Maltempo, un albero si abbatte tra le macchine ad Agrigento

La pioggia copiosa e le raffiche di vento hanno creato diversi problemi in tutta la Sicilia, strade chiuse ad Agrigento e allagamenti, a Licata il sindaco chiede lo stato d'emergenza

Il maltempo continua a fare danni sull’agrigentino e su tutta la Sicilia. Per tutta la giornata di oggi si sono fatti sentire gli effetti dell’allerta arancione diramata ieri sera dalla Protezione Civile. La pioggia ha continuato a cadere in maniera copiosa ed incessante su tutta la Regione accompagnata da forti raffiche di vento causando diversi problemi e disagi.

Ad Agrigento, ad esempio nel tardo pomeriggio, a causa del forte vento, un albero di imponente entità si è abbattuto per strada tra le macchine bloccando un’arteria molto trafficata. Fortunatamente in quel momento non vi erano auto o persone in transito, in caso contrario sarebbe potuta accadere una tragedia. Le macchine parcheggiate hanno subito appena qualche graffio. Sul posto per le operazioni di messa in sicurezza, i vigili del fuoco e la polizia locale. L’area è stata interdetta al traffico. A San Leone, frazione balneare di Agrigento, il viale delle Dune è stato invaso dall’acqua con l’allagamento del lungomare Falcone e Borsellino. Il livello della pioggia è arrivato fin sopra i marciapiedi impedendo il transito delle auto. Disagi per molti residenti che non sono riusciti a fare rientro nelle proprie abitazioni.

Rimane alta la vigilanza da parte dei tecnici del comune che, con personale specializzato, stanno eseguendo delle verifiche strutturali in alcune zone critiche della città. Rimanendo nel territorio provinciale, a Licata, dopo la tromba d’aria delle scorse ore, oggi è stato il momento della conta dei danni e il sindaco ha reso noto che chiederà al presidente della Regione lo stato d’emergenza per la città. Chiusa anche una strada provinciale per via dell’innalzamento del livello dell’acqua di un torrente. La strada rimarrà chiusa sino a cessata emergenza, mentre il personale dell’Anas continuerà nell’opera di monitoraggio della rete stradale.

A Messina, la strada statale 113 “Settentrionale Sicula” è stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni, all’altezza del comune di Gioiosa Marea per la presenza dei detriti che rendono la strada intransitabile. Disagi anche a Catania e dove le scuole oggi sono state chiuse e i treni hanno avuto difficoltà a garantire le tratte creando diverse difficoltà ai passeggeri.

Le raffiche di vento hanno anche isolato le Eolie: traghetti fermi nel porto e pendolari rimasti bloccati. Studenti, insegnanti , impiegati e altri lavoratori sono rimasti impossibilitati a spostarsi per raggiungere le scuole o i luoghi di lavoro. Per domani rimane la situazione di allerta che però porta i colori del giallo in tutta la Sicilia.