Marò, cartello anti-indiani: il caso finisce al ministero

Netta anche la posizione del sindaco di Lecco: "Nella mia città nessuna discriminazione"

"Questa azienda non assumerà personale di nazionalità indiana finché i nostri soldati non verranno liberati", si legge sul cartello che l'imprenditore Cristian Sanvittori, ha affisso all'esterno della sua azienda a Lecco. I soldati sono naturalmente i marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Sulla questione è intervenuto il sindaco Virginio Brivio che, dopo aver preso le distanze dall'iniziativa, ha affermato: "La legge del taglione non va proprio bene, soprattutto nella mia città niente discriminazioni".

E il foglio, affisso all’esterno dell'agenzia di via Papa Giovanni XXIII, rione Castello, rischia di costare caro a Sanvittori: la vicenda, infatti, è sbarcata sul tavolo del ministero del Lavoro. Nessuno sa con esattezza chi abbia segnalato la cosa ma la conferma arriva dallo stesso Ispettorato del lavoro provinciale da dove assicurano che "è giunta una chiamata dal ministero che ci ha invitato a far luce sull’intera vicenda".

"Alcuni fondamentali del nostro vivere civile vanno tenuti in considerazione - spiega Brivio -, soprattutto in momenti delicati come questi nel quale si dovrebbe evitare ulteriori motivi di attriti". "É un dato di civiltà soprattutto, che impone di tenere conto dei diritti di tutti - fa notare Brivio - altrimenti si rischia di fare i forti con i deboli, che non hanno alcuna colpa su quanto sta avvenendo".

Commenti

roberto zanella

Ven, 11/12/2015 - 19:43

il sindaco è un altro sacerdote del politicamente corretto ...comunque quello che importa è che l'imprenditore non assumerà indiani fino a quando i Marò non saranno liberi ...non vedo cosa possa fare il sindaco e chi altro...se io non voglio assumere indiani non li assumo...scomettiamo che il sindaco è del PD ???

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 11/12/2015 - 20:00

E, chi sarebbero i forti? Governo, istituzione, vergognatevi, siete la feccia dell'umanità.

Italianoinpanama

Ven, 11/12/2015 - 20:06

ma bivio ci sei o sei fuoridi testa civilta ma sai che cosa e la civilta brutto ignorante ti auguro che ti arrestino un figlio senza colpa cretino!!

Italianoinpanama

Ven, 11/12/2015 - 20:07

io ho licenziato un autista indiano!!!

Italianoinpanama

Ven, 11/12/2015 - 20:07

bivi ricorda che le colpe deu pasri cadono sui figli

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 11/12/2015 - 20:09

Scusate mahh a casa mia non posso fare gli strac..zi che voglio e devo farmi solo dissanguare da un governo vorace ed imbelle che vorrebbe impormi anche quando devo andare a mingere??

Jimisong007

Ven, 11/12/2015 - 20:11

Fate luce sul fatto che i Marò sono essi vittime di discriminazione verso l'Italia per "colpa" della politica

acam

Ven, 11/12/2015 - 20:18

e noi lo pigliamo nel ... per buonismo a ragione Cristian Sanvittori santo subito

ziobeppe1951

Ven, 11/12/2015 - 20:51

Civiltà x civiltà.....

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 11/12/2015 - 20:52

Ottimo

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 11/12/2015 - 21:01

Al ministero non hanno proprio un ca22o da fare anche se il sindaco non scherza

Pelican 49

Ven, 11/12/2015 - 21:13

Ma a Lecco conoscono il detto "si fa ma non si dice" ? e soprattutto "non si scrive"? Bisogna farlo e basta, siamo un paese "politicamente corretto" ....in poche parole, un popolo di idioti.

giosafat

Ven, 11/12/2015 - 21:13

Tutti i ministeri sono usi a fare 'i forti con i deboli', cioè con noi che non abbiamo armi in mano per poter contrastare la loro protervia e la loro vessazione. L'imprenditore può, secondo me, assumere chi vuole e mettendolo bene in chiaro: in fin dei conti è casa sua. I requisiti richiesti per l'assunzione li decide chi assume. Punto. Dite a Brivio che a furia di evitare attriti i nostri marò sono ancora tenuti in ostaggio dagli indiani e nessuno muove un dito per loro. Ecco, si occupi di questo piuttosto.

sorciverdi

Ven, 11/12/2015 - 21:15

Ad un barbaro che vi assale con la clava in mano rispondereste con dotte citazioni filosofiche? Ovviamente no. Quindi perché all'ipocrita barbarie delle autorità indiane si dovrebbe rispondere con gentilezza e cortesia? Non credete che se TUTTA l'Italia -quindi anche i cojones di sinistra colpevolisti a prescindere- si fosse alzata in piedi e avesse detto BASTA boicottando tutto ciò che odora anche lontanamente di India, qualcuno da quelle parti avrebbe capito? Certo che rispondere agli schiaffi porgendo l'altra guancia potrà forse far guadagnare il Paradiso, però dà l'impressione a chi gli schiaffi li dà che chi li prende non reagirà mai e quindi smetterà coi ceffoni solo quando gli farà male la mano.

jeanlage

Ven, 11/12/2015 - 21:21

E ti pare che il sindaco Piddino Piddino Piddò non solidarizzava con i criminali nemici dell'Italia? Io personalmente, avrei già messo in un campo di concentramento gli indiani che sono in Italia, ma probabilmente avrei fatto male. Se sono qui a lavorare saranno dei paria o dei fuori casta di cui agli indiani non frega nulla.

