Migranti, sono sempre più i cristiani: Acs dona le Bibbie tradotte ai bambini

Il numero di cristiani tra i profughi che arriva in Italia è in aumento, per questo la fondazione Acs ha deciso di donare le bibbie tradotte e illustrate per i bambini

Sono sempre più i migranti cristiani che sbarcano sulle coste italiane spinti dalla guerra, dalla miseria e in molti casi dalla persecuzione.

Molti scelgono di portare con sé la Bibbia, simbolo della loro fede e spesso l'unico conforto durante il lungo e travagliato viaggio. Questi libri sono stati spesso ritrovati sui barconi dai soccorritori. Per questo la fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre ha deciso di aiutare i bambini che sbarcano a Lampedusa, spesso senza più genitori, a riprendere a sperare attraverso le Bibbie tradotte nella loro lingua madre.

"Sono tanti, troppi - ha spiegato il direttore di Acs Alessandro Monteduro - i minori non accompagnati che arrivano a Lampedusa. Il parroco dell'isola ci ha parlato della difficoltà di dialogare con questi piccoli che naturalmente non conoscono l'italiano". Da qui l'iniziativa di fare arrivare le Bibbie del Fanciullo per i tanti cristiani minorenni che arrivano a Lampedusa.

Le Sacre Scritture sono tradotte in arabo, in francese e in inglese e sono corredate da illustrazioni per rendere accessibile la parola di Dio ai più piccoli. Sono già in viaggio alla volta di Lampedusa le Bibbie per i più piccoli: "Un modo anche per ricordare - spiega Acs - quanti siano i cristiani in fuga dai loro Paesi. È dal '79 che le pubblichiamo, sono state tradotte in 187 lingue, anche nei dialetti più sconosciuti".

Sono oltre 55 milioni le copie stampate che Acs dal 1979 dona a tutte le diocesi del mondo. Ora cinquecento copie della Bibbia del Fanciullo sbarcano anche a Lampedusa. "Sempre più migranti cristiani sbarcano sulle nostre coste, innanzitutto a Lampedusa, spinti dalla guerra, dalla miseria e in molti casi dalla persecuzione. Un viaggio che può durare giorni, mesi o perfino anni e che spesso li obbliga a separarsi anche dagli oggetti più cari. Eppure - sottolinea Acs - non è raro che i cristiani scelgano di portare con loro delle bibbie: simboli, spesso ritrovati sui barconi dai soccorritori, di una fede che rappresenta il primo e unico conforto".

"Pur in assenza di cifre ufficiali, le ong che si occupano dell'accoglienza dei migranti attestano come il numero di cristiani che fuggono dalla persecuzione sia in netto aumento tra i profughi - affermano il presidente e il direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre-Italia, Alfredo Mantovano e Alessandro Monteduro - Nei lunghi mesi che trascorrono nei centri di accoglienza questi cristiani, senza alcuna conoscenza della lingua italiana, sono assolutamente privi di alcun sostegno spirituale, i grandi come i bambini".

Inoltre, come dimostrato anche dall'ultima edizione del Rapporto sulla libertà religiosa di Acs, i cristiani che giungono in Italia devono attendere lunghi periodi nei centri di accoglienza, dove non è raro che subiscano discriminazioni.

Lo scorso anno, ricordano Mantovano e Monteduro, una copia della Bibbia del Fanciullo è stata donata anche a papa Francesco. "Oggi, donando le bibbie ai bambini giunti a Lampedusa, vogliamo offrire loro il conforto della Parola di Dio anche nella desolazione dei campi di accoglienza. E leggendo le scritture in una lingua che conoscono, potranno fortificare la loro fede e prepararsi a vivere la loro vita", spiegano.

Commenti

venco

Mar, 04/07/2017 - 17:14

A cosa serve questo articolo? a giustificare l'accoglienza?, quando vengono inquadrati dalle televisioni e fanno la V di vittoria con due dita oppure fanno il saluto col pugno chiuso, questi certo che non sono profughi da accogliere.

restinga84

Mar, 04/07/2017 - 17:18

Cosi`i bambini si consolano mangiando la bibbia, presentata loro in una edizione speciale?

jaguar

Mar, 04/07/2017 - 17:18

Con tutto il rispetto, ma potete immaginarvi che cosa se ne fanno della Bibbia questi bambini.

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 04/07/2017 - 18:25

Sto piangendo.

gcf48

Mar, 04/07/2017 - 18:29

quanti inutili commenti. Statisticamente è provato che il 20 % della popolazione è sempre "contro" e sono i più accaniti a scrivere commenti. Non perdete tempo a scrivermi "contro"

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 04/07/2017 - 18:42

Ne bastano poche copie. Qui da noi arrivano solo musulmani. Chissà perchè.

giangar

Mar, 04/07/2017 - 19:24

Neanche le Bibbie vi vanno bene? Preferireste che gli dessero il Corano? O forse preferireste che restassero a casa loro a farsi ammazzare o a morire di fame? Mi sembra che stiamo perdendo i connotati minimi dell'umanità.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 04/07/2017 - 19:36

dietro ai manzi africani c'è un business pazzesco. rendono più dell'oro e dei diamanti messi assieme

paolonardi

Mar, 04/07/2017 - 19:47

Cara Ginevra, legga il corano; agli islamici e' consentito e consigliato di fingere per raggirare e confondere gli infedeli.

ziobeppe1951

Mar, 04/07/2017 - 20:09

jaguar..17.18...non hai capito...è tutto un business

Divoll

Mar, 04/07/2017 - 20:49

Ma che senso ha?! Distribuitele ai musulmani!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 04/07/2017 - 21:05

Ne bastano poche copie. la stragrande maggioranza è musulmana. Donazioni inutili, sembrano una presa in giro.

Tergestinus.

Mar, 04/07/2017 - 21:17

Aiuto alla Chiesa che soffre dovrebbe essere un'associazione cattolica, ma si comporta come se fosse una delle innumerevoli società bibliche protestanti. Invece della Bibbia intera avrebbero dovuto piuttosto distribuire il solo Vangelo accompagnato dal compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica.

pier1960

Mar, 04/07/2017 - 21:25

ma assolutamente sì, la chiesa ha il suo bel tornaconto a far arrivare nuove leve di cristiani per riempire le sue strutture e soprattutto le chiese disertate dagli italiani

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 04/07/2017 - 23:04

Di cristiani io non ne vedo tra i clandestini. Ci sono solo musulmani o per lo meno la stragrande maggioranza. Poche bibbie bastano, tutti gli altri le brucerebbero, a loro sentire.

Una-mattina-mi-...

Mer, 05/07/2017 - 00:31

Se sono già cristiani a che gli serve il vetusto libro? A far vendere le giacenze ammuffite di qualche editore?

acam

Mer, 05/07/2017 - 01:16

iniziative lodevoli non perché io sia fervente cattolico ma perché riconosco nel cattolicesimo una mediazione morale per la prevalenza della buona morale che non obbliga nessuno di rispettarla ma che chiede di essere rispettata.

gcf48

Mer, 05/07/2017 - 11:21

una mattina il vetusto libro è più recente di tanti libri che ancora leggiamo es iliade odissea. e poi per noi cristiani è un libro che ci segue dalla nascita alla morte. mi spiace che per il suo laicismo si limiti a Rousseau.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 05/07/2017 - 12:30

Sbagliatissimo. Invece doveva donare un tascabile libretto, sullo stile di quelli distribuiti nelle chiese di Riga, col Padre nostro, l'ave Maria, i dieci comandamenti, il Credo, le virtù teologali e i fondamenti del catechismo di san Pio X.