La lettera disperata di un padre: "Vi prego, vaccinate i vostri figli"

La sua bambina è malata e per questo non può vaccinarsi: "Fatelo per lei e per tutte le persone che stanno male"

Nel tanto parlare di vaccini, un papà veneto scrive una lettera al governatore Zaia per pregarlo di non opporsi all'obbligatorietà imposta dal decreto Lorenzin.

La figlia di Nicola Pomaro ha solo cinque anni ed è costretta a passare le sue giornate in ospedale a causa di un'anemia aplastica, una forma di anemia caratterizzata dall'insufficiente produzione nel midollo osseo di cellule del sangue di tutti i tipi. Per colpa della sua malattia, che ha contratto all'età di tre anni, la piccola non può vaccinarsi. Dalle pagine de Il Mattino di Padova, il papà ha quindi deciso di scrivere una lettera disperata al governatore del Veneto, Luca Zaia, per pregarlo di non opporsi al decreto Lorenzin, che prevede l'obbligatorietà di sottopporsi a 12 vaccini per l'iscrizione a scuola.

La lettera del papà

"A causa della malattia e delle cure - si legge nella lettera - questi bambini per diversi anni hanno un sistema immunitario debole e non possono essere vaccinati. Infezioni per nulla gravi per i bambini sani per loro viceversa sono mortali. La loro vita dipende dal fatto che gli altri bambini attorno a loro siano vaccinati impedendo ai germi pericolosi di circolare. La copertura vaccinale in Veneto è scesa pericolosamente da quando è stato tolto l'obbligo vaccinale (...) Questo fatto rappresenta un pericolo mortale per mia figlia e le migliaia di bambini nella sua condizione".

La commovente lettera, poi, si chiude con un appello a Zaia: "Se si oppone all’obbligo vaccinale, lei è e sarà responsabile delle conseguenze (...) Venga, la prego, a parlare con i medici che hanno curato mia figlia, che curano ogni giorno bambini con malattie terribili. Chieda a loro se è necessario l'obbligo vaccinale".

Commenti
Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Lun, 26/06/2017 - 18:05

Qualcuno informi il "padre disperato" che anche i soggetti appena vaccinati sono contagiosi quando gli è stata inoculata una dose di virus depotenziato.

claudio faleri

Lun, 26/06/2017 - 18:37

lo hanno pagato bene per fare la propaganda a favore, guarda fin dove arrivano, scelgono una persona e gli mettono in mano una bella busta piena e chi ci rinuncia, non fai mica del male, solo propaganda

claudio faleri

Lun, 26/06/2017 - 18:53

argomentazione contradittoria, la malattia della figlia non ha nulla a che vedere con la vaccinazione, ricorrere a questi mezzi di propaganda è indecente e avvilente, viene da pensare che sia pilotata

Jon

Lun, 26/06/2017 - 19:07

Non potra' mandare sua figlia a scuola e dovra' pagare una bella multa...!!! Non ha proprio capito 'sto padre che tanti bambini non possono essere vaccinati obbligatoriamente... Poi, con quelli che arrivano via mare ogni giorno con HIV, TBC, Colera etc.etc, che nessuno manco visita e per i quali non esistono vaccini..Cosa dobbbiamo fare??

CALISESI MAURO

Lun, 26/06/2017 - 19:12

questo padre e' un dem.te forse disperato ( lo posso capire ) e penso che l'autore dell articolone non abbia capito una mazza, anche un adulto puo' portare virus e potrebbe contagiare la bambina come i milioni di invas..i incontrollabili.Quindi l'articolo fara bene alla Glaxo multinazionale supermultata nonostante le protezioni altolocate... alla giornalista un augurio a trovarsi un lavoro onesto:))

Albius50

Mar, 27/06/2017 - 07:35

Negli anni 50 eravamo in tanti BIMBI ITALIANI e prendevamo tutte le malattie infettive che ora SONO DIVENTATE UN PROBLEMA mentre allora te ne stavi a casa x 15 giorni accudito dalla propria madre CASALINGA e non mi pare proprio che morivano in tanti, ho il sospetto grave che il problema è scoppiato a seguito di arrivi esterni e i nostri NIPOTI ORMAI SIAMO PRIVI DI ANTICORPI e questi GOVERNANTI DA STRAPAZZO compreso quello che sta in VATICANO non hanno valutato la situazione degli SBARCHI INCONTROLLATI dove la visita medica visto i quantitativi enormi sono una routine di poco conto; ovvero quando noi andiamo in un certo paese straniero ti devi vaccinare loro sbarcano senza essere vaccinati.

alberto_his

Mar, 27/06/2017 - 09:21

Ma che articolo è?!? Propaganda pro-vaccini sulla pelle di un disperato

Tobi

Mar, 27/06/2017 - 09:29

Adesso Il Giornale pubblichi anche gli appelli disperati di quella moltitudine di genitori che hanno avuto i figli invalidati da gravi danni da vaccino. E se non lo fa, devo assumere che i produttori di vaccini hanno pagato bene la redazione.

Mizar00

Mar, 27/06/2017 - 10:14

Quindi per questo "padre disperato" dobbiamo vaccinarci tutti (bambini e ADULTI) e contro TUTTE le malattie! Saranno un migliaio, forza gregge !

gneo58

Mar, 27/06/2017 - 11:27

per Albisus50 - concordo quasi in pieno tranne "ormai siamo privi di anticorpi" - con la procreazione si trasmette il patrimonio genetico di entrambi i genitori per cui il nascituro comunque ha acquisito una certa immunita' che poi dovrebbe essere completata dal latte materno. Diciamo che la vaccinazione e' richiesta per scongiurare una piccolissima percentuale di casi in cui i soggetti piu' deboli sono piu' esposti o meno protetti.

Nick2

Mar, 27/06/2017 - 12:12

Albius, cxxxxxxe, negli anni 50 la mortalità infantile era pari a 100 bambini morti ogni 1000 nati vivi. Oggi è inferiore a 4. Io trasecolo nel leggere questi commenti. Fate una cosa, camerati, buttate tutte le pastiglie del cuore, della pressione, del colesterolo, le insuline, i farmaci contro l’asma, gli antidolorifici. In questo modo fregherete le tanto odiate lobbies farmaceutiche. Robe da matti. Robe da matti!