Marò, ora l'India ammette: "I proiettili non erano loro". E spunta la truffa dei testimoni fotocopia

La perizia: pallottole troppo grandi per essere dei fucilieri. A cui si aggiungono testimonianze fatte con "copia e incolla"

Che il processo messo in campo dall'India nei confronti dei due fucilieri di marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, fosse al limite del ridicolo, non è una novita. Ma dalle carte che i legali indiani hanno consegnato al Tribunale internazionale per il diritto del mare di Amburgo, emergono alcuni dettagli sconcertanti.

Non solo quelle testimonianze fotocopia rilasciate da alcuni pescatori sopravvissuti il giorno in cui Valentine Jelastine e Akeesh Pink persero la vita, ma soprattutto l'allegato numero 4 che riporta l'autopsia svolta sul corpo dei due pescatori uccisi. Sembrava essersi persa nei cassetti dei tribunali indiani, e invece è rispuntata ad Amburgo. Nel documento, la prova che i proiettili che hanno colpito a morte i due indiani non sono quelli in dotazione ai marò.

Le deposizioni

Come riporta il Quotidiano Nazionale, in un articolo a firma di Lorenzo Bianchi, le testimonianze di chi avrebbe assistito alla morte dei due pescatori si assomigliano eccessivamente. Come se nell'essere redatte fossero state scritte dalla stessa mano e opportunamente falsificate in modo da dimostrare la colpevolezza di Latorre e Girone. Dopo gli eventi del 15 febbraio 2012 al largo delle coste del Kerala, i testimoni dichiarano che gli assassini sono i "sailors", i marinai, facendo nome e cognome dei due marò. Le testimonianze, allegate tra le carte che l'India ha depositato ad Amburgo, sono contenute nell'allegato 46.

A rilasciarele sono il comandante del peschereccio, Freddy Bosco (34 anni), e il marinaio Kenserian (47), i quali dichiaro "onestamente e con la massima integrità" che la loro imbarcazione "finì sotto il fuoco non provocato e improvviso dei marinai Massimiliano Latorre e Salvatore Girone della Enrica Lexi".

Il primo campanello d'allarme riguarda proprio il duplice errore riportato nei verbali. Entrambi i marinai, infatti, avrebbero sbagliato a pronunciare il nome della nave difesa dai Marò, che infatti si scrive "Lexie". Ora, la cosa più probabile è che entrambe le dichiarazioni siano state scritte dalla stessa persona con una sorta di "copia e incolla" necessario per far coincidere le due versioni.

Ma non sono solo queste le corrispondenze. Altri passaggi sembrano scritti con la carta carbone. Secondo i due testimoni, i "tiri malvagi" hanno provocato la "tragica morte dei cari amici e colleghi Valentine, alias Jalestin, e Ajesh Binke". Anche sulle loro condizioni dopo l'evento, la versione coincide in maniera sospetta. I due pescatori avrebbero subito una "indicibile miseria e una agonia della mente, una perdita di introiti. La nostra ordalia non è finita".

Secondo Luigi Di Stefano, perito di parte che ha seguito la vicenda di Ustica, l'India non avrebbe dovuto consegnare queste carte al Tribunale di Amburgo. Che non aveva il compito di giudicare le responsabilità dei Marò, ma solo quale fosse il Paese legittimato a tenere il processo. Un modo quindi per ribadire la colpevolezza non dimostrata di Latorre e Girone, mossa che però ha fatto calare un velo di legittima dubbiosità sulla veridicità delle testimonianze.

Il proiettile

Non è tutto. Perché il più interessante dei documenti consegnati dai legali indiani ai giudici di Amburgo è l'autopsia che l'anatomo patologo K. S. Sasika fece sui due pescatori uccisi. Nella seconda pagina dell'allegato 4, infatti, si legge che il proiettile estratto dal cervello di Jalestine è troppo grande per essere uscito dalle armi dei fucilieri di marina. Quello misurato dal medico aveva un'ogiva di 31 millimetri, una circonferenza di 20 millimetri alla base e di 24 nella zona più larga. Le munizioni in dotazione ai Marò, invece, sono dei calibro 5 e 56 Nato. Il proiettile italiano misura solo 23 centimetri, quindi è evidente che quello estratto dalla testa del pescatore non possa essere stato esploso dai mitra Minimi e Beretta Ar 70/90 di Latorre e Girone.

Infine, dalle carte si evince che il Gps del Saint Antony dove hanno trovato la morte i pescatori venne fatto recapitare dal capitano dell'imbarcazione non il giorno in cui attraccò al porto, ma solo 8 giorni dopo. Conservando tutto il tempo necessario a manometterne i dati.

Annunci

Commenti

sailor61

Ven, 11/09/2015 - 12:05

sono tre anni che lo stanno dicendo a tutti I venti che le pallottole erano diverse, lo ha detto il dottore indiano ma lo hanno fatto sparire e hanno taroccato I referti medici W la Marina W la Brigata Marina San Marco

Boxster65

Ven, 11/09/2015 - 12:06

E a questi chi gli ripaga il calvario che stanno subendo?? Forse quei subumani degli indiani??

Libertà75

Ven, 11/09/2015 - 12:08

Non importa, l'illustrissimo Raoul Pontalti ha già spiegato con dovizia il perché costoro sono colpevoli aldilà di ogni prova a loro favore.

fcf

Ven, 11/09/2015 - 12:09

Non è incredibile che gli indiani si siano sbagliati, ma è inaccettabile che i nostri ambasciatori e politicanti abbiano scoperto solo ora la faccenda.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 11/09/2015 - 12:11

E se ne accorgono dopo anni? Buffoni. Mi sa che non è solo la giustizia italiana ad essere "poco seria" (è un eufemismo per evitare complicazioni; con questa gente non si sa mai).

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 11/09/2015 - 12:12

Quanti tempo è che dico ciò su questo forum?? Sono anni che sostengo nei miei interventi su Il Giornale che la balistica non coincide... Benvenuti nella realtà!

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 12:13

Si e vero i marò hanno usato cerbottana e cartoccietti!

Ritratto di kikina69

kikina69

Ven, 11/09/2015 - 12:13

che schifo. e chi ripagherà i nostri due Marò del danno anche biologico che hanno subito lasciati in uno stato di abbandono totale dal nostro Stato?

