Malasanità, no a parto cesareo per non sforare nell'orario di lavoro: bimbo nasce con lesioni

Tre dottoresse sono indagate perché, secondo la procura, avrebbero omesso di eseguire un parto cesareo per evitare di restare a lavoro oltre l'orario previsto. Il bambino è nato con gravi malformazioni

Un gravissimo episodio di malasanità si è verificato a Catania. Tre dottoresse sono indagate perché, secondo la procura, avrebbero omesso di eseguire un parto cesareo per evitare di restare a lavoro oltre l'orario previsto. Ma il parto cesareo sarebbe stato necessario visti "i molteplici episodi di sofferenza fetale emersi" dalle analisi. I medici, tra l'altro, secondo la procura avrebbero somministrato alla gestante "dell'atropina per simulare una inesistente regolarità nell'esame medico".

Questa procedura, e "il non avere informato della situazione i colleghi del turno successivo, avrebbe causato la nascita con lesioni gravissime al neonato". Questa è la grave accusa che viene contestata alle tre dottoresse, accusate anche di falso nella cartella clinica.

L'episodio risale a oltre un anno fa, il 2 luglio 2015. Le indagini sono scattate dopo la denuncia dei familiari. Il neonato, venuto al mondo con il cordone ombelicale attorno al collo, ha riportato
lesioni gravi: "Encefalopatia ipossico-ischemica, tetra paresi spastica, grave ritardo neuro psicomotorio, indebolimento del tronco neuroencefalico".

"Abbiamo sospeso immediatamente i tre medici - dichiara il manager dell'ospedale Santo Bambino, Paolo Cantaro - e stiamo cercando di sostituirli per continuare a dare un servizio pubblico in una struttura, come alla quale si rivolge ogni anno un imponente numero di donne e gestanti". Ed è stata avviata anche un'indagine interna per appurare quanto sia accaduto.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 06/12/2016 - 12:39

Con a levatrice e il parto in casa almeno non c'è pericolo che scambino i neonati.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 06/12/2016 - 16:04

....La LEGGE DEL TAGLIONE!!!!

Ritratto di giordano

giordano

Mar, 06/12/2016 - 16:35

al sud, della serie voglia di lavorare saltami addosso, anche le maestre elementari che sono venute al nord a fare tirocinio, non vedono l'ora di riscappare a casa perchè qui si lavora, parassiti

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 06/12/2016 - 16:56

Appurate le responsabilità radiazione a vita e vitalizio per i genitori per sostenere le spese di assistenza a vita!

Ritratto di kikina69

kikina69

Mar, 06/12/2016 - 17:15

@giordano, mai generalizzare, mi scusi. ma in casa mia l'assistente famigliare più brava che abbia mai avuto per il mio parente è quella attuale che viene da Napoli. Non esiste una lavoratrice più competente di lei, che non guarda l'orologio, efficiente, veloce nel disbrigo di commissioni, molto gentile con il mio parente e tutta la famiglia. E mi creda ..io sono un datore di lavoro che controlla..eccome

Martinico

Mar, 06/12/2016 - 17:47

Assolutamente mai generalizzare. Non cadete in questo tranello. Vi è tantissima brava gente ovunque e il contrario pure.

titina

Mar, 06/12/2016 - 18:04

Chi ha colpa mantenga a vita il bambino.