Juniovalerio

Ven, 11/12/2015 - 21:24

indiani bastardi! tutti bastardi! punto!

Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 11/12/2015 - 21:34

La liberta' consiste anche nell'assumere chi ci pare. Ma in quel paese di mxxxa si deve assumere chi piace al pd. Molice Linyi Shandong China

Raoul Pontalti

Ven, 11/12/2015 - 21:34

A questo furbone un bel controllo approfondito da parte di ASL, ispettorato del lavoro e Guardia di Finanza leverà per sempre la voglia di fare il razzista con la scusa del patriottismo....

Tuthankamon

Ven, 11/12/2015 - 22:16

Devo essere sincero ... penso che arrivati a questo punto si debba fare qualcosa di drastico! Non è questione di discriminazione. E' ora che chiudiamo questa farsa che ha pesanti conseguenze sulle persone.

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Ven, 11/12/2015 - 22:16

condivido il cartello!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 11/12/2015 - 23:15

Beh.....a parte il senso di "civiltà" come dice il Sindaco, che MANCA a molti Politici, unitamente al senso di NAZIONALISMO, devo riconoscere che questo Imprenditore, ha DEMOCRATICAMENTE espresso un proprio pensiero. E' L'UNICO che si ricorda di DUE SERVITORI DELLO STATO VENDUTI da quello STATO che dovrebbe essere CIVILE e meno FALSO-IPOCRITA-BUONISTA solo per salvaguardare interessi di pochi che essendo tali NON fanno gli INTERESSI DELL'ITALIANO, della NAZIONE. Dopo le ultime dichiarazioni dell'ex Ministro degli Esteri, aspettiamo che qualche MAGISTRATO incrimini il MONTI e i suoi compagni per ALTO TRADIMENTO!! Poi.....eventualmente....si incrimini l'imprenditore. MA DOPO!!!

Aleramo

Ven, 11/12/2015 - 23:38

Un imprenditore deve poter essere libero di assumere o non assumere chi vuole.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 11/12/2015 - 23:54

E dei diritti dei due Maro' chi parla? Chi li difende? Il "vivere civile" Brivio lo insegni agli indiani perché noi agiamo secondo le leggi, mentre gli indiani se ne fottono!

ingenuo39

Ven, 11/12/2015 - 23:59

"Questa azienda non assumerà personale di nazionalità indiana finché i nostri soldati non verranno liberati"?Penso che questa è semplicemente una provocazione, in quanto se L'imprenditore non esponeva il cartello, poteva semplicemente assumere chi voleva. Non penso che l'imprenditore sia ingenuo, ma il sindaco si.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 12/12/2015 - 00:20

Ha ragione l'imprenditore. A fronte dell'immobilismo vigliacco del nostro governo SEMPRE PIÙ CITTADINI SONO PORTATI A CERCARE DI FARSI GIUSTIZIA DA SOLI. Come mai il sindaco Brivio quei "FONDAMENTALI DEL NOSTRO VIVERE CIVILE" non ha il coraggio di contestarli a coloro che li hanno trasgrediti per primi? OVVERO MONTI E PASSERA I DUE PRINCIPALI RESPONSABILI DEL VILE TRADIMENTO DEI MARÒ?

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 12/12/2015 - 00:29

Purtroppo è una inutile lezione a politici squallidi e corrotti, Monti in primis.

claudioarmc

Sab, 12/12/2015 - 05:27

Qualcuno questa macchietta di sindaco lo ha votato o no? Il "politicamente corretto" è la stella polare dei cxxxxxi.

Lucaferro

Sab, 12/12/2015 - 06:26

Pontalti, pezzo di cr.....no spero proprio che quanto tu auguri agli altri capiti proprio e presto a te. Chi assume è libero di assumere chi vuole e non cialtroni di qualsiasi specie. Impara saputello da osteria!

pincopallino28

Sab, 12/12/2015 - 07:18

È certo che idiozzia, porgi l'altra guancia............ma al ministero che vadano a ca...e emeriti d.......i

Ritratto di depil

depil

Sab, 12/12/2015 - 07:49

non assumete indiani sino a quando Monti non sarà messo in galera assieme ai suoi mandanti e protettori

ermejodermonno

Sab, 12/12/2015 - 07:58

CITTADINI DI LECCO , LO AVETE ELETTO STO SxxxxxO, ED ORA TENETEVELO, IL VOSTRO CONCITTADINI SANVITTORI HA DIMOSTRATO DI AVERE LE PALLE, HA DIMOSTRATO CHI COMANDA A CASA PROPRIA , POICHE' LECCO E' CASA VOSTRA E NON DI QUEL BUFFONE DEL SINDACO , SFIDUCIATELO E MANDATELO A CASA.

rossini

Sab, 12/12/2015 - 08:00

Tutta la mia solidarietà all'imprenditore patriota. Ne ha bisogno perché ora la marmaglia comunista al potere gli scatenerà contro ispettorato del lavoro, Guardia di Finanza, uffici delle imposte, Inps, Inail, vigili del fuoco, e chi più ne ha più ne metta. Lo passeranno ai raggi X per fargliela pagare.