Solist

Ven, 11/09/2015 - 12:17

bastardi

vince50_19

Ven, 11/09/2015 - 12:18

Aspettate, aspettate prima di cantar "vittoria italiana". Avremo aggiornamenti da specialisti in materia che troveranno il punto nodale per smentire tale affermazione. Buona giornata!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 11/09/2015 - 12:20

tutti sapevano che i proiettili dei due marò non erano quelli trovati sul corpo degli disgraziati! tutti, meno la sinistra, renzi, napolitano, mattarella, monti, ecc... una storia che va oltre il ridicolo: 4 anni per un processo farsa (simile per certi versi a quelli di Berlusconi), che non si sa qual è lo scopo di tutto ciò! oltre alle spese processuali, ci saranno anche altre spese risarcitorie per i 2 marò! indovinate chi li pagherà? noi italiani!

pansave

Ven, 11/09/2015 - 12:22

Non temo tanto gli indiani, scolonizzati da pochi decenni, ma quei paesi interessati nelle vendite di armi, tecnologia e quant/altro ad una India in forte crescita PIL. Gli interessi miliardari possono facilmente deligittimare il nemico commerciale. In Europa ci sono i peggiori nemici dell'Italia.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 11/09/2015 - 12:22

Errata Corrige - Quanto Tempo è (scusate ma sto auto-correttore m'ha veramente scocciato!)...

maufi

Ven, 11/09/2015 - 12:22

La cosa che mi fa fortemente inc...e! è che lo sapevano e lo sanno anche i sassi che i nostri Maro' sono innocenti ma i nostri governanti debosciati che si sono succeduti se ne sono altamente fregati!!!

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Ven, 11/09/2015 - 12:23

I colpevolisti ad oltranza diranno che i marò, con perfida premeditazione, hanno usato armi non in dotazione, facendole poi scomparire negli abissi, nella ferma intenzione di uccidere un paio di poveri pescatori e farla franca.

Efesto

Ven, 11/09/2015 - 12:23

La grande bastardata, ed è dire pochissimo, fatta dall'india, è stata quella di distruggere il peschereccio colpito dai proiettili. Un qualsiasi esperto balistico avrebbe subito notato il taglio trasversale fatto sulla copertura della tolda impossibile a provocarsi con un tiro dalla quota della E. Lexie. l'India dovrebbe solo vergognarsi e gli armatori della E. Lexie, con il personale della Farnesina che hanno consentito il rientro della nave nel porto indiano dovrebbero essere cacciati via a calci in c..lo.

elgar

Ven, 11/09/2015 - 12:23

Già questo basta ed avanza per riportarli a casa. Poi nei loro panni avrei chiesto i danni morali al Governo Italiano ed ai vertici della Marina di allora. Per come hanno gestito la cosa. Eppure in tanti, soprattutto a sinistra erano convinti della loro colpevolezza. Come se fossero stati presenti al fatto. Chissà che diranno ora. Sono curioso di sapere che s'inventeranno.

ilbelga

Ven, 11/09/2015 - 12:24

e ci vogliono tre anni per dimostrarlo. poveri Marò ( soprattutto perché italiani).

perSilvio46

Ven, 11/09/2015 - 12:28

Sono tre anni che si sapeva, il problema non è giuridico, non c'entrano le prove. Il problema è che un governo italiano illegale ed un premier mai eletto non hanno nessuna credibilità, e quindi nessuna forza. Se a questo si aggiunge che il premier-si-fa-per-dire è totalmente incapace e viene deriso e disprezzato in tutto il mondo - trattato alla stregua di un servo - si comprende la drammaticità della situazione. Come sono lontani i tempi in cui, grazie al carisma e l'autorevolezza dello statista SILVIO BERLUSCONI. l'Italia primeggiava in Europa ("nessuna decisione viene presa senza il Mio consenso" ebbe a dire BERLUSCONI stesso) e nel mondo, il problema marò non sarebbe neppure nato perché sarebbe bastata una telefonata di BERLUSCONI a risolvere l'incidente. Ma adesso c'è l'ebetino, a questo siamo ridotti.

Luigi Farinelli

Ven, 11/09/2015 - 12:29

Queste anomalie erano comparse subito, all'epoca dei fatti, ma i nostri Governi Fantoccio hanno pensato bene di sacrificare i due marò per non compromettere interessi economici in gioco ma anche per la stomachevole ignavia, pusillanimità, malafede della nostra classe politica buonista, inconcludente, rassegnata a fare sempre e comunque figure barbine per non contrastare altri Governi, extra-europei ed europei che sulla mancanza di scrupoli, il cinismo e l'ipocrisia fondano le loro esistenze.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Ven, 11/09/2015 - 12:29

INACCETTABILE è che sapendo dell'innocenza dei Marò hanno rimborsato le famiglie di pescatori uccisi dai pirati! INACCETTABILE è che avendo rimborsato questi non daranno niente ai Marò per quello che stanno subendo! VERAMENTE INACCETTABILE è che il traditore monti e i suoi complici girino a piede libero per questo paese percependo lo stipendio più immeritato della storia!

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Ven, 11/09/2015 - 12:30

Cari ragazzi, tenete duro! Purtroppo da un Paese, che è paesello, come il nostro, senza dignità, senza umiltà, senza coraggio, asservito e dilaniato, cosa potevate aspettarvi? Ma tenete duro, c'è ancora qualcuno in questo merdaio che è consapevole della nostra storia, della nostra dignità, dell'essere italiani!

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 11/09/2015 - 12:30

Tutta questa MESSAINSCENA,FATTA DALLA GIUSTIZZIA INDIANA, avrebbe fatto si che i Marò fossero imprigionati per più di due anni??? PERCHÈ DOBBIAMO PAGARE QUEI SCALDASEDIE CHE SI SONO APPICICATI AL GOVERNO, CHE """A PAROLE""" CI FANNO CREDERE DI FARE GLI INTERESSI DELL`ITALIA E DEGLI ITALIANI, QUANDO FANNO SOLAMENTE GLI INTERESSI DELLE MAFIE,DELLA CRIMINALITA E DELLA DELINQUENZA ???

Zizzigo

Ven, 11/09/2015 - 12:31

L'India vuole il suo "capro espiatorio", e non ci sono santi in cielo che glielo possano negare... ma, secondo l'anatomopatologo, il proiettile assassino avrebbe un calibro variabile dal 6,35 al 7,65 ed una lunghezza comunque incompatibile. Ma allora, se armi e proiettile non corrispondono, perché l'avrebbero tirata così in lungo? Una condanna a morte, per vecchiaia, dei due marò?

