Mestre, tre nigeriani aggrediscono una sordomuta per rubarle il telefono

Gli agenti sono riusciti a bloccare i tre uomini nel giro di un paio d'ore in un luogo vicino alla stazione, zona dove i due hanno compiuto la rapina

Tre nigeriani hanno aggredito una sordomuta a Mestre per rubarle il telefono e la borsetta. La rapina è avvenuta nel sottopasso pedonale della stazione della città. I tre si sono avvicinati e hanno iniziato a strattonare la 43enne. Prima le hanno rubato il telefono, fondamentale per lei per comunicare, e poi, dopo averla strattonata di nuovo, le hanno rubato la borsetta.

La donna, impossibilitata a chiedere aiuto, ha potuto dare l'allarme solo una volta rientrata a casa e attrverso i familiari ha sporto denuncia. Come riporta Il Giornale di Vicenza, i tre uomini, di 19, 22 e 25 anni, sono stati identificati grazie alle telecamere di sorveglianza.

Gli agenti sono riusciti a bloccarli nel giro di un paio d'ore in un luogo vicino alla stazione, zona dove i due hanno compiuto la rapina. Ora per loro è scattatato il fermo per rapina aggravata. La vittima è stata accompagnata al pronto soccorso dell'Angelo di Mestre a causa delle contusioni riportate.

Commenti

cgf

Sab, 13/01/2018 - 12:33

poverini HANNO DOVUTO STRATTONARLA perché LEI era sorda. Stavano facendo le 'risorse' e si stavano procurando di che vivere.

timoty martin

Sab, 13/01/2018 - 12:55

Una volta tanto questi ben intenzionati vadano a rapinare e pestare alcuni dirigenti PD, proprio quelli che li aiutano ad invadere l'Italia

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 13/01/2018 - 13:04

Ed ora che ne facciamo dei tre bongo bongo? Le soluzioni sono tante,si va da quelle più soft a quelle più truculente,ma tutte hanno un denominatore comune:ne escono malconci....

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 13/01/2018 - 13:16

Fatti quotidiani di ordinaria amministrazione in un'Italia ormai INVASA!!! AMEN.

Squalo2

Sab, 13/01/2018 - 13:40

Le nostre risorse non finiscono mai di stupirci!Vero madama Boldrini.

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Sab, 13/01/2018 - 13:48

Buonisti, signor papa, cosa dite, volete recuperarli voi? andate a raccontarlo alla Signora e familiari che dobbiamo perdonare, deve,se vuole, perdonare chi ha ricevuto il danno, non gli altri.

Massimom

Sab, 13/01/2018 - 13:52

Risorse sboldriniane particolarmente attente al mondo dell'assistenza alla disabilità. E' stato un equivoco, volevano aiutare ed essendo rimaste in possesso di cose altrui, stavano disperatamente cercando la proprietaria per restituire il tutto. Però, la signora, doveva capire che la stavano solo aiutando , non doveva fuggire causando lo spiacevole qui pro quo. Ora speriamo che il magistrato non sia così severo e restituisca celermente la libertà a questi gentiluomini, ricordandogli di rimettersi subito al lavoro altrimenti saltano le nostre pensioni. Certo che la polizia è apparsa prevenuta, si sa, lo dicono tutti i giorni boldrini, saviano guzzanti etc. che gli extra non delinquono mai!

Squalo2

Sab, 13/01/2018 - 14:02

Le nostre risorse!E madama Boldrini che dice?

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 13/01/2018 - 14:09

Pazienza, portiamo pazienza ancora per qualche mese poi tutta questa immondizia sparirá dalla circolazione. La scaricheremo in vaticano.

titina

Sab, 13/01/2018 - 14:21

Spero che rimandino a casa i nigeriani, con tassa a carico del loro paese. Seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

Malacappa

Sab, 13/01/2018 - 14:32

Poi dicono che uno si deve scusare sti soggetti che non rispettano nessuno vanno trattati come dice mr president

Dordolio

Sab, 13/01/2018 - 15:03

Ho seguito la vicenda con il contorno delle consuete intemerate dei mezzibusti: "nessuno è intervenuto!". Perchè nessuno dice a voce alta che se intervieni ti ammazzano (tanti e sempre coi coltelli). Se corri via e impugni il telefono per chiedere soccorsi ti inseguono e finisce come sopra. Se sei armato e intervieni, in galera ci finisci tu. Se fai male a un aggressore o lo uccidi, in giudizio verrai condannato anche ad un risarcimento milionario. L'ultima volta che ho chiamato la polizia per dei criminali che stavano clonando un bancomat, non solo sono arrivati dopo mezz'ora (in bici facevano prima). Ma anche l'interrogatorio subito dopo mi ha UMILIATO. E ho detto tutto.

