Loris, Antonella Panarello: "Davide non se lo meritava"

Antonella Panarello si sfoga ai microfoni di Pomeriggio Cinque e parla del cognato e soprattutto della sorella, Veronica, che è in carcere

Veronica Panarello coperta da un cappuccio prima dell'arresto

"Davide ha fatto tanti sacrifici, non ha mai fatto mancare nulla alla famiglia, non se lo meritava". E ancora: "Veronica anche con me si è creata l'alibi. Poi mia mamma non va più a trovarla perché viene usata economicamente. Ha avuto bisogno degli occhiali da vista e ha dovuto provvedere lei". Così a Pomeriggio Cinque, programma di Canale Cinque condotto da Barbara D'Urso, Antonella Panarello, sorella di Veronica, la donna in carcere per aver ucciso suo figlio Loris parla del marito della sorella e padre del piccolo. La donna si sfoga in tv e di fatto non cambia la sua posizione che più volte ha esplicitato in diverse interviste. "È stata lei, l'ho sempre detto. Le sue sono bugie. In passato ha persino incolpato mia madre", aveva detto qualche tempo fa ai microfoni di Fanpage. Poi a Quarto Grado ha parlato del suo incontro in carcere con Veronica: "Quando sono entrata lei mi ha detto di sedermi. Sin da piccola è stata viziata, aveva tutto quello che voleva. I figli non si toccano, per me deve pagare. Trent'anni sono pochi la vita è cambiata in peggio, questa storia ci ha rovinato tantissimo. È difficile trovare lavoro: le persone non si fidano". Insomma un racconto quello di Antonella Panarello pieno di rabbia e di rancore per quella sorella che adesso è in cella per aver ucciso il piccolo Loris.