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 11/09/2015 - 12:34

xgerico : pena e tristezza (per lei)

fedeverità

Ven, 11/09/2015 - 12:35

Musica per le nostre orecchie....DOVE SONO TUTTI QUELLI CHE CONDANNaVANO I MARò???? Razza di farabutti!!!!

gian paolo cardelli

Ven, 11/09/2015 - 12:37

xgerico, lei stava lì ed ha visto tutto, vero?

soldellavvenire

Ven, 11/09/2015 - 12:38

non avevamo alcun dubbio che i vili pescatori indiani si fossero sparati da soli alla vista degli eroici fucilieri italiani

Ritratto di kikina69

kikina69

Ven, 11/09/2015 - 12:38

vedrete che i sinistri di mxxxa non si indigneranno neanche un po' ..troppo impegnati a farlo cn Bruno Vespa, solo una parola vale per i nostri governanti: V E R G O G N A

Scricciolo

Ven, 11/09/2015 - 12:39

Alla faccia di tutti i coglxxxi che hanno messo in dubbio la professionalità delle nostre forze armate dando ragione a quattro straccioni in cerca di un facile compenso.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 11/09/2015 - 12:39

Io proporrei subito agli indiani uno scambio, gli regaliamo pontalti e xgerico e siamo pari!

agosvac

Ven, 11/09/2015 - 12:41

Per fortuna sono dotato di buona memoria e ricordo benissimo che queste cose dell'incompatibilità balistica tra i proiettili trovati e le armi in dotazione ai nostri fucilieri fu ampiamente riportata anche su questo giornale. Come pure le prime indagini sul peschereccio, poi scomparso. Risultava che i proiettili non provenivano dall'alto verso il basso bensì , per così dire, ad altezza uomo cioè da una nave molto più piccola di quanto era la enrica lexie. Guarda caso questo peschereccio fu immediatamente distrutto!!!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Ven, 11/09/2015 - 12:42

Non importa, per sxxxxxxxxxi sono colpevoli a prescindere

m.nanni

Ven, 11/09/2015 - 12:43

Monti e Napolitano fuori dal senato. SUBITO! Non hanno difeso i due militari italiani ed anzi ne hanno favorito l'estradizione pur avendo il diritto internazionale a favore del trattenimento in Padria di Latorre e Girone. in India vige la pena di morte per cui l'estradizione in quel paese è proebita. senatori a vita delle citate persone è un insulto al buon senso e al senso stesso di sentirsi e di essere italiani.

Ritratto di danutaki

danutaki

Ven, 11/09/2015 - 12:45

@ xgerico.....L'amaro sapore della sconfitta è il retrogusto che il dolore ti lascia in bocca,quando sai di avercela messa tutta...per scrivere insulsaggini !!!

giumaz

Ven, 11/09/2015 - 12:48

E credete che un paese di m...a come l'India ammetterà lo sbaglio? Chissà cosa si inventeranno quei pezzenti.

macchiapam

Ven, 11/09/2015 - 12:52

Mah! Come è possibile che solo ora si scopra che il calibro dei proiettili trovati nei cadaveri non può essere quello delle armi in dotazione ai due fucilieri? Chi ha ciurlato nel manico?

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 11/09/2015 - 13:02

Il ns tuttologo nazionale e sovranazionale, che attendiamo con ansia, ci spiegherà probabilmente che quanto è stato qui esposto è ininfluente, insignificante e che comunque non c'entra una beata fava con la competenza del Tribunale di Amburgo.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 11/09/2015 - 13:02

Non c'era certo bisogno del calibro dei proiettili per sapere che i marò non c'entravano niente. La DISTANZA DIVERSA delle due imbarcazioni, L'ORARIO DIVERSO degli eventi delle due imbarcazioni, PARLAVANO GIA' DA SOLI. Inoltre qualcuno spieghi come può un peschereccio fare in un ora, dal momento dell'attacco all'attracco in porto, una distanza di oltre 40 Km, neanche fosse un motoscafo fuoribordo! Pensare che quegli idioti del Tribunale di Amburgo hanno lasciato che Girone rimanesse sequestrato in India, roba da pazzi!

gian paolo cardelli

Ven, 11/09/2015 - 13:03

soldellavvenire non poteva che tirare fuori un intervento pieno di stizza: ovviamente l'ipotesi che a sparare al peschereccio sia stato qualcun altro (tipo una MOTOVEDETTA DI CEYLON armata di mitragliatrici russe calibro 7,62, dove il St.Anthony era andato a pescare...) va scartata a priori, vero?

ferventZ

Ven, 11/09/2015 - 13:03

E' ORA DI COLLABORARE CON IL PAKISTAN E CONTRO L'INDIA !

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 11/09/2015 - 13:11

Bufala del secolo... Un proiettile 7.64x31 non esiste.... Informarsi please prima di scrivere st....ate.

Ritratto di danutaki

danutaki

Ven, 11/09/2015 - 13:22

@ soldellavvenire....Se il sol dell'avvenire è rosso di colore, me ne frego di morire sventolando il tricolore!

nonnoaldo

Ven, 11/09/2015 - 13:22

L'ho già scritto e lo ripeto, ad uso dei sinistri colpevolisti. Se l'India avesse avuto delle prove della colpevolezza dei nostri marò non avrebbe fatto passare tre anni senza formulare uno straccio di capo d'accusa. Sanno benissimo che sono innocenti, così come probabilmente sanno anche chi ha sparato, ma per ragioni politiche interne continuano a tener "prigionieri" i nostri per accontentare la loro opinione pubblica, tanto ignorante da superare la nostra.

stefanopiero

Ven, 11/09/2015 - 13:23

Per fare quel tipo di perizia sui proiettili non c'era bisogno di chissà quale perito. Basta uno che va a caccia di cinghiali per avere sufficiente competenza. Mi fanno schifo oltre l'atteggiamento dei governi italiani Monti in testa, quei farabutti che hanno inveito sui nostri militari giudicandoli assassini solo perchè portano una divisa.

gattogrigio

Ven, 11/09/2015 - 13:24

Chi voleva saperlo lo sapeva da sempre probabilmente gli indiani non sapevano che l'Italia era passata dal 308 Winchester (7.62 NATO)al calibro 5.56 L'avessero saputo, avrebbero indicato subito il calibro giusto (per loro) ancor prima dell'autopsia. Però mettete a posto le unità di misura nell'articolo; 23 cm di lunghezza sono un po'troppi.

bezzecca

Ven, 11/09/2015 - 13:28

ma questi documenti indiani chi li avrebbe materialmente visti ? non si capisce neppure nell articolo de " il quotidiano nazionale "

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 11/09/2015 - 13:31

Il mondo è messo male. Questi bastardoni di indiani hanno fatto i furbi per tre anni raccontando balle di Stato e prendendoci per il kulo. E pensare che hanno la bomba atomica.

