Mediaset-Vivendi, Berlusconi: "Ricatto, resistiamo"

Al via l’istruttoria da parte dell’AgCom per verificare se ci sono presupposti di illegittimità sulla scalata su Mediaset da parte di Vivendi

Al via l’istruttoria da parte dell’AgCom per verificare se ci sono presupposti di illegittimità alla luce del fatto che Vivendi, essendo anche azionisti di riferimento di Telecom, sta tentando la scalata di Mediaset. Il procedimento è stato avviato a seguito di un esposto presentato proprio dal gruppo della famiglia Berlusconi. Nel comunicato, si legge che "l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, anche a seguito di un esposto presentato da Mediaset, ha deliberato nella seduta odierna all’unanimità di aprire un’istruttoria ai sensi dell’art. 43, comma 11 del Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici (TUSMAR). Il provvedimento di avvio dell’istruttoria sarà notificato ai soggetti interessati ai sensi del regolamento e successivamente pubblicato sul sito web dell’Autorità".

Intanto l’amministratore delegato di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, sarà ascoltato dai funzionari della Consob venerdì prossimo in merito agli accertamenti che la Commissione sta svolgendo nell’ambito della ’guerra finanziarià tra il colosso francese dei media e Mediaset. E sulla vicenda Mediaset-Vivendi è intervenuto anche Silvio Berlusconi durante un'intervista per la presentazione del nuovo libro di Bruno Vespa: "La scalata ostile di Vivendi su Mediaset si configura come «un estorsione e un ricatto. Siamo in battaglia, resistiamo. I giudici - ha aggiunto devono darci ragione» nelle cause contro Vivendi, che «per tre volte non ha rispettato la parola data".

"Vivendi - ha detto Berlusconi - forse per farci rinunciare alle cause che abbiamo intentato ha deciso un’azione di forza: ci hanno fatto un ricatto, un estorsione e quindi siamo in una battaglia di fronte a questa scalata ostile e pensiamo di resistere. Vivendi - ha aggiunto - per tre volte non ha mantenuto la parola ed è qualcosa che non si può accettare, noi crediamo che la magistratura debba dare seguito alle nostre cause, i giudici devono darci ragione. Ci troviamo nell’assurda situazione di non poter fare acquisto di azioni perchè la legge italiana impone che un socio possa comprare solo il 5% all’anno. I francesi hanno avuto buon gioco ad acquistare il 29% e noi fermi al 40%. Per arrivare al 51% io spero che quei comitati per la difesa dell’italianità di Mediaset possano portarci a contare sul voto di circa il 20% delle azioni che sono nelle mani di differenti azionisti".

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Mer, 21/12/2016 - 19:44

----ripeto il mio commento di prima--era renzi che teneva al guinzaglio il mastino bollorè col tacito patto che berlusconi non si spendesse per il referendum e il confalonieri fosse libero di dire la sua---ma col rush finale di papi silvio in tutte le trasmissioni tv a favore del "no"---i patti sono andati a ramengo----renzi ora fa il casalingo disperato nei supermarket ed al bollorè è stata sciolta la catena---oltretutto berlusconi si è rivelato come al solito un ingrato---col pagamento del canone rai in bolletta--la rai ha incassato di più e renzi ha girato 300 milioni di pubblicità a mediaset---hasta

soldellavvenire

Mer, 21/12/2016 - 19:47

ma cosa vuoi resistere, stai vendendo tutto! stai pure guadagnando milioni e fai la vittima chiedendo allo stato che ami e che hai frodato di "aiutarti"... magari comprando al rialzo'

Arch_Stanton

Mer, 21/12/2016 - 19:53

Giustissimo, Vivendi non ha rispettato il contratto con delle scuse allucinanti, poi hanno ricattato Fininvest con gli acquisti di azioni per farli desistere dalle cause in tribunale. L'ultima beffa: nell'Italia socialista ci sono regole anticapitaliste per cui Fininvest non può comprare oltre il 5% all'anno.

DIAPASON

Mer, 21/12/2016 - 19:59

La debolezza Dell Italia e la forza dei massoni da identificare in alcuni casate italiane

vottorio

Mer, 21/12/2016 - 20:11

la vita è fatta a scale c'è chi le scende e chi le sale.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 21/12/2016 - 20:14

Assalto della dinastia Rothschild a uno dei pochi gruppi mediatici non ancora nelle loro mani

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Mer, 21/12/2016 - 20:17

Ma non era un liberista fautore del libero mercato?

rokko

Mer, 21/12/2016 - 20:23

Silvietto, se volevi evitarlo che qualcuno scalasse non avresti dovuto quotare in borsa più del 49%.

Sabino GALLO

Mer, 21/12/2016 - 23:31

Bisogna fare molta molta attenzione !! Chi conosce bene i francesi sa perfettamente che, quando intraprendono una avventura, di solito studiano con molta attenzione la strategia e ..."vogliono vincere"! Con tutti i mezzi! Generalmente preparano molto bene l'avventura, in tutti i dettagli! Il confronto non sarà semplice. E certamente saranno aiutati "dall'alto", con convinzione e "patriottismo"! In questo caso, i loro avversari italiani non sono sprovveduti, né mancano di fermezza, razionalità e coraggio. E' sperabile, tuttavia, che anche in Italia ci sia un "alto" sensibile, deciso e "patriottico". Auguri!

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 22/12/2016 - 09:15

assurde leggi italiane impediscono alla famiglia berlusconi ad all' italia di difendersi efficacemente