Mafia capitale, la gestione dei canili faceva gola a Buzzi

"I canili romani - denuncia un'associazione - sono un'evidente fonte di guadagno tanto che sono stati ritenuti un buon affare anche per la tristemente nota cooperativa 29 Giugno"

Anche i cani facevano gola alla "mafia capitale". Per essere più precisi i canili. In una nota l'associazione Earth punta il dito contro "un ventennio in cui milioni di euro sono stati erogati ad un unico soggetto senza gara ad evidenza pubblica con stipendi altissimi per i gestori. Strutture non a norma e occupazioni abusive tollerate bonariamente dall’amministrazione capitolina. Questa la situazione dei canili romani che sono una evidente fonte di guadagno tantoche sono stati ritenuti un buon affare anche per la tristemente nota cooperativa 29 Giugno".

"La cooperativa in questione - prosegue la denuncia di Earth - ha partecipato alla manifestazione di interesse, la prima in 20 anni appunto, indetta dal Comune di Roma ed è stata ritenuta idonea a concorrere. La manifestazione prevedeva esperienza nel campo della gestione e nellatutela degli animali- spiega Valentina Coppola, presidente di Earth - cichiediamo quale fosse l’esperienza sul campo della cooperativa inquestione. Earth ha da poco presentato una integrazione di denuncia inprocura per il recente e 'poco opportuno' incontro in Campidoglio dell’attuale amministrazione con il soggetto gestore dei canili a procedura di gara già iniziata profilando un reato di turbativa d’asta. Ora anche questa nuova notizia apre, secondo l’associazione, scenari degni di attenzione".