Raoul Pontalti

Ven, 11/09/2015 - 13:31

(ennesimo invio) Bananas! Vi state ribevendo la stessa fetida pozione di tre anni fa del solito Di Stefano oggi insaporita con estratto di fogna amburghese! La bufala dei calibri che non tornano è trita e ritrita e anche la questione delle testimonianze. Curiosamente manca quella in cui Freddy Bosco afferma di avere subìto l'attacco alle 9/30 pm. E la nave greca? Dov'è la Olympic Flair? E la bufala della cremazione dei corpi per cancellare prove e della distruzione del peschereccio? (Quest'ultima l'ha già riciclata un commentatore più frescone degli altri). E nessuno poi che consideri come l'India, in caso di mancanza di prove o di prove addirittura scagionanti possa sempre cavarsela regalando la giurisdizione all'Italia. Ma solo i bananas possono ritenere che gli inventori della logica prima dei greci possano incartarsi in modo così banale.

Ritratto di Scassa

Scassa

Ven, 11/09/2015 - 13:39

scassa venerdì 11 settembre 2015 Gerico hai ragione ,per la cerbottana ,ma serve anche ,ai Maro'per nutrirti ,lanciandoti le noccioline ,semi di zucca e gallinelle di terra ! Dimenticavo ,buon fiero pasto !!!!!!!!!!scassa.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 11/09/2015 - 13:40

#cartastraccia. PREGO; PRIMA DI SCRIVERE CAXXATE LEGGERE BENE L;ARTICOLO; PERCHE IN NESSUNA RIGA SI PARLA DI UN PROIETTILE 7.64x31! MA DI PROIETTILI CON L;OGIVA DI 31MM É 23MM DI CIRCONFERENZA!É LE ARMI IN DOTAZIONE ALLA SONO DI 5.56! É NON DI 7.64x31! VAI A COMPRARTI UN PAIO DI OCCHIALI INDIANI É TU POTRAI LEGGERE SOLO LE MINKIATE CHE CREDI E SCRIVI!.

gian paolo cardelli

Ven, 11/09/2015 - 13:41

cartastraccia: chi avrebbe sostenuto l'esistenza di quel tipo di proiettile? io non ne vedo traccia, ne sull'articolo ne nei commenti.

meloni.bruno@ya...

Ven, 11/09/2015 - 13:51

Hanno soltanto voluto fare gli indiani!Avevano firmato una commessa con finmeccanica per l'aquisto di elicotteri ed aerei per circa 567milioni di euro,con i due Marò gli è cascato il cacio sui maccaroni,come si dice a Roma! l'occasione per fare marcia indietro e scindere il contratto è stato un lampo.Ma con i comunisti al governo hanno permesso a loro di suonare i tamburi di guerra contro due nostri connazionali!

kayak65

Ven, 11/09/2015 - 14:08

mandiamogli quei deficienti rossi che sostenevano il contrario.

gian paolo cardelli

Ven, 11/09/2015 - 14:08

Pontalti: per quale motivo Girone sta ancora in India?

Ritratto di wtrading

wtrading

Ven, 11/09/2015 - 14:09

E che dire di tutti gli idioti ( Redazione passatemi il termine per piacere) secondo i quali, e sono tanti purtroppo, e scrivendo le loro torbide e stupide elucubrazioni su questo sito, il governo italiano avrebbe dovuto ammettere la colpevolezza dei due militari !!!! Idioti siete e tali resterete.

unosolo

Ven, 11/09/2015 - 14:11

cerchiamo di trovare le prime affermazioni di giornalisti e persone del luogo , se ricordo bene già all'inizio della vicenda si parlò dei proiettili ma ovviamente chi doveva partecipare alle autopsie non se curò di accertare se corrispondevano o forse nessuno dei nostri ha partecipato sia alle autopsie che al confronto dei proiettili , esame balistico saltato ? im mano a quali avvocati li abbiamo lasciati ? come siamo stupidi .

Un idealista

Ven, 11/09/2015 - 14:11

Chi ha falsato quelle prove non aveva minimamente a cuore la verità, ma interessava solamente offrire dei capri espiatori all'opinione pubblica indiana.

Libertà75

Ven, 11/09/2015 - 14:14

@xgerico, soldellavenire, gentili signori, guardate che non è che avere la tessera del PD in tasca impedisca, a priori, di dire qualcosa di intelligente...

luigi 39

Ven, 11/09/2015 - 14:18

"il proiettile italiano misura solo 23 centimetri " Ma che fesserie scrivete ?

Ritratto di fortezza

fortezza

Ven, 11/09/2015 - 14:25

Scusi, sig.Pontalli, la mia possibile ignoranza (nessuno ne è escluso, forse Lei no). Citi, per favore, gli autori indiani che "scoprirono" la logica. I greci, um popolo che ha vissto in una regione povera e pericolosa, per fortuna dell'Occidente e del mondo intero, ci hanno illuminato e illuminano ancora con la loro filosofia. Per lo meno, non hanno diviso la popolazione nelle vergognose "caste" (sic) in cui vive ancor oggi la maggior parte della popolazione indiana. e poi, la smetta di chiamare chi non la pensa come Lei di "bananas". Come italiano amo e rispetto la mia Patria, anche se i governati non mi piacciono. Rispetti le opinioni giuste o sbagliate delle persone che opinano.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 11/09/2015 - 14:26

Io lo dissi subito che, stante la pochezza dei nostri politicanti, i nostri marò rischiavano di morire. E, in effetti, dopo tre anni e mezzo si è scoperto che la strada della procedura internazionale, cosa che molti come me suggerivano fin da subito, è la più affidabile. Sempre troppo tardi, forse, verrà fuori l'ovvia verità.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 11/09/2015 - 14:29

Luigi39 parlava di millimetri. Capita di sbagliare, quando si scrive in fretta. E comunque, si capisce:un proiettile da 23 cm avrebbe letteralmente fatto spappolare tutta la testa collo compreso!!

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 11/09/2015 - 14:34

Pontalti 13:31 – Finalmente mi sento illuminato a dovere. Egli scrive, per esempio : "Curiosamente manca quella in cui Freddy Bosco afferma di avere subìto l'attacco alle 9/30 pm". Personalmente non me ne cale se manca o non manca; fatto sta che il comandante del peschereccio Freddy Bosco aveva affermato proprio così (è sempre disponibile online l'intervista televisiva con traduzione inglese) allorché l'incidente era avvenuto verso le 16:00. Sì, lo so, egli (Pontalti) ci aveva già spiegato che, cito le di lui parole : "La tesimonianza di Freddy rappresenta il classico errore ostativo (voglio dire A e invece dico B)". . . e, aggiungerei, è ovvio che possa sbagliarmi di 5,5 ore (only) !

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 11/09/2015 - 14:41

Libertà75 Ma ti pare che uno che ha la tessera del PD in tasca possa dire, perfino sforzandosi, qualcosa di intelligente? E' come chiedere ad Alfano di fare qualcosa di destra.

