Mega rissa tra clan a Brescia: in cinquanta con spranghe e coltelli

Una cinquantina di persone di nazionalità pakistana si è data battaglia con spranghe e coltelli a Brescia davanti ai residenti: in cinque gli arrestati

Scene da "I guerrieri della notte" al parco della Badia di Brescia: una cinquantina di persone di nazionalità pakistana e età compresa tra i 20 e i 30 anni, ha provocato il panico, menandosi tra di loro con spranghe e coltelli. All'origine della guerriglia urbana ci sarebbero stati degli approcci poco graditi da parte di un appartenente a una delle due fazioni nei confronti di una ragazza dell'altra.

clan si sono dati appuntamento al parco intorno alle 21 di ieri sera e hanno dato vita alla mega rissa davanti a diversi residenti, i quali hanno dato immediatamente l'allarme alle forze dell'ordine. Secondo gli inquirenti il regolamento di conti era organizzato già da diversi giorni. Dopo alcuni minuti di violenza, all'arrivo di tutte le pattuglie dei carabinieri, polizia e guardia di finanza a disposizione, la maggior parte delle persone coinvolte si è sparpagliata, fuggendo via.

Alla fine sono state arrestate e portate in questura cinque persone. Un sesto, denunciato a piede libero è stato portato all'ospedale per le serie ferite riportate, inflitte, secondo quanto riporta "Il Giornale di Brescia", dai colpi di un'alabarda artigianale, con una prognosi di 30 giorni.