Maestra denuncia il caso di una bimba maltrattata e la preside la sospende

L'insegnante è stata sospesa per "aver violato il segreto d'ufficio e aver arrecato un danno d'immagine alla scuola". Il tribunale: "Revocare la sospensione". Intanto la polizia indaga sui presunti maltrattamenti

Si è insospettita quando ha notato i frequenti lividi sulle gambe e le crisi di pianto apparente ingiustificate. È bastato questo per indurre la maestra di una scuola elementare di Pavia a denunciare un presunto caso di maltrattamenti. Ma, per questo, è stata sospesa per un giorno dalla scuola.

Secondo quanto riporta la Provincia Pavese, la docente aveva inizialmente allertato la preside dell'Istituto dei suoi sospetti, per poi segnalare il fatto anche alle forze dell'ordine. Dopo la denuncia, però, la maestra è stata sospesa per un giorno, per "aver violato il segreto d'ufficio e aver arrecato un danno d'immagine alla scuola".

Per avere giustizia, l'insegnante sospesa si è rivolta al tribunale di Pavia che ora, a qualche mese di distanza dall'accaduto, ha invitato la dirigente della scuola elementare (nel frattempo cambiata) a revocare la sospensione e a restituire alla maestra la mancata retribuzione di quel giorno. L'udienza è stata poi rimandata a dicembre.

La vicenda ha scatenato le polemiche e la donna ha ricevuto solidarietà anche dai sindacati: "Con questi provvedimenti si alimenta l’omertà, inducendo i colleghi dell’insegnante sospesa a non seguire questo esempio e a tacere nel caso in cui vengano a conoscenza di episodi gravi". Anche il sottosegretario all'Istruzione Peppe De Cristofaro è intervenuto sulla vicenda: "L'amministrazione scolastica dovrebbe piuttosto ringraziare questa docente. Spero che in tempi rapidissimi si possa annullare l'assurdo provvedimento di sospensione e chiedere scusa alla maestra, alla quale esprimo tutta la mia solidarietà".

Nel frattempo, le forse dell'ordine hanno avviato un'indagine sulla famiglia della piccola, che è stata temporaneamente affidata alla nonna, in attesa che venga fatta chiarezza sui presunti maltrattamenti.

Commenti

cgf

Lun, 28/10/2019 - 11:03

la retribuzione, ED ANCHE LE SPESE, dovrebbero essere addebitate alla dirigente che non c'è più, non quella nuova e/o la sQuola

Happy1937

Lun, 28/10/2019 - 11:04

La Preside andrebbe radiata dal ruolo e messa a riposo senza pensione.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 28/10/2019 - 11:25

si sa che la Pa agisce nell'esatto contrario delle logiche.vedrete che la dirigente scolastica fara' anche carriera...ed in fretta.

Ritratto di pulicit

pulicit

Lun, 28/10/2019 - 11:49

Italia allo sfacelo.Nessuno comanda questo è il problema.Regards

gianfran41

Lun, 28/10/2019 - 12:55

La preside? Sarà un'ex assistente sociale.

routier

Lun, 28/10/2019 - 13:11

Dirigente scolastica? Ma dove le scelgono?

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 28/10/2019 - 13:12

A mio avviso l'unica che ha arrecato danno alla scuola è la Preside. Spero che il Ministero o la magistratura chiarisca il suo comportamento. La violazione del segreto d'ufficio o della privacy in presenza di reato o presunto tale, non dovrebbe essere contestato a chi si rivolge alle Forze di Polizia.

evuggio

Lun, 28/10/2019 - 14:00

in un paese di serietà minima la dirigente dovrebbe essere già stata messa sotto inchiesta.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 28/10/2019 - 14:37

La preside dovrà spiegare al Ministero se prevale il buon nome o la sicurezza dei ragazzi. Vicenda assurda. La preside andrebbe rimossa.

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 28/10/2019 - 14:50

i dirigenti pubblici se vogliono possono permettersi questo ed altro: niente controllo nessun collegamento al merito o al demerito e questi sono i risultati.

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 28/10/2019 - 16:27

se il ministro della pubblica istruzione (e non distruzione) fosse una persona seria LICENZIEREBBE IN TRONCO LA PRESIDE

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 28/10/2019 - 17:12

Se la dirigente è ancora in giro, dovrebbe essere sospesa e non per un solo giorno

Giorgio5819

Lun, 28/10/2019 - 18:40

Licenziamento immediato della preside con cancellazione di qualsiasi emolumento presente e futuro. Queste blatte devono sparire dagli istituti scolastici.