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 11/09/2015 - 14:43

La faccenda dei calibri diversi si era letta fin dall'inizio, come pure la storia della traiettoria dei proiettili sulla barca dei pescatori. Per non dire poi dell'incompatibilità degli orari: quando i pescatori furono uccisi la Enrica Lexie si trovava da ben altra parte.

claudio63

Ven, 11/09/2015 - 14:45

Noto che il giornalista Claudio Cataldo e' un prolifico reporter: dal rapporto ai volantini di Mestre, a quelli sugli atti depositati alla corte di Amburgo, per finire con l'accusa che il padre di Aylan era [prima ubriacop e poi lo scafista... accidenti , ma dove lo trova il tempo Per VERIFICARE tali informazioni?

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 11/09/2015 - 14:46

@pasquale.esposito: ma ci sei stato a scuola? 24 mm / pi = 7.64 il calibro delle munizioni si misura in diametro non in circonferenza... 'gnuran

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 11/09/2015 - 15:00

per i piu' sfortunati che non hanno potuto fare la terza elementare: se la circonferenza del proiettile e 24 mm, come scritto nell' articolo, significa che il diametro e' 7.64, basta fare 24 diviso pigreco. se la lunghezza e' 31mm, come scritto nell' articolo, significa che il calibro descritto nell' articolo e' un 7.64 x 31. andatevi a cercare su google se esistono armi camerate per il 7.64x31

paolonardi

Ven, 11/09/2015 - 15:05

Ringaziamo sentitamente quei pupazzi di Monti, Letta ed il contadino di Rignano che si sono fatti prendere in giro da piu' di tre anni da questi cenciosi senza muovere un dito a davore dei nostri soldati. Vergogna imbelli pmuncoli senza spina dorsale ne' carattere.

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 15:15

@gian paolo cardelli- Lei, al contrario di me, era presente???

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 11/09/2015 - 15:18

Questo è quanto si scrisse allora: "Pessima impressione ha fatto la decisione della magistratura indiana di non ammettere nell'indagine i due ufficiali dei Carabinieri esperti balistici inviati dal governo italiano, ammessi solo come "osservatori" e solo alle cosidette "prove di sparo" (quindi non alla perizia balistica)."

gian paolo cardelli

Ven, 11/09/2015 - 15:20

cartastraccia, e lei si permetterebbe di ironizzare sui calibri? 31 millimetri è la lunghezza del PROIETTILE, mentre nell'indicazione dei calibri il secondo valore indica la lunghezza del BOSSOLO!!!

bezzecca

Ven, 11/09/2015 - 15:21

c' è un errore nell articolo , si legge che " Il proiettile italiano misura solo 23 centimetri " . La cartuccia ( non il proiettile 9 misura meno di 6 cm , i 23 cm forse sono le dimensioni dell aggeggio di Rocco Siffredi

nonnoaldo

Ven, 11/09/2015 - 15:21

Raoul Pontalti Ven, 11/09/2015 - 13:31 - Egregio, quando si cerca disperatamente di difendere posizioni faziose ed illogiche quali quelle da lei espresse, accade che si scada nell'insulto e nel confezionamento diun pateracchio quale è il suo commento cui mi riferisco. Si rassegni, ha finora difeso posizioni in conflitto con i dati di fatto, come peraltro è consuetudine delle sinistre farisaiche e becere.

Libertà75

Ven, 11/09/2015 - 15:29

@claudio63, lei che ne tempo ne ha avuto di più, pare che invece non abbia speso un secondo per smentire le informazioni divulgate...

G+Max

Ven, 11/09/2015 - 15:30

Incapaci e idioti hanno rovinato la vita di questi due giovani !!

acam

Ven, 11/09/2015 - 15:31

Faccio tant auguriai ragazzi e loto famiglie

SirAnthony

Ven, 11/09/2015 - 15:32

Sarebbe interessante rivedere il programma "Quarto Grado" di un piaio di anni fa, credo, condotto dal giornalista Sottile che insieme ad esperti e un generale, credo della Marina, misero a fuoco, con particolari agghiaccianti, gli errori, mascroscopici, delle indagini della polizia indiana nel trovare le prove contro i due marò, il diniego agli esperti di parte di presenziare gli esami balistici e le autopsie dei due pescatori, inispiegabilmente l'affondamento del peschereccio da parte dell'armatore dopo che lo stato italiano gli ha dato un risarcimento e tante altre cosa ancora. Sarebbe un contributo significativo a dimostrare l'innocenza dei due nostri militari. Manuppelli

Libertà75

Ven, 11/09/2015 - 15:34

@fortezza ha mai conosciuto un kompagno che rispetta un'opinione diversa da quella del suo circolo? I migliori poi sono quelli che cambiano la maglia da nera a rossa, dalla sera alla mattina.

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 15:39

Che strano il Governo da tempo ha già risarcito le vittime! Perché???

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 11/09/2015 - 15:40

Tony Capuozzo, a suo tempo, si documento' un po', quanto basta per dimostrare che quel pomeriggio gli "incidenti" furono tre e che gli italiani, innocenti, furono dei polli ad abboccare all'amo dei furbi indiani. https://youtu.be/CEnSplRKtUI

4schnauzer9

Ven, 11/09/2015 - 15:52

E ora che qualcuno abbia il coraggio di inquisire per ALTO TRADIMENTO "Napolitano,Monti,DI PAOLA. Che hanno abbandonato i MARO' al loro destino per meri interessi personali.

luigi 39

Ven, 11/09/2015 - 15:59

X MORTIMERMOUSE-Confermo che in fatto di balistica l’articolo riesce a fare non chiarezza ma confusione .- L’arma in dotazine ai marò è camerata per la cartuccia 5,56 x 45 mm , conosciuta anche come . 223 regminton. L’articolista scrive che il proiettile estratto dal cadavere aveva “un’ogiva di 31 mm.,una circonferenza di 20 mm alla base e di 24 nella zona più larga". Ribadisco che tale descrizione è assolutamente priva di senso

il_viaggiatore

Ven, 11/09/2015 - 16:00

@fortezza Si rassegni e non faccia polemica con quel tizio. Dicono che sia una persona reale, ma si comporta da troll. Sarebbe disposto anche a sostenere che da noi a mezzogiorno è notte se il partito glielo ordinasse. E' questo che distingue gli uomini liberi dagli schiavi.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 11/09/2015 - 16:09

