L'ex ministro tedesco Schily: "Germania, Carola e Ong sbagliano: ecco perché"

Otto Schily, ex ministro degli Interni nel governo rosso-verde del cancelliere Gerhard Schroeder: "Il mio Paese non dia lezioni di morale all’Italia"

C'è un giudice a Berlino. O meglio, sul caso della Sea Watch 3, c'è un tedesco che non la pensa come il governo tedesco. E che ci tiene a mettere i puntini sulle i in merito alla condatta di Carola Rackete. Lui è Otto Schily, ex ministro degli Interni nel governo rosso-verde del cancelliere Gerhard Schroeder. In una intervista al Corriere della Sera, il tedesco spiega: "Non è sicuramente una criminale. E ovviamente non si può che lodare il suo sforzo di salvare delle vite umane. E non si può che esser d’accordo con chi dice che salvar vite umane non è un reato. Ma la questione è un’altra, completamente diversa: e cioè se un privato possa prendere a bordo delle persone in mare per poi costringere un Paese ad accoglierli".

E ancora: "La sua è stata una manovra rischiosa, che ha messo in pericolo di vita l’equipaggio di una motovedetta italiana. Questa cosa non può essere ignorata. E anche se trovo l’arresto della capitana esagerato, credo che l’apertura di un procedimento penale nei suoi confronti sia stata inevitabile, sarebbe successa la stessa cosa in Germania. Non trovo molto intelligente provocare il ministro degli Interni in carica, dicendo che deve “mettersi in fila”. Premesso, è noto che io non sono un sostenitore di Matteo Salvini, anzi mi riconosco nello schieramento che in Italia gli si oppone, quello della sinistra, e considero la politica della Lega sbagliata e pericolosa. Ma azioni come quella di Carola Rackete sono un regalo a Salvini, destinate ad aiutarlo e a far aumentare il suo consenso".

Infine, Schily rifila una bacchettata anche ai suoi connazionali: "Io trovo sbagliato che i tedeschi si ergano a maestri di morale in Europa. In particolare nei confronti dell’Italia, che si trova in una situazione molto problematica sul fronte dell’immigrazione. Da anni la Germania, ma non soltanto la Germania, ha fatto poco o nulla per darle una mano e per favorire un consenso europeo su una ragionevole politica migratoria comune. L’Italia ha una delle maggiori esperienze di migrazioni dell’Unione europea e non può essere certo considerata un Paese ostile agli stranieri".

Commenti

Una-mattina-mi-...

Lun, 01/07/2019 - 21:36

NON E' SODALE A SALVINI SOLO PERCHE' NON HA CAPITO COSA IN REALTA' RAPPRESENTA E DICE, MA SI FIDA SOLO DI QUANTO GLI TRADUCONO...

killkoms

Lun, 01/07/2019 - 21:39

c'è qualcuno che ragiona a Berlino!

roberto zanella

Lun, 01/07/2019 - 21:44

QUALCUNO COMINCIA A DIRE AI TEDESCHI E AI COMUNISTI DI ZINGARETTI, CHE IN ITALIA NON C'E' PIU' LA PANZER KORPS E IL FELDMARESCIALLO KESSERLING...ALLA BUON'ORA....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 01/07/2019 - 22:30

Lo dice un ministro di un buon governo che fu.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Lun, 01/07/2019 - 22:31

A parte le bellissime e iconiche macchine fotografiche e ottiche Leica, la Germania non ne ha mai combinata una buona in tutta la sua storia.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Lun, 01/07/2019 - 22:35

Per fortuna qualche rara persona con un po' di sale in zucca e onesta intellettuale è rimasta anche in Germania, paese in cui il lavaggio del cervello è molto forte a partire da quello inculcato nelle scuole dell'obbligo e il rimbecillimento che sta avvenendo a causa dei metalli pesanti presenti nelle massicce irrorazioni attraverso le scie chimiche che sta colpendo in modo molto intenso proprio la Germania in questi ultimi 10 anni.

Ritratto di nordest

nordest

Mar, 02/07/2019 - 06:30

Quello che ha fatto questa bambocciona o criminale è imperdonabile ; ci ha scaricato degli extracomunitari a scopo di lucro ,questa donna veniva pagata solo se scaricava in Italia il suo bottino perché così stanno le cose,come là si può definire ? Perché se ha sbagliato non deve essere punita ? Se tutto questo succedeva a uno di noi cosa ci capitava? È ora noi italiani paghiamo.

tosco1

Mar, 02/07/2019 - 07:20

Se uno e' intelligente,ragiona in questo modo.Sul pensiero politico e'libero di non essere d'accordo con Salvini.E'strano pero' che ci sia una sola persona a Berlino che riconosce che l'Italia non e' razzista, che e' giusto che ne abbia piene le scatole,e che la grande UE non ha fatto assolutamrente nulla per trovare soluzione al problema, fa veramente pensare. Diciamo quindi:un uomo solo a Berlino!

Blueray

Mar, 02/07/2019 - 08:26

Non è strano che le persone di buon senso siano sempre gli ex. Quando vanno in pensione rinsaviscono perchè pensano con la loro testa, ma quando sono al potere esprimono concetti di convenienza allineati alla "fede" che rappresentano e drogati da motivi elettorali. E' la tabe perversa della politica (una delle tante).

nopolcorrect

Mar, 02/07/2019 - 08:39

Una persona ragionevole da prendere ad esempio per i nostri sinistri.