer_66)- Parisi non piace non perchè 'poco sanguinario' cosa che la destra ha già metabolizzato, ma semplicemente perchè (vedi Milano) vuole includere nella coalizione di cdx politici che ora sostengono il governo renzi. Non la trova una contraddizione politica? io penso di si. (x lucavelasco)- Dogma di fede e votare FI e poi sperare in un B. miracoloso? La 'buona scuola' ha colpito anche scienze politiche.

INGVDI

Gio, 18/08/2016 - 10:51

Condivido e apprezzo il commento di Ricky70.

uomomare

Gio, 18/08/2016 - 12:28

Anche a me Parisi non fa impazzire, temo tuttavia che senza l'appoggio di formazioni politiche di secondo piano in ambito cdx non si abbia la possibilità di scalzare l'attuale compagine governativa. I sondaggi sul tema parlano chiaro