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 12/12/2015 - 08:14

Raul Pontalti: lei deve essere parente stretto di luigipiso.

01Claude45

Sab, 12/12/2015 - 08:35

Raoul Pontalti, fatti una ditta ed assumi chi vuoi. Nessuno ti dirà niente, a parte lo stato che ti dissanguerà. Ma non diritto di "pretendere di comandare in casa d'altri". Quando paghi tu sei liberissimo di fare quel cxxxo che vuoi.

27Adriano

Sab, 12/12/2015 - 08:47

Più che prendersela con l'Imprenditore il sindaco dovrebbe prendersela con le istituzioni italiane. Chi è quello st@@@@o di sindaco che vuole vietare ad un imprenditore di assumere chi vuole? Questa decisione rientra nelle bolsceviche competenze del sindaco?

Ritratto di tokarev

tokarev

Sab, 12/12/2015 - 09:13

odio iil pd, con cognizione di causa, non come i leghisti ai quali è stato detto che è il nemico e gli saranno contro finchè il pd non farà qualcosa in loro favore...Ma questo imprenditore andrebbe denunciato..primo, per dare adito agli interessi di due presunti assassini...secondo, lo denuncerei anche al tribunale del lavoro...terzo, ma i lavoratori della sua azienda tutti zitti e proni al padrone ???

linea56

Sab, 12/12/2015 - 09:30

Pontalti:se IO sono l'imprenditore ,il proprietario o come penso tu lo chiameresti il padrone assumo chi voglio e non saresti certo tu ad impedirmelo.Poi il controllino non e' che vuoi mandarglielo tu? . Giuseppe

Jack Sparrow

Sab, 12/12/2015 - 09:41

Ci può stare, mi pare assolutamente coerente con il contesto. È comunque un segnale di insofferenza.......... Non capisco chi chiede approfonditi controlli da parte di asl, gf, e ispettorati vari. Che c'entra ? Ma perché, chi assume indiani è esonerato da questi controlli?

smoker

Sab, 12/12/2015 - 09:51

Pelican49 ha perfettamente ragione , data l'ipocrisia imperante , le cose si fanno ( e si pensano) senza dirle.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/12/2015 - 10:33

non è giusto questo scritto, in USA dovrebbero scrivere non assumiamo italiani finchè esiste la mafia italiana.Italianoinpanama se lo hai licenziato senza un motivo sei un pirlone.

sorciverdi

Sab, 12/12/2015 - 10:51

Non mi pare si possa sanzionare chi decide di assumere A invece di B anche in funzione della nazionalità: credo che chi assume vada lasciato libero di fare le scelte che vuole. Vi è mai capitato di ricevere telefonate da un call center (anche se il vostro numero è nel Registro delle Opposizioni vi chiamano comunque) e qualche donna vi dice in un Italiano spesso molto approssimativo di chiamarsi Maria o Giovanna o altro nome italiano per proporvi qualche prodotto? Ecco, per lavori di quel tipo non sarebbe meglio un'Italiana vera che almeno riesca a capire ciò che risponde l'interlocutore? Oppure come la vedreste una di quelle "fazzolettate" a fare la commessa in un negozio di intimo femminile un po' provocante? Dai, basta con l'ipocrisia e ognuno assuma chi vuole: dopotutto le imprese non sono proprietà dello stato!

Ritratto di tokarev

tokarev

Sab, 12/12/2015 - 13:04

mi piacciono quelli che si vantano delle loro porcate nascondendosi dietro un nik...eroi leghisti...

Raoul Pontalti

Sab, 12/12/2015 - 17:16

Ma certo o bananas che è l'imprenditore che assume chi vuole, anche quando la legge non glielo consentirebbe (categorie protette, ma in questo caso il non gradito viene massacrato fino a che non si licenzia...) e infatti i contratti nominativi con gli extracomunitari per cui agli stssi vengono concessi visti permessi di soggiorno li fanno gli schiavisti detti imprenditori. Ma il problema è un altro: si prende chi si vuole ma non si può dire razzisticamente chi a priori non è assumibile. Io comunque i controlli a chi ha in azienda degli extracomunitari li farei lo stesso in ogni caso, sapendo di svelare ogni volta casi di sfruttamento contro la legge.

buri

Sab, 12/12/2015 - 17:33

;'unico torto dello,prenditore è stato di dichiarare pubblicamente le sue intenzioni, poteva non assumere indiani senza dichiararlo corum populi