La lettera choc di un pedofilo: "Non tutti facciamo del male"

"Sono un pedofilo, ma non sono un mostro". In una lettera online la confessione di un designer americano: "Siate comprensivi"

"Sono attratto dai bambini, ma non li ho mai sfiorati. Prima di giudicarmi duramente, riuscireste a sentire cosa ho da dire?". Todd Nickerson, un graphic designer americano, ha scritto una lettera aperta per dire a tutti che non è un mostro. Una lettera, pubblicata dal sito Salon e rilanciata dall'Huffington Post, che ha acceso un dibattito violentissimo. "Ho l'orientamento sessuale più sfortunato che ci sia - prova a giustificarsi - ossia la preferenza per persone che legalmente, moralmente e psicologicamente non riusciranno mai a ricambiare le mie emozioni e i miei desideri". Non appena è stata pubblicata la lettera, Todd Nickerson è stato coperto da pesantissime critiche.

"Confessare un'attrazione sessuale verso i bambini è come confessare di appartenere ad una delle categorie più infime della Terra, quella che ti preclude ogni possibilità di vivere una vita normale - scrive Todd Nickerson - eppure non sono il mostro che pensate che io sia". Poi prova a spiegare le proprie ragioni: "Non ho mai toccato un bambino nella mia vita e mai lo farò, né ho mai posseduto materiale pedopornografico". Nella lettera ci tiene a far un distinguo tra il "pedofilo" e il "molestatore di bambini": "Di base un pedofilo è qualcuno che è sessualmente attratto da un bambino. Tutto qui. Non è detto che metta in pratica questo desiderio con un bambino in carne ed ossa". E puntualizza: "Dal momento che il potere del tabù ci fa rimanere nell'ombra, è impossibile sapere quanti pedofili non offensivi ci siano lì fuori, di sicuro sono molti e soffrono in silenzio. Ecco perché ho deciso di parlare".

Nella lettera Nickerson racconta di essere stato abusato da un adulto. Un evento che, ammette lui stesso, potrebbe essere alla base della sua pedofilia. O comunque una delle cause. Tra cui anche la sensazione di inadeguatezza. "Sentirsi poco attraenti, sbagliati, insicuri, soprattutto durante il periodo dello sviluppo - continua - può essere dannoso e portare il soggetto a soffrire anche di depressione o obesità". Nel corso della sua vita ha dovuto affrontare la depressione e un tentativo di suicidio. Finché non ha deciso di fare coming out: "Non immaginate neanche quanto sia difficile ammettere di essere un pedofilo, anche se siete inoffensivi, anche se lo dite ad altri come voi - scrive -. Quindi, per favore, siate comprensivi".

Commenti
Ritratto di ellebor0

ellebor0

Mar, 22/09/2015 - 18:22

Questo è un esempio di "pugno nello stomaco mediatico" auspicato dal vescovo Galantino. Al Festival di Venezia è stato presentato il film Spotlight che narra della pedofilia nella Chiesa Cattolica, 250 preti coinvolti, oltre 1000 vittime, 600 articoli pubblicati. Il designer è in "perversa" compagnia, io non lo capisco e non lo capirò mai, a lui e agli altri consiglio meno riflettori dei media e più psicanalisi.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mar, 22/09/2015 - 18:37

Questo tentativo di manipolazione della coscienza al quale il Giornale partecipa - auspichiamo incoscientemente - è ben noto. E' la Overton window: tecnologia americana di persuasione volta a manipolare le masse ed abituarle all’inaccettabile. Inizia con l’aborto, prosegue con l’omossesualità ed ora con la pedofilia, tutti peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio. Si avanza per gradi: l'impensabile o totalmente inaccettabile diventa vietato ma con alcune deroghe o giustificazioni; poi accettabile, infine sensato o razionale e sul quale si può discutere, spesso definendo tali perversioni tendenze legate al c.d. “istinto” umano. Da qui per la diffusione della perversione come cosa normale e la sua accettazione da parte delle masse il passo è breve. Infine si stabiliscono leggi (Legge Scalfarotto) per poter colpire penalmente chi, come i cristiani, si ribella. Fermo nella Verità di cui è testimone, la saprà difendere davanti a qualsiasi tribunale.

albertzanna

Mar, 22/09/2015 - 18:45

Secondo me l'avere fatto coming-out è una specie di giustificazione preventiva, perchè o prima o poi capiterà che si lascerà andare alle sue pulsioni perverse. Vada da un bravo psicologo e, al limite, si sottoponga volantariaemte alla castrazione chirurgica

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 22/09/2015 - 18:49

Tranquilli, ci si arrivera'. Legalizzeranno anche la pedofilia. La lobby e' forte come quelli dei gay.

Cheyenne

Mar, 22/09/2015 - 18:52

non ci sono scuse per i pedofili vanno eliminati fisicamente, ma ormai fanno parte del culturame perverso di una sinistra demenziale

Mobius

Mar, 22/09/2015 - 18:56

Per i pedofili nessuna giustificazione, nessuna comprensione, nessuna compassione. Zero assoluto.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 22/09/2015 - 19:07

Apprezzabile il fatto che non abbia tradotto in pratica i suoi desideri sessuali, tuttavia non comprendo il significato di questo "coming out". Quale vantaggio ne può derivare per lui? Nessuno, solo pena nelle migliore delle ipotesi o disgusto se non sospetto. Avrebbe fatto bene a tenere tutto per se senza chiedere la comprensione di nessuno.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 22/09/2015 - 19:42

ECCO COSA VI ASPETTA DAL NUOVO ORDINE MONDIALE, LUCIFERO VI DISTRUGGE FAMIGLIA, MORALE, ETICA, VI DISORIENTA AIUTATO DALLE MULTINAZIONALI DELLA COMUNICAZIONE DELLE QUALI SI E' IMPOSSESSATO. L'OMOSESSUALITA' E' IMMORALE E CONTRONATURA ED I PEDOFILI MALATI DI MENTE DA INTERNARE. NON LASCIATEVI INGANNARE DAL MALIGNO

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 22/09/2015 - 19:50

Pian piano, come è successo per gay, trans e sessoconfusi vari, si arriverà a giustificare anche la pedofilia. Fa parte della strategia che vuole scardinare e distruggere la società. Nell'indifferenza generale, anzi con l'acquiescenza e la complicità dei media.

Linucs

Mar, 22/09/2015 - 20:10

"Un bravo picciotto tutto sommato - meglio di molti preti e dei rabbini che attaccano l'herpes ai pargoli staccando loro il prepuzio a morsi. Quelli mi sembrano più pericolosi." - disse il razzista prima di suicidarsi dalla vergogna.

i-taglianibravagente

Mer, 23/09/2015 - 08:10

"L'agenda", dopo tutte le schifezze che sono già passate e legalizzate, prevede la pedofilia. E la macchina dell'informazione è già al lavoro da tempo......sotto ad ascoltare le RAGIONI dei pedofili.....solo quelli buoni però...certo. E il progetto di portare l inferno sulla terra CON L ASSENSO DEGLI UOMINI...continua

Mobius

Mer, 23/09/2015 - 09:58

Ascoltate, politici imbecilli. Le (presunte) ragioni dei pedofili stanno a zero di fronte alle (irrinunciabili) ragioni dei bambini; soltano a loro bisogna pensare. Perciò, cari politiconzi, fate il santo piacere di non stare a cianciare di "orientamenti sessuali" e cxxxxxe consimili.