Magistratura, allarme organici al Sud: nessuno vuole andare a Foggia e Bari

Nessuno accetta il trasferimento a Bari e Foggia. Fuga inarrestabile dalla Calabria e sedi scoperte un po' in tutto il meridione

I magistrati non vogliono trasferirsi a Bari e Foggia e dalla Calabria l'esodo dei giudici appare inarrestabile. Così il Csm lancia l'allarme.
"Un problema serio del quale il Consiglio superiore della magistratura ed il ministro si devono fare carico" ha dichiarato alla "Gazzetta del Mezzogiorno" il consigliere del Csm Ciccio Zaccaro. Si chiede di "ripensare complessivamente, insieme al ministro della Giustizia, la materia degli incentivi".

Incentivi o no, la prima cosa che viene da pensare è che sembra venir meno quello spirito di servizio che spingeva chi entrava in magistratura a servire lo Stato e i cittadini proprio in quelle zone del Paese dove più aspro era lo scontro con la malavita. Fare il giudice dovrebbe essere una scelta di vita. Lo è ancora?

Il problema pare non riguardi solo i due tribunali pugliesi e quelli di Reggio Calabria e Catanzaro, ma anche le sedi giudiziarie di Messina, Caltanissetta e Napoli Nord (Aversa). Quindi un po' tutto il Mezzogiorno.
Ci si sta già muovendo per risolvere il problema, anzitutto con la sospensione dei trasferimenti dagli uffici giudiziari particolarmente disagiati, per evitare che si aggravi la situazione di scopertura degli organici. Lo prevede una delibera, presentata con procedura d'urgenza dalla terza commissione del Consiglio superiore della magistratura e approvata dal plenum. "La terza Commissione - ha spiegato il presidente, il togato di Unicost Michele Ciambellini - ha deciso di sospendere alcuni trasferimenti da Uffici che si scoprirebbero eccessivamente e in particolare di bloccare i tramutamenti dalle procure di Barcellona Pozzo di Gotto, Caltanissetta, di Benevento e di Termini Imerese per evitare un'eccessiva emorragia di magistrati da questi uffici giudiziari di frontiera". Ciambellini, relatore delle quattro delibere di sospensione, ha citato l'esempio del trasferimento di Stefano Strino dalla Procura del Tribunale dei minorenni di Caltanissetta, dove avrebbe lasciato vacante l'unico posto coperto di fatto scoprendo la sede, alla Procura di Caltanissetta, posto di destinazione, dove la scopertura è pari al 25 per cento. "Per questo - ha concluso Ciambellini - tali precedenti delibere vanno sospese, per non aggravare la situazione di Uffici giudiziari già in crisi".

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 14/03/2019 - 11:56

e certo la movimentazione delle "merci" di valore si fanno solo tra le procure di roma e milano, li le telecamere ci sono tutti i giorni, le richieste di interviste pure! ecco per che le "sedi periferiche" sono poco appetibili!