Maxi multa a Trenitalia "Nascosti prezzi bassi"

Una vera e propria maxi multa da 5 milioni di euro. È questa la sanzione inflitta a Trenitalia dall'Antitrust

Una vera e propria maxi multa da 5 milioni di euro. È questa la sanzione inflitta a Trenitalia dall'Antitrust "per una pratica commerciale scorretta inerente il sistema telematico di ricerca e acquisto dei titoli di viaggio accessibile alla clientela sul sito aziendale, tramite le emettitrici self-service di stazione e la app Trenitalia per smartphone e tablet".

A dare notizia della multa è l'Agcom in un comunicato nel quale sottolinea di aver "accertato che l'insieme di soluzioni di viaggio proposte a seguito di una ricerca su tali strumenti informatici omette numerose soluzioni con treni regionali (generalmente più economiche), pur trattandosi di alternative sostituibili a quelle invece mostrate, alterando in questo modo la scelta del consumatore". Trenitalia, secondo l’Antitrust, non ha in alcun modo informato i consumatori in merito a questa importante limitazione, ma ha anzi utilizzato, sul sito aziendale, la denominazione ingannevole "tutti i treni". L’Autorità ha dunque ritenuto questa pratica commerciale scorretta e irrogato a Trenitalia la sanzione pari al massimo edittale.

In considerazione degli effetti rilevanti sui consumatori, l’Autorità ha anche imposto a Trenitalia l’obbligo di pubblicare una dichiarazione rettificativa per informare i consumatori sul proprio sito internet, sull’App e sui self-service presenti in stazione. L’Autorità - conclude la nota - si è avvalsa della preziosa collaborazione del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza e ha tenuto conto del parere reso dall’Autorità regolazione trasporti e dell’Agcom.

Dal canto suo Trenitalia "prende atto della decisione dell'Autorità e ne esaminerà con attenzione il contenuto, riservandosi di valutare le azioni più opportune da intraprendere". L'azienda spiega poi che i suoi sistemi di vendita sono stati "concepiti e sviluppati con lo scopo esclusivo di agevolare, per quanto più possibile, l'individuazione della soluzione di viaggio maggiormente confacente, senza alcun intento distorsivo del processo di scelta della clientela".

Commenti

gianpiz47

Gio, 03/08/2017 - 17:04

il fregato sono io, ma l'antitrust incassa.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 03/08/2017 - 17:47

Maxi multa a Trenitalia, """MA CHI RISARCISCE I VIAGGIATORI"""???

Massimo Bernieri

Gio, 03/08/2017 - 18:11

Se ne sono accorti solo ora?Anche sulle principali tratte ferroviarie:Torino Trieste,Milano Napoli,Genova Roma,Milano Bari se devi fare oltre i 100 km,devi prendere un Frecciabianca,Intercity se non vuoi metterci ore con i regionali cioè:i treni con la tariffa più economica e si parla di spendere come minimo il doppio.

Anonimo (non verificato)

ubibui

Gio, 03/08/2017 - 22:10

Buonasera, la multa data dall'antitrust (in Inglese che vergogna) la pagano le ferrovie dello stato. In pratica lo stato multa lo stato! Una partita di giro! Come si diceva: in manicomio è pieno di persone che dicono di essere Napoleone Bonaparte o che vogliono risanare le Ferrovie dello Stato! Un buco di bilancio MOSTRUOSO e intoccabile! Grande bacino di tesserati delle CGIL! Come le Poste Italiane! Altro MOSTRO incredibile di privilegi?

onefirsttwo

Gio, 03/08/2017 - 23:19

con le nuove tecnologie antigravitazionali e i software autoguida non serviranno più i treni , una sorpassata tecnologia ottocentesca : dopo ancora , per i viaggi più lunghi , il teletrasportatore a tecnologia materia-antimateria sarà l'ideale : dopo ancora ci sarà il nulla , nel senso che si viaggerà col pensiero . Yeahh .

Royfree

Ven, 04/08/2017 - 03:48

Ma vi rendete conto? Trenitalia è dello Stato. Ho detto Stato, ovvero, da Wikipedia:"Lo Stato è un'entità giuridica, che governa ed esercita il potere sovrano su un determinato territorio e sui soggetti a esso appartenenti. La delega e la trasmissione della responsabilità sulla propria esistenza umana sono la base su cui ogni Stato ha fondamento. Ora, se lo Stato truffa i suoi cittadini può mai ergersi a mentore rispetto ai cittadini? Può mai chiamare evasore chi non paga le tasse? E' alla pari di uno squallido e schifoso delinquente? E' se lo Stato è assodato essere un delinquente, i suoi rappresentanti cosa sono?

Ernestinho

Ven, 04/08/2017 - 07:50

Adesso prendere il treno è diventato una roba da ricchi!

wrights

Ven, 04/08/2017 - 08:22

Le solite passatelle mediatiche, concordate tra stato e sottostato, che poi come al solito ripagano gli utenti.