Mafia, spunta il primo tunisino reclutato da Cosa nostra

Primo caso in Sicilia. Arrestato con il figlio dell’ex autista di Riina

Chiedeva il pizzo per conto di Cosa Nostra. Ma l’esattore non era un figlio o figlioccio di un mafioso del luogo. Per la prima volta nelle indagini sulla mafia siciliana, tra gli affiliati compare un extracomunitario, un tunisino. In un’operazione contro il mandamento di San Lorenzo di Partanna Mondello, condotta dalla Dda di Palermo, è stato arrestato Ahmed Glaoui: nato nel 1990 a Tunisi, da anni in Italia, è accusato di associazione mafiosa ed estorsione. L’uomo è stato denunciato da un imprenditore edile a seguito di una serie di vessazioni, l’ultima la richiesta di consegna di 3500 euro.

La presenza di un non siciliano, e non italiano, in Cosa Nostra è una novità assoluta nelle indagini fin qui condotte a Palermo. Secondo gli inquirenti, Glaoui non sarebbe stato un mero riscossore, ma un elemento di spicco, tutt’altro che marginale nella “famiglia” mafiosa guidata da Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore, l’ ex autista di Totò Riina, anch’egli arrestato.

Secondo le intercettazioni, i mafiosi di Partanna avrebbero avuto molta stima di lui, ritenuto un uomo di coraggio. Il suo campo di azione era Partanna Mondello, dove si vedeva spesso girare con abiti firmati. Qui gestiva un bar e un centro scommesse.
A parere dei magistrati, gli elementi acquisiti confermano senza dubbio “la piena partecipazione” del tunisino “al sodalizio mafioso”.

Glaoui sarebbe stato convocato in molte riunioni delicate del mandamento, e veniva messo a parte delle decisioni importanti.
La presenza del tunisino nelle fila di Cosa Nostra indicherebbe anche una difficoltà di reclutamento nella zona. Dopo una precedente operazione che aveva portato in carcere un centinaio di persone tra i mandamenti di Resuttana e San Lorenzo, a Partanna, dice un boss in un’intercettazione, “in questo minuto non c’è più nemmeno un cane”. Glaoui era invece presente e volonteroso.

Commenti

deluso.57.

Mer, 24/01/2018 - 19:28

Se non altro aveva trovato occupazione a tempo indeterminato in una azienda solida, una retribuzione adeguata e senza l'assillo di trovarsi in cassa integrazione, mobilita' o licenziamento per giusta causa.......

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 24/01/2018 - 19:34

Non c'è più cosa nostra di una volta,mò sta diventando...cosa loro!!

manfredog

Mer, 24/01/2018 - 20:26

..il primo..!!..ah ah ah ah; il primo..!!.. ari ah ah ah ah..!! mg.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 24/01/2018 - 23:12

E te credo gli italiani devono sottostare alle leggi "pro fxxxi" mentre gli extra possono esercitare i loro costumi e tradizioni e certuni l'hanno dimostrato a Cassino quando sono stati ingaggiati per "liberare" l'Italia dai cattivoni teutonici.

mila

Gio, 25/01/2018 - 08:28

E poi dicono che i Tunisini ecc. non si integrano!

gneo58

Gio, 25/01/2018 - 09:22

extracomunitario ? pena tripla.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Gio, 25/01/2018 - 09:33

quanti delinquenti extracomunitari africani che ci sono in Italia e il nostro governo non sa o finge di non sapere per soldi..fortunato me che me ne sono venuto in Germania.