Matteo Renzi sulla vicenda di Tiziana Cantone: "Serve educazione alla responsabilità"

"Snapchat è fantastico: tutto dura 24 ore e sparisce. Poi una ragazza si uccide perché non riesce a cancellare un video dal web; il tema della traccia che lasciamo è un tema importante"

Matteo Renzi al Wired Next Fest a Firenze ha parlato anche del caso di Tiziana Cantone, la giovane donna suicida dopo che un suo video hard circolava in rete. "Snapchat è fantastico: tutto dura 24 ore e sparisce. Poi una ragazza si uccide perché non riesce a cancellare un video dal web; il tema della traccia che lasciamo è un tema importante", ha detto il presidente del Consiglio, prendendo ad esempio la app di Snapchat, il servizio di messaggistica istantanea per smartphone e tablet, che consente di inviare agli utenti della propria rete messaggi di testo, foto e video visualizzabili solo per un certo numero di secondi.

"C'è un mondo che può essere Snapchat o quello che condanna a restare sulla rete per sempre", ha detto poi il premier, aggiungendo che "occorre un'educazione alla responsabilità personale, perché è difficile capire qual è il confine giusto, capire cosa resta e cosa non resta".

Un ragionamento, ha spiegato Renzi, che vale anche per la politica: "Con il modello Snapchat se ne vanno le polemiche quotidiane, dall'altra c'è qualcosa che resta. Il fatto che ci sia una legge sui diritti civili è qualcosa che non si cancella".