Maltrattava e picchiava la madre per avere denaro, arrestato 25enne

Reduce da una misura cautelare in carcere, il giovane continuava a picchiare e minacciare la madre per avere denaro, la chiudeva a chiave in casa e la minacciava anche con un coltello

Maltrattava, picchiava e minacciava l’anziana madre per avere denaro da spendere in droga e alcol. È stato così arrestato a Catania B.A., 25enne del luogo, che da anni sottoponeva la madre di 63 anni a gravi vessazioni psicofisiche. Violenze che aumentavano soprattutto quando il giovane si trovava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e di alcol che annullavano ogni suo freno inibitore. Il 25enne non è nuovo alla misura cautelare.

Già nel 2017, seppur con amarezza e dolore, la donna aveva denunciato all’autorità giudiziaria i comportamenti violenti e irrazionali del figlio che l’avevano messa in pericolo. A questa denuncia ne ha fatto seguito un’altra nel gennaio scorso facendo scattare le manette a carico del 25enne. Un periodo difficile per la donna che dentro di sé maturava i sensi di colpa per avere mandato in carcere il proprio figlio. Nel frattempo il giovane rassicurava la donna che, una volta uscito dal carcere, avrebbe rivalutato il suo stile di vita cambiando completamente atteggiamento. Tutto ciò ha fatto si che la donna non si opponesse alla revoca della misura detentiva allora in atto e, quindi, il figlio è stato rimesso in libertà con il solo obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Una volta a casa, le promesse del 25enne sono andate in aria smentendo le attese della madre. Le sue condizioni sono addirittura peggiorate sfociando in una serie di atteggiamenti più violenti dei precedenti. Pur di ottenere soldi da destinare all’acquisto di droga e alcol, il giovane non ha esitato a minacciare più volte la madre con un coltello. Per essere più convincente è ricorso anche alle aggressioni fisiche con schiaffi e pugni al volto della vittima. In preda al delirio, il giovane ha minacciato l’anziana di farla saltare in aria con una bombola di gas se non gli avesse consegnato il denaro necessario per farsi una vacanza all’estero. Per affermare la propria autorità in casa, ultimamente aveva preso anche l’abitudine di chiuderla in casa a chiave.

Una notte, rientrando a casa, il giovane si è messo a frugare nella borsa della madre per cercare soldi ma è stato scoperto dalla donna la quale ha chiesto spiegazioni e lui, in risposta è andato su tutte le furie distruggendo il mobilio e costringendola a rinchiudersi a chiave in un’altra stanza per mettersi in sicurezza. Una vita divenuta ormai impossibile per la 63enne che ancora una volta è ricorsa all’aiuto dei carabinieri. Il violento figlio è stato quindi arrestato per i reati di maltrattamento in famiglia commessi ai danni della madre.