E' duro constatare che ancora esistono imbecilli pronti a vendere la propria madre per confermare strozzate a cui nessuno, loro per primi, credono. Insistono nonostante le prove ed i ragionamenti. Già cosa sto scrivendo: ragionamenti?? Ma se non hanno materia grigia, raccontano solo quello che la cellula dice. Coglions. Con buona pace degli arroganti presuntuosi alla Pontati.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 11/09/2015 - 16:45

xgerico. "Che strano il Governo da tempo ha già risarcito le vittime! Perché???" Forse perché si é reso conto, al contrario di lei e compagni di merende (o di bevute??) delle cxxxxxe fatte sia dirottando la Lexie sia permettendo l'arresto dei due maro' da parte delle autorità indiane per un delitto che, dato e non concesso fosse opera dei maro', era comunque avvenuto in acque internazionali dove l'India non aveva giurisdizione???

precisino54

Ven, 11/09/2015 - 17:11

2° invio- Sulla vicenda ho inviato nei tre anni e mezzo trascorsi una quantità di commenti, spesso per rimbeccare quello scellerato "mister io so tutto". Ho argomentato: sul calibro;, sulla tracce dei colpi sul St. Antony; sulla assurdità della traiettoria se dalla Lexie; del Gps; dell'assurdità di alcune testimonianze; della discordanza temporale tra quando veniva data notizia dai nostri marò e successivamente dai "pescatori"; della individuazione del luogo; della scorrettezza con cui sono stati ADESCATI etc; i soliti hanno risposto con dovizia di particolari noti solo a loro! Dei commenti all'articolo mi piace sottolineare quello di "nonnoaldo" che dice una cosa lampante: se avessero avuto uno straccio di prova avrebbero già proceduto con l'incriminazione! Ed invece solo continui rinvii alzando sempre la posta ed i toni, ovviamente per zittire tutti quegli "eunuchi", politici e diplomatici, che hanno trattato la questione.

Ritratto di JSBSW67

Anonimo (non verificato)

dot-benito

Ven, 11/09/2015 - 18:10

è colpa dei politici di m... che ci governano se c'era ancora il governo Berlusconi a quest'ora erano sicuramente a casa loro

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 11/09/2015 - 18:46

xgerico, lei è un cog... lascio a lei l'aggettivo più appropriato! Ammesso che sappia cos'è un aggettivo.

Ritratto di primulanonrossa

Anonimo (non verificato)

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 19:03

@tomari- 18:46 - Io lo sapevo di esserlo, lei no!

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Ven, 11/09/2015 - 19:04

Benissimo ora che, contro gli MARO' saltano fuori prove palesemente false, i nostri cialtrioni che intenzioni hanno? Gli fanno fare un'altro Natale in india ? E contro la corte indiana che, rinvia di sei mesi in sei mesi il processo, cosa hanno intenzione di agire i nostri S_GOVERNANTI !! Se sono incapaci, allora se ne devono andare. Se invece se ne fregano ...... bhè a questo punto... vanno presi a calci nel deretano !!!!!!!!!!!!

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 19:06

@giovanni PERINCIOLO- Scrive:Forse perché si é reso conto, al contrario di lei e compagni di merende (o di bevute??) delle cxxxxxe fatte sia dirottando la Lexie sia permettendo l'arresto dei due maro'.............Lei da come si esprime, si attacca direttamente alla botte di Etanolo!

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Ven, 11/09/2015 - 19:09

Raul pontalti: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Non per le castronerie che dice, ma per il DIVERTIMENTO che procura in tutti noi.. Grazie raul !!!!!!

squalotigre

Ven, 11/09/2015 - 19:15

Raoul Pontalti- capisco di non potermi confrontare con lei riguardo a quasi tutto lo scibile umano, compresi gli argomenti che riguardano la mia professione e la mia laurea conseguita presso l'Università di Pavia con il massimo dei voti e la lode. Sommessamente però mi pare di ricordare che la giurisdizione di un qualsiasi reato compiuto su una nave in acque internazionali spetti allo stato della bandiera del quale si fregia l'imbarcazione. Se poi uno Stato imbelle ed un Governo idiota hanno costretto il comandante della nave ad entrare nelle acque territoriali indiane, di questo dovrebbero risponderne coloro che hanno autorizzato un simile obbrobrio per salvare gli affari dell'Augusta in cambio della perdita della dignità. Hanno perso la dignità ed anche gli affari.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 11/09/2015 - 19:17

SOLO I CIALTRONI BABBUINI INDIANI E I MERDOSI COMUNSTI ITALICI POTEVANO CREDERE ALLA COLPEVOLEZZA DEI NOSTRI MILITARI.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 11/09/2015 - 19:19

@ Raoul Pontalti SEI UN LURIDO SKIFOSO VERME COMUNISTA. UN GIORNO TI SPAKKERO' IL CxxO BASTARDO

venco

Ven, 11/09/2015 - 19:19

Raoul Pontali, hai scritto confusione, non si capisce quanto vuoi dire.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 11/09/2015 - 19:21

xgerico. La cosa che le sfugge é il fatto che io il diritto marittimo lo conosco per motivi professionali e pertanto so di cosa parlo, lei invece conosce solo le cxxxxxe propalate dal "partito"!

claudio63

Ven, 11/09/2015 - 19:31

Liberta’75Mi permetta di chiarire: io contesto e critico un giornalismo facilone e caciarone CHE NON PAGA 2)Sulla vicenda maro’,ed I miei precednti commenti lo dimostrano,sono sempre stato a favore di una in dagine della magistratura militare in ossequio alle leggi internazionali ed in relazione agli atti del piracy act, cui l’Italia e l’india sono firmatari. Tutta questa faccenda ,lo ripeto per l’ennesima volta , e’ una colossale pagliacciata sfuggita di mano a diplomatici incompetenti e stupidamente ignoranti,mentre per parte Indiana c’e’ sicuramente della malafede sulle indagini ma piu’ per ragioni interne che altro.I due maro DEVONO ESSERE FORMALMENTE INDAGATI A CASA, ma ora e’ troppo tardi, ripeto, grazie alla stupida incompetnza dei soloni della farnesina.

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 19:38

http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=10639...........

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 11/09/2015 - 19:39

Le istituzioni italiche all'estero contano come il 2 di coppe quando briscola e spade, non potendo fare nulla per i nostri Maró li hanno abbandonati come una brace. Nessun politico dei governi sinistroidi che si sono succeduti ha mai gridato per la loro innocenza anzi è sempre aleggiato una sorta di colpevolezza utile come alibi alla loro inconsistenza. Insomma se non fai nulla e non cavi un ragno dal buco per un presunto colpevole (come si è voluto e lasciato apparire) è molto ma molto meno grave oltre a rimanere mascherato , che se succede per ritenuti innocenti dove l'inettitudine balzerebbe agli occhi in modo deflagrante. Un'altro mini 8 settembre1943 ,da allora ad oggi c'è ne sono stati molti,troppi. Sulla magistratura indiana che critiche potremmo mai fare ????? NESSUNA visto come siamo abituati in Italia.