semelor

Sab, 13/01/2018 - 15:05

La zona della stazione di Mestre e tutto il centro storico è invaso e fanno da padroni stranieri di tutte le razze del mondo. Spacciano alla luce del sole, rovinano i nostri ragazzi offrendo droga in ogni luogo, fuori dalle scuole, anche alle medie. Al parco Albanese, un polmone verde e punto di ritrovo di bimbi e nonni nel centro città si spaccia nella più assoluta indifferenza giorno e notte. Addirittura gli spacciatori si fanno consegnare la pizza all'ora di pranzo e cena direttamente sul luogo di spaccio. Agli ingressi di tale parco ci sono i "pali" che avvisano i compari dell'arrivo delle forze dell'ordine, in questo luogo la droga vola, scorre come l'acqua.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 13/01/2018 - 15:15

RIPROVOOO!!! Storie di ordinaria amministrazione in un paese ormai INVASO da, FINTIPROFUGHI VERIDELINQUENTI!!! AMEN.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 13/01/2018 - 16:38

Una persona sorda non può usare il telefono, mentre le risorse africane devono contattare giornalmente la savana per chiamare altri talentuosi doni in Itaglia. Immagino che ora, per evitare loro il disagio della solitudine, i sindacati gli offrirano smartphone con traffico illimitato in modo da favorire nuova "accoglienza" e "integrazione".

Anonimo (non verificato)

corivorivo

Sab, 13/01/2018 - 17:36

ma quand'è che ritorneremo al caro vecchio testamento: "occhio per occhio..."

linus

Sab, 13/01/2018 - 17:43

Ecco la feccia che gira per l'Italia.Grazie sinistra,buonisti vari,Boldrini,Renzie compagnia bella

routier

Sab, 13/01/2018 - 18:29

"Ora per loro è scattato il fermo per rapina aggravata". Spero che "il Giornale" ci informi anche per quanto tempo resteranno in gabbia.

sparviero51

Sab, 13/01/2018 - 18:51

USARE LANCIAFIAMME CON MATERIALE AL FOSFORO PER PASSARE DIRETTAMENTE DALLO STATO SOLIDO A QUELLO AERIFORME RISPARMIANDO COSÌ SUI COSTI PER EVENTUALI PROCESSI,FUNERALI ,RIMPATRI O DETENZIONI !!!

sparviero51

Sab, 13/01/2018 - 19:01

USARE LANCIAFIAMME CON MATERIALE AL FOSFORO PER SUBLIMARE ( PASSAGGIO DALLO STATO SOLIDO DIRETTAMENTE A QUELLO GASSOSO ) I BERSAGLI. SI RISPARMIEREBBE SUI COSTI PER PROCESSI, FUNERALI ,RIMPATRI O DETENZIONI !!!

enzolitti

Sab, 13/01/2018 - 19:06

Grazie, tante grazie signora Boldrini!

tuttoilmondo

Sab, 13/01/2018 - 19:39

In Italia c'è una gravissima carenza di fosforo. Siamo diventati un Paese di UTILI IDIOTI ma anche di IMBECILLI INTEGRALI. Quelli che hanno voluto e ancora, in parte vogliono, l'invasione, non hanno capito allora e alcuni non lo capiscono neanche adesso che hanno firmato la loro sentenza di MORTE POLITICA. I problemi, prima o poi, con gli stranieri li avranno tutti. E saranno problemi che scateneranno l'odio verso chi ha voluto il disastro del Paese. Cari compagni... scordatevi per sempre il consenso del cittadino qualunque. Vi voteranno solo quelli che ci mangiano o ci mangeranno. Ma la minestra se l'allungate troppo diventa acqua fresca. E allora... a cosa sarà valso portare l'Africa in Italia?

piazzapulita52

Sab, 13/01/2018 - 19:53

FANNO BENE!!! QUESTO E' UN POPOLO DI BUFFONI, CODARDI, VIGLIACCHI!!! SONO MEGLIO I CLANDESTINI DEGLI ITALIANI TRADITORI DELLA PATRIA CHE HANNO PORTATO IL PAESE ALLA ROVINA! CON LA BENEDIZIONE DI QUEL PAGLIACCIO DI BIANCO VESTITO!!!

killkoms

Sab, 13/01/2018 - 21:04

cosa dice ora la presidenta?