Il marchio "petaloso" è già stato registrato prima che lo facesse Matteo

Il papà del bimbo che ha coniato la parola si reca all'ufficio brevetti ma scopre che il marchio è già stato registrato da altri. E ora è giallo su chi deterrà i diritti di proprietà

Il marchio "petaloso"? Esiste già da tempo e il piccolo Matteo Trovò potrebbe non detenerne la proprietà intellettuale.

La brutta sorpresa è arrivata lunedì, quando il padre del bimbo, Marco, si è recato a registrare il brevetto della parola a Ferrara. Negli uffici, però, Trovò ha scoperto che c'erano già tre marchi registrati sotto il nome "petaloso", uno dei quali con validità comunitaria. La beffa, però, sta nella data: tutti e tre erano stati registrati appena tre giorni prima.

Purtroppo secondo le regole vigenti la "invenzione" della parola non assegna alcuna priorità ai Trovò: "In queste questioni di brevetti, che sono delicatissime, conta solo il fattore tempo, cioè chi ha depositato per primo, e le caratteristiche dei marchi" spiega Mauro Giannattasio, direttore della Camera di commercio di Ferrara, al quotidiano locale "La Nuova Ferrara".

Solo il tempo potrà dire a chi spetterà definitivamente la proprietà della parola - e del suo eventuale utilizzo commerciale.

Commenti

KAVA

Ven, 04/03/2016 - 10:53

un papà con spirito impreditoriale...purtroppo non sufficientemente pronto

Aegnor

Ven, 04/03/2016 - 12:14

Indagate bene,sicuramente lo scippatore è Braghettone o qualcuno della sua cerchia.

filder

Ven, 04/03/2016 - 12:37

Il bambino come tanti altri ha sparato un baggianata così come usano fare tanti bambini dalla sua età, ma suppongo sia stata la maestra ad amplificare la cac@ta rendendola più profumata e così mettendosi in Lei stessa in evidenza così con l'aiuto della Crusca e la propaganda dei media che in assenso di notizie utili sono diventati famosi senza volerlo.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Ven, 04/03/2016 - 13:20

La vicenda sta avendo la fine che meritava, un caso montato ad arte dalla Scuola e dai media che, purtroppo, ha visto coinvolto una ragazzino incolpevole. La famiglia avrebbe dovuto impedire una simile vergogna, ma tant'è un attimo di fama non lo si può ignorare.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Ven, 04/03/2016 - 13:28

@filder: la farina del diavolo va tutta in Crusca.

Angel59

Ven, 04/03/2016 - 14:32

Propongo la candidatura al nobel per la letteratura tanto ormai lo riconoscono a cani e porci! Credo che al bimbo tanto rumore per una stupidaggine faccia piuttosto male e mi meraviglio dei genitori che dovrebbero proteggerlo anziché incensarlo come se avesse inventato qualcosa di utile per l'umanità, tra l'altro pare che il termine fosse già stato utilizzato anni fa.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 04/03/2016 - 15:16

Ora il bambino sarà "incazzatoso".

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 04/03/2016 - 15:49

Ovvero, come finire sui media ed avere "quindici minuti di celebrità", come diceva Andy Warhol. Tutti i bambini del mondo si "inventano” delle parole, per errore o per gioco; da sempre. Ma non finiscono in prima pagina o menzionati all'Accademia della Crusca. Questa è totale deriva mediatica, ormai senza limiti. Si è perso il senso della realtà. La maestra, invece che cercare facile visibilità, farebbe meglio ad insegnare l’uso corretto della lingua. E l'Accademia della Crusca, invece che occuparsi dei neologismi dei bambini, farebbe meglio ad occuparsi di chi sta distruggendo la lingua italiana: da chi ha cancellato i congiuntivi a chi sfiora il "crimine" linguistico, usando "piuttosto che" (ormai diffuso come un’epidemia) in senso disgiuntivo. Roba da metterli alla gogna nella pubblica piazza. Altro che petaloso.

roberto.morici

Ven, 04/03/2016 - 15:50

@aresfin. Sicuramente, essendo già "incazzoso" come la maggior parte dei bambini...

venco

Ven, 04/03/2016 - 16:48

Ma che casino con questa inutile parola.

gneo58

Ven, 04/03/2016 - 16:49

la maestra doveva usare la matita rossa (o blu') come ai vecchi tempi e con un bel 6 - si sarebbe risolta senza tanti problemi la cosa ma si sa' quando si intravedono possibilita' che non esistono...... e poi vengono su' personaggi come Di Pietro, Giurato e compagnia bella che per come parlano dovrebbero stare zitti a nche a casa loro !

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 04/03/2016 - 17:10

Vorrei ricordare che negli anni '80 i pubblicitari della Fiat Uno dovettero rispondere all'accusa di sciatteria lessicale, avendo inventato i termini 'comodosa' 'risparmiosa' 'sciccosa' 'scattosa'' riferiti all'auto in questione. Lo fecero con una lettera aperta che dimostrava piena padronanza dei meccanismi del linguaggio. Come si dice: il genio è quello che fa le cose che fanno anche gli altri, solamente un po' prima. Sekhmet.

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 04/03/2016 - 17:53

Anche 'sta storia durerà, come si suol dire, da Natale a Santo Stefano.