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 19:46

io leggo cose diverse - http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=10639

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 11/09/2015 - 19:54

QUEI CxxxxxxI DI INDIANI C'HANNO MESSO 3 ANNI PER ANALIZZARE UN PROIETTILE...

vince50_19

Ven, 11/09/2015 - 19:56

Giusto per tentare di chiarire, chi lo riterrà necessario e opportuno potrà vedere i proiettili in questione - https://it.wikipedia.org/wiki/5,56_%C3%97_45_mm_NATO (il primo link utile che ho trovato, ma ce ne sono tanti altri nel web). Dopodiché avanti gli esperti, fate i vostri calcoli anche in base a quanto esperito nelle indagini e nelle documentazioni consegnate al Tribunale di Amburgo. Si tenga sempre presente che i tribunali indiani NON hanno finora formulato, prima che tutto finisse nel suddetto tribunale, accusa alcuna. E se non si formula un'accusa il resto è solo un "pour parler", aria fritta a mio avviso, bla bla bla .. micio micio bau bau e basta. Le responsabilità di delineeranno quando il processo avrà un suo excursus definitivo. Non credo si possa fare altro nel frattempo, a parte che se c'è chi vuole cimentarsi in tesi varie, si accomodi pure. L'unica cosa per me certa è che il nostro ministero degli esteri ne esce male, veramente male.

Ritratto di bombosilver

bombosilver

Ven, 11/09/2015 - 20:03

da 3 anni sappiamo che si tratta di un coacervo di baggianate...chi li restituisce 3 anni di vita a sti ragazzi?

Valvo Vittorio

Ven, 11/09/2015 - 20:29

Troppi errori sono stati fatti da entrambi i governi, occorre ora aspettare il verdetto di un consiglio giudicante esterno alle due nazioni. Nel frattempo insistere per il rientro in Italia dell'altro marò, Credo non ci siano altre strade da percorrere. E' opera meritevole aggiornare i cittadini.

moltoschifato

Ven, 11/09/2015 - 20:34

i politici italiani sono degli incapaci semza palle che non valgono niente la colpa è solo loro i due MARO erano in Italia ma li hanno rimandati in India lo ritorno a dire se al posto dei due MARO ci fossero stati due della stessa casta di quei infami che siedono nel parlamento a quest ora sarebbero già tornati a casa con un indennizzo milionario ed un posto da (dis) onorevoli nel parlamento

xgerico

Ven, 11/09/2015 - 20:37

- Copiato.Staffan De Mistura, sottosegretario agli Esteri italiano, il 18 maggio ha dichiarato alla stampa indiana: «La morte dei due pescatori è stato un incidente fortuito, un omicidio colposo. I nostri marò non hanno mai voluto che ciò accadesse, ma purtroppo è successo».

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 11/09/2015 - 20:52

xgerico 12:13 – Non so cosa abbiano usato i marò quella volta, né contro QUALE peschereccio, né contro QUALI "pescatori". Immagino invece che, a storia ultimata, potrebbero usare la da lai citata cerbottana per infilargliela in apposito orifizio.

Raoul Pontalti

Ven, 11/09/2015 - 20:57

Fortezza se hai avuto in gioventù la ventura di bazzicare qualche liceo potrai ricordare come la filosofia greca avvii i suoi primi passi nel VI sec aC (con Talete) e raggiunga i fasti nella logica nel IV (Aristotele) e III sec aC (Stoicismo e Crisippo in particolare), mentre nel momento in cui nasce la filosofia greca si estingue, dopo almeno otto secoli, quella vedica in India. E' vero però che la logicizzazione della filosofia e la formalizzazione del linguaggio logico sono più lente in India e le grandi opere di logica sono del III sec. aC e l'opera più importante di logica (Nyaya) è del V sec. dopo Cristo. La filosofia indiana più antica è ad opera di scuole più che di singoli autori, taluni leggendari (come Gautama uno dei sette saggi). Colgo l'occasione per ricordare che fu la logica indiana a introdurre in matematica il concetto di zero e il relativo numero.

Tuthankamon

Ven, 11/09/2015 - 21:35

Ci volevano tre anni per arrivarci? Mi pare fosse stato sostenuto quasi subito dopo l'accaduto. Poi se è vero, sembra ci sia quasi identità tra due testimonianze ...

uranis75

Ven, 11/09/2015 - 22:10

Non sono 3 anni!!! Bensi' 300. Ovunque nel mondo veniamo trattati come cittadini di serie b, incapaci di reagire uniti e con forza, da sempre vittime di complotti ingiustizie e diffamazioni. Capaci solo di litigare ,mettere tutto in discussione , sciacalli senza spina dorsale senza nessuna dignita. Solo inutili discussioni tutti esperti ,su tutto balistica , diritto intenazionale etc. Bravi , gli altri anno sempre ragione. Inculati pero contenti e intellettuali

acam

Ven, 11/09/2015 - 23:38

Caro pontalti qualcuno ti ha Gia fatto présente Che hai preso un abbaglio difefendendo a slada tratta la giustizia Indiana dando per scontata la colpevolezza dei nostri ragazzi. Dunque dando per ovvio Che la logica si basa sull'asserzione del vero/falso,gli lndiani Posso aver anche inventatato Lo zéro ma la logica.ente sono dei lestofanti avendo istituzionalmente asserito il falso, Che Che nepensi un poco illustre sapiente quale tu sei.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 12/09/2015 - 00:53

Sulla vicenda dei due Marò si può constatare il livello di rimbecillimento raggiunto dai poveri plagiati della sinistra. Chissà perché sono tutti allineati a prescindere dall'innocenza e schierati come soldatini sulla colpevolezza. APPARE EVIDENTE LA CAPACITÀ DI MANIPOLAZIONE DEL COMUNISMO SULLE MENTI DI POVERI SPROVVEDUTI, INCAPACI DI AVERE OPINIONI PROPRIE.

scorpione2

Sab, 12/09/2015 - 01:14

tutti a sbraitare e farsi seghe mentali,ma nesssuno si e' mai chiesto gli avvocati chi erano,a leggere questi post,tutti sapevano della diversita' dei proiettili,tranne gli avvocati,ma questi erano gli avvocati di paperino? e che cxxxo di avvocati erano,bastava che davano un'occhiata ai post che gli investigatori della notte scrivono su sul giornale e zac il caso era chiuso e invece.

scorpione2

Sab, 12/09/2015 - 01:27

anche l'india ammette,ruby e' la nipote del fu' mubarak.

scorpione2

Sab, 12/09/2015 - 01:28

gente,ma gli avvocati dove erano?

scorpione2

Sab, 12/09/2015 - 01:35

hei colo colo, sulla nave cerano sei maro', ma cosa trasportavano di tanto valore per avere una scorta di sei soldati?,bho misteri italiani.

