La mappa del caldo: ecco le zone a rischio

I meteorologi avvertono: "Pronti a una settimana di fuoco". Il pericolo maggiore nelle Marche e in Sardegna

L'anticiclone Caronte arriva dall'Algeria portando con sè un caldo micidiale. In questi giorni, infatti, le temperature saliranno in tutta Italia, arrivano a toccare anche i 40 gradi nelle grandi città e nel centro-sud. Rovesci soltanto sulle Alpi e nelle zone tra il Frusinate e l'Aquilano.

Secondo IlMeteo.it, "il super-caldo di Caronte non ci lascerà almeno fino al 23 luglio, con temperature molto alte e sensazione di afa intensa. Sarà l'afa infatti a creare più problemi in quanto l'elevato tasso di umidità farà percepire le temperature più alte di 4/6 gradi rispetto a quelle effettive".

La protezione civile delle Marche ha previsto per domani un progressivo aumento delle temperature: per i prossimi due giorni, infatti, la temperatura massima percepita potrebbe raggiungere i 37 gradi, causando disagi alla popolazione, soprattutto quella anziana. Ad Ancona, in particolare, domani è previsto il "livello 1": la temperatura già alle ore 8 sarà di 27 gradi, che alle ore 14 diventeranno 32 con una percezione di 35 gradi. La situazione, secondo le previsioni, dovrebbe peggiorare giovedì, quando a 10 giorni esatti dalla prima ondata di caldo intenso, si raggiungerà il "livello 2": le temperature potrebbero avere un’ennesima impennata, toccando i 37 gradi di temperatura percepita e 33 in quella reale alle ore 14. Proprio ad Ancona è stato approntato un piano per affrontare le situazioni critiche: la centrale operativa del comune sarà sempre disponibile e in grado di pianificare le accoglienze presso le sale climatizzate predisposte in città.

Il caldo africano, dopo un paio di giorni di tregua, è tornato anche in Sardegna. Come previsto, una volta che il vento di maestrale ha lasciato l’isola le temperature sono nuovamente salite e per i prossimi giorni continueranno a crescere inesorabilmente stringendo nella morsa dell’afa e del caldo l’isola. Secondo quanto registrato dall’Arpas, oggi si sono già toccati i 38 gradi a Nuoro, Orani, sempre nel Nuorese e Arzachena in Gallura, ma nelle altre città non si è certamente "respirato" visto che anche nel cagliaritano si sono toccati quasi i 37 gradi.

E per domani è prevista ancora una giornata incandescente con massime che in mattinata potranno raggiungere i 37 gradi nelle principali città come Oristano, Cagliari, Olbia, Nuoro, Tempio e Iglesias. Le temperature percepite, invece, secondo i dati forniti dall’Aeronautica Militare saranno più alte di un paio di gradi. A Teulada, Alghero e Oristano si toccheranno in alcuni momenti della giornata i 39 gradi percepiti, 38 a La Maddalena, San Teodoro, Olbia e Villasimius.