Licenziato e alluvionato, diventa pusher per pagare i debiti

Si è messo a spacciare per necessità, dopo essere rimasto senza lavoro e con una casa danneggiata dall'alluvione. Nei guai 57enne di Senigallia

Finisce in mezzo alla strada, senza più un lavoro nè un soldo, e senza la propria casa, fortemente danneggiata dall'alluvione. Un 57enne di Senigallia ha così iniziato a spacciare, è stato trovato con la droga dalla polizia nel centro di Ancona ed arrestato. Al giudice Paolo Giombetti, ha spiegato di averlo fatto per il bisogno urgente di denaro. Il giudice ha così convalidato l'arresto e rimesso in libertà l'imputato. L'uomo dovrà però ottemperare all'obbligo di firma in Questura fino all'inizio del processo che si aprirà il 21 aprile.

Il 57enne è un grafico pubblicitario che, nel corso dell'interrogatorio, ha spiegato di avere urgente bisogno di denaro per pagare i debiti. Dopo essere stato buttato fuori dalla ditta per cui lavorava avrebbe provato invano a cercare un'altra occupazione. Avrebbe così trovato un posto in nero che gli faceva guadagnare pochissimo e la sua casa a Senigallia avrebbe pure subito i danni derivanti dall'alluvione del maggio 2014. Così sarebbe caduto nella trappola dello spaccio di droga per tirar su qualche euro.

Commenti

Giustiziapertutti

Ven, 20/03/2015 - 17:37

che scuse del cavolo. allora andiamo tutti a spacciare !