FRANCO1

Sab, 12/09/2015 - 02:37

Vittime della sporca politica veterocomunistastronzola, aficionados compresi.

Asimov1973

Sab, 12/09/2015 - 05:59

gli Indiani sono sottosviluppati cerebralmente e geneticamente inferiori...a questo si aggiunge che sono stronzi, ignoranti, cafoni, sporchi e con religioni di merda. Voglio proprio vedere cosa diranno i mentecatti comunisti che hanno difeso i "poverelli indiani" fino ad adesso. Onore ai due militari che si sono fatti 3 anni di galera per niente e a morte per fustigazione quella stronza della Boldrini, cancro dell'anima e dell'onore italiano di cui Mussolini ci ha fatto eredi e difensori. W il Duce, W il Re! A morte i nemici dell'Italia dentro e fuori i confini!

Anonimo (non verificato)

Sab, 12/09/2015 - 07:08

E' la magistratura indiana la responsabile principale proprio come in Italia. Quando potremmo contare su di una magistratura capace, terza rispetto ad ogni interesse, intellettualmente libera ed onesta ?. Dio stramaledica i magistrati disonesti e collusi.

Iacobellig

Sab, 12/09/2015 - 07:41

...è possibile che l'India possa aver fatto un errore del genere? Mah!

Iacobellig

Sab, 12/09/2015 - 07:50

...e se c'era prima, come oggi la convinzione del governo sull'innocenza dei due militari, il governo italiano a quale titolo ha erogato soldi degli italiani alle famiglie dei pescatori ammazzati? Un regalo? Altro? Chiarisca!

Raoul Pontalti

Sab, 12/09/2015 - 11:00

#squalotigre reato compiuto su di una nave affermi, ma se la preparazione del reato avviene su di una nave e la consumazione (da cum+summare ovviamente e non da cum+sumere) su di un'altra? Se taluno dalla Svizzera spara e uccide un malcapitato in territorio italiano la competenza secondo Te, sommo laureato dell'ateneo pavese, sarebbe esclusivamente della magistratura elvetica? Hai dimenticato persino le nozioni elementari di diritto pur apprese ai corsi di medicina legale e di polizia sanitaria? Ignori per analfabetismo di ritorno la nozione di locus commissi delicti? Ignori altresì la competenza della magistratura dello Stato cui appartengono le vittime? Orpo...

corbin

Sab, 12/09/2015 - 12:32

ora come ritorsione legale, oltre al risarcimento ecomonico, l'italia dovrebbe espellere tutti i cittadini indiani senza lavoro regolare presenti in Italia, specie quelli che stanno in hotel a spese delgi italiani come fonti profughi

squalotigre

Dom, 13/09/2015 - 12:36

Raoul Pontalti- credevo che una nave italiana in acque internazionali fosse in tutto e per tutto territorio italiano. Mi devo essere sbagliato. Mi sono anche sbagliato nel ritenere che quando una persona commette in Italia un delitto sono le autorità del Bel Paese ad essere competenti anche se si tratta di un cittadino di nazionalità guatemalteca. Ma deve essere sicuramente come dice lei. Se vado negli Stati Uniti ed ammazzo un cittadino italiano, la competenza è del nostro paese. Non mi suona molto bene, ma sicuramente deve essere come dice lei che è laureato in tutte le discipline esistenti nel nostro pianeta ed anche in quelle eventualmente presenti nell'Universo. Faccio appello alla sua clemenza nel giudicare un povero medico ignorante come me.

evuggio

Mar, 15/09/2015 - 11:44

a tutti coloro (incluso il signor Beppe Grillo) che hanno riversato fiumi di inchiostro per esternare le loro ridicole osservazioni che volevano a tutti i costi sostenere la colpevolezza dei Marò (colpevoli di far parte del mondo Occidentale tanto odiato)mi viene da offrire in dono un aggettivo solo: che inizia per BUF e finisce per FONI

Sciur Carere

Gio, 17/09/2015 - 18:13

A parte la lunghezza(i proiettili possono essere fabbricati/modificati da chiunque) i diametri diametri fanno pensare ad un 'boat tail' o 'Spitzer' 7,62russo più ke al 7,65 NATO.(trattasi di 0,02mm di differenza presi su un ogiva post-impact)incompatibile con le armi in dotazione ai 2 marò.

ANDREGARD

Lun, 21/09/2015 - 20:51

Ed ecco ancora le cretinate di R. Polti su Di S. e sulla sua (di R.P.) conoscenza infinita del diritto del mare. Anche uno che non capisce quando dopo 3 anni di spergiuro di prove di colpevolezza sicure, vede la richiesta l'inversione dell'onere della prova, intuisce che tutta questa sicurezza non esiste. Se le prove vengono distrutte e non sono verificabili dalla difesa (con dolo o no) il processo, in un paese civile, è annullato. Punto e basta. Qui R.P., dopo aver offeso pesantemente chi non la pensa come lui, si erge a testimone, avvocato, giudice e boia e condanna i 2 Marò quando neanche un tribunale l'ha fatto. Sveglia! Leggi i giornali indiani del 15-02-2015 e dopo, fatti tradurre il filmato originale indiano e leggi le carte di Amburgo! Per una volta non ripetere ciò che ti dice M.M. E chi se ne frega che Di S. non è ingegnere ma solo il perito nel caso Ustica. Forse solo a te e M.M. che ne parlate continuamente come fosse l'unica fonte! Ripeto: sveglia!

ANDREGARD

Lun, 21/09/2015 - 21:03

Ormai è palese che l'india ha sempre mentito. Se tutto si fosse svolto in modo corretto (partecipazione attiva dei RIS alle indagini) si poteva credere alla buona fede indiana, ma così non è stato. Alcuni credono ancora alle favole del fortuito semi affondamento. Nel 2014 poi la richiesta dell'inversione dell'onere della prova da parte indiana (condanna senza prove) ha reso palesi le menzogne. Ora si capisce tutta la segretezza indiana sulle prove: se sono tutte come l'autopsia e le misure delle pallottole! Posso capirli. Altri italiani hanno fatto credere (anche tramite Wik…) ai soliti bevi bevi che i Marò si erano dichiarati colpevoli e anche i loro avvocati. Falso. L'India, se il processo sarà affidato all'Italia, li processerà e li condannerà, presenti o in contumacia, nel giro di pochi giorni, con l'inversione. Risultato: l'Italia annullerà il processo per distruzione di prove e l'India non perderà la faccia con i propri cittadini.

ura

Lun, 30/05/2016 - 12:16

ma non dite balle!! hanno sparato loro e ora in Italia volete farli passare come eroi... ma che schifo