Luca Varani, la fidanzata e il giro di amicizie gay

La storia d'amore con una ragazza. E le amicizie omosessuali tenute nascoste

Nella vita di Luca Varani, il 23enne romano originario della ex Jugoslavia barbaramente ammazzato durante un festino a base di alcol e cocaina, non era tutto cristallino. Bisogna scavare nello strano rapporto con la fidanzata e, soprattutto, in quelle amicizie omosessuali di cui la ragazza ignorava completamente l'esistenza. Una storia d'amore consumata sui social network e presto passata dal "ti amo" al "ti odio".

Come roicostruisce il Corriere della Sera, la storia d'amore si arresta a novembre. Sui social network fioccano commenti pesantissimi. La ragazza accusa Varani di averla tradita. "Probabilmente la giovane non conosceva tutto del compagno - spiega Rinaldo Frignani sul Corsera - non sapeva che frequentava giri strani, e persone che facevano uso di stupefacenti". Amicizie pericolose come quelle di Manuel Foffo e Marco Prato che lo hanno ammazzato con un coltello da cucina e un martello dopo averlo torturato e seviziato per una notte intera. Nell'appartamento lo hanno trovato riverso a terra, nudo, in una pozza di sangue. Lo hanno lasciato lì per due giorni.

Adesso i carabinieri dovranno fare luce sulla vita privatissima di Varani che, dopo aver vissuto anni difficili in un centro d’accoglienza per minori in quello che era il suo paese da poco uscito dalla guerra civile, è stato adottato da una famiglia romana. In Italia sembra che vivesse una doppia vita. Da una parte la storia d'amore "contro tutti e contro tutto" con la ragazza che lo ha fatto innamorare, dall'altro il giro di amici omosessuali che non disdegnano lo sballo, gli eccessi e la cocaina. Secondo la ricostruzione del Corriere della Sera, il rapporto tra i due alternava "attimi di serenità" con attimi di "delusione e rabbia per il comportamento" di Varani che "le sfuggiva spesso, non le rispondeva al telefono, postava lui stesso sul social messaggi critici verso le unioni omosessuali, come se volesse allontanarsi da quella realtà che invece frequentava di nascosto dalla sua compagna".

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 07/03/2016 - 16:51

"...postava lui stesso sul social messaggi critici verso le unioni omosessuali, come se volesse allontanarsi da quella realtà che invece frequentava di nascosto...". Qualcuno dei lettori sentirà fischiare il proprio orecchio (non a caso non c'è nemmeno un commento a questo articolo).

duca di sciabbica

Lun, 07/03/2016 - 18:04

dreamer, guarda che l'intento del redattore e/o autore del titolo (Sergio Rame, capirai...) è prima di tutto quello di adombrare una qualche relazione tra l'omosessualità del ragazzo, finora solo presunta, e il movente. Aspetta i commenti e vedrai.

tzilighelta

Lun, 07/03/2016 - 18:37

Lo dicevo io, i bananas tutti finocchi!

CIGNOBIANCO03

Lun, 07/03/2016 - 19:55

@dreamer:personalmente a me interessa poco, di chi è gay tra i lettori di questo giornale io da genitore,avrei fatto fare la stessa fine ai due o più criminali.

Ritratto di Sniper

Sniper

Lun, 07/03/2016 - 23:07

Ha ha...Io ho scritto molte volte dell'omosessualita` latente di quelli che si scagliano contro gli omosessuali. E qui Rame li smaschera!

Atlantico

Mar, 08/03/2016 - 14:59

Dreamer_66, molto spesso molte persone professano una incontenibile omofobia proprio perchè vivono sensi di colpa, essendo attratti dall'omosessualità, e volendo, con l'esprimere quella rabbia, dimostrare prima a se stessi e poi agli altri che loro sono 'veri' uomini. Uno che si conosce bene non ha nessun bisogno di mettersi una maschera, non ha bisogno di dimostrare nulla a nessuno o a se stesso. Su queste colonne ce ne sono molti che si scagliano con una violenza degna di miglior causa contro i gay: è evidente che sono attanagliati da sensi di colpa.

CIGNOBIANCO03

Mar, 08/03/2016 - 20:27

Insisto: dreamer,tzighelta atlantico, non è da "veri uomini" gettare la pietra e nascondere la mano.UNA MAMMA.LO so......penso di essere l'unica,sia come DONNA CHE COME MAMMA.Prendetevi la vostre responsabilità.

tzilighelta

Mer, 09/03/2016 - 20:37

Cignobianco03, di cosa parli, non si capisce niente di cosa vuoi dire, rileggi quello che ha scritto Rame "le sfuggiva spesso, non le rispondeva al telefono, postava lui stesso sul social messaggi critici verso le unioni omosessuali, come se volesse allontanarsi da quella realtà che invece frequentava di nascosto dalla sua compagna" hai capito adesso, ormai è dimostrato dal giornale stesso, te lo ripeto, i bananas sono tutti finocchi!